Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.reteparri.it/home/wp-content/themes/Divi/functions.php on line 5837
Seleziona una pagina

Notizie

Torna all'elenco delle notizie

    Passato e presente, tra arte e memoria

    GENOVA
    giovedì 27 settembre 2018, ore 11:00

    1938-2018  80° dell'emanazione delle leggi razziali 27 settembre 2018 ore 11:oo Ilsrec "Raimondo Ricci"   

    Donazioni all’ilsrec “Raimondo Ricci”

     La valigia di Dora Salmoni deportata e assassinata ad Auschwitz-Birkenau

    e

    “Christo si è fermato a Iseo” tela dipinta da Edoardo Pietro Mambilla

      Intervengono                       Gilberto Salmoni Presidente aned Sezione di Genova, fratello di Dora Edoardo Pietro Mambilla Autore del dipinto Arianna Viscogliosi Assessore Comune di Genova Giacomo Ronzitti Presidente ilsrec “Raimondo Ricci”

    _____________________________________________________________________

    La valigia di Dora

    Nel 2017 Gilberto Salmoni viene fortunosamente rintracciato da Alberto Zappa dal quale apprende dell’esistenza della valigia che Dora, consapevole della propria sorte, consegnò nel 1944 a Lina, sua compagna di cella nel carcere di Como. Lina, allora diciassettenne, scarcerata dopo alcuni giorni, conservò intatta la valigia per 73 anni riponendola in un baule con il desiderio di poterla un giorno restituire. A Gilberto Salmoni, che la incontra a Bormio, dove questi si reca per riceverne la consegna, racconta che Dora, lucidamente, consegnandole la valigia e alcuni altri suoi effetti personali, le disse: “Queste cose a me mi serviranno più”.

    Christo si è fermato a Iseo

    “Christo si è fermato a Iseo”, quadro che Pietro Mambilla donerà all’ilsrec “Raimondo Ricci”, trae spunto dall’installazione temporanea realizzata nel 2016 dal famoso artista bulgaro Christo, consistente in una serie di passerelle galleggianti su cui oltre un milione di visitatori poterono camminare: una “opera” di grande successo ma in grado di suscitare anche accese polemiche da parte di chi sottolineava lo spreco di risorse pubbliche per un’installazione molto costosa ed effimera. Nel contrapporsi a questa logica spettacolare, Mambilla nel suo quadro evoca invece quell’umanità sofferente in fuga da guerre e miseria che cerca una speranza di vita in un’Europa sempre più attraversata da inquietanti fenomeni di xenofobia e razzismo.

      scarica il dépliant di Passato e presente tra arte e memoria

    Tipologia: Eventi e News. Istituti associati. Patrimonio.

    Notizia inserita da: Istituto ligure per la storia della Resistenza e dell'età contemporanea

Il portale dell'Istituto Nazionale è realizzato grazie al contributo di
Il contenuto di questo portale è protetto da copyright dal protocollo Creative Commons Attribution 3.0 Italy License