Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.reteparri.it/home/wp-content/themes/Divi/functions.php on line 5837
Seleziona una pagina

Notizie

Torna all'elenco delle notizie

    Pubblicazioni. Un libro dedicato a Ermanno Loevinson, l’archivista morto ad Auschwitz

    MILANO
    venerdì 13 settembre 2019, ore 12:30

    Milano, 13 settembre 2019. In questi giorni è stato finalmente stampato il volume da tempo annunciato e promosso dalla Fondazione Memoria della Deportazione, Ermanno Loevinson. Un archivista vittima della Shoah, a cura di Salvatore Alongi e Massimo Castoldi. Indice dei nomi a cura di Eleonora Cangemi, Collana “i quaderni del chiostro”, Il Chiostro dei Celestini. Amici dell’Archivio di Stato di Bologna, 2019. Ermanno Loevinson, nato a Berlino il 3 giugno 1863, conseguita la laurea in Filosofia, si trasferì in Italia, data anche la maggiore tolleranza che l’Italia liberale aveva verso gli ebrei, e presto ottenne la cittadinanza italiana. Frequentò per un lungo lasso di tempo e inizialmente da studente l’Archivio di Stato di Roma, finché nel 1927 non fu nominato direttore dell’Archivio di Stato di Parma, e nel 1930 di quello di Bologna, che diresse fino al 1934. A Bologna entrò a far parte di molte tra le principali istituzione storiche del territorio e inaugurò le pubblicazioni dell’archivio con l’edizione, approntata da Giorgio Cencetti, delle Carte del secolo XI dell’Archivio di S. Giovanni in Monte e S. Vittore. Vastissima è la sua bibliografia, che lo segnala anche come studioso della storia dell’ebraismo italiano e come storico di Giuseppe Garibaldi. Collaborò all’Enciclopedia Treccani e al Dizionario del Risorgimento, coordinato da Michele Rosi. Divenne uno dei molti intellettuali di famiglia ebraica interpreti della tradizione risorgimentale italiana e il suo grande amore per l’Italia risorgimentale lo indusse anche a guardare benevolmente al primo fascismo. Tornato a Roma nel 1935, fu vittima dei terribili effetti delle leggi razziali: in pochissimo tempo fu radiato da tutti gli Istituti culturali, cui era associato, e il 16 ottobre del 1943, quando a Roma si scatenò la retata nazista, fu deportato insieme alla moglie Wally e al figlio Sigismondo. Morirono tutti e tre appena giunti al campo di sterminio di Auschwitz. L’Italia ne perse la memoria, fino a quando su iniziativa dell’Archivio di Stato di Bologna e della Fondazione Memoria della Deportazione, nelle persone di Massimo Giansante, Giorgio Marcon e Massimo Castoldi, non si decise di ricostruirne le vicende familiari e la biblioteca in una mostra, e di ripubblicarne alcuni scritti in un volume.

    Indice del volume:

    Presentazione di Massimo Castoldi Massimo Castoldi Un ringraziamento e un auspicio Giorgio Marcon Ermanno Loevinson: un archivista vittima della Shoah Massimo Giansante L’archivistica di Ermanno Loevinson fra teoria e pratica Serena Dainotto La biblioteca di Ermanno Loevinson nell’Archivio di Stato di Roma La bibliografia di Ermanno Loevinson, a cura di Serena Dainotto Quattro saggi di Ermanno Loevinson
    • Camillo Cavour e gli Israeliti (con tre illustrazioni)
    • La raccolta delle “Insignia„ nel R. Archivio di Stato di Bologna
    • Lo spirito pubblico nelle legazioni dopo l’abbattimento della Repubblica Romana del 1849
    • Notizie e dati statistici sugli ebrei entrati a Bologna nel secolo XV
    Indice dei nomi Indice degli ebrei entrati a Bologna

    Tipologia: Eventi e News. Istituti associati. Pubblicazioni.

    Notizia inserita da: Fondazione Memoria della deportazione archivio biblioteca "Pina e Aldo Ravelli"

Il portale dell'Istituto Nazionale è realizzato grazie al contributo di
Il contenuto di questo portale è protetto da copyright dal protocollo Creative Commons Attribution 3.0 Italy License