Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.reteparri.it/home/wp-content/themes/Divi/functions.php on line 5837
Seleziona una pagina

Notizie

Torna all'elenco delle notizie

    Piacenza 1938-1945. Le Leggi razziali


    mercoledì 20 febbraio 2019, ore 10:30

    Presso la Scuola media “G.Anguissola” piazza Trento a Travo (PC), dalle ore 10:30 alle ore 12:30, sarà possibile visitare la mostra documentaria

    Piacenza 1938-1945. Le Leggi razziali

    Inaugurazione sabato 23 febbraio, ore 11:00 Per prenotare una visita guidata: istitutostoricopiacenza@gmail.com Un’esposizione che in 40 pannelli illustra le culture razziste, i contenuti legislativi, l’applicazione della normativa di ottanta anni fa a Piacenza attraverso numerose “storie di vita” di perseguitati e vittime della Shoah. La mostra è curata dall’ISREC.
    Per approfondire
    Anche i piacentini, come tutti gli italiani, furono coinvolti nella campagna di “formazione al razzismo” orchestrata dal regime attraverso la stampa, le dotte conferenze nei locali “Istituti di Cultura”, la scuola. Gli interventi, che vedevano il coinvolgimento degli intellettuali più noti nell’opera d’indottrinamento – spesso professori dei licei cittadini -, miravano a divulgare una cultura impastata di razzismo paternalistico, di nazionalismo ed esaltazione della “stirpe guerriera”. Quando il razzismo diventò antisemita, si procedette a un articolato intervento di revisione dei libri di testo, di “bonifica libraria” e soprattutto di riordino didattico dei programmi di studio (la “Carta della Scuola” è del 19 gennaio 1939, seguendo di pochi mesi l’espulsione scolastica degli ebrei), che maestre, direttori e presidi si affrettarono ad adottare anche nei nostri istituti e nell’assoluto silenzio dei collegi docenti deliberanti, in applicazione alle circolari del ministro Giuseppe Bottai. La propaganda che la mostra racconta attarverso le immgini dell’epoca incise effettivamente sulle coscienze o l’antisemitismo rimase un affare di Stato subìto passivamente dai più? Non siamo in grado di determinarlo. Possiamo però osservare che l’applicazione delle leggi razziali da parte dei funzionari periferici delle istituzioni e degli organi di polizia fu puntuale, meticolosa, assidua, capillare per tutti gli ebrei della Provincia, lasciando il resto della cittadinanza – per paura o per convinzione – completamente o in massima parte indifferente, mentre rarissime, anche se preziose, furono le eccezioni di aiuto ai perseguitati. E non si può ritenere che l’azione delle autorità rimanesse ignota alla popolazione, per la diffusione dei messaggi propagandistici e il pedantesco impegno delle istituzioni. La mostra racconta la loro e la nostra storia.

    Tipologia: Eventi e News. Giorno della memoria. Istituti associati. Mostra. Ricorrenze.

    Notizia inserita da: Istituto storico della Resistenza e dell'età contemporanea di Piacenza

Il portale dell'Istituto Nazionale è realizzato grazie al contributo di
Il contenuto di questo portale è protetto da copyright dal protocollo Creative Commons Attribution 3.0 Italy License