Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.reteparri.it/home/wp-content/themes/Divi/functions.php on line 5837
Seleziona una pagina

Eventi e news: archivio 2005-2011

Eventi e news degli istituti della rete INSMLI Tipologia: mostra


  • 2/12/2011, ore 15:30 - Consiglio Regionale del Veneto, Palazzo Ferro Fini, S. Marco, 2322, Venezia

    "La differenza repubblicana. Volti e luoghi del 1848-49 a Venezia e nel Veneto": visite guidate

    In occasione della mostra "La differenza repubblicana. Volti e luoghi del 1848-49 a Venezia e nel Veneto", l'Iveser organizza due visite guidate i giorni 28 novembre e 2 dicembre 2011: guida d'eccezione Mario Isnenghi, curatore della mostra e presidente dell'Istituto. Le visite avranno i seguenti orari: - lunedì 28 novembre, ore 11.00-12,30 - venerdì 2 dicembre, ore 15.30-17.00 Le visite, libere e gratuite, sono aperte a tutta la cittadinanza; per partecipare è obbligatorio prenotare scrivendo una mail a info@iveser.it o telefonando allo 041 5287735. Sono previsti due gruppi di circa 20 persone, in caso di esaurimento dei posti saranno privilegiati i soci dell'Iveser regolarmente iscritti nel 2011.

    Notizia di: Istituto veneziano per la storia della Resistenza e della società contemporanea - Venezia


  • 28/11/2011, ore 11:00 - Consiglio Regionale del Veneto, Palazzo Ferro Fini, S. Marco, 2322, Venezia

    "La differenza repubblicana. Volti e luoghi del 1848-49 a Venezia e nel Veneto": visite guidate

    In occasione della mostra "La differenza repubblicana. Volti e luoghi del 1848-49 a Venezia e nel Veneto", l'Iveser organizza due visite guidate i giorni 28 novembre e 2 dicembre 2011: guida d'eccezione Mario Isnenghi, curatore della mostra e presidente dell'Istituto. Le visite avranno i seguenti orari: - lunedì 28 novembre, ore 11.00-12,30 - venerdì 2 dicembre, ore 15.30-17.00 Le visite, libere e gratuite, sono aperte a tutta la cittadinanza; per partecipare è obbligatorio prenotare scrivendo una mail a info@iveser.it o telefonando allo 041 5287735. Sono previsti due gruppi di circa 20 persone, in caso di esaurimento dei posti saranno privilegiati i soci dell'Iveser regolarmente iscritti nel 2011.

    Notizia di: Istituto veneziano per la storia della Resistenza e della società contemporanea - Venezia


  • 24/11/2011, ore 10:00 - Belluno, Palazzo Crepadona

    150 anni: la scuola in cammino

    Inaugurazione di “150 anni: la scuola in cammino ...”, quattro mostre legate al mondo della scuola bellunese (le mostre resteranno aperte sino al 10 dicembre): 1. "100 anni delle scuole rurali del Comune di Belluno" (a cura del laboratorio Desafìo di Belluno su ricerca storico-didattica degli alunni delle scuole primarie di Badilet e Castion); 2. "Immagini fotografiche della storia della scuola elementare "A. Gabelli" di Belluno" (a cura di Renzo Bogo); 3. "Immagini, riflessi e luci del Risorgimento italiano" (a cura degli studenti della scuola media "Rinaldo Zardini" di Cortina d'Ampezzo, con presentazione curata da Enrico Bacchetti, docente comandato dell’Isbrec); 4. “Arredi e sussidi della scuola bellunese dell’ottocento, del periodo fascista e del secondo dopoguerra” (a cura del prof. Daniele Gazzi - Museo della Scuola Fonzaso.

    Notizia di: Istituto storico bellunese della Resistenza e dell'età contemporanea - Belluno


  • 10/11/2011, ore 18:00 - Bologna, Istituto Parri, via Sant'Isaia 20 (ingresso Museo della Resistenza)

    Mostra "Agli albori del Risorgimento. I moti del 1831 in Emilia Romagna"

    L'Istituto Parri invita all'inaugurazione della mostra "Agli albori del Risorgimento. I moti del 1831 in Emilia Romagna" curata da Ludovico Testa. L'inaugurazione si terrà giovedì 10 novembre 2011 alle ore 18. Parteciperà il Sindaco di Bologna, Virginio Merola. La mostra resterà aperta fino al 15 dicembre 2011 con le seguenti modalità: dal lunedì al venerdì ore 15.30-18.30; sabato ore 10-13. Ingresso libero.

    Notizia di: Istituto storico Parri - Bologna


  • 9/11/2011, Imola, Casa Gandolfi - Via Dei Mille, 26

    Patrioti e Garibaldini nel primo e nel secondo Risorgimento: 1849-1945 Momenti di storia degli Italiani dalla Trafila alle Brigate Garibaldi

    La mostra si articola in due sezioni: La prima (curata da Lea Marzocchi con disegni di Daniele Trombetti e realizzazione grafica di Carlo Ferri) Patrioti e garibaldini nel primo Risorgimento. La Trafila garibaldina, prende in esame alcuni aspetti del “salvamento” di Giuseppe Garibaldi, di Anita e del maggiore Leggero messo in atto dai patrioti, in genere mazziniani, che in gran segreto e forti dell’esperienza clandestina nella Giovane Italia, riuscirono a “portare” dalle valli del Po fino alla costa grossetana l’Eroe dei due Mondi. Questa lunga marcia di Garibaldi, cominciata con la caduta della Repubblica Romana del 1849, ebbe un lieto fine, nonostante l’accanimento dell’esercito austriaco e della polizia papalina, grazie a donne e uomini di ogni ceto sociale che nascosero, rifocillarono, accudirono i tre fuggitivi e li trasportarono su barche, birocci, cavalli e muli lungo argini, strade sterrate e mulattiere a rischio della loro vita perché credevano che l’indipendenza dell’Italia e la salvezza di Garibaldi fossero un’unica cosa. E così le contrade, i borghi e le città toccati dal Generale in fuga divennero luoghi di irradiazione degli ideali di libertà e di uguaglianza politica e civile che erano stai i principi fondanti della Repubblica Romana. Da San Marino a Cesenatico, dalle paludi ravennati alle colline modiglianesi, dall’Appennino alla Maremma si diffuse e si rinsaldò l’ideale repubblicano. Ma accanto al mito di Mazzini si impose quello più popolare di Garibaldi. La seconda: "Sotto il nome di Garibaldi" è una mostra realizzata dal CIDRA, nell’occasione del bicentenario della nascita di Giuseppe Garibaldi (1807-2007). Il percorso è così organizzato: I. 1936-38: nella guerra civile di Spagna per la Repubblica; II. 1943-45: in Italia, nella Resistenza; III. 1948: il Fronte democratico popolare nelle prime elezioni politiche della Repubblica italiana Una traccia storica essenziale inquadra le immagini. L’eredità che i movimenti documentati hanno colto e sottolineato di volta in volta nella figura di Garibaldi è stato l’internazionalismo congiunto a uno spirito democratico-patriottico. Per quel che attiene le elezioni politiche del 1948, alcune immagini proposte, contrappuntano questa appropriazione del nome mitico di Garibaldi, rivendicandogli un significato del tutto opposto. L’esposizione è stata curata da Marco Orazi e Giuliana Zanelli con la consulenza e la collaborazione di Elio Gollini e di Giorgio Baroncini. La mostra rimane aperta fino al 22 dicembre 2011 e rispetta i seguenti orari: Martedì, Giovedì e Sabato, dalle 9 alle 12. Per apertura di lunedì, mercoledì e venerdì e per visite guidate (Scuole), contattare lo 0542 24422.

    Notizia di: Cidra, Centro imolese documentazione Resistenza antifascista - Imola


  • 9/11/2011, ore 10:00 - Monsummano (Pistoia)

    Mostra "Un segno per la pace"

    Al Museo della Città e del Territorio mercoledì 9 novembre, alle 10.00 si terrà un incontro con l’intervento del Sindaco e dell’Assessore alla Cultura oltre a Roberto Agnoletti, Roberto Barontini e Fabio Giannelli dell’Istituto Storico per la Resistenza e della Società Contemporanea di Pistoia e, a seguire, sarà inaugurata la mostra dei disegni del maestro Bartolozzi. La mostra resterà aperta fino al 30 novembre

    Notizia di: Istituto storico provinciale della Resistenza - Pistoia


  • 7/11/2011, Varallo (Vc), sede dell’Isrsc Bi-Vc, via D’Adda, 6

    Sguardi sull’infanzia

    L’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" ospita la mostra "Sguardi sull’infanzia", a cura di Laura Manione, realizzata dall’Archivio fotografico Luciano Giachetti - Fotocronisti Baita di Vercelli. La mostra sarà visitabile dal 25 ottobre all’11 novembre prossimi a Varallo, nella sede dell’Istituto in via D’Adda, 6, dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18. "Sguardi sull’infanzia" propone al pubblico un’ampia selezione di immagini scattate dai Fotocronisti Baita nel corso di mezzo secolo di attività. A partire dall’immediato dopoguerra e fino agli anni novanta, Giachetti e i suoi collaboratori indagarono con particolare sensibilità il mondo dell’infanzia: i materiali di cui è costituita l’esposizione spaziano dagli scatti di gusto neorealista ai ritratti realizzati nelle abitazioni dei bambini; dalle occasioni di gioco alle prime esperienze scolastiche.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 5/11/2011, ore 10:00 - Refrancore (AT) - Palazzo Municipale

    Mostra "1914-1918: l'inutile massacro"

    Programma delle celebrazioni per il 150° anniversario dell'unità d'Italia Sabato 5 novembre 2011 ore 10:00 S. MESSA in Piazza IV Novembre davanti alla Cappella ai Caduti (in caso di maltempo la S. Messa sarà celebrata in Chiesa) ore 10:30 inaugurazione mostre, presso il Municipio (palestra): - "Personaggi e avvenimenti storici da non dimenticare", organizzata dal Comune di Refrancore - 1914-1918: "l'inutile massacro", organizzata dall'ISRAT Seguirà aperitivo offerto dalla Pro Loco Le Mostre restenanno aperte con il seguente orario: sabato 5 novembre: ore 10:30 - 12:30 / 15:00 - 18:30 domenica 6 novembre: ore 10:30 - 13:00 / 15:00 - 18:30 Nella biblioteca, proiezione "non stop" del video: "ADUA: LA SCONFITTA DI UN'UTOPIA" a cura di C. Luccarelli

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nella provincia di Asti - Asti


  • 4/11/2011, ore 17:30 - Archivio di Stato di Piacenza, P.zza Cittadella

    Ragazzi. Piacentini alla guerra del '15-'18

    La mostra, promossa da Archivio di Stato di Piacenza, Istituto storico della resistenza e dell'età contemporanea di Piacenza, Comitato provinciale per il 150° presso la Prefettura di Piacenza, più che sulle vicende belliche si vuole soffermare su quelle dei soldati piacentini che combatterono nel primo conflitto mondiale. Le storie di questi militari sono comuni a tutte le famiglie che ebbero un soldato o un ufficiale partito per la Grande Guerra e, in tanti casi, mai tornato. I documenti esposti, in maggioranza inediti, provengono in gran parte dall’Archivio di Stato di Piacenza, ma i più singolari provengono da cittadini e da collezionisti: fotografie, lettere, diari, medaglie, lapidi e, senz’altro di grande effetto, oggetti personali dei combattenti. Dalla mostra emerge la difformità fra la guerra veicolata dalla propaganda, che trasmetteva l’idea di un esercito vigoroso e di una vita al fronte e in trincea quasi normale, e la guerra vissuta dai soldati, i quali descrivono condizioni di vita difficili e passano dall’iniziale entusiasmo alla disperazione. Una sezione è dedicata all’esposizione dei risultati dei laboratori svolti con le scuole di Alseno, Calendasco, Castelvetro, Cortemaggiore e Sarmato. A corollario si svolgono sei incontri pomeridiani d'approfondimento, il giovedì alle ore 15, a partire dal 17 novembre; sono dedicati fra l'altro al ruolo del Genio Pontieri che dal 1883 mantiene un reggimento a Piacenza e al fenomeno dei cd. «scemi di guerra» ovvero dei soldati incorsi in shock da combattimento e spesso accusati di codardia.

    Notizia di: Istituto storico della Resistenza e dell'età contemporanea di Piacenza - Piacenza


  • 04/11/2011, ore 17:00 - Castelfranco (TV) - Museo Casa Giorgione

    Inaugurazione della mostra: Castelfranco Veneto verso l'Unità: personaggi e luoghi del Risorgimento castellano.

    Curatore: dott. Giacinto Cecchetto La mostra sarà aperta fino al 18 dicembre 2011

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea della Marca Trevigiana - Treviso


  • 2/11/2011, Varallo (Vc), sede dell’Isrsc Bi-Vc, via D’Adda, 6

    Sguardi sull’infanzia

    L’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" ospita la mostra "Sguardi sull’infanzia", a cura di Laura Manione, realizzata dall’Archivio fotografico Luciano Giachetti - Fotocronisti Baita di Vercelli. La mostra sarà visitabile dal 25 ottobre all’11 novembre prossimi a Varallo, nella sede dell’Istituto in via D’Adda, 6, dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18. "Sguardi sull’infanzia" propone al pubblico un’ampia selezione di immagini scattate dai Fotocronisti Baita nel corso di mezzo secolo di attività. A partire dall’immediato dopoguerra e fino agli anni novanta, Giachetti e i suoi collaboratori indagarono con particolare sensibilità il mondo dell’infanzia: i materiali di cui è costituita l’esposizione spaziano dagli scatti di gusto neorealista ai ritratti realizzati nelle abitazioni dei bambini; dalle occasioni di gioco alle prime esperienze scolastiche.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 31/10/2011, ore 00:00 - Varallo (Vc), sede dell'Isrsc Bi-Vc, via D'Adda, 6

    Sguardi sull'infanzia

    L'Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" ospita la mostra "Sguardi sull'infanzia", a cura di Laura Manione, realizzata dall'Archivio fotografico Luciano Giachetti - Fotocronisti Baita di Vercelli. La mostra sarà visitabile dal 25 ottobre all'11 novembre prossimi a Varallo, nella sede dell'Istituto in via D'Adda, 6, dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18. "Sguardi sull'infanzia" propone al pubblico un’ampia selezione di immagini scattate dai Fotocronisti Baita nel corso di mezzo secolo di attività. A partire dall’immediato dopoguerra e fino agli anni novanta, Giachetti e i suoi collaboratori indagarono con particolare sensibilità il mondo dell’infanzia: i materiali di cui è costituita l’esposizione spaziano dagli scatti di gusto neorealista ai ritratti realizzati nelle abitazioni dei bambini; dalle occasioni di gioco alle prime esperienze scolastiche.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 28/10/2011, ore 17:30 - Sala alla porta Sant'Agostino, Bergamo

    W l'Italia liberata. Mostra documentaria

    In occasione del 150° dell'Unità d'Italia l'Isrec, in collaborazione con l'Anpi provinciele e il Comitato bergamasco antifascista, propone il proprio contributo per riflettere sul processo unitario che ha portato alla creazione dello stato in cui viviamo. Attravreso i documenti dell'archivio, una rilettura del regime fascista e della guerra partigiana ribadisce con chiarezza le ragioni, le convinzioni e le passioni da cui nasce il nostro vivere insieme come cittadini della Repubblica italiana. La mostra, coordinata da Elisabetta Ruffini con l'allestimento di Angelo Colleoni e il restauro dei documenti di Ilaria Lanfranconi (Accademia di Brera), verrà inaugurata venerdì 28 ottobre 2011 alle ore 17:30 e resterà aperta fino all'11 dicembre 2011 con i seguenti orari: venerdì: 17-19; sabato, domenica e festivi: 10-13/15-19. Sono previste visite guidate per gruppi e scuole in ogni giorno della settimana, prenotando al 035 238849. Durante l'epertura della mostra si terranno alcuni incontri di approfondimento.

    Notizia di: Istituto bergamasco per la storia della Resistenza e dell'età contemporanea - Bergamo


  • 27/10/2011, Milano, Museo del Risorgimento, via Borgonuovo 23

    UNITE PER UNIRE. La donna in Italia 1848-1914

    La mostra, organizzata dalle Raccolte Storiche del Comune di Milano in collaborazione con diversi enti, tra cui l'Istituto lombardo di storia contemporanea, si propone di documentare le trasformazioni della condizione femminile in un percorso di più di sessant'anni di storia italiana. Resterà aperta al pubblico dal 27 ottobre 2011, giorno dell'inaugurazione, fino al 29 gennaio 2012. Per informazioni tel. 02.88464177/180.

    Notizia di: Istituto lombardo di storia contemporanea - Milano


  • Varallo (Vc), sede dell’Isrsc Bi-Vc, via D’Adda, 6

    Sguardi sull’infanzia

    L’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" ospita la mostra "Sguardi sull’infanzia", a cura di Laura Manione, realizzata dall’Archivio fotografico Luciano Giachetti - Fotocronisti Baita di Vercelli. La mostra sarà visitabile dal 25 ottobre all’11 novembre prossimi a Varallo, nella sede dell’Istituto in via D’Adda, 6, dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18. "Sguardi sull’infanzia" propone al pubblico un’ampia selezione di immagini scattate dai Fotocronisti Baita nel corso di mezzo secolo di attività. A partire dall’immediato dopoguerra e fino agli anni novanta, Giachetti e i suoi collaboratori indagarono con particolare sensibilità il mondo dell’infanzia: i materiali di cui è costituita l’esposizione spaziano dagli scatti di gusto neorealista ai ritratti realizzati nelle abitazioni dei bambini; dalle occasioni di gioco alle prime esperienze scolastiche.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 25/10/2011, Varallo (Vc), sede dell’Isrsc Bi-Vc, via D’Adda, 6

    Sguardi sull’infanzia

    L’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" ospita la mostra "Sguardi sull’infanzia", a cura di Laura Manione, realizzata dall’Archivio fotografico Luciano Giachetti - Fotocronisti Baita di Vercelli. La mostra sarà visitabile dal 25 ottobre all’11 novembre prossimi a Varallo, nella sede dell’Istituto in via D’Adda, 6, dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18. "Sguardi sull’infanzia" propone al pubblico un’ampia selezione di immagini scattate dai Fotocronisti Baita nel corso di mezzo secolo di attività. A partire dall’immediato dopoguerra e fino agli anni novanta, Giachetti e i suoi collaboratori indagarono con particolare sensibilità il mondo dell’infanzia: i materiali di cui è costituita l’esposizione spaziano dagli scatti di gusto neorealista ai ritratti realizzati nelle abitazioni dei bambini; dalle occasioni di gioco alle prime esperienze scolastiche.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 7/10/2011, ore 17:30 - Perugia, Palazzo della Penna, via Podiani 11

    Inaugurazione della mostra "Carte d'Italia 1482-1861"

    Nell'ambito delle iniziative per il 150° dell'Unità d'Italia l'Isuc ha organizzato la mostra cartografica Carte d'Italia 1482-1861 a cura di Fabrizio Ronca, Alberto Sorbini, Antonio Volpini che si terrà a Perugia nei giorni 7 ottobre - 5 novembre 2011 presso il Palazzo della Penna.

    Notizia di: Istituto per la storia dell'Umbria contemporanea - Perugia


  • 4/10/2011, ore 13:00 - Bruxelles, Parlamento Europeo

    Io sono Testimonianza : la mostra sulla strage del 2 Agosto continua il suo percorso

    Il 4 ottobre alle ore 13, presso il Parlamento Europeo, si è tenuto un incontro tra i parlamentari italiani del gruppo Socialisti e Democratici e rappresentanti dell'Associazione familiari vittime del 2 Agosto per inaugurare l'allestimento della mostra storico fotografica promossa da Isrebo lo scorso anno, in occasione del trentennale della strage. La mostra, visitabile dal 3 al 5 ottobre, ha svolto in questi mesi un lungo percorso che ha portato la memoria della strage del 2 Agosto nelle scuole, nei municipi, nelle biblioteche di paesi e città dell'Emilia Romagna. L'approdo al Parlamento Europeo è giunto grazie all'invito dell'On. Vittorio Prodi e di tutti i membri del gruppo parlamentare che ha sostenuto l'iniziativa. Per l'Associazione familiari era presente Sonia Zanotti, per Isrebo Verzelli Angela e Martino Lombezzi.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nella provincia di Bologna "Luciano Bergonzini" - Bologna


  • 2/10/2011, Susegana (TV) - Cantina Collalto

    Libri In Cantina

    Dalle 10:30 alle 19:30 l’Istresco sarà presente alla mostra libraria con un proprio banchetto.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea della Marca Trevigiana - Treviso


  • 1/10/2011, Susegana (TV) - Cantina Collalto

    Libri In Cantina

    Dalle 10:30 alle 19:30 l’Istresco sarà presente alla mostra libraria con un proprio banchetto.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea della Marca Trevigiana - Treviso


  • 30/9/2011, ore 19:00 - Bologna, Istituto Parri, via Sant'Isaia 20 (ingresso Museo della Resistenza)

    Ignazio Silone. "L'arte è un fiore selvaggio, ama la libertà". L'uomo, lo scrittore, l'intellettuale. Mostra documentaria.

    Dal 30 settembre al 20 ottobre l'Istituto Parri ospita la mostra documentaria: Ignazio Silone. "L'arte è un fiore selvaggio". L'uomo, lo scrittore, l'intellettuale. Inaugurazione il 30 settembre alle 19. Orari apertura: dal lunedì al venerdì ore 15.30-18.30; sabato ore 10-13. Ingresso gratuito dal Museo della Resistenza, via Sant'isaia 20.

    Notizia di: Istituto storico Parri - Bologna


  • 29/9/2011, ore 16:00 - Scalone Vanvitelliano Piazza Del Monte, Pesaro

    La spada di Domokos: il Risorgimento e l'Unità d'Italia nel fumetto e nell'illustrazione per l'infanzia

    ore 16.00 Apertura della mostra La spada di Domokos, a cura di Antonio Faeti ore 17.00 Saluto di Gloriana Gambini, Assessore alla Cultura del Comune di Pesaro Antonio Faeti, docente di Letteratura per l'infanzia, Università di Bologna Il Risorgimento e l'Unità d'Italia nel fumetto e nell'illustrazione per l'infanzia Coordina Simonetta Romagna, Presidente Biblioteca "Bobbato" Pesaro Sarà possibile visitare la mostra tutti i giorni (tranne la domenica) dalle ore 16.00 alle ore 19.00. Il mattino solo su richiesta delle classi interessate.

    Notizia di: Istituto di storia contemporanea della provincia di Pesaro e Urbino (ISCOP) - Pesaro


  • 29/9/2011, ore 10:00 - Marzabotto, Municipio

    Reperti: storia, guerra e memoria nel paesaggio bolognese

    La mostra fotografica dedicata alle tracce visibili nel territorio bolognese ed emiliano romagnolo dopo la fine della seconda guerra mondiale è stata allestita a Marzabotto, luogo simbololico di memoria, in occasione del 67° anniversario dell'eccidio. Il comune ha promosso una serie di attività per ricordare il 2 ottobre 1944 e la mostra fotografica ha fornito la cornice alla commemorazione grazie all'impatto emozionale dato dalle immagini. La mostra è stata realizzata da Isrebo col supporto di alcuni comuni del territorio. Le fotografie sono di Martino Lombezzi.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nella provincia di Bologna "Luciano Bergonzini" - Bologna


  • 25/9/2011, ore 11:00 - Treviso - via Calmaggiore

    Si legge a Treviso

    Dalle ore 11 alle 22 l’Istresco sarà presente con un proprio banchetto di libri.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea della Marca Trevigiana - Treviso


  • 24/9/2011, ore 11:00 - Treviso - Via Calmaggiore

    Si legge a Treviso

    Dalle ore 11 alle 22 l’Istresco sarà presente con un proprio banchetto di libri.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea della Marca Trevigiana - Treviso


  • 6/8/2011, ore 00:00 - Cison di Valmarino (TV) - Castel Brando

    LIBRANDO – MOSTRA MERCATO DEL LIBRO

    Dal 6 al 15 agosto LIBRANDO – MOSTRA MERCATO DEL LIBRO In concomitanza con ARTIGIANATO VIVO, quindici case editrici danno vita alla prima edizione di Librando, con uno spazio libreria, un angolo dedicato ai fumetti, attività per bambini e incontri con l’autore.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea della Marca Trevigiana - Treviso


  • 4/8/2011, ore 20:30 - San Benedetto Val di Sambro

    Mostra storico fotografica Io sono testimonianza 4-15 agosto 2011

    La mostra promossa da Isrebo e Associazione familiari vittime del 2 Agosto approda a San Benedetto Val di Sambro a conclusione del percorso svolto nel trentesimo anniversario della strage alla Stazione di Bologna. Nell'ambito della iniziativa ITALICUS, la strage dimenticata che il comune di San Benedetto organizza presso la BIblioteca comunale, la mostra sarà allestita nel periodo 4-15 agosto. Per Isrebo saranno presenti all'inaugurazione, il 4 agosto alle ore 20.30, il Presidente Andrea Marchi, il fotografo Martino Lombezzi che ha realizzato i ritratti e il video che accompagna la mostra, Angela Verzelli referente per la sezione didattica Isrebo e Parri.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nella provincia di Bologna "Luciano Bergonzini" - Bologna


  • 31/7/2011, Rimini

    IL CONFINE PIU' LUNGO Affermazione e crisi dell'italianità adriatica - mostra fotografica itinerante

    L'INSMLI ricorda che è tutt'ora disponibile al prestito gratuito la mostra fotografica itinerante sul tema del confine orientale, intitolata "Il confine più lungo. Affermazione e crisi dell'italianità adriatica". La gestione della distribuzione è affidata all'Istituto Parri Emilia-Romagna. Maggiori informazioni al link sottostante.

    Notizia di: Istituto Nazionale Ferruccio Parri. Rete degli istituti per la storia della Resistenza e dell’età contemporanea - Milano


  • 16/7/2011, ore 17:30 - Cortina d'Ampezzo, Istituto Comprensivo

    Inaugurazione della mostra "Immagini, riflessi e luci del Risorgimento italiano"

    Sabato 16 luglio, presso la sede centrale dell’Istituto Comprensivo di Cortina, è stata inaugurata la mostra "Immagini, riflessi e luci del Risorgimento italiano". Il materiale esposto, costituito in prevalenza da cartelloni didattici di argomento risorgimentale conservati presso lo stesso Istituto e recentemente restaurati, è stato presentato, tra gli altri, da Enrico Bacchetti, insegnante comandato presso l’Isbrec, con un intervento dal titolo “La costruzione del consenso nell’Italia post unitaria”.

    Notizia di: Istituto storico bellunese della Resistenza e dell'età contemporanea - Belluno


  • 19/6/2011, ore 11:00 - Fondotoce (Vb)

    Le valli della memoria

    Dimenticare è più facile che ricordare. Basta abbassare gli occhi e non farsi domande. Basta passare sotto un monumento e non alzare gli occhi, evitare di chiedersi cosa commemora e chi ricorda. È quello che è successo in questi anni con la Resistenza e tante storie eroiche a essa legate. Storie come quella della Repubblica Partigiana dell'Ossola, di cui ormai pochi conoscono l'epopea. Ed è proprio per riflettere e far riflettere su quanto oggi sia semplice dimenticare che è nato questo progetto. Il progetto "Le valli della memoria" consiste in due mostre fotografiche distinte e complementari, che affrontano il tema della memoria raccontando come oggi viene vissuta e ricordata (o dimenticata) l’esperienza delle lotte partigiane e della Repubblica dell’Ossola. Le due mostre si terranno quasi contemporaneamente in due diverse sedi espositive: presso la Feltrinelli di Piazza Piemonte a Milano e presso la galleria della Casa della Resistenza di Verbania Fondotoce. "Le valli della memoria: tracce e luoghi", avrà luogo dal 6 al 30 giugno nello spazio la Feltrinelli di Piazza Piemonte a Milano, per presentare i luoghi e i monumenti della Resistenza ossolana lontano dalla loro terra. Foto scarne ed emblematiche, che ritraggono i paesaggi teatro delle battaglie e degli eccidi, e i monumenti che li ricordano. Immagini che diventano motore di una riflessione, stimolo per documentarsi e mettersi in moto: per salire in Val d’Ossola e ritrovare da vicino i personaggi e le storie che hanno animato quei luoghi. “Le valli della memoria: volti e voci” sarà allestita, dal 19 giugno al 24 luglio, nella galleria espositiva della Casa della Resistenza di Verbania Fondotoce. Con immagini scattate lo scorso anno, racconta le commemorazioni che si tengono nelle zone del Verbano e dell’Ossola, mostrando con discrezione i protagonisti di quei giorni e i momenti in cui si onora la Resistenza ossolana e i suoi interpreti. La mostra di Verbania Fondotoce sarà inaugurata domenica 19 giugno alle 11.30, in occasione della giornata in ricordo dei Martiri di Fondotoce. Per informazioni: Michele Morosi: 339/4120940, michele@michelemorosi.com Tino Mantarro: 347/0704094, tino.mantarro@touringclub.it Eva Zamboni: 349/4429861, eva@iloveva.it Associazione Casa della Resistenza: 0323/586802 Per scaricare foto della mostra: www.michelemorosi.com/fotostampalevallidellamemoria.zip

    Notizia di: Istituto storico della Resistenza e della società contemporanea nel Novarese e nel Verbano Cusio Ossola "Piero Fornara" - Novara


  • 06/6/2011, ore 18:00 - Milano - Feltrinelli

    Le valli della memoria

    Dimenticare è più facile che ricordare. Basta abbassare gli occhi e non farsi domande. Basta passare sotto un monumento e non alzare gli occhi, evitare di chiedersi cosa commemora e chi ricorda. È quello che è successo in questi anni con la Resistenza e tante storie eroiche a essa legate. Storie come quella della Repubblica Partigiana dell'Ossola, di cui ormai pochi conoscono l'epopea. Ed è proprio per riflettere e far riflettere su quanto oggi sia semplice dimenticare che è nato questo progetto. Il progetto "Le valli della memoria" consiste in due mostre fotografiche distinte e complementari, che affrontano il tema della memoria raccontando come oggi viene vissuta e ricordata (o dimenticata) l’esperienza delle lotte partigiane e della Repubblica dell’Ossola. Le due mostre si terranno quasi contemporaneamente in due diverse sedi espositive: presso la Feltrinelli di Piazza Piemonte a Milano e presso la galleria della Casa della Resistenza di Verbania Fondotoce. "Le valli della memoria: tracce e luoghi", avrà luogo dal 6 al 30 giugno nello spazio la Feltrinelli di Piazza Piemonte a Milano, per presentare i luoghi e i monumenti della Resistenza ossolana lontano dalla loro terra. Foto scarne ed emblematiche, che ritraggono i paesaggi teatro delle battaglie e degli eccidi, e i monumenti che li ricordano. Immagini che diventano motore di una riflessione, stimolo per documentarsi e mettersi in moto: per salire in Val d’Ossola e ritrovare da vicino i personaggi e le storie che hanno animato quei luoghi. “Le valli della memoria: volti e voci” sarà allestita, dal 19 giugno al 24 luglio, nella galleria espositiva della Casa della Resistenza di Verbania Fondotoce. Con immagini scattate lo scorso anno, racconta le commemorazioni che si tengono nelle zone del Verbano e dell’Ossola, mostrando con discrezione i protagonisti di quei giorni e i momenti in cui si onora la Resistenza ossolana e i suoi interpreti. La mostra di Verbania Fondotoce sarà inaugurata domenica 19 giugno alle 11.30, in occasione della giornata in ricordo dei Martiri di Fondotoce. Per informazioni: Michele Morosi: 339/4120940, michele@michelemorosi.com Tino Mantarro: 347/0704094, tino.mantarro@touringclub.it Eva Zamboni: 349/4429861, eva@iloveva.it Associazione Casa della Resistenza: 0323/586802 Per scaricare foto della mostra: www.michelemorosi.com/fotostampalevallidellamemoria.zip

    Notizia di: Istituto storico della Resistenza e della società contemporanea nel Novarese e nel Verbano Cusio Ossola "Piero Fornara" - Novara


  • 1/6/2011, ore 17:00 - Venezia, Villa Hériot, sede Iveser e Casa della memoria e della storia

    Venezia in piazza. Istantaneee di una storia italiana 1866-2011

    Un racconto della Venezia "unita" attraverso scatti e immagini inedite - tratte da numerosi archivi pubblici e privati - della sua piazza dal 1867 ai giorni nostri: vicende, personaggi, momenti di una lunga storia... italiana e veneziana Inaugurazione > 1 giugno 2011 > ore 17.00 a seguire, nello spazio verde di Villa Hériot, performance musicale "L'Unita' d'Italia: canzoni fra memoria e futuro" a cura del gruppo i 7grani la mostra resterà aperta fino 24 giugno 2011 > orari: tutti i giorni (tranne il sabato e la domenica) dalle 9.00 alle 16.00 > visite per gruppi su prenotazione ingresso libero è un'iniziativa promossa da: Istituto veneziano per la storia della Resistenza e della società contemporanea - Iveser Città di Venezia Presidenza del Consiglio Comunale Archivio della Comunicazione info@iveser.it 041 5287735 www.iveser.it

    Notizia di: Istituto veneziano per la storia della Resistenza e della società contemporanea - Venezia


  • 26/5/2011, Polo archivistico di Reggio Emilia, via Dante 11, Reggio Emilia

    Dal Cusna al Po. La Provincia di Reggio Emilia nella storia d’Italia

    In occasione del 150° dell’Unità d’Italia si consolida uno dei 
principali luoghi della memoria locale grazie al trasferimento 
presso il Polo archivistico di Reggio Emilia dell’Archivio storico 
della Provincia di Reggio Emilia. In tal modo viene messo a 
disposizione dell’intera comunità locale un ricco patrimonio 
culturale capace di documentare la vicenda storica della 
provincia a partire dall’unità d’Italia. Per l’occasione, la Provincia di Reggio Emilia, il Comune 
di Reggio Emilia ed Istoreco propongono una mostra 
documentaria che ripercorre le tappe principali dell’evoluzione 
dell’ente Provincia nel contesto dell’Italia liberale, fascista e 
repubblicana; l’itinerario attraverso documenti, fotografie, 
mappe e progetti ricostruisce l’importante contributo della 
Provincia nella trasformazione e modernizzazione della 
comunità provinciale lungo i centocinquantanni di storia 
nazionale. Una specifica sezione è poi riservata ad alcuni 
protagonisti che hanno svolto la loro esperienza politico-amministrativa presso la Provincia, imprimendo un segno 
duraturo sulla vicenda storica locale. Per informazioni: Provincia di Reggio Emilia - 0522 444164 Polo Archivistico - 0522 456125

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea in provincia di Reggio Emilia - Reggio Emilia


  • 26/5/2011, ore 10:00 - Archivio di Stato Via San Serafino da Montegranaro, 8/c -Ascoli Piceno

    Visita guidata alla mostra "Il Piceno e la Shoah"

    Visita guidata alla mostra "Il Piceno e la Shoah" della classe 5LPP "E. Trebbiani di Ascoli Piceno A cura della Docente Comandata Rita Forlini all'ISML di Ascoli Piceno

    Notizia di: Istituto provinciale per la storia del movimento di liberazione nelle Marche - Ascoli Piceno


  • 21/5/2011, ore 10:30 - Ravenna, Palazzo della Provincia - Piazza dei Caduti per la Libertà, 2/4

    Il Risorgimento Invisibile. Le Donne che hanno fatto l'Unità d'Italia

    Inaugurazione: SABATO 21 MAGGIO 2011, ore 10.30. La mostra resterà aperta dal 23 maggio al 3 giugno con i seguenti orari: da lunedì a venerdì 8.30-17.30. Iniziativa organizzata in collaborazione con la Provincia di Ravenna. Si ringraziano: Comune di Forlì-Assessorato alle Pari Opportunità, Agenzia Casa Walden.

    Notizia di: Istituto storico della Resistenza e dell'età contemporanea in Ravenna e provincia - Alfonsine


  • 19/5/2011, Archivio di Stato Via San Serafino da Montegranaro, 8/c -Ascoli Piceno

    Visita guidata alla mostra "Il Piceno e la Shoah"

    Visita guidata alla mostra "Il Piceno e la Shoah" della "° ITCG Umberto I di Ascoli Piceno A cura della Docente Comandata Rita Forlini dell'ISML di Ascoli Piceno Nella sede ISML di Ascoli Piceno laboratorio didattico di approfondimento con proiezione di video con testimonianze.

    Notizia di: Istituto provinciale per la storia del movimento di liberazione nelle Marche - Ascoli Piceno


  • 15/5/2011, Polo archivistico di Reggio Emilia, via Dante 11, Reggio Emilia

    Dal Cusna al Po. La Provincia di Reggio Emilia nella storia d’Italia

    In occasione del 150° dell’Unità d’Italia si consolida uno dei 
principali luoghi della memoria locale grazie al trasferimento 
presso il Polo archivistico di Reggio Emilia dell’Archivio storico 
della Provincia di Reggio Emilia. In tal modo viene messo a 
disposizione dell’intera comunità locale un ricco patrimonio 
culturale capace di documentare la vicenda storica della 
provincia a partire dall’unità d’Italia. Per l’occasione, la Provincia di Reggio Emilia, il Comune 
di Reggio Emilia ed Istoreco propongono una mostra 
documentaria che ripercorre le tappe principali dell’evoluzione 
dell’ente Provincia nel contesto dell’Italia liberale, fascista e 
repubblicana; l’itinerario attraverso documenti, fotografie, 
mappe e progetti ricostruisce l’importante contributo della 
Provincia nella trasformazione e modernizzazione della 
comunità provinciale lungo i centocinquantanni di storia 
nazionale. Una specifica sezione è poi riservata ad alcuni 
protagonisti che hanno svolto la loro esperienza politico-amministrativa presso la Provincia, imprimendo un segno 
duraturo sulla vicenda storica locale. Per informazioni: Provincia di Reggio Emilia - 0522 444164 Polo Archivistico - 0522 456125

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea in provincia di Reggio Emilia - Reggio Emilia


  • 14/5/2011, Riccione-Villa Mussolini-Lungomare della Repubblica, 31

    Ricordare il passato per progettare il futuro. Prigionieri per la libertà

    Mostra fotografica sugli internati militari italiani durante la seconda guerra mondiale, visti attraverso la fotografia del tenente Vittorio Vialli (IMI 6168). La mostra inaugurata, sabato 14 maggio, dalle autorità locali, con la presenza del nostro presidente Paolo Zaghini, sarà presente alla Villa Mussolini fino al 2 giugno 2011. Per info.: tel. 0541 799800

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e dell'Italia contemporanea della provincia di Rimini - Rimini


  • 10/5/2011, ore 17:00 - Bologna, Istituto Parri, via Sant'Isaia 20 (ingresso Museo della Resistenza)

    "Maestre (e maestri) d'Italia. Una storia da vedere: i 150 anni del Liceo Laura Bassi"

    Dal 10 maggio al 10 giugno 2011 l'Istituto Parri ospita la mostra "Maestre (e maestri) d'Italia. Una storia da vedere: i 150 anni del Liceo Laura Bassi", promossa e organizzata dal Liceo Laura Bassi di Bologna. Filmati e documenti ricostruiscono le vicende di una storica istituzione scolastica bolognese. Inaugurazione martedì 10 maggio alle 17. Orari di apertura: dal lunedì al venerdì, ore 16-19; sabato ore 10-13. Ingresso libero.

    Notizia di: Istituto storico Parri - Bologna


  • Polo archivistico di Reggio Emilia, via Dante 11, Reggio Emilia

    Dal Cusna al Po. La Provincia di Reggio Emilia nella storia d’Italia

    In occasione del 150° dell’Unità d’Italia si consolida uno dei 
principali luoghi della memoria locale grazie al trasferimento 
presso il Polo archivistico di Reggio Emilia dell’Archivio storico 
della Provincia di Reggio Emilia. In tal modo viene messo a 
disposizione dell’intera comunità locale un ricco patrimonio 
culturale capace di documentare la vicenda storica della 
provincia a partire dall’unità d’Italia. Per l’occasione, la Provincia di Reggio Emilia, il Comune 
di Reggio Emilia ed Istoreco propongono una mostra 
documentaria che ripercorre le tappe principali dell’evoluzione 
dell’ente Provincia nel contesto dell’Italia liberale, fascista e 
repubblicana; l’itinerario attraverso documenti, fotografie, 
mappe e progetti ricostruisce l’importante contributo della 
Provincia nella trasformazione e modernizzazione della 
comunità provinciale lungo i centocinquantanni di storia 
nazionale. Una specifica sezione è poi riservata ad alcuni 
protagonisti che hanno svolto la loro esperienza politico-amministrativa presso la Provincia, imprimendo un segno 
duraturo sulla vicenda storica locale. Per informazioni: Provincia di Reggio Emilia - 0522 444164 Polo Archivistico - 0522 456125

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea in provincia di Reggio Emilia - Reggio Emilia


  • 5/5/2011, Sordevolo (Bi), Villa Cernigliaro

    Disegni di libertà

    Sordevolo, 25 aprile - 8 maggio 2011. Esposizione della mostra "Disegni di libertà", che raccoglie disegni realizzati tra il 1944 e il 1945 da Alfredo Domenicone, giovanissimo partigiano, che partecipò, con il nome di battaglia di "Steo", alla lotta di liberazione in Valsesia. La rappresentazione grafica della difficile vita del combattente per la libertà emerge da "pochi schizzi scarabocchiati in fretta e tinteggiati con fondi di caffè, vino e rossetto per le labbra", come scrive lo stesso autore in una lettera del 1944 indirizzata a Cino Moscatelli, commissario politico delle formazioni garibaldine valsesiane. L’iniziativa è organizzata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" in collaborazione con I Parchi Letterari® Franco Antonicelli, Associazione culturale Zero Gravità e Villa Cernigliaro Dimora storica. Orari: venerdì, sabato e domenica ore 14.30-19 e su prenotazione (tel. 0152562174; e-mail: info@villacernigliaro.it).

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 4/5/2011, Polo archivistico di Reggio Emilia, via Dante 11, Reggio Emilia

    Dal Cusna al Po. La Provincia di Reggio Emilia nella storia d’Italia

    In occasione del 150° dell’Unità d’Italia si consolida uno dei 
principali luoghi della memoria locale grazie al trasferimento 
presso il Polo archivistico di Reggio Emilia dell’Archivio storico 
della Provincia di Reggio Emilia. In tal modo viene messo a 
disposizione dell’intera comunità locale un ricco patrimonio 
culturale capace di documentare la vicenda storica della 
provincia a partire dall’unità d’Italia. Per l’occasione, la Provincia di Reggio Emilia, il Comune 
di Reggio Emilia ed Istoreco propongono una mostra 
documentaria che ripercorre le tappe principali dell’evoluzione 
dell’ente Provincia nel contesto dell’Italia liberale, fascista e 
repubblicana; l’itinerario attraverso documenti, fotografie, 
mappe e progetti ricostruisce l’importante contributo della 
Provincia nella trasformazione e modernizzazione della 
comunità provinciale lungo i centocinquantanni di storia 
nazionale. Una specifica sezione è poi riservata ad alcuni 
protagonisti che hanno svolto la loro esperienza politico-amministrativa presso la Provincia, imprimendo un segno 
duraturo sulla vicenda storica locale. Per informazioni: Provincia di Reggio Emilia - 0522 444164 Polo Archivistico - 0522 456125

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea in provincia di Reggio Emilia - Reggio Emilia


  • 29/4/2011, ore 10:00 - Archivio di Stato Via San Serafino da Montegranaro, 8/c -Ascoli Piceno

    Visita guidata alla mostra "Il Piceno e la Shoah"

    Visita guidata alla mostra "Il Piceno e la Shoah" delle classi 5° della scuola Malaspina di Ascoli Piceno a cura di Rita Forlini docente Comandata dell'ISML di Ascoli Piceno

    Notizia di: Istituto provinciale per la storia del movimento di liberazione nelle Marche - Ascoli Piceno


  • 28/4/2011, ore 9:30 - Archivio di Stato Via San Serafino da Montegranaro, 8/c -Ascoli Piceno

    Visita guidata alla mostra "Il Piceno e la Shoah"

    Visita guidata alla mostra "Il Piceno e la Shoah" delle classi 5° della scuola Primaria "Falcone Borsellino" a cura di Rita Forlini Docente Comandata dell'ISML di Ascoli Piceno

    Notizia di: Istituto provinciale per la storia del movimento di liberazione nelle Marche - Ascoli Piceno


  • 26/4/2011, Soprana (Bi), Mulino dei Susta

    L’alba che segnò d’iride i biancospini

    Soprana, 19 aprile - 1 maggio 2011. Esposizione, in occasione delle celebrazioni per il 66° anniversario della Liberazione, della mostra "L’alba che segnò d’iride i biancospini. La storia e i luoghi dei partigiani della XII divisione Nedo", realizzata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" e curata da Enrico Pagano. L’esposizione è organizzata dall’Istituto in collaborazione con il Comune di Soprana e l’Anpi sezione Alta Vallestrona. L’inaugurazione si terrà martedì 19 aprile alle 16.30. La mostra sarà visitabile nei giorni feriali su prenotazione presso gli uffici comunali, sabato 23 aprile, sabato 30 aprile e domenica 1 maggio dalle 15 alle 18. Ingresso libero.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • Sordevolo (Bi), Villa Cernigliaro

    Disegni di libertà

    Sordevolo, 25 aprile - 8 maggio 2011. Esposizione della mostra "Disegni di libertà", che raccoglie disegni realizzati tra il 1944 e il 1945 da Alfredo Domenicone, giovanissimo partigiano, che partecipò, con il nome di battaglia di "Steo", alla lotta di liberazione in Valsesia. La rappresentazione grafica della difficile vita del combattente per la libertà emerge da "pochi schizzi scarabocchiati in fretta e tinteggiati con fondi di caffè, vino e rossetto per le labbra", come scrive lo stesso autore in una lettera del 1944 indirizzata a Cino Moscatelli, commissario politico delle formazioni garibaldine valsesiane. L’iniziativa è organizzata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" in collaborazione con I Parchi Letterari® Franco Antonicelli, Associazione culturale Zero Gravità e Villa Cernigliaro Dimora storica. Orari: venerdì, sabato e domenica ore 14.30-19 e su prenotazione (tel. 0152562174; e-mail: info@villacernigliaro.it).

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 25/4/2011, Sordevolo (Bi), Villa Cernigliaro

    Disegni di libertà

    Sordevolo, 25 aprile - 8 maggio 2011. Esposizione della mostra "Disegni di libertà", che raccoglie disegni realizzati tra il 1944 e il 1945 da Alfredo Domenicone, giovanissimo partigiano, che partecipò, con il nome di battaglia di "Steo", alla lotta di liberazione in Valsesia. La rappresentazione grafica della difficile vita del combattente per la libertà emerge da "pochi schizzi scarabocchiati in fretta e tinteggiati con fondi di caffè, vino e rossetto per le labbra", come scrive lo stesso autore in una lettera del 1944 indirizzata a Cino Moscatelli, commissario politico delle formazioni garibaldine valsesiane. L’iniziativa è organizzata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" in collaborazione con I Parchi Letterari® Franco Antonicelli, Associazione culturale Zero Gravità e Villa Cernigliaro Dimora storica. Orari: venerdì, sabato e domenica ore 14.30-19 e su prenotazione (tel. 0152562174; e-mail: info@villacernigliaro.it).

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • Soprana (Bi), Mulino dei Susta

    L’alba che segnò d’iride i biancospini

    Soprana, 19 aprile - 1 maggio 2011. Esposizione, in occasione delle celebrazioni per il 66° anniversario della Liberazione, della mostra "L’alba che segnò d’iride i biancospini. La storia e i luoghi dei partigiani della XII divisione Nedo", realizzata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" e curata da Enrico Pagano. L’esposizione è organizzata dall’Istituto in collaborazione con il Comune di Soprana e l’Anpi sezione Alta Vallestrona. L’inaugurazione si terrà martedì 19 aprile alle 16.30. La mostra sarà visitabile nei giorni feriali su prenotazione presso gli uffici comunali, sabato 23 aprile, sabato 30 aprile e domenica 1 maggio dalle 15 alle 18. Ingresso libero.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 20/4/2011, ore 9:00 - Belluno, Istituto Secondario di I Grado “Nievo”

    “Giornata delle Istituzioni” - “Il risorgimento italiano nei cartelloni delle scuole elementari”

    Mercoledì 20 marzo, nel quadro della celebrazione della “Giornata delle Istituzioni”, manifestazione che l’Istituto Secondario di I Grado “Nievo” organizza ogni anno per far incontrare gli studenti e i rappresentanti delle Istituzioni locali, l’ISBREC, in collaborazione con l’Istituto Comprensivo di Cortina d’Ampezzo, ha allestito la mostra “Il risorgimento italiano nei cartelloni delle scuole elementari”. Sono stati esposti 18 cartelloni, utilizzati nelle scuole elementari tra la fine del XIX e gli inizi del XX secolo, che ripercorrono le tappe salienti del risorgimento italiani dal 1820 alla presa di Roma. La presenza dell’ISBREC è stata assicurata dal docente comandato.

    Notizia di: Istituto storico bellunese della Resistenza e dell'età contemporanea - Belluno


  • 19/4/2011, Soprana (Bi), Mulino dei Susta

    L’alba che segnò d’iride i biancospini

    Soprana, 19 aprile - 1 maggio 2011. Esposizione, in occasione delle celebrazioni per il 66° anniversario della Liberazione, della mostra "L’alba che segnò d’iride i biancospini. La storia e i luoghi dei partigiani della XII divisione Nedo", realizzata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" e curata da Enrico Pagano. L’esposizione è organizzata dall’Istituto in collaborazione con il Comune di Soprana e l’Anpi sezione Alta Vallestrona. L’inaugurazione si terrà martedì 19 aprile alle 16.30. La mostra sarà visitabile nei giorni feriali su prenotazione presso gli uffici comunali, sabato 23 aprile, sabato 30 aprile e domenica 1 maggio dalle 15 alle 18. Ingresso libero.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • Polo archivistico, via Dante Alighieri 11, reggio Emilia

    Una matita alla dinamite

    Istoreco, Centro di iniziativa Camillo Prampolini e Centro Studi Isola di Ustica Invitano alla mostra Una matita alla dinamite Le vignette satiriche di Giuseppe Scalarini Confinato politico antifascista a Ustica A cura di Centro Studi e Documentazione Isola di Ustica Organizzazione e coordinamento: Vito Ailara, Giulio Calderaro Ricerche: Giovanna Delfini Progetto di allestimento: Maria Grazia Barraco presso Istoreco Polo archivistico (ex stalloni), via Dante Alighieri 11 dal 15 al 29 aprile 2011 Orario mostra: dal martedì al sabato: 8.30 - 13.00 martedì, giovedì e sabato: 15.00 - 18.00 Apertura straordinaria il 25 aprile dalle 9.30 alle 13.00 e dalle 15.30 alle 19.00 Giuseppe Scalarini é considerato il creatore della vignetta satirica politica in Italia. Disegnatore satirico per il quotidiano del Partito Socialista Italiano, l’Avanti! dal 1911 al 1925, e fervente pacifista e antimilitarista, fu poi duramente perseguitato dal Fascismo. Fu infatti confinato come politico antifascista nell’isole Lampedusa e Ustica e nei campi di concentramento di Istonio (Vasto) e Bucchianico in Abruzzo.Era solito firmare le proprie vignette e disegni con un vero e proprio inconfondibile rebus formato sul suo cognome: il disegno stilizzato di una scala a pioli seguito dalle sillabe "rini" finali. Con una mostra dedicata ai disegni prodotti da Giuseppe Scalarini nel corso dei primi tre decenni del Novecento, il Centro Studi e Documentazione Isola di Ustica ha voluto celebrare quello che viene considerato il padre della satira politico-sociale italiana: il precursore dei Forattini, dei Giannelli, degli Altan, dei Vauro e dei tanti artisti che oggi illustrano con le loro graffianti vignette le pagine di quotidiani e periodici. Ma intende anche rendere omaggio a un figlio adottivo di Ustica che, in appena un anno e mezzo di confino politico trascorso nella nostra isola, dal 15 marzo 1927 al 7 novembre 1928, si legò affettivamente alla terra, al mare, all’ambiente e alla gente, riuscendo a distillare dalla sofferenza della reclusione i più puri sentimenti di ammirazione e di fratellanza. Sono vignette che, da sole, valgono quanto un saggio di storia, ciascuna di esse riassumendo con pochi tratti e brevi diciture la malvagità, l’ingiustizia e l’arroganza del potere che agisce in spregio alla democrazia; e la sofferenza degli inermi e dei perseguitati. La mirabile matita di Scalarini si è offerta più di una volta a icastiche metafore. Si tramanda che Mussolini, o qualcuno dei suoi gerarchi, abbia ordinato: "Fermate quella matita!": imperioso comando che fu subito attuato a suon di mazza té e olio di ricino, come usava a quei tempi. Per il titolo della mostra, si è preferito scegliere un epiteto coniato apposta per l’artista da uno dei suoi amici all’"Avanti!" (il giornale socialista che pubblicava le vignette di Scalarini), il quale lo definì: "Una matita alla dinamite". Una matita che continua a esplodere, pacificamente, a distanza di tanti decenni, squarciando il velo che nasconde le malefatte di ieri e di oggi.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea in provincia di Reggio Emilia - Reggio Emilia


  • 15/4/2011, Polo archivistico, via Dante Alighieri 11, reggio Emilia

    Una matita alla dinamite

    Istoreco, Centro di iniziativa Camillo Prampolini e Centro Studi Isola di Ustica Invitano alla mostra Una matita alla dinamite Le vignette satiriche di Giuseppe Scalarini Confinato politico antifascista a Ustica A cura di Centro Studi e Documentazione Isola di Ustica Organizzazione e coordinamento: Vito Ailara, Giulio Calderaro Ricerche: Giovanna Delfini Progetto di allestimento: Maria Grazia Barraco presso Istoreco Polo archivistico (ex stalloni), via Dante Alighieri 11 dal 15 al 29 aprile 2011 Orario mostra: dal martedì al sabato: 8.30 - 13.00 martedì, giovedì e sabato: 15.00 - 18.00 Apertura straordinaria il 25 aprile dalle 9.30 alle 13.00 e dalle 15.30 alle 19.00 Giuseppe Scalarini é considerato il creatore della vignetta satirica politica in Italia. Disegnatore satirico per il quotidiano del Partito Socialista Italiano, l’Avanti! dal 1911 al 1925, e fervente pacifista e antimilitarista, fu poi duramente perseguitato dal Fascismo. Fu infatti confinato come politico antifascista nell’isole Lampedusa e Ustica e nei campi di concentramento di Istonio (Vasto) e Bucchianico in Abruzzo.Era solito firmare le proprie vignette e disegni con un vero e proprio inconfondibile rebus formato sul suo cognome: il disegno stilizzato di una scala a pioli seguito dalle sillabe "rini" finali. Con una mostra dedicata ai disegni prodotti da Giuseppe Scalarini nel corso dei primi tre decenni del Novecento, il Centro Studi e Documentazione Isola di Ustica ha voluto celebrare quello che viene considerato il padre della satira politico-sociale italiana: il precursore dei Forattini, dei Giannelli, degli Altan, dei Vauro e dei tanti artisti che oggi illustrano con le loro graffianti vignette le pagine di quotidiani e periodici. Ma intende anche rendere omaggio a un figlio adottivo di Ustica che, in appena un anno e mezzo di confino politico trascorso nella nostra isola, dal 15 marzo 1927 al 7 novembre 1928, si legò affettivamente alla terra, al mare, all’ambiente e alla gente, riuscendo a distillare dalla sofferenza della reclusione i più puri sentimenti di ammirazione e di fratellanza. Sono vignette che, da sole, valgono quanto un saggio di storia, ciascuna di esse riassumendo con pochi tratti e brevi diciture la malvagità, l’ingiustizia e l’arroganza del potere che agisce in spregio alla democrazia; e la sofferenza degli inermi e dei perseguitati. La mirabile matita di Scalarini si è offerta più di una volta a icastiche metafore. Si tramanda che Mussolini, o qualcuno dei suoi gerarchi, abbia ordinato: "Fermate quella matita!": imperioso comando che fu subito attuato a suon di mazza té e olio di ricino, come usava a quei tempi. Per il titolo della mostra, si è preferito scegliere un epiteto coniato apposta per l’artista da uno dei suoi amici all’"Avanti!" (il giornale socialista che pubblicava le vignette di Scalarini), il quale lo definì: "Una matita alla dinamite". Una matita che continua a esplodere, pacificamente, a distanza di tanti decenni, squarciando il velo che nasconde le malefatte di ieri e di oggi.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea in provincia di Reggio Emilia - Reggio Emilia


  • 15/4/2011, ore 10:00 - Archivio di Stato Via San Serafino da Montegranaro, 8/c -Ascoli Piceno

    Visita guidata alla mostra "Il Piceno e la Shoah"

    Ore 10.00 Visita guidata alla mostra "Il Piceno e la Shoah" delle classi 3° della scuola media "M. D'Azeglio" di Ascoli Piceno a cura di Rita Forlini docente comandata ISML di Ascoli Piceno

    Notizia di: Istituto provinciale per la storia del movimento di liberazione nelle Marche - Ascoli Piceno


  • 12/4/2011, ore 13:00 - Milano

    I deportati libici ad Ustica

    In occasione del seminario "Memoria e patrimonializzazione della memoria storica" (che si terrà nell'ambito della 5a edizione del Seminario interdisciplinare interfacoltà interuniversitario), martedì 12 aprile 2011 sarà inaugurata la mostra "I deportati libici ad Ustica". L'esposizione sarà visitabile fino al 20 aprile 2011 presso la Facoltà di Scienze Politiche (Scalone della Presidenza) dell''Università degli Studi di Milano, in via Conservatorio 7.

    Notizia di: Istituto Nazionale Ferruccio Parri. Rete degli istituti per la storia della Resistenza e dell’età contemporanea - Milano


  • 11/4/2011, ore 00:00 - Biblioteca Comunale via Emilia 80 - Casa Piani via Emilia 88 - Imola

    "Persone disobbedienti, storie a fumetti di donne e uomini dal fascismo alla democrazia"

    Mostra a cura del C.I.D.R.A. in collaborazione con la Biblioteca Comunale, l'A.N.P.I. e il CISS/T dei disegni originali di Daniele Trombetti della pubblicazione "Persone disobbedienti, storie a fumetti di donne e uomini dal fascismo alla democrazia". La mostra rimarrà aperta fino al 30 aprile e rispetterà i seguenti orari: Biblioteca Comunale di Imola: lun. - sab. ore 8.30-13; mar-ven. ore 14.15-18.45; Casa Piani: mar.-sab. ore 8.30-13; mar.-ven. ore 14.35-18.30.

    Notizia di: Cidra, Centro imolese documentazione Resistenza antifascista - Imola


  • 9/4/2011, ore 9:30 - Archivio di Stato Via San Serafino da Montegranaro, 8/c -Ascoli Piceno

    Visita guidata alla mostra "Il Piceno e la Shoah"

    Visita guidata alla mostra "Il Piceno e la Shoah"delle classi 4° della scuola Malaspina di Ascoli Piceno a cura di Rita Forlini docente Comandata dell'ISML di Ascoli Piceno

    Notizia di: Istituto provinciale per la storia del movimento di liberazione nelle Marche - Ascoli Piceno


  • 8/4/2011, ore 17:00 - Sala Mostre del Circolo Way-Assauto - Corso Pietro Chiesa, 20 - Asti

    IL BELLO, IL BRUTTO, IL CATTIVO

    Inaugurazione mostra "IL BELLO, IL BRUTTO, IL CATTIVO" il Primo salone delle arti visive al servizio del territorio presenta Pae(saggi)? Ricerca iconografica e documentaria realizzata dalla Scuola Media Statale di Montafia (AT) nell’anno scolastico 2009/2010 La mostra resterà aperta dall'8 aprile al 25 aprile nei seguenti orari: dal Lunedì al Venerdì ore 14:30/24:00 Sabato 9:00/12:30 – 14:30/24:00 Domenica 9:00/12:30 – 14:30/20:00

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nella provincia di Asti - Asti


  • 4/4/2011, ore 17:00 - Trieste

    Il confine orientale nel 150° anniversario dell'Unità d'Italia

    Lunedì 4 aprile, alle ore 17, presso la Biblioteca Statale di Trieste, largo Papa Giovanni n. 6, inaugurazione della Mostra "Il confine orientale nel 150° anniversario dell'Unità d'Italia". Esposizione di libri, riviste, giornali e documenti dai fondi librari ed archivistici della Biblioteca Statale di Trieste e dell'Istituto regionale per la storia del movimento di liberazione nel Friuli Venezia Giulia. La Mostra è realizzata in collaborazione con la Biblioteca Statale di Trieste.

    Notizia di: Istituto regionale per la storia della Resistenza e dell'Età contemporanea nel Friuli Venezia Giulia - Trieste


  • 4/4/2011, ore 10:00 - Archivio di Stato Via San Serafino da Montegranaro, 8/c -Ascoli Piceno

    Visita guidata alla mostra "Il Piceno e la Shoah"

    Ore 10.00 Visita guidata alla Mostra il Piceno e la Shoah" delle classi 5° della scuola Primaria "Malaspina" di Ascoli Piceno a cura di Rita Forlini docente comandata dell'ISML di Ascoli Piceno ore 11.30 Proiezione del filmato L'onore e la memoria di Argeo Polloni e Marcello Lucadei nella sala della Biblioteca Provinciale di Storia Contemporanea "U. Toria".

    Notizia di: Istituto provinciale per la storia del movimento di liberazione nelle Marche - Ascoli Piceno


  • 2/4/2011, ore 00:00 - Aula Magna Istituto "Cassiano" via Ariosto, 1 - Imola

    "Per la nostra e la vostra libertà"

    La mostra, maturata all'interno di un progetto europeo, in partnerariato con la scuola polacca Zespol Szkol Tekstylno-Handlowych di Zagan, nasce dal desiderio di proporre alle scuole imolesi e alla cittadinanza tutta il ricordo di una pagina della nostra storia recente che ha visto procedere insieme il popolo italiano e il popolo polacco in un desiderio condiviso di pace e di libertà. Questo ricordo passa attraverso la scoperta di un personaggio straordinario, simbolo di fedeltà e di coraggio, un personaggio che ha entusiasmato i ragazzi italiani e polacchi: l'orso Wojtek mascotte del II Corpo d'Armata polacco, che ha attraversato con i suoi "compagni d'armi" 6 paesi e 2 contintenti per terminare la sua vita nello zoo di Edimburgo in Scozia. Le vicende di questo simpatico orso, narrate e illustrate in un fumetto originale scritto dalle classi italiana e polacca e disegnate da un'allieva polacca, Anna Kret, sono corredate da una documentazione fotografica offerta dal CIDRA e dal Consolato della Repubblica di Polonia, nell'intento di proporre un percorso meno accademico sulla liberazione d'Italia in generale e di Imola in particolare; liberazione avventua anche con l'aiuto determinante del II Corpo d'Armata Polacco. La mostra rimarrà aperta fino al 16 aprile e rispetterà i seguenti orari: dal lunedì al sabato ore 9.00-12.00; sabato 16 aprile anche dalle 15.00 alle 17.00.

    Notizia di: Cidra, Centro imolese documentazione Resistenza antifascista - Imola


  • 2/4/2011, ore 9:30 - Archivio di Stato Via San Serafino da Montegranaro, 8/c -Ascoli Piceno

    Visita guidata alla mostra "Il Piceno e la Shoah"

    ore 9.30 Visita guidata alla mostra "Il Piceno e la Shoah" delle classi 4° della scuola primaria "Speranza" di Ascoli Piceno a cura di Rita Forlini Docente Comandato ISML Ascoli Piceno ore11.00 proiezione del filmato "L'Onore e lamemoria" di Argeo Polloni e Marcello Lucadei nella Biblioteca di storia contemporanea "U. Toria"

    Notizia di: Istituto provinciale per la storia del movimento di liberazione nelle Marche - Ascoli Piceno


  • 31/3/2011, ore 00:00 - Sedico (BL), Istituto Secondario di I Grado “Ugo Foscolo”

    “Il risorgimento italiano nei cartelloni delle scuole elementari”

    Giovedì 30 marzo viene inaugurata presso l’Istituto Secondario di I Grado “Ugo Foscolo” di Sedico la mostra “Il risorgimento italiano nei cartelloni delle scuole elementari”, realizzata dall’ISBREC e dall’Istituto Comprensivo di Cortina d’Ampezzo. Vengono esposti per l’occasione 17 cartelloni, utilizzati nelle scuole elementari tra la fine del XIX e gli inizi del XX secolo, che ripercorrono le tappe salienti del risorgimento italiani dal 1820 alla presa di Roma. La presenza dell’ISBREC è assicurata dal docente comandato.

    Notizia di: Istituto storico bellunese della Resistenza e dell'età contemporanea - Belluno


  • 30/3/2011, ore 17:00 - Istituto Storico della Resistenza Palazzo Medici Riccardi, Via Cavour, 1 50129 Firenze

    Anne Frank. Una storia attuale

    Mercoledì 30 marzo alle ore 17,00 si inaugura a Palazzo Medici Riccardi sala Pistelli, la mostra documentaria su Anne Frank. La mostra durerà fino all'8 maggio con orario: 9,30-13,00 e 15,00-18,30 (tutti i giorni escluso il mercoledì).

    Notizia di: Istituto storico della Resistenza in Toscana - Firenze


  • 25/3/2011, Archivio di Stato Via San Serafino da Montegranaro, 8/c -Ascoli Piceno

    Il Piceno e la Shoah : Persecuzione e internamento degli ebrei nei documenti d'archivio - Mostra foto-documentare 31 gennaio-30 aprile 2011

    ore 9.30 Visita guidata della mostra foto-documentaria: Il Piceno e la Shoah delle classi 3° della Scuola Media di Castel di Lama (AP) a cura della docente comandata Rita Forlini Ore 11.00 Nella sede ISML di Ascoli Piceno prioezione rivolta alle classi 3° della scuola Media di Castel di Lama (AP) del video di Argeo Polloni e Marcello Lucadei "L'orrore e la memoria", attività coordinata dalla docente comandata Rita Frolini

    Notizia di: Istituto provinciale per la storia del movimento di liberazione nelle Marche - Ascoli Piceno


  • 11/3/2011, ore 18:00 - Reggio Emilia

    «Io sono testimonianza», mostra

    Una mostra per ricordare la strage di Bologna del 2 agosto 1980 11-26 marzo 2011 Inaugurazione: venerdì 11 marzo 2011, ore 18 Istoreco-Via Dante 11, Reggio Emilia Venerdì 11 marzo, alle ore 18, presso i locali del Istoreco-Polo archivistico del Comune di Reggio Emilia, in via Dante 11 a Reggio Emilia, verrà inaugurata la mostra «Io sono testimonianza», una mostra per ricordare la strage di Bologna del 2 agosto 1980, a cura dell’Istituto storico della Resistenza di Bologna (ISREBO) e in collaborazione con l'Associazione fra i familiari delle vittime della strage alla stazione di Bologna del 2 Agosto 1980. A tagliare il nastro Mirco Carrattieri, presidente di Istoreco, e Mauro Maggiorani, direttore di Isrebo In 12 pannelli fotografici, i ritratti di 8 testimoni rimasti feriti nella strage del 2 agosto 1980 alla stazione di Bologna, abbinati a immagini di oggetti, documenti o altre tracce di quel giorno in cui lo scoppio della bomba ha cambiato per sempre la loro vita. A trent'anni di distanza, le persone che hanno accettato di farsi ritrarre da Martino Lombezzi, dopo essere stati segnati dall'esplosione e in alcuni casi avervi perso familiari o amici, sono la testimonianza di una guerra sporca e obliqua mai finita. I testi di accompagnamento alle immagini sono di Cinzia Venturoli. La mostra è aperta dall’11 al 26 marzo 2011 con i seguenti orari dal martedì al sabato 9-13, martedì e giovedì 15-18

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea in provincia di Reggio Emilia - Reggio Emilia


  • 9/3/2011, ore 18:00 - Bologna, Istituto Parri, via Sant'Isaia 20 (ingresso Museo della Resistenza)

    Mostra "Evangelici e Risorgimento"

    In occasione del 150° anniversario della proclamazione dell’Unità d’Italia, la Chiesa Evangelica Metodista di Bologna e Modena e l’Istituto Storico Parri Emilia-Romagna promuovono la mostra: "Evangelici e Risorgimento" a cura della Fondazione Centro Culturale Valdese di Torre Pellice. Inaugurazione il giorno 9 marzo alle ore 18 con ANNAMARIA CANCELLIERI, Commissario Straordinario del Comune di Bologna, MASSIMO MEZZETTI, Assessore alla Cultura della Regione Emilia-Romagna, GUIDO ARMELLINI, Presidente della Chiesa Evangelica Metodista di Bologna e Modena, ALBERTO DE BERNARDI, Presidente dell’Istituto Storico Parri Emilia-Romagna, LUCA ALESSANDRINI, Direttore dell’Istituto Storico Parri Emilia-Romagna. I protestanti hanno preso parte alle vicende risorgimentali con uno slancio e una presenza molto superiori alla loro consistenza numerica. Li animava la convinzione che fosse urgente un radicale rinnovamento religioso e spirituale, condizione necessaria per la rinascita politica e sociale della nazione: si trattava di far uscire l’Italia da quell’arretratezza che la separava dall’Europa moderna, figlia della Riforma, della Rivoluzione inglese, della Rivoluzione francese, e di farne una nazione moderna e laica, contrassegnata dal pluralismo religioso e dalla libertà di coscienza e di culto. La mostra passa in rassegna le diverse identità evangeliche protagoniste del Risorgimento – la chiesa valdese, le chiese libere, le chiese metodiste, battiste e avventiste – e ne mette in luce l’unità progettuale: creare in Italia una nuova coscienza religiosa e civile, basata sulla democratizzazione della conoscenza, sulla libertà di ricerca e di critica, sulla partecipazione responsabile alla vita sociale. Non una mostra puramente celebrativa dunque, ma un’occasione per riflettere su quanto di quel progetto si sia realizzato e su quanto resti da fare nell’Italia di oggi. La mostra sarà aperta dal 9 al 31 marzo 2011 con queste modalità: dal lunedì al venerdì ore 16-19; sabato ore 10-13; il 17 marzo orario continuato dalle 9 alle 19. Ingresso libero.

    Notizia di: Istituto storico Parri - Bologna


  • 28/2/2011, ore 10:30 - Archivio di Stato Via San Serafino da Montegranaro, 8/c -Ascoli Piceno

    Il Piceno e la Shoah : Persecuzione e internamento degli ebrei nei documenti d'archivio - Mostra foto-documentare 31 gennaio-30 aprile 2011

    Visita guidata alla mostra foto-documentaria : Il Piceno e la Shoah alle classi 5° della scuola Primaria G. Rodari (AP) a cura della docente comandata Rita Forlini

    Notizia di: Istituto provinciale per la storia del movimento di liberazione nelle Marche - Ascoli Piceno


  • 25/2/2011, ore 10:00 - Archivio di Stato Via San Serafino da Montegranaro, 8/c -Ascoli Piceno

    Il Piceno e la Shoah : Persecuzione e internamento degli ebrei nei documenti d'archivio - Mostra foto-documentare 31 gennaio-30 aprile 2011

    Visita guidata alla Mostra foto-documentaria : Il Piceno e la Shoah delle classi 4° e 5° della scuola Primaria ISC di Castorano (AP) a cura della docente comandata Rita Forlini

    Notizia di: Istituto provinciale per la storia del movimento di liberazione nelle Marche - Ascoli Piceno


  • 10/2/2011, ore 17:30 - Palazzo del Podestà, Piazza Cavour, Rimini

    Il confine più lungo: mostra fotografica dedicata alla storia del confine orientale italiano

    Il Comune di Rimini, in collaborazione con l' Istituto regionale per la storia del movimento di liberazione del Friuli Venezia Giulia, del Dipartimento di scienze politiche e sociali dell' Università di Trieste e dell’Associazione delle Comunità Istriane, con il sostegno dell' Assessorato alla Cultura della Regione Emilia Romagna, della Provincia di Rimini e dell'Istituto Storico di Rimini, promuove il progetto "Il confine più lungo", dedicato alla storia del confine orientale italiano, un’area che nel corso del Novecento ha subito un complesso processo di trasformazioni e di violenze. Il 10 febbraio 2011 alle ore 17,30 l'inaugurazione della mostra al Palazzo del Podestà, Piazza Cavour, Rimini In allegato il programma dettagliato della mostra

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e dell'Italia contemporanea della provincia di Rimini - Rimini


  • 10/2/2011, ore 9:30 - Grosseto, Palazzo della Prefettura

    Giornata del Ricordo 2011 - “La nostra storia e la storia degli altri” (la mostra, il documentario)

    Quest'anno celebriamo la Giornata del Ricordo con interventi scientifici, una mostra e la proiezione di due documentari. Grazie al patrocinio concessoci dal Prefetto di Grosseto, sarà allestita nel Palazzo della Prefettura la mostra "La nostra storia e la storia degli altri" . L'inaugurazione avverrà il 10 febbraio alle ore ore 9:30. Dopo i saluti del Prefetto, del Presidente della Provincia e del Sindaco del Comune di Grosseto, seguiranno gli interventi: I profughi giuliano-dalmati in provincia di Grosseto. Una ricerca in corso Laura Benedettelli | ISGREC Servigliano: da campo di concentramento a Centro Raccolta Profughi Filippo Ieranò | Associazione “Casa della Memoria” di Servigliano Sarà inoltre proiettato il documentario Una città cosmopolita (Produzione “Casa della Memoria” di Servigliano) L'iniziativa prosegue nel pomeriggio dalle 15:00 alle 18:00, sempre nel Palazzo della Prefettura, con la proiezione del documentario La nostra storia e la storia degli altri. Viaggio intorno al Confine orientale (Produzione ISGREC-Regione Toscana, 2010) e con gli interventi: La conoscenza della lunga storia del Confine orientale, oltre il rito delle celebrazioni Luciana Rocchi | ISGREC Gli spostamenti di popoli in Europa, dolorosa eredità della II guerra mondiale Francesca Cavarocchi | Università degli Studi di Bologna Un profugo illustre a Firenze: Sergio Rusich Franco Quercioli | Quartiere Isolotto, Firenze. La Mostra rimarrà aperta dal 10 al 13 febbraio 2011 (9.30 – 13.00 / 15.00 – 18.00).

    Notizia di: Istituto storico grossetano della Resistenza e dell'età contemporanea - Grosseto


  • 9/2/2011, ore 18:00 - Pieve Vergonte (VB)

    I PAJETTA: UNA STORIA ITALIANA

    In occasione del 67° Anniversario della Commemorazione dei Caduti della Battaglia di Megolo presso la Casa Museo di Megolo l'Amministrazione Comunale di Pieve Vergonte ospita la mostra I PAJETTA: UNA STORIA ITALIANA realizzata dalla Fondazione Centofiori, dal Comune di Savona e dall'ANPI Provinciale di Savona La mostra sarà inaugurata mercoledì 9 febbraio alle ore 18 e sarà visitabile: mercoledì, giovedì e venerdì dalle ore 18,00 alle ore 20,00, sabato dalle ore 10,00 alle ore 22,00, domenica dalle ore 10,00 alle ore 18,00

    Notizia di: Istituto storico della Resistenza e della società contemporanea nel Novarese e nel Verbano Cusio Ossola "Piero Fornara" - Novara


  • 7/2/2011, Crescentino (Vc), Palazzo comunale, p.zza Caretto, 5

    Porrajmos: altre tracce sul sentiero per Auschwitz

    Crescentino, 27 gennaio - 7 febbraio 2011. Mostra sulla deportazione e lo sterminio di rom e sinti, realizzata dall’Istituto di Cultura Sinta di Mantova e dall’Associazione Nevo Drom di Bolzano. Ristampata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" con la compartecipazione del Comitato della Regione Piemonte per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione repubblicana. Iniziativa organizzata dall’Istituto in collaborazione con l’Amministrazione comunale. Inaugurazione mercoledì 26 gennaio ore 17. Orari: da lunedì a venerdì ore 8.30-12.30.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 6/2/2011, Portula (Bi), Sala polivalente del Palazzo comunale

    "Il filo spinato ti lacera anche la mente"

    Portula, 5-6 febbraio 2011. L’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" organizza l’esposizione della mostra "Il filo spinato ti lacera anche la mente" (nuova edizione), disegni realizzati dal pittore vercellese Renzo Roncarolo, internato nei Lager tedeschi durante la seconda guerra mondiale. Con la compartecipazione del Comitato della Regione Piemonte per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione repubblicana. In collaborazione con l’Amministrazione comunale di Portula e l’Anpi sezione Alta Vallestrona. Inaugurazione sabato 5 febbraio ore 10. Orari: sabato 5 ore 10-12 e 15-18; domenica 6 ore 15-18.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 5/2/2011, Portula (Bi), Sala polivalente del Palazzo comunale

    "Il filo spinato ti lacera anche la mente"

    Portula, 5-6 febbraio 2011. L’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" organizza l’esposizione della mostra "Il filo spinato ti lacera anche la mente" (nuova edizione), disegni realizzati dal pittore vercellese Renzo Roncarolo, internato nei Lager tedeschi durante la seconda guerra mondiale. Con la compartecipazione del Comitato della Regione Piemonte per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione repubblicana. In collaborazione con l’Amministrazione comunale di Portula e l’Anpi sezione Alta Vallestrona. Inaugurazione sabato 5 febbraio ore 10. Orari: sabato 5 ore 10-12 e 15-18; domenica 6 ore 15-18.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 4/2/2011, Crescentino (Vc), Palazzo comunale, p.zza Caretto, 5

    Porrajmos: altre tracce sul sentiero per Auschwitz

    Crescentino, 27 gennaio - 7 febbraio 2011. Mostra sulla deportazione e lo sterminio di rom e sinti, realizzata dall’Istituto di Cultura Sinta di Mantova e dall’Associazione Nevo Drom di Bolzano. Ristampata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" con la compartecipazione del Comitato della Regione Piemonte per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione repubblicana. Iniziativa organizzata dall’Istituto in collaborazione con l’Amministrazione comunale. Inaugurazione mercoledì 26 gennaio ore 17. Orari: da lunedì a venerdì ore 8.30-12.30.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 3/2/2011, Crescentino (Vc), Palazzo comunale, p.zza Caretto, 5

    Porrajmos: altre tracce sul sentiero per Auschwitz

    Crescentino, 27 gennaio - 7 febbraio 2011. Mostra sulla deportazione e lo sterminio di rom e sinti, realizzata dall’Istituto di Cultura Sinta di Mantova e dall’Associazione Nevo Drom di Bolzano. Ristampata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" con la compartecipazione del Comitato della Regione Piemonte per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione repubblicana. Iniziativa organizzata dall’Istituto in collaborazione con l’Amministrazione comunale. Inaugurazione mercoledì 26 gennaio ore 17. Orari: da lunedì a venerdì ore 8.30-12.30.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 2/2/2011, Crescentino (Vc), Palazzo comunale, p.zza Caretti, 5

    Porrajmos: altre tracce sul sentiero per Auschwitz

    Crescentino, 27 gennaio - 7 febbraio 2011. Mostra sulla deportazione e lo sterminio di rom e sinti, realizzata dall’Istituto di Cultura Sinta di Mantova e dall’Associazione Nevo Drom di Bolzano. Ristampata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" con la compartecipazione del Comitato della Regione Piemonte per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione repubblicana. Iniziativa organizzata dall’Istituto in collaborazione con l’Amministrazione comunale. Inaugurazione mercoledì 26 gennaio ore 17. Orari: da lunedì a venerdì ore 8.30-12.30.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 1/2/2011, Crescentino (Vc), Palazzo comunale, p.zza Caretto, 5

    Porrajmos: altre tracce sul sentiero per Auschwitz

    Crescentino, 27 gennaio - 7 febbraio 2011. Mostra sulla deportazione e lo sterminio di rom e sinti, realizzata dall’Istituto di Cultura Sinta di Mantova e dall’Associazione Nevo Drom di Bolzano. Ristampata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" con la compartecipazione del Comitato della Regione Piemonte per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione repubblicana. Iniziativa organizzata dall’Istituto in collaborazione con l’Amministrazione comunale. Inaugurazione mercoledì 26 gennaio ore 17. Orari: da lunedì a venerdì ore 8.30-12.30.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 31/1/2011, ore 16:00 - Archivio di Stato Via San Serafino da Montegranaro, 8/c -Ascoli Piceno

    Il Piceno e la Shoah : Persecuzione e internamento degli ebrei nei documenti d'archivio - Mostra foto-documentare 31 gennaio-30 aprile 2011

    Fondazione Museo della Shoah Roma Archivio di Stato di Ascoli Piceno ISML Istituto Provinciale di Storia Contemporanea Ascoli Piceno Il Piceno e la Shoah Persecuzione e internamento degli ebrei nei documenti d'archivio Mostra foto-documentaria 31 gennaio - 30 aprile 2011 Lunedì 31 gennaio ore 16,oo Presentazione della mostra Coordina Andrea Di Stefano - Fondazione Museo della Shoah di Roma Saluti delle Autorità Interventi Carolina Ciaffardoni - direttore Archivio di Stato Leone Paserman - Presidente Fondazine Museo della Shoah di Roma Laura Ciotti - Presidente ISML Ascoli Piceno Alessio Pagliacci - Presidente Consulta Provinciale degli Studenti Filippo Ieranò - Presidente Associazione Casa della Memoria di Servigliano Bruno Coen - Presidente Comunità Ebraica di Ancona Marcello Pezzetti - Direttore Fondazione Museo della Shoah di Roma

    Notizia di: Istituto provinciale per la storia del movimento di liberazione nelle Marche - Ascoli Piceno


  • 31/1/2011, Crescentino (Vc), Palazzo comunale, p.zza Caretto, 5

    Porrajmos: altre tracce sul sentiero per Auschwitz

    Crescentino, 27 gennaio - 7 febbraio 2011. Mostra sulla deportazione e lo sterminio di rom e sinti, realizzata dall’Istituto di Cultura Sinta di Mantova e dall’Associazione Nevo Drom di Bolzano. Ristampata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" con la compartecipazione del Comitato della Regione Piemonte per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione repubblicana. Iniziativa organizzata dall’Istituto in collaborazione con l’Amministrazione comunale. Inaugurazione mercoledì 26 gennaio ore 17. Orari: da lunedì a venerdì ore 8.30-12.30.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 31/1/2011, ore 10:00 - Istituto Secondario di II Grado “Renier” di Belluno

    Mostra sui campi di concentramento e di sterminio nella Germania nazista

    In collaborazione con l’Istituto Secondario di II Grado “Renier” di Belluno, l’ISBREC ha allestito nei locali della medesima scuola una mostra che ricostruisce le vicende della deportazione e dello sterminio nei campi di concentramento nazisti. Si tratta di una quarantina di pannelli che, attraverso la riproduzione di immagini e documenti, ricostruiscono il fenomeno concentrazionario con riferimenti tanto alla realtà europea quanto a quella bellunese. La mostra resterà aperta alle classi dell’Istituto dal 31 gennaio fino all’11 febbraio.

    Notizia di: Istituto storico bellunese della Resistenza e dell'età contemporanea - Belluno


  • 30/1/2011, Varallo (Vc), Palazzo D’Adda

    La Shoah: frammenti di immagini

    Varallo, 27-30 gennaio 2011. Terza edizione dell’esposizione "La Shoah: frammenti di immagini", opere realizzate dalle classi IV e V del Liceo artistico. Iniziativa realizzata dall’Istituto superiore "D’Adda" di Varallo in collaborazione con l’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli", il Comitato della Regione Piemonte per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione repubblicana e l’Amministrazione comunale. Inaugurazione giovedì 27 gennaio ore 11. Orari: giovedì 27 e venerdì 28 dalle 11 alle 13.30 e dalle 15 alle 17; sabato 29 e domenica 30 dalla 10 alle 13 e dalle 15 alle 19.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 30/1/2011, Cigliano (Vc), Centro di Incontro, piazza don Bruno Lorenzetti

    "Il filo spinato ti lacera anche la mente"

    Cigliano, 22-30 gennaio 2011. L’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" organizza l’esposizione della mostra "il filo spinato ti lacera anche la mente" (nuova edizione), disegni realizzati dal pittore vercellese Renzo Roncarolo, internato nei Lager tedeschi durante la seconda guerra mondiale. Con la compartecipazione del Comitato della Regione Piemonte per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione repubblicana. In collaborazione con l’Amministrazione comunale di Cigliano. Inaugurazione sabato 22 gennaio ore 16. Orari: dal 22 al 30 gennaio ore 16-18; 26 e 27 gennaio apertura riservata alle scuole ore 10-12.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 30/1/2011, Trivero (Bi), scuola media, frazione Ronco

    "E da lì è incominciata la nostra odissea..."

    Trivero, 28-30 gennaio 2011. Esposizione della mostra "E da lì è incominciata la nostra odissea... Luoghi e storie di deportazione vercellese, biellese e valsesiana", realizzata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli", con la compartecipazione del Comitato della Regione Piemonte per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione repubblicana e la collaborazione dell'Amministrazione comunale di Trivero, dell’Anpi sezione Alta Vallestrona e dell'Istituto comprensivo di Trivero. Inaugurazione venerdì 28 gennaio ore 10.30. Orari: venerdì 20 ore 10.30-12; sabato 29 ore 10-12 e 15-18; domenica 30 ore 15-18.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 29/1/2011, Varallo (Vc), Palazzo D’Adda

    La Shoah: frammenti di immagini

    Varallo, 27-30 gennaio 2011. Terza edizione dell’esposizione "La Shoah: frammenti di immagini", opere realizzate dalle classi IV e V del Liceo artistico. Iniziativa realizzata dall’Istituto superiore "D’Adda" di Varallo in collaborazione con l’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli", il Comitato della Regione Piemonte per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione repubblicana e l’Amministrazione comunale. Inaugurazione giovedì 27 gennaio ore 11. Orari: giovedì 27 e venerdì 28 dalle 11 alle 13.30 e dalle 15 alle 17; sabato 29 e domenica 30 dalla 10 alle 13 e dalle 15 alle 19.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 29/1/2011, Cigliano (Vc), Centro di Incontro, piazza don Bruno Lorenzetti

    "Il filo spinato ti lacera anche la mente"

    Cigliano, 22-30 gennaio 2011. L’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" organizza l’esposizione della mostra "il filo spinato ti lacera anche la mente" (nuova edizione), disegni realizzati dal pittore vercellese Renzo Roncarolo, internato nei Lager tedeschi durante la seconda guerra mondiale. Con la compartecipazione del Comitato della Regione Piemonte per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione repubblicana. In collaborazione con l’Amministrazione comunale di Cigliano. Inaugurazione sabato 22 gennaio ore 16. Orari: dal 22 al 30 gennaio ore 16-18; 26 e 27 gennaio apertura riservata alle scuole ore 10-12.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 29/1/2011, Trivero (Bi), scuola media, frazione Ronco

    "E da lì è incominciata la nostra odissea..."

    Trivero, 28-30 gennaio 2011. Esposizione della mostra "E da lì è incominciata la nostra odissea... Luoghi e storie di deportazione vercellese, biellese e valsesiana", realizzata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli", con la compartecipazione del Comitato della Regione Piemonte per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione repubblicana e la collaborazione dell'Amministrazione comunale di Trivero, dell’Anpi sezione Alta Vallestrona e dell'Istituto comprensivo di Trivero. Inaugurazione venerdì 28 gennaio ore 10.30. Orari: venerdì 20 ore 10.30-12; sabato 29 ore 10-12 e 15-18; domenica 30 ore 15-18.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 29/1/2011, ore 16:00 - Palazzo Reale, Crespano del Grappa (TV)

    Mostra storico-fotografica IL FILO INVISIBILE DELLA MEMORIA

    In occasione delle celebrazioni del Giorno della Memoria: presentazione della Mostra storico-fotografica IL FILO INVISIBILE DELLA MEMORIA Testimonianze di alcuni protagonisti della Resistenza e dell'internamento in Germania: Zeno Buratto, Marco Andreatta, Lorenzo Basso, Marcella Dallan. Coordina: Lorenzo Capovilla (Istresco) Organizzazione: Istituto comprensivo di Crespano - Comune di Crespano del Grappa - Istresco

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea della Marca Trevigiana - Treviso


  • 29/1/2011, ore 9:00 - Auditorium Villaggio del fanciullo Bari

    Giornata della memoria

    Il Liceo artistico "De Nittis" di Bari ha organizzato presso il Villaggio del fanciullo una mostra multimediale sulla shoah. Relatore della giornata di studio prof. Vito Antonio Leuzzi (IPSAIC) e alcuni docenti del liceo.

    Notizia di: Istituto pugliese per la storia dell'antifascismo e dell'Italia contemporanea - Bari


  • 28/1/2011, Varallo (Vc), Palazzo D’Adda

    La Shoah: frammenti di immagini

    Varallo, 27-30 gennaio 2011. Terza edizione dell’esposizione "La Shoah: frammenti di immagini", opere realizzate dalle classi IV e V del Liceo artistico. Iniziativa realizzata dall’Istituto superiore "D’Adda" di Varallo in collaborazione con l’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli", il Comitato della Regione Piemonte per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione repubblicana e l’Amministrazione comunale. Inaugurazione giovedì 27 gennaio ore 11. Orari: giovedì 27 e venerdì 28 dalle 11 alle 13.30 e dalle 15 alle 17; sabato 29 e domenica 30 dalla 10 alle 13 e dalle 15 alle 19.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 28/1/2011, Cigliano (Vc), Centro di Incontro, piazza don Bruno Lorenzetti

    "Il filo spinato ti lacera anche la mente"

    Cigliano, 22-30 gennaio 2011. L’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" organizza l’esposizione della mostra "il filo spinato ti lacera anche la mente" (nuova edizione), disegni realizzati dal pittore vercellese Renzo Roncarolo, internato nei Lager tedeschi durante la seconda guerra mondiale. Con la compartecipazione del Comitato della Regione Piemonte per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione repubblicana. In collaborazione con l’Amministrazione comunale di Cigliano. Inaugurazione sabato 22 gennaio ore 16. Orari: dal 22 al 30 gennaio ore 16-18; 26 e 27 gennaio apertura riservata alle scuole ore 10-12.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 28/1/2011, Trivero (Bi), scuola media, frazione Ronco

    "E da lì è incominciata la nostra odissea..."

    Trivero, 28-30 gennaio 2011. Esposizione della mostra "E da lì è incominciata la nostra odissea... Luoghi e storie di deportazione vercellese, biellese e valsesiana", realizzata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli", con la compartecipazione del Comitato della Regione Piemonte per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione repubblicana e la collaborazione dell'Amministrazione comunale di Trivero, dell’Anpi sezione Alta Vallestrona e dell'Istituto comprensivo di Trivero. Inaugurazione venerdì 28 gennaio ore 10.30. Orari: venerdì 20 ore 10.30-12; sabato 29 ore 10-12 e 15-18; domenica 30 ore 15-18.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 28/1/2011, Crescentino (Vc), Palazzo comunale, p.zza Caretto, 5

    Porrajmos: altre tracce sul sentiero per Auschwitz

    Crescentino, 27 gennaio - 7 febbraio 2011. Mostra sulla deportazione e lo sterminio di rom e sinti, realizzata dall’Istituto di Cultura Sinta di Mantova e dall’Associazione Nevo Drom di Bolzano. Ristampata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" con la compartecipazione del Comitato della Regione Piemonte per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione repubblicana. Iniziativa organizzata dall’Istituto in collaborazione con l’Amministrazione comunale. Inaugurazione mercoledì 26 gennaio ore 17. Orari: da lunedì a venerdì ore 8.30-12.30.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 27/1/2011, ore 11:00 - Venezia, Villa Hériot, Casa della Memoria e della storia del '900 veneziano

    Ritorno a scuola. L’educazione dei bambini e dei ragazzi ebrei tra guerra e dopoguerra

    Istituto veneziano per la storia della Resistenza e della società contemporanea (Iveser) rEsistenze con il sostegno di: Comune di Venezia - Presidenza del Consiglio in collaborazione con: Comune di Venezia - Archivio della Comunicazione Comune di Venezia - Itinerari educativi Municipalità di Venezia, Murano, Burano Comunità Ebraica di Venezia Ritorno a scuola L’educazione dei bambini e dei ragazzi ebrei tra guerra e dopoguerra Mostra storico-documentaria 27 gennaio - 31 marzo 2011 Casa della Memoria e della Storia - Villa Hériot, Calle Michelangelo 54/P, Giudecca-Zitelle Inaugurazione 27 gennaio 2011, ore 11.00 Interverranno Amos Luzzatto, Presidente della Comunità Ebraica di Venezia Roberto Turetta, Presidente del Consiglio comunale di Venezia Alba e Lia Finzi, testimoni ed educatrici

    Notizia di: Istituto veneziano per la storia della Resistenza e della società contemporanea - Venezia


  • 27/1/2011, Varallo (Vc), Palazzo D’Adda

    La Shoah: frammenti di immagini

    Varallo, 27-30 gennaio 2011. Terza edizione dell’esposizione "La Shoah: frammenti di immagini", opere realizzate dalle classi IV e V del Liceo artistico. Iniziativa realizzata dall’Istituto superiore "D’Adda" di Varallo in collaborazione con l’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli", il Comitato della Regione Piemonte per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione repubblicana e l’Amministrazione comunale. Inaugurazione giovedì 27 gennaio ore 11. Orari: giovedì 27 e venerdì 28 dalle 11 alle 13.30 e dalle 15 alle 17; sabato 29 e domenica 30 dalla 10 alle 13 e dalle 15 alle 19.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 27/1/2011, Cigliano (Vc), Centro di Incontro, piazza don Bruno Lorenzetti

    "Il filo spinato ti lacera anche la mente"

    Cigliano, 22-30 gennaio 2011. L’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" organizza l’esposizione della mostra "il filo spinato ti lacera anche la mente" (nuova edizione), disegni realizzati dal pittore vercellese Renzo Roncarolo, internato nei Lager tedeschi durante la seconda guerra mondiale. Con la compartecipazione del Comitato della Regione Piemonte per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione repubblicana. In collaborazione con l’Amministrazione comunale di Cigliano. Inaugurazione sabato 22 gennaio ore 16. Orari: dal 22 al 30 gennaio ore 16-18; 26 e 27 gennaio apertura riservata alle scuole ore 10-12.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 27/1/2011, ore 17:00 - Sale Dell'Istituto Storico della Resistenza in Toscana Palazzo Medici Riccardi Via Cavour 3 Firenze

    ALBUM DI FAMIGLIA diario di una bambina sotto il fascismo di Lorenza Mazzetti e GLI EINSTAEIN A FIRENZE E DINTORNI la tragedia di una famiglia

    Il 27 Gennaio si inaugurano a Palazzo Medici Riccardi, le mostre organizzate dalla Provincia di Firenze e dall'Istituto Storico della Resistenza in Toscana, ALBUM DI FAMIGLIA e GLI EINSTEIN A FIRENZE E DINTORNI

    Notizia di: Istituto storico della Resistenza in Toscana - Firenze


  • 27/1/2011, ore 17:30 - Rogliano (CS)

    "Tra Ferramonti e Rogliano "

    A cura della Sezione Didattica dell'Istituto calabrese per la storia dell'antifascismo e dell'Italia contemporanea, con il patrocinio del Comune di Rogliano e della "Luigi Pellegrini Editore", presso la Casa delle Culture, viene allestita la mostra storico-documentaria "Tra Ferramonti e Rogliano". La mostra rimane esposta fino al 15 febbraio 2011.

    Notizia di: Istituto calabrese per la storia dell'antifascismo e dell'Italia contemporanea - Arcavacata


  • 27/1/2011, Novi Ligure (Al)

    Iniziative per la giornata della Memoria 2011 a Novi Ligure

    Per commemorare il Giorno della memoria, la Città di Novi Ligure, in collaborazione con l’ISRAL, ha organizzato, il seguente programma: dal 24 gennaio al 5 febbraio, presso la Biblioteca civica, in orario di apertura, sarà visitabile la mostra bibliografica “I GIORNI DELLA MEMORIA” Giovedì 27 gennaio duplice presentazione del volume “Il libro dei deportati volume III. La galassia concentrazionaria SS 1933-1945” curato da Brunello Mantelli e Nicola Tranfaglia, ed. Mursia, 2010 • Per gli studenti delle scuole di II grado: ore 10.30 presso il Teatro P. Giacometti, C.so Piave, 2 a cura del prof. Mauro Bonelli, ricercatore ISRAL • Per la cittadinanza: ore 18.00 presso la Biblioteca Civica, Via G. Marconi, 66 a cura del dott. Cesare Manganelli, ricercatore ISRAL • Alle ore 21.00 presso la Biblioteca Civica, Via G. Marconi, 66 "Musica, parole immagini per non dimenticare" Concerto di Mirco Menna Musicista bolognese, classe 1963, dapprima batterista poi autore e compositore, esordisce come cantautore nel 2002. Ha partecipato alla XXXV Rassegna della canzone d'autore - Tenco 2010. Tutte le iniziative sono aperte al pubblico ad ingresso gratuito. Le scuole sono pregate di prenotare inviando un fax al n. 0143 72592 indicando il numero degli studenti partecipanti.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea della provincia di Alessandria - Alessandria


  • 27/1/2011, Crescentino (Vc), Palazzo comunale, p.zza Caretto, 5

    Porrajmos: altre tracce sul sentiero per Auschwitz

    Crescentino, 27 gennaio - 7 febbraio 2011. Mostra sulla deportazione e lo sterminio di rom e sinti, realizzata dall’Istituto di Cultura Sinta di Mantova e dall’Associazione Nevo Drom di Bolzano. Ristampata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" con la compartecipazione del Comitato della Regione Piemonte per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione repubblicana. Iniziativa organizzata dall’Istituto in collaborazione con l’Amministrazione comunale. Inaugurazione mercoledì 26 gennaio ore 17. Orari: da lunedì a venerdì ore 8.30-12.30.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 27/1/2011, ore 00:00 - Lugo (Ravenna)

    Anne Frank una storia attuale

    Mostra di fotografie, immagini, citazioni e riproduzioni documentarie: la storia della Shoah vista con gli occhi di una ragazzina. 25 gennaio-6 febbraio 2011 Pescherie della Rocca, Piazza Garibaldi - Largo del Tricolore 1, LUGO (RA) Orari di apertura: da lunedì a sabato 9.00-13.00 (solo per le scuole su prenotazione), 15.00-18.00; domenica 10.00-12.00; 15.00-18.00

    Notizia di: Istituto storico della Resistenza e dell'età contemporanea in Ravenna e provincia - Alfonsine


  • 26/1/2011, Cigliano (Vc), Centro di Incontro, piazza don Bruno Lorenzetti

    "Il filo spinato ti lacera anche la mente"

    Cigliano, 22-30 gennaio 2011. L’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" organizza l’esposizione della mostra "il filo spinato ti lacera anche la mente" (nuova edizione), disegni realizzati dal pittore vercellese Renzo Roncarolo, internato nei Lager tedeschi durante la seconda guerra mondiale. Con la compartecipazione del Comitato della Regione Piemonte per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione repubblicana. In collaborazione con l’Amministrazione comunale di Cigliano. Inaugurazione sabato 22 gennaio ore 16. Orari: dal 22 al 30 gennaio ore 16-18; 26 e 27 gennaio apertura riservata alle scuole ore 10-12.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 26/1/2011, ore 17:00 - Scuola Media “Brustolon”, Conegliano (TV)

    Inaugurazione Mostra fotografica “Destinazione Auschwitz”

    Mostra itinerante a cura dell’Associazione “I figli della Shoah”. La mostra si protrarrà sino al 5 febbraio.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea della Marca Trevigiana - Treviso


  • 25/1/2011, Cigliano (Vc), Centro di Incontro, piazza don Bruno Lorenzetti

    "Il filo spinato ti lacera anche la mente"

    Cigliano, 22-30 gennaio 2011. L’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" organizza l’esposizione della mostra "il filo spinato ti lacera anche la mente" (nuova edizione), disegni realizzati dal pittore vercellese Renzo Roncarolo, internato nei Lager tedeschi durante la seconda guerra mondiale. Con la compartecipazione del Comitato della Regione Piemonte per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione repubblicana. In collaborazione con l’Amministrazione comunale di Cigliano. Inaugurazione sabato 22 gennaio ore 16. Orari: dal 22 al 30 gennaio ore 16-18; 26 e 27 gennaio apertura riservata alle scuole ore 10-12.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 24/1/2011, Cigliano (Vc), Centro di Incontro, piazza don Bruno Lorenzetti

    "Il filo spinato ti lacera anche la mente"

    Cigliano, 22-30 gennaio 2011. L’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" organizza l’esposizione della mostra "il filo spinato ti lacera anche la mente" (nuova edizione), disegni realizzati dal pittore vercellese Renzo Roncarolo, internato nei Lager tedeschi durante la seconda guerra mondiale. Con la compartecipazione del Comitato della Regione Piemonte per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione repubblicana. In collaborazione con l’Amministrazione comunale di Cigliano. Inaugurazione sabato 22 gennaio ore 16. Orari: dal 22 al 30 gennaio ore 16-18; 26 e 27 gennaio apertura riservata alle scuole ore 10-12.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 24/1/2011, ore 8:30 - Pesaro,Chiesa della Maddalena,via L. Zacconi

    Charlotte Salomon:dall'arte al racconto di una vita

    Iniziative didattiche: mostra, laboratorio, visita alla Sinagoga 24-28 gennaio ore 8,30-13,00 Sinagoga, via delle Scuole 23, Pesaro L. Castrucci, percorso guidato nei luoghi della tradizione ebraica Chiesa della Maddalena, via L. Zacconi, Pesaro D. Giulietti, M. Palazzi, G. Venerucci, laboratorio e visita guidata alla mostra di Charlotte Salomon (50 gouache in esposizione: Berlino 1917-Auschwitz 1943)

    Notizia di: Istituto di storia contemporanea della provincia di Pesaro e Urbino (ISCOP) - Pesaro


  • 23/1/2011, Cigliano (Vc), Centro di Incontro, piazza don Bruno Lorenzetti

    "Il filo spinato ti lacera anche la mente"

    Cigliano, 22-30 gennaio 2011. L’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" organizza l’esposizione della mostra "il filo spinato ti lacera anche la mente" (nuova edizione), disegni realizzati dal pittore vercellese Renzo Roncarolo, internato nei Lager tedeschi durante la seconda guerra mondiale. Con la compartecipazione del Comitato della Regione Piemonte per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione repubblicana. In collaborazione con l’Amministrazione comunale di Cigliano. Inaugurazione sabato 22 gennaio ore 16. Orari: dal 22 al 30 gennaio ore 16-18; 26 e 27 gennaio apertura riservata alle scuole ore 10-12.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 22/1/2011, Cigliano (Vc), Centro di Incontro, piazza don Bruno Lorenzetti

    "Il filo spinato ti lacera anche la mente"

    Cigliano, 22-30 gennaio 2011. L’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" organizza l’esposizione della mostra "il filo spinato ti lacera anche la mente" (nuova edizione), disegni realizzati dal pittore vercellese Renzo Roncarolo, internato nei Lager tedeschi durante la seconda guerra mondiale. Con la compartecipazione del Comitato della Regione Piemonte per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione repubblicana. In collaborazione con l’Amministrazione comunale di Cigliano. Inaugurazione sabato 22 gennaio ore 16. Orari: dal 22 al 30 gennaio ore 16-18; 26 e 27 gennaio apertura riservata alle scuole ore 10-12.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 20/1/2011, Sedico (BL), Istituto Secondario di I Grado

    Mostra sui campi di concentramento e di sterminio nella Germania nazista

    In collaborazione con l’Istituto Secondario di I Grado “Ugo Foscolo” di Sedico, l’ISBREC allestirà nei locali della medesima scuola una mostra che ricostruisce le vicende della deportazione e dello sterminio nei campi di concentramento nazisti. Si tratta di una ventina di pannelli che, attraverso la riproduzione di immagini e documenti relativi al periodo 1933-1945, ricostruiscono il fenomeno concentrazionario con riferimenti tanto alla realtà europea quanto a quella bellunese. All’inaugurazione, prevista per sabato 22 gennaio, sarà presente il docente comandato.

    Notizia di: Istituto storico bellunese della Resistenza e dell'età contemporanea - Belluno


  • 15/1/2011, ore 00:00 - Belluno, Istituto Secondario di I Grado “Nievo”

    Mostra sui campi di concentramento e di sterminio nella Germania nazista

    In collaborazione con l’Istituto Secondario di I Grado “Nievo” di Belluno, l’ISBREC ha allestito nei locali della medesima scuola una mostra che ricostruisce le vicende della deportazione e dello sterminio nei campi di concentramento nazisti. La ventina di pannelli esposti, attraverso la riproduzione di immagini e documenti relativi al periodo 1933-1945, ricostruisce il fenomeno concentrazionario con riferimenti tanto alla realtà europea quanto a quella bellunese.

    Notizia di: Istituto storico bellunese della Resistenza e dell'età contemporanea - Belluno


  • 12/1/2011, ore 15:00 - I.I.S.S. Piazzi Perpenti Sondrio

    Giornata della Memoria 2011

    Presentazione della mostra: L'INFANZIA RUBATA Realizzata dall'Associazione Figli della Shoah con il contributo del Fondo Internazionale di Assistenza alle Vittime del Nazismo, Legge 249/2000 e della Conference on Jewish Material Claims Against Germany. Con interventi degli alunni del Liceo Socio-Psico-Pedagogico Piazzi Lena-Perpenti delle classi con il curriculum musicale. La mostrà rimarrà allestita fino al 23 gennaio nell'atrio della scuola.

    Notizia di: Istituto sondriese per la storia della Resistenza e dell'età contemporanea - Sondrio


  • 20/12/2010, Bologna, Istituto Parri, via Sant'Isaia 20 (ingresso Museo della Resistenza)

    Mostra "Se divisi siam canaglia. Il sogno di una sinistra unita nell'apostolato di Andrea Costa"

    L'Istituto Parri ospita la mostra "Se divisi siam canaglia. Il sogno di una sinistra unita nell'apostolato di Andrea Costa", a cura di Ludovico Testa. Inaugurazione lunedì 20 dicembre 2010 alle ore 18 con interventi di Alberto de Bernardi (Università di Bologna), Claudio Levorato (presidente Manutencoop), Anna Salfi (presidente Fondazione Argentina Altobelli), Ludovico Testa (curatore della mostra), Luca Alessandrini (direttore Istituto Parri). La mostra sarà aperta dal 20 dicembre 2010 al 15 febbraio 2011 con i seguenti orari: dal lunedì al venerdì dalle 16 alle 19, sabato dalle 10 alle 13. Dal 24 dicembre all'8 gennaio variazioni di orario per le festività natalizie. Presentazione in allegato.

    Notizia di: Istituto storico Parri - Bologna


  • 13/12/2010, ore 16:30 - Napoli, Maschio Angioino, Torre del Beverello

    mostra documentaria sull'ILVA

    L’Istituto Campano per la Storia della Resistenza, con il contributo di Ansaldo STS, d’intesa con la Regione Campania, la Provincia di Napoli, il Comune di Napoli e la X Municipalità, con la collaborazione di Bagnoli Futura, Circolo ILVA Bagnoli e Soprintendenza Archivistica per la Campania, ha curato la realizzazione di una mostra documentaria dedicata alla storia dell’Italsider, la più grande industria meridionale, in vita fino a qualche decennio fa, dal significativo titolo “La memoria d’acciaio”. La mostra, collocata in un primo momento nei locali dell’archivio della fabbrica e mantenuta aperta al pubblico, sarà esposta dal 13 dicembre 2010 nel Maschio Angioino in una rinnovata edizione arricchita dalla pubblicazione del catalogo. Nelle intenzioni di chi ha a cuore il patrimonio di conoscenza, coscienza e civiltà rappresentato dal lavoro e dalla fabbrica, con ricche e importanti implicazioni sulla vita del quartiere flegreo e della città, la mostra vuole costituire il primo passo di un percorso che contempli l’istituzione di un apposito Museo del Lavoro. La mostra, presenta documenti, libri, quadri, fotografie che raccontano cento anni di storia dell’Ilva, il duro lavoro di tanti uomini e donne, le loro rivendicazioni sindacali e le lotte politiche, ma allo stesso tempo offre anche l’immagine delle tante iniziative culturali e sportive che riuscivano a coinvolgere non solo gli operai della fabbrica ma intere famiglie del quartiere e della città. L’iniziativa non vuole e non deve essere considerata in alcun modo un’operazione di nostalgia, piuttosto intende riaffermare la cultura del lavoro e della legalità in una città come Napoli, che talvolta sembra dimenticare troppo facilmente le pagine migliori della sua storia.

    Notizia di: Istituto Campano per la Storia della Resistenza "Vera Lombardi" - Napoli


  • 10/12/2010, Varallo (Vc), sede dell’Isrsc Bi-Vc, via D’Adda, 6

    L’alba che segnò d’iride i biancospini

    Varallo, 19 novembre - 10 dicembre 2010. L’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" espone la mostra "L’alba che segnò d’iride i biancospini. La storia e i luoghi dei partigiani della XII divisione Nedo", curata da Enrico Pagano e realizzata dall’Istituto in collaborazione con l’Amministrazione comunale di Postua e l’Anpi Valsessera in occasione del 65° anniversario della Liberazione. La mostra sarà visitabile nella sede dell’Istituto da lunedì a venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 10/12/2010, ore 10:00 - Grosseto, Museo archeologico di Grosseto

    "Dai campi alle officine": mostra fotografica con immagini tratte dall'Archivio Fotografico Gori

    Sarà inaugurata al Museo Archeologico di Grosseto il 10 dicembre la mostra fotografica "Dai campi alle officine", che ripercorre, attraverso gli scatti conservati dall'Archivio fotografico fratelli Gori, la storia di Grosseto e della Maremma del secondo dopoguerra. La organizzano il Comune di Grosseto e l'Archivio Gori in collaborazione con la Provincia e l'Isgrec con il contributo della Fondazione Monte dei Paschi di Siena. Le foto, tratte dall'Archivio fratelli Gori, saranno in mostra fino al 15 febbraio 2011. Accanto alle immagini del lavoro in Maremma anche una sezione dedicata alle campagna di scavo archeologico di Roselle del 1966. La collaborazione tra l'ISGREC e l'Archivio fotografico Gori è di lungo corso; la valorizzazione e la conoscenza dell'enorme patrimonio culturale rappresentato dall'Archivio fotografico Gori, infatti, sono state alla base di una pubblicazione del 2008 dell'ISGREC, curata da Matteo Baragli: "PROFESSIONE FOTOGRAFI. L'ARCHIVIO DEI FRATELLI GORI"(Edizioni ISGREC, Grosseto 2008). Si rimanda alla scheda della pubblicazione, consultabile alla pagina http://www.isgrec.it/pubblicazioni/prof_fotografi.htm

    Notizia di: Istituto storico grossetano della Resistenza e dell'età contemporanea - Grosseto


  • 9/12/2010, Varallo (Vc), sede dell’Isrsc Bi-Vc, via D’Adda, 6

    L’alba che segnò d’iride i biancospini

    Varallo, 19 novembre - 10 dicembre 2010. L’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" espone la mostra "L’alba che segnò d’iride i biancospini. La storia e i luoghi dei partigiani della XII divisione Nedo", curata da Enrico Pagano e realizzata dall’Istituto in collaborazione con l’Amministrazione comunale di Postua e l’Anpi Valsessera in occasione del 65° anniversario della Liberazione. La mostra sarà visitabile nella sede dell’Istituto da lunedì a venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 7/12/2010, Varallo (Vc), sede dell’Isrsc Bi-Vc, via D’Adda, 6

    L’alba che segnò d’iride i biancospini

    Varallo, 19 novembre - 10 dicembre 2010. L’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" espone la mostra "L’alba che segnò d’iride i biancospini. La storia e i luoghi dei partigiani della XII divisione Nedo", curata da Enrico Pagano e realizzata dall’Istituto in collaborazione con l’Amministrazione comunale di Postua e l’Anpi Valsessera in occasione del 65° anniversario della Liberazione. La mostra sarà visitabile nella sede dell’Istituto da lunedì a venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 6/12/2010, Varallo (Vc), sede dell’Isrsc Bi-Vc, via D’Adda, 6

    L’alba che segnò d’iride i biancospini

    Varallo, 19 novembre - 10 dicembre 2010. L’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" espone la mostra "L’alba che segnò d’iride i biancospini. La storia e i luoghi dei partigiani della XII divisione Nedo", curata da Enrico Pagano e realizzata dall’Istituto in collaborazione con l’Amministrazione comunale di Postua e l’Anpi Valsessera in occasione del 65° anniversario della Liberazione. La mostra sarà visitabile nella sede dell’Istituto da lunedì a venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 3/12/2010, Varallo (Vc), sede dell’Isrsc Bi-Vc, via D’Adda, 6

    L’alba che segnò d’iride i biancospini

    Varallo, 19 novembre - 10 dicembre 2010. L’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" espone la mostra "L’alba che segnò d’iride i biancospini. La storia e i luoghi dei partigiani della XII divisione Nedo", curata da Enrico Pagano e realizzata dall’Istituto in collaborazione con l’Amministrazione comunale di Postua e l’Anpi Valsessera in occasione del 65° anniversario della Liberazione. La mostra sarà visitabile nella sede dell’Istituto da lunedì a venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 2/12/2010, Varallo (Vc), sede dell’Isrsc Bi-Vc, via D’Adda, 6

    L’alba che segnò d’iride i biancospini

    Varallo, 19 novembre - 10 dicembre 2010. L’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" espone la mostra "L’alba che segnò d’iride i biancospini. La storia e i luoghi dei partigiani della XII divisione Nedo", curata da Enrico Pagano e realizzata dall’Istituto in collaborazione con l’Amministrazione comunale di Postua e l’Anpi Valsessera in occasione del 65° anniversario della Liberazione. La mostra sarà visitabile nella sede dell’Istituto da lunedì a venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 1/12/2010, Varallo (Vc), sede dell’Isrsc Bi-Vc, via D’Adda, 6

    L’alba che segnò d’iride i biancospini

    Varallo, 19 novembre - 10 dicembre 2010. L’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" espone la mostra "L’alba che segnò d’iride i biancospini. La storia e i luoghi dei partigiani della XII divisione Nedo", curata da Enrico Pagano e realizzata dall’Istituto in collaborazione con l’Amministrazione comunale di Postua e l’Anpi Valsessera in occasione del 65° anniversario della Liberazione. La mostra sarà visitabile nella sede dell’Istituto da lunedì a venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 30/11/2010, Varallo (Vc), sede dell’Isrsc Bi-Vc, via D’Adda, 6

    L’alba che segnò d’iride i biancospini

    Varallo, 19 novembre - 10 dicembre 2010. L’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" espone la mostra "L’alba che segnò d’iride i biancospini. La storia e i luoghi dei partigiani della XII divisione Nedo", curata da Enrico Pagano e realizzata dall’Istituto in collaborazione con l’Amministrazione comunale di Postua e l’Anpi Valsessera in occasione del 65° anniversario della Liberazione. La mostra sarà visitabile nella sede dell’Istituto da lunedì a venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 29/11/2010, Varallo (Vc), sede dell’Isrsc Bi-Vc, via D’Adda, 6

    L’alba che segnò d’iride i biancospini

    Varallo, 19 novembre - 10 dicembre 2010. L’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" espone la mostra "L’alba che segnò d’iride i biancospini. La storia e i luoghi dei partigiani della XII divisione Nedo", curata da Enrico Pagano e realizzata dall’Istituto in collaborazione con l’Amministrazione comunale di Postua e l’Anpi Valsessera in occasione del 65° anniversario della Liberazione. La mostra sarà visitabile nella sede dell’Istituto da lunedì a venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 26/11/2010, Varallo (Vc), sede dell’Isrsc Bi-Vc, via D’Adda, 6

    L’alba che segnò d’iride i biancospini

    Varallo, 19 novembre - 10 dicembre 2010. L’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" espone la mostra "L’alba che segnò d’iride i biancospini. La storia e i luoghi dei partigiani della XII divisione Nedo", curata da Enrico Pagano e realizzata dall’Istituto in collaborazione con l’Amministrazione comunale di Postua e l’Anpi Valsessera in occasione del 65° anniversario della Liberazione. La mostra sarà visitabile nella sede dell’Istituto da lunedì a venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 25/11/2010, Varallo (Vc), sede dell’Isrsc Bi-Vc, via D’Adda, 6

    L’alba che segnò d’iride i biancospini

    Varallo, 19 novembre - 10 dicembre 2010. L’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" espone la mostra "L’alba che segnò d’iride i biancospini. La storia e i luoghi dei partigiani della XII divisione Nedo", curata da Enrico Pagano e realizzata dall’Istituto in collaborazione con l’Amministrazione comunale di Postua e l’Anpi Valsessera in occasione del 65° anniversario della Liberazione. La mostra sarà visitabile nella sede dell’Istituto da lunedì a venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 24/11/2010, Varallo (Vc), sede dell’Isrsc Bi-Vc, via D’Adda, 6

    L’alba che segnò d’iride i biancospini

    Varallo, 19 novembre - 10 dicembre 2010. L’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" espone la mostra "L’alba che segnò d’iride i biancospini. La storia e i luoghi dei partigiani della XII divisione Nedo", curata da Enrico Pagano e realizzata dall’Istituto in collaborazione con l’Amministrazione comunale di Postua e l’Anpi Valsessera in occasione del 65° anniversario della Liberazione. La mostra sarà visitabile nella sede dell’Istituto da lunedì a venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 23/11/2010, Varallo (Vc), sede dell’Isrsc Bi-Vc, via D’Adda, 6

    L’alba che segnò d’iride i biancospini

    Varallo, 19 novembre - 10 dicembre 2010. L’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" espone la mostra "L’alba che segnò d’iride i biancospini. La storia e i luoghi dei partigiani della XII divisione Nedo", curata da Enrico Pagano e realizzata dall’Istituto in collaborazione con l’Amministrazione comunale di Postua e l’Anpi Valsessera in occasione del 65° anniversario della Liberazione. La mostra sarà visitabile nella sede dell’Istituto da lunedì a venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 22/11/2010, Varallo (Vc), sede dell’Isrsc Bi-Vc, via D’Adda, 6

    L’alba che segnò d’iride i biancospini

    Varallo, 19 novembre - 10 dicembre 2010. L’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" espone la mostra "L’alba che segnò d’iride i biancospini. La storia e i luoghi dei partigiani della XII divisione Nedo", curata da Enrico Pagano e realizzata dall’Istituto in collaborazione con l’Amministrazione comunale di Postua e l’Anpi Valsessera in occasione del 65° anniversario della Liberazione. La mostra sarà visitabile nella sede dell’Istituto da lunedì a venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 19/11/2010, Varallo (Vc), sede dell'Isrsc Bi-Vc, via D'Adda, 6

    L'alba che segnò d'iride i biancospini

    Varallo, 19 novembre - 10 dicembre 2010. L'Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" espone la mostra "L'alba che segnò d'iride i biancospini. La storia e i luoghi dei partigiani della XII divisione Nedo", curata da Enrico Pagano e realizzata dall'Istituto in collaborazione con l'Amministrazione comunale di Postua e l'Anpi Valsessera in occasione del 65° anniversario della Liberazione. La mostra sarà visitabile nella sede dell'Istituto da lunedì a venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 18/11/2010, Bologna, Istituto Parri, via Sant'Isaia 20 (ingresso Museo della Resistenza)

    Mostra "Vivere nella verità. La resistenza in Germania e Polonia nel XX secolo"

    Il Goethe-Zentrum di Bologna e l’Istituto Storico Parri Emilia-Romagna presentano la mostra "Vivere nella verità. La resistenza in Germania e Polonia nel XX secolo", a cura della Kreisau-Initiative Berlin E.V., organizzata dal Goethe-Zentrum Bologna in collaborazione con Istituto Storico Parri Emilia-Romagna e il Dipartimento Discipline storiche, antropologiche e geografiche dell’ Università di Bologna (con il gentile contributo di Goethe-Institut Italien e di C.e.l.i.). La mostra sarà aperta dal 18 novembre al 17 dicembre 2010 con le seguenti modalità: lunedì-venerdì ore 16 - 19; sabato ore 10 - 13. Aperta su prenotazione per gruppi e scolaresche. Inaugurazione 18 novembre 2010 ore 18.00 Interventi di A. von Zanthier (Berlino), M. Deichmann, L. Alessandrini (Istituto Parri), C. Tonini (Università di Bologna). Lezione: 23 novembre 2010 ore 18.00 La storia della Polonia nel XX secolo: la riflessione critica degli storici polacchi negli ultimi venti anni, di Carla Tonini.

    Notizia di: Istituto storico Parri - Bologna


  • Università degli studi di Modena e Reggio Emilia, Viale Allegri 9, Reggio Emilia

    Mostra «I colori della Grande Guerra»

    ASSOCIAZIONE NAZIONALE ARMA DI CAVALLERIA Sezione di reggio Emilia in collaborazione con Istoreco, Università degli studi di Modena e Reggio Emilia, Museo di Rovereto presenta I colori della Grande Guerra Mostra fotografica Reggio Emilia presso Università degli studi di Modena e Reggio Emilia Viale Allegri, 9 (ex Caserma Zucchi) Dal 7 al 19 novembre 2010 La mostra presenta 90 fotografie, ricavate da una serie di 260 diapositive (ritrovate a distanza di quasi ottant’anni nell’Archivio dello Stato Maggiore di Roma), che costituivano il diario di viaggio di Richard Synek, fotografo dell’esercito austro-ungarico, nel corso della Prima guerra mondiale. Le lastre di vetro, colorate a mano una ad una, erano state ordinate per la proiezione pubblica, con la quale gli spettatori avrebbero percorso la linea del fronte meridionale, dalla Moravia al Carso, al Tirolo e al Piave, avrebbero rivissuto o scoperto la vita in trincea, gli armamenti, le ferite e avrebbero commemorato i caduti. I pannelli fotografici sono di proprietà del Museo della Guerra di Rovereto. con il patrocinio del Comune di Reggio Emilia, della Provincia di Reggio Emilia e dello Stato maggiore dell’Esercito

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea in provincia di Reggio Emilia - Reggio Emilia


  • 7/11/2010, Università degli studi di Modena e Reggio Emilia, Viale Allegri 9, Reggio Emilia

    Mostra «I colori della Grande Guerra»

    ASSOCIAZIONE NAZIONALE ARMA DI CAVALLERIA Sezione di reggio Emilia in collaborazione con Istoreco, Università degli studi di Modena e Reggio Emilia, Museo di Rovereto presenta I colori della Grande Guerra Mostra fotografica Reggio Emilia presso Università degli studi di Modena e Reggio Emilia Viale Allegri, 9 (ex Caserma Zucchi) Dal 7 al 19 novembre 2010 La mostra presenta 90 fotografie, ricavate da una serie di 260 diapositive (ritrovate a distanza di quasi ottant’anni nell’Archivio dello Stato Maggiore di Roma), che costituivano il diario di viaggio di Richard Synek, fotografo dell’esercito austro-ungarico, nel corso della Prima guerra mondiale. Le lastre di vetro, colorate a mano una ad una, erano state ordinate per la proiezione pubblica, con la quale gli spettatori avrebbero percorso la linea del fronte meridionale, dalla Moravia al Carso, al Tirolo e al Piave, avrebbero rivissuto o scoperto la vita in trincea, gli armamenti, le ferite e avrebbero commemorato i caduti. I pannelli fotografici sono di proprietà del Museo della Guerra di Rovereto. con il patrocinio del Comune di Reggio Emilia, della Provincia di Reggio Emilia e dello Stato maggiore dell’Esercito

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea in provincia di Reggio Emilia - Reggio Emilia


  • 6/11/2010, ore 9:30 - Comune di Villafranca d’Asti - Salone Comunale

    Inaugurazione mostra fotografica e presentazione volume

    Inaugurazione mostra fotografica e presentazione del volume 1914-1918: «L’INUTILE MASSACRO» di Nicoletta Fasano, edizioni ISRAT. La mostra è il risultato di un lavoro pluriennale di ricerca cominciato con l’informatizzazione dei dati dei caduti astigiani della Prima Guerra Mondiale, che ha dato vita alla pubblicazione "1914-1918: «L’INUTILE MASSACRO»" di Nicoletta Fasano edizioni Israt e all'ideazione e l’allestimento della mostra itinerante.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nella provincia di Asti - Asti


  • 5/11/2010, Varallo (Vc), sede dell’Isrsc Bi-Vc, via D’Adda, 6

    Immagini di biodiversità

    Varallo, 13 ottobre - 5 novembre 2010. L’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" espone la mostra Immagini di biodiversità, a cura di Laura Manione, realizzata dall’Archivio fotografico Luciano Giachetti - Fotocronisti Baita di Vercelli in occasione dell’anno internazionale della biodiversità. Immagini di biodiversità è una mostra pensata intorno al tema internazionale a cui è dedicato il 2010. L’ambiente vercellese è caratterizzato sostanzialmente da una produzione agricola specifica, la risicoltura. Nel corso del tempo, con una capillare ricognizione fotografica, Giachetti e i Fotocronisti Baita hanno registrato le mutazioni del paesaggio dovute alla progressiva tecnologizzazione del lavoro, la varietà di cultivar di riso inserite nella produzione e la complessità di un ecosistema sviluppatosi soprattutto intorno ai corsi d’acqua presenti sul territorio. In mostra, oltre ai materiali che illustrano l’habitat e la presenza delle varie specie rintracciabili in pianura, è prevista anche una sezione rivolta agli altri aspetti naturalistici caratteristici della provincia di Vercelli: collina, lago, montagna. Orari: dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 4/11/2010, Varallo (Vc), sede dell’Isrsc Bi-Vc, via D’Adda, 6

    Immagini di biodiversità

    Varallo, 13 ottobre - 5 novembre 2010. L’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" espone la mostra Immagini di biodiversità, a cura di Laura Manione, realizzata dall’Archivio fotografico Luciano Giachetti - Fotocronisti Baita di Vercelli in occasione dell’anno internazionale della biodiversità. Immagini di biodiversità è una mostra pensata intorno al tema internazionale a cui è dedicato il 2010. L’ambiente vercellese è caratterizzato sostanzialmente da una produzione agricola specifica, la risicoltura. Nel corso del tempo, con una capillare ricognizione fotografica, Giachetti e i Fotocronisti Baita hanno registrato le mutazioni del paesaggio dovute alla progressiva tecnologizzazione del lavoro, la varietà di cultivar di riso inserite nella produzione e la complessità di un ecosistema sviluppatosi soprattutto intorno ai corsi d’acqua presenti sul territorio. In mostra, oltre ai materiali che illustrano l’habitat e la presenza delle varie specie rintracciabili in pianura, è prevista anche una sezione rivolta agli altri aspetti naturalistici caratteristici della provincia di Vercelli: collina, lago, montagna. Orari: dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 3/11/2010, Varallo (Vc), sede dell’Isrsc Bi-Vc, via D’Adda, 6

    Immagini di biodiversità

    Varallo, 13 ottobre - 5 novembre 2010. L’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" espone la mostra Immagini di biodiversità, a cura di Laura Manione, realizzata dall’Archivio fotografico Luciano Giachetti - Fotocronisti Baita di Vercelli in occasione dell’anno internazionale della biodiversità. Immagini di biodiversità è una mostra pensata intorno al tema internazionale a cui è dedicato il 2010. L’ambiente vercellese è caratterizzato sostanzialmente da una produzione agricola specifica, la risicoltura. Nel corso del tempo, con una capillare ricognizione fotografica, Giachetti e i Fotocronisti Baita hanno registrato le mutazioni del paesaggio dovute alla progressiva tecnologizzazione del lavoro, la varietà di cultivar di riso inserite nella produzione e la complessità di un ecosistema sviluppatosi soprattutto intorno ai corsi d’acqua presenti sul territorio. In mostra, oltre ai materiali che illustrano l’habitat e la presenza delle varie specie rintracciabili in pianura, è prevista anche una sezione rivolta agli altri aspetti naturalistici caratteristici della provincia di Vercelli: collina, lago, montagna. Orari: dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 2/11/2010, Varallo (Vc), sede dell’Isrsc Bi-Vc, via D’Adda, 6

    Immagini di biodiversità

    Varallo, 13 ottobre - 5 novembre 2010. L’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" espone la mostra Immagini di biodiversità, a cura di Laura Manione, realizzata dall’Archivio fotografico Luciano Giachetti - Fotocronisti Baita di Vercelli in occasione dell’anno internazionale della biodiversità. Immagini di biodiversità è una mostra pensata intorno al tema internazionale a cui è dedicato il 2010. L’ambiente vercellese è caratterizzato sostanzialmente da una produzione agricola specifica, la risicoltura. Nel corso del tempo, con una capillare ricognizione fotografica, Giachetti e i Fotocronisti Baita hanno registrato le mutazioni del paesaggio dovute alla progressiva tecnologizzazione del lavoro, la varietà di cultivar di riso inserite nella produzione e la complessità di un ecosistema sviluppatosi soprattutto intorno ai corsi d’acqua presenti sul territorio. In mostra, oltre ai materiali che illustrano l’habitat e la presenza delle varie specie rintracciabili in pianura, è prevista anche una sezione rivolta agli altri aspetti naturalistici caratteristici della provincia di Vercelli: collina, lago, montagna. Orari: dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 30/10/2010, Comune di San Damiano d’Asti - Galleria Comunale

    Inaugurazione mostra fotografica e presentazione pubblicazione

    Inaugurazione mostra fotografica e presentazione del volume "1914-1918: «L’INUTILE MASSACRO»" di Nicoletta Fasano, edizioni ISRAT. La mostra è il risultato di un lavoro pluriennale di ricerca cominciato con l’informatizzazione dei dati dei caduti astigiani della Prima Guerra Mondiale, che ha dato vita alla pubblicazione "1914-1918: «L’INUTILE MASSACRO»" di Nicoletta Fasano edizioni Israt e all'ideazione e l’allestimento della mostra itinerante.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nella provincia di Asti - Asti


  • 29/10/2010, Varallo (Vc), sede dell’Isrsc Bi-Vc, via D’Adda, 6

    Immagini di biodiversità

    Varallo, 13 ottobre - 5 novembre 2010. L’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" espone la mostra Immagini di biodiversità, a cura di Laura Manione, realizzata dall’Archivio fotografico Luciano Giachetti - Fotocronisti Baita di Vercelli in occasione dell’anno internazionale della biodiversità. Immagini di biodiversità è una mostra pensata intorno al tema internazionale a cui è dedicato il 2010. L’ambiente vercellese è caratterizzato sostanzialmente da una produzione agricola specifica, la risicoltura. Nel corso del tempo, con una capillare ricognizione fotografica, Giachetti e i Fotocronisti Baita hanno registrato le mutazioni del paesaggio dovute alla progressiva tecnologizzazione del lavoro, la varietà di cultivar di riso inserite nella produzione e la complessità di un ecosistema sviluppatosi soprattutto intorno ai corsi d’acqua presenti sul territorio. In mostra, oltre ai materiali che illustrano l’habitat e la presenza delle varie specie rintracciabili in pianura, è prevista anche una sezione rivolta agli altri aspetti naturalistici caratteristici della provincia di Vercelli: collina, lago, montagna. Orari: dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 28/10/2010, Varallo (Vc), sede dell’Isrsc Bi-Vc, via D’Adda, 6

    Immagini di biodiversità

    Varallo, 13 ottobre - 5 novembre 2010. L’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" espone la mostra Immagini di biodiversità, a cura di Laura Manione, realizzata dall’Archivio fotografico Luciano Giachetti - Fotocronisti Baita di Vercelli in occasione dell’anno internazionale della biodiversità. Immagini di biodiversità è una mostra pensata intorno al tema internazionale a cui è dedicato il 2010. L’ambiente vercellese è caratterizzato sostanzialmente da una produzione agricola specifica, la risicoltura. Nel corso del tempo, con una capillare ricognizione fotografica, Giachetti e i Fotocronisti Baita hanno registrato le mutazioni del paesaggio dovute alla progressiva tecnologizzazione del lavoro, la varietà di cultivar di riso inserite nella produzione e la complessità di un ecosistema sviluppatosi soprattutto intorno ai corsi d’acqua presenti sul territorio. In mostra, oltre ai materiali che illustrano l’habitat e la presenza delle varie specie rintracciabili in pianura, è prevista anche una sezione rivolta agli altri aspetti naturalistici caratteristici della provincia di Vercelli: collina, lago, montagna. Orari: dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 27/10/2010, Varallo (Vc), sede dell’Isrsc Bi-Vc, via D’Adda, 6

    Immagini di biodiversità

    Varallo, 13 ottobre - 5 novembre 2010. L’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" espone la mostra Immagini di biodiversità, a cura di Laura Manione, realizzata dall’Archivio fotografico Luciano Giachetti - Fotocronisti Baita di Vercelli in occasione dell’anno internazionale della biodiversità. Immagini di biodiversità è una mostra pensata intorno al tema internazionale a cui è dedicato il 2010. L’ambiente vercellese è caratterizzato sostanzialmente da una produzione agricola specifica, la risicoltura. Nel corso del tempo, con una capillare ricognizione fotografica, Giachetti e i Fotocronisti Baita hanno registrato le mutazioni del paesaggio dovute alla progressiva tecnologizzazione del lavoro, la varietà di cultivar di riso inserite nella produzione e la complessità di un ecosistema sviluppatosi soprattutto intorno ai corsi d’acqua presenti sul territorio. In mostra, oltre ai materiali che illustrano l’habitat e la presenza delle varie specie rintracciabili in pianura, è prevista anche una sezione rivolta agli altri aspetti naturalistici caratteristici della provincia di Vercelli: collina, lago, montagna. Orari: dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 26/10/2010, Varallo (Vc), sede dell’Isrsc Bi-Vc, via D’Adda, 6

    Immagini di biodiversità

    Varallo, 13 ottobre - 5 novembre 2010. L’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" espone la mostra Immagini di biodiversità, a cura di Laura Manione, realizzata dall’Archivio fotografico Luciano Giachetti - Fotocronisti Baita di Vercelli in occasione dell’anno internazionale della biodiversità. Immagini di biodiversità è una mostra pensata intorno al tema internazionale a cui è dedicato il 2010. L’ambiente vercellese è caratterizzato sostanzialmente da una produzione agricola specifica, la risicoltura. Nel corso del tempo, con una capillare ricognizione fotografica, Giachetti e i Fotocronisti Baita hanno registrato le mutazioni del paesaggio dovute alla progressiva tecnologizzazione del lavoro, la varietà di cultivar di riso inserite nella produzione e la complessità di un ecosistema sviluppatosi soprattutto intorno ai corsi d’acqua presenti sul territorio. In mostra, oltre ai materiali che illustrano l’habitat e la presenza delle varie specie rintracciabili in pianura, è prevista anche una sezione rivolta agli altri aspetti naturalistici caratteristici della provincia di Vercelli: collina, lago, montagna. Orari: dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 25/10/2010, Varallo (Vc), sede dell'Isrsc Bi-Vc, via D'Adda, 6

    Immagini di biodiversità

    Varallo, 13 ottobre - 5 novembre 2010. L'Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" espone la mostra Immagini di biodiversità, a cura di Laura Manione, realizzata dall'Archivio fotografico Luciano Giachetti - Fotocronisti Baita di Vercelli in occasione dell’anno internazionale della biodiversità. Immagini di biodiversità è una mostra pensata intorno al tema internazionale a cui è dedicato il 2010. L'ambiente vercellese è caratterizzato sostanzialmente da una produzione agricola specifica, la risicoltura. Nel corso del tempo, con una capillare ricognizione fotografica, Giachetti e i Fotocronisti Baita hanno registrato le mutazioni del paesaggio dovute alla progressiva tecnologizzazione del lavoro, la varietà di cultivar di riso inserite nella produzione e la complessità di un ecosistema sviluppatosi soprattutto intorno ai corsi d’acqua presenti sul territorio. In mostra, oltre ai materiali che illustrano l’habitat e la presenza delle varie specie rintracciabili in pianura, è prevista anche una sezione rivolta agli altri aspetti naturalistici caratteristici della provincia di Vercelli: collina, lago, montagna. Orari: dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 22/10/2010, Varallo (Vc), sede dell'Isrsc Bi-Vc, via D'Adda, 6

    Immagini di biodiversità

    Varallo, 13 ottobre - 5 novembre 2010. L'Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" espone la mostra Immagini di biodiversità, a cura di Laura Manione, realizzata dall'Archivio fotografico Luciano Giachetti - Fotocronisti Baita di Vercelli in occasione dell’anno internazionale della biodiversità. Immagini di biodiversità è una mostra pensata intorno al tema internazionale a cui è dedicato il 2010. L'ambiente vercellese è caratterizzato sostanzialmente da una produzione agricola specifica, la risicoltura. Nel corso del tempo, con una capillare ricognizione fotografica, Giachetti e i Fotocronisti Baita hanno registrato le mutazioni del paesaggio dovute alla progressiva tecnologizzazione del lavoro, la varietà di cultivar di riso inserite nella produzione e la complessità di un ecosistema sviluppatosi soprattutto intorno ai corsi d’acqua presenti sul territorio. In mostra, oltre ai materiali che illustrano l’habitat e la presenza delle varie specie rintracciabili in pianura, è prevista anche una sezione rivolta agli altri aspetti naturalistici caratteristici della provincia di Vercelli: collina, lago, montagna. Orari: dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 21/10/2010, Varallo (Vc), sede dell'Isrsc Bi-Vc, via D'Adda, 6

    Immagini di biodiversità

    Varallo, 13 ottobre - 5 novembre 2010. L'Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" espone la mostra Immagini di biodiversità, a cura di Laura Manione, realizzata dall'Archivio fotografico Luciano Giachetti - Fotocronisti Baita di Vercelli in occasione dell’anno internazionale della biodiversità. Immagini di biodiversità è una mostra pensata intorno al tema internazionale a cui è dedicato il 2010. L'ambiente vercellese è caratterizzato sostanzialmente da una produzione agricola specifica, la risicoltura. Nel corso del tempo, con una capillare ricognizione fotografica, Giachetti e i Fotocronisti Baita hanno registrato le mutazioni del paesaggio dovute alla progressiva tecnologizzazione del lavoro, la varietà di cultivar di riso inserite nella produzione e la complessità di un ecosistema sviluppatosi soprattutto intorno ai corsi d’acqua presenti sul territorio. In mostra, oltre ai materiali che illustrano l’habitat e la presenza delle varie specie rintracciabili in pianura, è prevista anche una sezione rivolta agli altri aspetti naturalistici caratteristici della provincia di Vercelli: collina, lago, montagna. Orari: dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 20/10/2010, Varallo (Vc), sede dell'Isrsc Bi-Vc, via D'Adda, 6

    Immagini di biodiversità

    Varallo, 13 ottobre - 5 novembre 2010. L'Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" espone la mostra Immagini di biodiversità, a cura di Laura Manione, realizzata dall'Archivio fotografico Luciano Giachetti - Fotocronisti Baita di Vercelli in occasione dell’anno internazionale della biodiversità. Immagini di biodiversità è una mostra pensata intorno al tema internazionale a cui è dedicato il 2010. L'ambiente vercellese è caratterizzato sostanzialmente da una produzione agricola specifica, la risicoltura. Nel corso del tempo, con una capillare ricognizione fotografica, Giachetti e i Fotocronisti Baita hanno registrato le mutazioni del paesaggio dovute alla progressiva tecnologizzazione del lavoro, la varietà di cultivar di riso inserite nella produzione e la complessità di un ecosistema sviluppatosi soprattutto intorno ai corsi d’acqua presenti sul territorio. In mostra, oltre ai materiali che illustrano l’habitat e la presenza delle varie specie rintracciabili in pianura, è prevista anche una sezione rivolta agli altri aspetti naturalistici caratteristici della provincia di Vercelli: collina, lago, montagna. Orari: dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 19/10/2010, Varallo (Vc), sede dell'Isrsc Bi-Vc, via D'Adda, 6

    Immagini di biodiversità

    Varallo, 13 ottobre - 5 novembre 2010. L'Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" espone la mostra Immagini di biodiversità, a cura di Laura Manione, realizzata dall'Archivio fotografico Luciano Giachetti - Fotocronisti Baita di Vercelli in occasione dell’anno internazionale della biodiversità. Immagini di biodiversità è una mostra pensata intorno al tema internazionale a cui è dedicato il 2010. L'ambiente vercellese è caratterizzato sostanzialmente da una produzione agricola specifica, la risicoltura. Nel corso del tempo, con una capillare ricognizione fotografica, Giachetti e i Fotocronisti Baita hanno registrato le mutazioni del paesaggio dovute alla progressiva tecnologizzazione del lavoro, la varietà di cultivar di riso inserite nella produzione e la complessità di un ecosistema sviluppatosi soprattutto intorno ai corsi d’acqua presenti sul territorio. In mostra, oltre ai materiali che illustrano l’habitat e la presenza delle varie specie rintracciabili in pianura, è prevista anche una sezione rivolta agli altri aspetti naturalistici caratteristici della provincia di Vercelli: collina, lago, montagna. Orari: dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 18/10/2010, Varallo (Vc), sede dell'Isrsc Bi-Vc, via D'Adda, 6

    Immagini di biodiversità

    Varallo, 13 ottobre - 5 novembre 2010. L'Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" espone la mostra Immagini di biodiversità, a cura di Laura Manione, realizzata dall'Archivio fotografico Luciano Giachetti - Fotocronisti Baita di Vercelli in occasione dell’anno internazionale della biodiversità. Immagini di biodiversità è una mostra pensata intorno al tema internazionale a cui è dedicato il 2010. L'ambiente vercellese è caratterizzato sostanzialmente da una produzione agricola specifica, la risicoltura. Nel corso del tempo, con una capillare ricognizione fotografica, Giachetti e i Fotocronisti Baita hanno registrato le mutazioni del paesaggio dovute alla progressiva tecnologizzazione del lavoro, la varietà di cultivar di riso inserite nella produzione e la complessità di un ecosistema sviluppatosi soprattutto intorno ai corsi d’acqua presenti sul territorio. In mostra, oltre ai materiali che illustrano l’habitat e la presenza delle varie specie rintracciabili in pianura, è prevista anche una sezione rivolta agli altri aspetti naturalistici caratteristici della provincia di Vercelli: collina, lago, montagna. Orari: dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 15/10/2010, Varallo (Vc), sede dell'Isrsc Bi-Vc, via D'Adda, 6

    Immagini di biodiversità

    Varallo, 13 ottobre - 5 novembre 2010. L'Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" espone la mostra Immagini di biodiversità, a cura di Laura Manione, realizzata dall'Archivio fotografico Luciano Giachetti - Fotocronisti Baita di Vercelli in occasione dell’anno internazionale della biodiversità. Immagini di biodiversità è una mostra pensata intorno al tema internazionale a cui è dedicato il 2010. L'ambiente vercellese è caratterizzato sostanzialmente da una produzione agricola specifica, la risicoltura. Nel corso del tempo, con una capillare ricognizione fotografica, Giachetti e i Fotocronisti Baita hanno registrato le mutazioni del paesaggio dovute alla progressiva tecnologizzazione del lavoro, la varietà di cultivar di riso inserite nella produzione e la complessità di un ecosistema sviluppatosi soprattutto intorno ai corsi d’acqua presenti sul territorio. In mostra, oltre ai materiali che illustrano l’habitat e la presenza delle varie specie rintracciabili in pianura, è prevista anche una sezione rivolta agli altri aspetti naturalistici caratteristici della provincia di Vercelli: collina, lago, montagna. Orari: dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 14/10/2010, Varallo (Vc), sede dell'Isrsc Bi-Vc, via D'Adda, 6

    Immagini di biodiversità

    Varallo, 13 ottobre - 5 novembre 2010. L'Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" espone la mostra Immagini di biodiversità, a cura di Laura Manione, realizzata dall'Archivio fotografico Luciano Giachetti - Fotocronisti Baita di Vercelli in occasione dell’anno internazionale della biodiversità. Immagini di biodiversità è una mostra pensata intorno al tema internazionale a cui è dedicato il 2010. L'ambiente vercellese è caratterizzato sostanzialmente da una produzione agricola specifica, la risicoltura. Nel corso del tempo, con una capillare ricognizione fotografica, Giachetti e i Fotocronisti Baita hanno registrato le mutazioni del paesaggio dovute alla progressiva tecnologizzazione del lavoro, la varietà di cultivar di riso inserite nella produzione e la complessità di un ecosistema sviluppatosi soprattutto intorno ai corsi d’acqua presenti sul territorio. In mostra, oltre ai materiali che illustrano l’habitat e la presenza delle varie specie rintracciabili in pianura, è prevista anche una sezione rivolta agli altri aspetti naturalistici caratteristici della provincia di Vercelli: collina, lago, montagna. Orari: dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 13/10/2010, Varallo (Vc), sede dell'Isrsc Bi-Vc, via D'Adda, 6

    Immagini di biodiversità

    Varallo, 13 ottobre - 5 novembre 2010. L'Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" espone la mostra Immagini di biodiversità, a cura di Laura Manione, realizzata dall'Archivio fotografico Luciano Giachetti - Fotocronisti Baita di Vercelli in occasione dell’anno internazionale della biodiversità. Immagini di biodiversità è una mostra pensata intorno al tema internazionale a cui è dedicato il 2010. L'ambiente vercellese è caratterizzato sostanzialmente da una produzione agricola specifica, la risicoltura. Nel corso del tempo, con una capillare ricognizione fotografica, Giachetti e i Fotocronisti Baita hanno registrato le mutazioni del paesaggio dovute alla progressiva tecnologizzazione del lavoro, la varietà di cultivar di riso inserite nella produzione e la complessità di un ecosistema sviluppatosi soprattutto intorno ai corsi d’acqua presenti sul territorio. In mostra, oltre ai materiali che illustrano l’habitat e la presenza delle varie specie rintracciabili in pianura, è prevista anche una sezione rivolta agli altri aspetti naturalistici caratteristici della provincia di Vercelli: collina, lago, montagna. Orari: dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 12/10/2010, ore 10:00 - Roma, Palazzo del Quirinale, Sala delle Bandiere

    A noi fu dato in sorte questo tempo 1938-1947

    Sotto l'Alto Patronato del Presidente della Repubblica Italiana, si apre a Roma la mostra prodotta dall'INSMLI, dopo gli allestimenti di Torino e di Fossoli. La mostra sarà aperta fino al 27 novembre 2010. Si prevedono visite guidate per le scuole. Per prenotazioni e informazioni scrivere a: info.memoria@tiscali. In allegato: depliant e comunicato stampa.

    Notizia di: Istituto romano per la storia d'Italia dal fascismo alla Resistenza - Roma


  • 12/10/2010, ore 10:30 - Biblioteca Nazionale Bari

    Leggere il Risorgiemento

    La Biblioteca Nazionale di Bari con la collaborazione dell'IPSAIC hanno inaugurato la Mostra "Leggere il Risorgimento tra indagine storica e revisionismi" Relatori: Vito Antonio Leuzzi (IPSAIC) Felice Blasi (Corriere del Mezzogiorno) Gabriella Ulivieri (Biblioteca Nazionale) Sono intervenuti alcune classi dell'ITC "Marconi" di Bari

    Notizia di: Istituto pugliese per la storia dell'antifascismo e dell'Italia contemporanea - Bari


  • 11/10/2010, ore 16:00 - Roma

    A noi fu dato in sorte questo tempo 1938-1947

    Dopo gli allestimenti a Torino e Fossoli di Carpi (MO), la mostra documentaria "A noi fu dato in sorte questo tempo 1938-1947" giunge a Roma, presso la Sala delle Bandiere del Palazzo del Quirinale, dove verrà inaugurata alle ore 16 del giorno 11 ottobre 2010. La mostra è nata dagli studi di Alessandra Chiappano sull’archivio privato di Luciana Nissim Momigliano e su altri archivi finora inesplorati. Attraverso un approccio multimediale, e con il corredo di documenti inediti, essa vuole raccontare ai giovani vicende di giovani, intrecciando continuamente la microstoria con la macrostoria. L'iniziativa è promossa dada Istituto nazionale per la storia del movimento di liberazione in Italia Fondazione ex Campo Fossoli, Istituto Storico di Modena sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica. L'esposizione sarà aperta al pubblico fino al 27 novembre 2010, con ingresso gratuito e senza bisogno di prenotazione, con i seguenti orari: da martedì a sabato dalle ore 10.00 alle ore 13.00 e dalle ore 15.30 alle ore 18.30; domenica dalle ore 8.30 alle ore 12.00.

    Notizia di: Istituto Nazionale per la Storia del Movimento di Liberazione in Italia Ferruccio Parri - Milano


  • 8/10/2010, ore 19:00 - Ancona, Casa delle Culture, Via Vallemiano 46 (area ex mattatoio)

    Inaugurazione della Mostra IL LIMBO

    Nell'ambito del ciclo di incontri Linee di resistenza venerdì 8 ottobre 2010 ore 19 Inaugurazione della Mostra "Il limbo. Volti e luoghi della frontiera a sud", a cura del fotografo Mattia Santini La Mostra resterà aperta al pubblico dall' 8 ottobre al 13 novembre 2010, il mercoledì e il venerdì dalle ore 17 alle ore 19. ore 21 "Fortezza Europa". Incontro con Mimmo Candito, presidente dei Reporters sans frontières Italia, inviato di guerra del quotidiano La Stampa

    Notizia di: Istituto regionale per la storia del movimento di liberazione nelle Marche - Ancona


  • 3/10/2010, Vercelli, Foyer del Salone Dugentesco, via G. Ferraris

    Immagini di biodiversità

    Vercelli, 25 settembre - 3 ottobre 2010. Mostra dell’Archivio fotografico Luciano Giachetti - Fotocronisti Baita (associazione costituita dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli", la Città di Vercelli e gli eredi Giachetti), in occasione dell’anno internazionale della biodiversità, a cura di Laura Manione. Con la compartecipazione della Città di Vercelli. Inaugurazione sabato 25 settembre, ore 17. Orari: feriali ore 17-19, al mattino aperto per le scuole su prenotazione; sabato e festivi ore 10-12 e 17-19; lunedì chiuso. "Immagini di biodiversità" è una mostra pensata intorno al tema internazionale a cui è dedicato il 2010. L’ambiente vercellese è caratterizzato sostanzialmente da una produzione agricola specifica, la risicoltura. Nel corso del tempo, con una capillare ricognizione fotografica, Giachetti e i Fotocronisti Baita hanno registrato le mutazioni del paesaggio dovute alla progressiva tecnologizzazione del lavoro, la varietà di cultivar di riso inserite nella produzione e la complessità di un ecosistema sviluppatosi soprattutto intorno ai corsi d’acqua presenti sul territorio. In mostra, oltre ai materiali che illustreranno l’habitat e la presenza delle varie specie rintracciabili in pianura, è prevista anche una sezione rivolta agli altri aspetti naturalistici caratteristici della provincia di Vercelli: collina, lago, montagna.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 2/10/2010, Vercelli, Foyer del Salone Dugentesco, via G. Ferraris

    Immagini di biodiversità

    Vercelli, 25 settembre - 3 ottobre 2010. Mostra dell’Archivio fotografico Luciano Giachetti - Fotocronisti Baita (associazione costituita dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli", la Città di Vercelli e gli eredi Giachetti), in occasione dell’anno internazionale della biodiversità, a cura di Laura Manione. Con la compartecipazione della Città di Vercelli. Inaugurazione sabato 25 settembre, ore 17. Orari: feriali ore 17-19, al mattino aperto per le scuole su prenotazione; sabato e festivi ore 10-12 e 17-19; lunedì chiuso. "Immagini di biodiversità" è una mostra pensata intorno al tema internazionale a cui è dedicato il 2010. L’ambiente vercellese è caratterizzato sostanzialmente da una produzione agricola specifica, la risicoltura. Nel corso del tempo, con una capillare ricognizione fotografica, Giachetti e i Fotocronisti Baita hanno registrato le mutazioni del paesaggio dovute alla progressiva tecnologizzazione del lavoro, la varietà di cultivar di riso inserite nella produzione e la complessità di un ecosistema sviluppatosi soprattutto intorno ai corsi d’acqua presenti sul territorio. In mostra, oltre ai materiali che illustreranno l’habitat e la presenza delle varie specie rintracciabili in pianura, è prevista anche una sezione rivolta agli altri aspetti naturalistici caratteristici della provincia di Vercelli: collina, lago, montagna.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 1/10/2010, Vercelli, Foyer del Salone Dugentesco, via G. Ferraris

    Immagini di biodiversità

    Vercelli, 25 settembre - 3 ottobre 2010. Mostra dell’Archivio fotografico Luciano Giachetti - Fotocronisti Baita (associazione costituita dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli", la Città di Vercelli e gli eredi Giachetti), in occasione dell’anno internazionale della biodiversità, a cura di Laura Manione. Con la compartecipazione della Città di Vercelli. Inaugurazione sabato 25 settembre, ore 17. Orari: feriali ore 17-19, al mattino aperto per le scuole su prenotazione; sabato e festivi ore 10-12 e 17-19; lunedì chiuso. "Immagini di biodiversità" è una mostra pensata intorno al tema internazionale a cui è dedicato il 2010. L’ambiente vercellese è caratterizzato sostanzialmente da una produzione agricola specifica, la risicoltura. Nel corso del tempo, con una capillare ricognizione fotografica, Giachetti e i Fotocronisti Baita hanno registrato le mutazioni del paesaggio dovute alla progressiva tecnologizzazione del lavoro, la varietà di cultivar di riso inserite nella produzione e la complessità di un ecosistema sviluppatosi soprattutto intorno ai corsi d’acqua presenti sul territorio. In mostra, oltre ai materiali che illustreranno l’habitat e la presenza delle varie specie rintracciabili in pianura, è prevista anche una sezione rivolta agli altri aspetti naturalistici caratteristici della provincia di Vercelli: collina, lago, montagna.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 30/9/2010, Vercelli, Foyer del Salone Dugentesco, via G. Ferraris

    Immagini di biodiversità

    Vercelli, 25 settembre - 3 ottobre 2010. Mostra dell’Archivio fotografico Luciano Giachetti - Fotocronisti Baita (associazione costituita dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli", la Città di Vercelli e gli eredi Giachetti), in occasione dell’anno internazionale della biodiversità, a cura di Laura Manione. Con la compartecipazione della Città di Vercelli. Inaugurazione sabato 25 settembre, ore 17. Orari: feriali ore 17-19, al mattino aperto per le scuole su prenotazione; sabato e festivi ore 10-12 e 17-19; lunedì chiuso. "Immagini di biodiversità" è una mostra pensata intorno al tema internazionale a cui è dedicato il 2010. L’ambiente vercellese è caratterizzato sostanzialmente da una produzione agricola specifica, la risicoltura. Nel corso del tempo, con una capillare ricognizione fotografica, Giachetti e i Fotocronisti Baita hanno registrato le mutazioni del paesaggio dovute alla progressiva tecnologizzazione del lavoro, la varietà di cultivar di riso inserite nella produzione e la complessità di un ecosistema sviluppatosi soprattutto intorno ai corsi d’acqua presenti sul territorio. In mostra, oltre ai materiali che illustreranno l’habitat e la presenza delle varie specie rintracciabili in pianura, è prevista anche una sezione rivolta agli altri aspetti naturalistici caratteristici della provincia di Vercelli: collina, lago, montagna.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 29/9/2010, Vercelli, Foyer del Salone Dugentesco, via G. Ferraris

    Immagini di biodiversità

    Vercelli, 25 settembre - 3 ottobre 2010. Mostra dell’Archivio fotografico Luciano Giachetti - Fotocronisti Baita (associazione costituita dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli", la Città di Vercelli e gli eredi Giachetti), in occasione dell’anno internazionale della biodiversità, a cura di Laura Manione. Con la compartecipazione della Città di Vercelli. Inaugurazione sabato 25 settembre, ore 17. Orari: feriali ore 17-19, al mattino aperto per le scuole su prenotazione; sabato e festivi ore 10-12 e 17-19; lunedì chiuso. "Immagini di biodiversità" è una mostra pensata intorno al tema internazionale a cui è dedicato il 2010. L’ambiente vercellese è caratterizzato sostanzialmente da una produzione agricola specifica, la risicoltura. Nel corso del tempo, con una capillare ricognizione fotografica, Giachetti e i Fotocronisti Baita hanno registrato le mutazioni del paesaggio dovute alla progressiva tecnologizzazione del lavoro, la varietà di cultivar di riso inserite nella produzione e la complessità di un ecosistema sviluppatosi soprattutto intorno ai corsi d’acqua presenti sul territorio. In mostra, oltre ai materiali che illustreranno l’habitat e la presenza delle varie specie rintracciabili in pianura, è prevista anche una sezione rivolta agli altri aspetti naturalistici caratteristici della provincia di Vercelli: collina, lago, montagna.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 29/9/2010, ore 21:00 - Spresiano (TV) - ex chiesetta dei Giuseppini

    Incontro sul tema: L’emigrazione veneta: il racconto di un’epopea

    All’interno della mostra storico-fotografica “L’emigrazione trevigiana e veneta nel mondo” allestita nella ex chiesetta dei Giuseppini incontro con Amerigo Manesso – direttore ISTRESCO sul tema: L’emigrazione veneta: il racconto di un’epopea

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea della Marca Trevigiana - Treviso


  • 28/9/2010, Vercelli, Foyer del Salone Dugentesco, via G. Ferraris

    Immagini di biodiversità

    Vercelli, 25 settembre - 3 ottobre 2010. Mostra dell’Archivio fotografico Luciano Giachetti - Fotocronisti Baita (associazione costituita dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli", la Città di Vercelli e gli eredi Giachetti), in occasione dell’anno internazionale della biodiversità, a cura di Laura Manione. Con la compartecipazione della Città di Vercelli. Inaugurazione sabato 25 settembre, ore 17. Orari: feriali ore 17-19, al mattino aperto per le scuole su prenotazione; sabato e festivi ore 10-12 e 17-19; lunedì chiuso. "Immagini di biodiversità" è una mostra pensata intorno al tema internazionale a cui è dedicato il 2010. L’ambiente vercellese è caratterizzato sostanzialmente da una produzione agricola specifica, la risicoltura. Nel corso del tempo, con una capillare ricognizione fotografica, Giachetti e i Fotocronisti Baita hanno registrato le mutazioni del paesaggio dovute alla progressiva tecnologizzazione del lavoro, la varietà di cultivar di riso inserite nella produzione e la complessità di un ecosistema sviluppatosi soprattutto intorno ai corsi d’acqua presenti sul territorio. In mostra, oltre ai materiali che illustreranno l’habitat e la presenza delle varie specie rintracciabili in pianura, è prevista anche una sezione rivolta agli altri aspetti naturalistici caratteristici della provincia di Vercelli: collina, lago, montagna.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 27/9/2010, Vercelli, Foyer del Salone Dugentesco, via G. Ferraris

    Immagini di biodiversità

    Vercelli, 25 settembre - 3 ottobre 2010. Mostra dell’Archivio fotografico Luciano Giachetti - Fotocronisti Baita (associazione costituita dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli", la Città di Vercelli e gli eredi Giachetti), in occasione dell’anno internazionale della biodiversità, a cura di Laura Manione. Con la compartecipazione della Città di Vercelli. Inaugurazione sabato 25 settembre, ore 17. Orari: feriali ore 17-19, al mattino aperto per le scuole su prenotazione; sabato e festivi ore 10-12 e 17-19; lunedì chiuso. "Immagini di biodiversità" è una mostra pensata intorno al tema internazionale a cui è dedicato il 2010. L’ambiente vercellese è caratterizzato sostanzialmente da una produzione agricola specifica, la risicoltura. Nel corso del tempo, con una capillare ricognizione fotografica, Giachetti e i Fotocronisti Baita hanno registrato le mutazioni del paesaggio dovute alla progressiva tecnologizzazione del lavoro, la varietà di cultivar di riso inserite nella produzione e la complessità di un ecosistema sviluppatosi soprattutto intorno ai corsi d’acqua presenti sul territorio. In mostra, oltre ai materiali che illustreranno l’habitat e la presenza delle varie specie rintracciabili in pianura, è prevista anche una sezione rivolta agli altri aspetti naturalistici caratteristici della provincia di Vercelli: collina, lago, montagna.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 27/9/2010, San Giovanni in Persiceto, Bologna,

    Io sono testimonianza. Ritratti di sopravvissuti a trent'anni dalla strage del 2 agosto 1980.

    Inaugura il 27 settembre alle ore 18 presso il Municipio la mostra fotografica Io sono testimonianza, alla presenza dell'Assessore alle politiche giovanili Dimitri Tartari e con Cinzia Venturoli e Angela Verzelli di Isrebo. Con questa tappa prosegue il percorso della mostra fotografica ideata e promossa da Isrebo in collaborazione con l'Associazione tra i familiari delle vittime del 2 agosto. Dopo Sala Borsa (31 luglio - 7 agosto) la mostra è stata ospitata dalla Mediateca di San Lazzaro di Savena ( 9- 22 settembre); ha poi sostato il 23 e 24 settembre presso la sala d'aspetto di seconda classe della Stazione centrale di Bologna durante la cerimonia di consegna della targa Unesco al Memoriale della strage come Patrimonio per una Cultura di Pace. A San Giovanni in Persiceto la mostra resterà fino al 4 ottobre con un corposo programma di visiste scolastiche guidate da operatori della sezione didattica di Isrebo, Venturoli e Verzelli.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nella provincia di Bologna "Luciano Bergonzini" - Bologna


  • 26/9/2010, Vercelli, Foyer del Salone Dugentesco, via G. Ferraris

    Immagini di biodiversità

    Vercelli, 25 settembre - 3 ottobre 2010. Mostra dell’Archivio fotografico Luciano Giachetti - Fotocronisti Baita (associazione costituita dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli", la Città di Vercelli e gli eredi Giachetti), in occasione dell’anno internazionale della biodiversità, a cura di Laura Manione. Con la compartecipazione della Città di Vercelli. Inaugurazione sabato 25 settembre, ore 17. Orari: feriali ore 17-19, al mattino aperto per le scuole su prenotazione; sabato e festivi ore 10-12 e 17-19; lunedì chiuso. "Immagini di biodiversità" è una mostra pensata intorno al tema internazionale a cui è dedicato il 2010. L’ambiente vercellese è caratterizzato sostanzialmente da una produzione agricola specifica, la risicoltura. Nel corso del tempo, con una capillare ricognizione fotografica, Giachetti e i Fotocronisti Baita hanno registrato le mutazioni del paesaggio dovute alla progressiva tecnologizzazione del lavoro, la varietà di cultivar di riso inserite nella produzione e la complessità di un ecosistema sviluppatosi soprattutto intorno ai corsi d’acqua presenti sul territorio. In mostra, oltre ai materiali che illustreranno l’habitat e la presenza delle varie specie rintracciabili in pianura, è prevista anche una sezione rivolta agli altri aspetti naturalistici caratteristici della provincia di Vercelli: collina, lago, montagna.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 26/9/2010, ore 10:00 - Treviso - Calmaggiore e Piazza dei Signori

    L’Istresco partecipa a SILEGGE a Treviso

    Da giovedì 23 a domenica 26 settembre 2010, dalle ore 10,00 alle 22,00 4 giorni di libri e non solo in Calmaggiore e in Piazza dei Signori Esposizione, presentazione e vendita delle pubblicazioni ISTRESCO Presenza degli autori e incontri con il pubblico

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea della Marca Trevigiana - Treviso


  • 25/9/2010, Vercelli, Foyer del Salone Dugentesco, via G. Ferraris

    Immagini di biodiversità

    Vercelli, 25 settembre - 3 ottobre 2010. Mostra dell’Archivio fotografico Luciano Giachetti - Fotocronisti Baita (associazione costituita dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli", la Città di Vercelli e gli eredi Giachetti), in occasione dell’anno internazionale della biodiversità, a cura di Laura Manione. Con la compartecipazione della Città di Vercelli. Inaugurazione sabato 25 settembre, ore 17. Orari: feriali ore 17-19, al mattino aperto per le scuole su prenotazione; sabato e festivi ore 10-12 e 17-19; lunedì chiuso. "Immagini di biodiversità" è una mostra pensata intorno al tema internazionale a cui è dedicato il 2010. L’ambiente vercellese è caratterizzato sostanzialmente da una produzione agricola specifica, la risicoltura. Nel corso del tempo, con una capillare ricognizione fotografica, Giachetti e i Fotocronisti Baita hanno registrato le mutazioni del paesaggio dovute alla progressiva tecnologizzazione del lavoro, la varietà di cultivar di riso inserite nella produzione e la complessità di un ecosistema sviluppatosi soprattutto intorno ai corsi d’acqua presenti sul territorio. In mostra, oltre ai materiali che illustreranno l’habitat e la presenza delle varie specie rintracciabili in pianura, è prevista anche una sezione rivolta agli altri aspetti naturalistici caratteristici della provincia di Vercelli: collina, lago, montagna.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 25/9/2010, ore 10:00 - Treviso - Calmaggiore e Piazza dei Signori

    L’Istresco partecipa a SILEGGE a Treviso

    Da giovedì 23 a domenica 26 settembre 2010, dalle ore 10,00 alle 22,00 4 giorni di libri e non solo in Calmaggiore e in Piazza dei Signori Esposizione, presentazione e vendita delle pubblicazioni ISTRESCO Presenza degli autori e incontri con il pubblico

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea della Marca Trevigiana - Treviso


  • 24/9/2010, ore 10:00 - Treviso - Calmaggiore e Piazza dei Signori

    L’Istresco partecipa a SILEGGE a Treviso

    Da giovedì 23 a domenica 26 settembre 2010, dalle ore 10,00 alle 22,00 4 giorni di libri e non solo in Calmaggiore e in Piazza dei Signori Esposizione, presentazione e vendita delle pubblicazioni ISTRESCO Presenza degli autori e incontri con il pubblico

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea della Marca Trevigiana - Treviso


  • 24/9/2010, ore 16:00 - Mantova : Biblioteca Mediateca 'Baratta' (corso Garibaldi, 88)

    Piccoli editori a Mantova, 24 - 26 settembre

    Nei giorni che la Regione Lombardia dedica a "Fai il pieno di cultura", viene organizzata presso la sede del Centro Culturale 'Baratta' una mostra mercato di piccoli editori, all'interno della quale l'Istituto Mantovano di Storia Contemporanea ha un proprio spazio espositivo. In allegato la cartolina dell'invito.

    Notizia di: Istituto mantovano di storia contemporanea - Mantova


  • 23/9/2010, ore 10:00 - Treviso - Calmaggiore e Piazza dei Signori

    L’Istresco partecipa a SILEGGE a Treviso

    Da Giovedì 23 a domenica 26 settembre 2010, dalle ore 10,00 alle 22,00 4 giorni di libri e non solo in Calmaggiore e in Piazza dei Signori Esposizione, presentazione e vendita delle pubblicazioni ISTRESCO Presenza degli autori e incontri con il pubblico

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea della Marca Trevigiana - Treviso


  • 9/9/2010, ore 17:00 - San Lazzaro di Savena. Mediateca

    Io sono testimonianza. Ritratti di sopravvissuti a trent'anni dalla strage del 2 agosto 1980.

    Il 9 settembre 2010, alle ore 17, presso la Mediateca di San Lazzaro di Savena (Bologna) sarà inaugurata la mostra che ricorda il trentennale della strage alla stazione di Bologna, promossa e organizzata da Isrebo in collaborazione con l'Associazione tra i familiari delle vittime, il Comune di San Lazzaro e con il contributo della Coop Ansaloni. Per Isrebo sarà presente il direttore Mauro Maggiorani, insieme al sindaco di San Lazzaro, l'Assessore alla cultura e lo scrittore Loriano Macchiavelli. La mostra presenta 12 pannelli con fotografie di Martino Lombezzi, testi storici di Cinzia Venturoli.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nella provincia di Bologna "Luciano Bergonzini" - Bologna


  • 6/8/2010, Postua (Vc), Centro comunale polivalente

    L'alba che segnò d'iride i biancospini

    Enrico Pagano, direttore dell'Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" presenta agli ospiti francesi del Comune di Postua la mostra permanente da lui curata "L'alba che segnò d'iride i biancospini. La storia e i luoghi dei partigiani della XII divisione Nedo", realizzata dall'Isrsc Bi-Vc in collaborazione con l'Anpi Valsessera e l'Amministrazione comunale di Postua, in occasione del 65° anniversario della Liberazione.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 31/7/2010, ore 18:00 - Bologna, Sala Borsa Piazza Nettuno 3

    Io sono testimonianza. Ritratti di sopravvissuti a trent'anni dalla strage del 2 agosto 1980.

    Inaugurazione della mostra fotografica Io sono testimonianza, ore 18 in Sala Borsa, a Bologna. Nel trentesimo anniversario della strage alla stazione di Bologna, Isrebo ha ideato e organizzato una mostra fotografica che coinvolge alcuni tra i sopravvissuti alla strage della stazione di Bologna e consegna alla memoria pubblica un ritratto fotografico della persona e di un "oggetto" che fa da traccia del tempo passato. 12 pannelli tra fotografie e pannelli storici, con traduzione in lingua inglese, sono messi in mostra in Sala Borsa dal 31 luglio al 7 agosto. Maggiori informazioni sul sito di Sala Borsa e sul sito di Isrebo. La mostra è stata realizzata con il contributo di Coop Ansaloni e col sostegno di Sala Borsa. Fotografie di Martino Lombezzi, testi storici di Cinzia Venturoli, coordinamento del progetto a cura di Isrebo. La mostra sarà proposta ai comuni della provincia di Bologna per dare solennità al trentennale della strage alla riapertura dell'anno scolastico e sarà a fine settembre a San Giovanni in persiceto e l'8 ottobre ad Anzola dell'Emilia.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nella provincia di Bologna "Luciano Bergonzini" - Bologna


  • 2/7/2010, ore 9:00 - Torino, Museo Diffuso (corso Valdocco 4)

    Diritti al Cubo. Un percorso interattivo tra le parole della Democrazia

    Il 2 luglio 2010 apre al pubblico la mostra DIRITTI AL CUBO - Un percorso interattivo tra le parole della Democrazia, progettata e curata dall’Istituto piemontese per la storia della Resistenza e della società contemporanea “Giorgio Agosti” e da N!03 studio ennezerotre e realizzata dal Museo Diffuso di Torino, con il sostegno della Compagnia di San Paolo, il contributo della Regione Piemonte e in collaborazione con Palazzo Ducale Fondazione per la Cultura di Genova. La mostra resterà aperta fino al 19 dicembre e completa il percorso avviato con “I giovani e la Costituzione”, esposizione allestita a Torino nella primavera del 2009, che ha coinvolto numerosi studenti delle scuole medie inferiori e superiori collocate su tutto il territorio piemontese. Nella primavera 2010 la mostra DIRITTI AL CUBO è già stata presentata al pubblico a Genova nella sede di Palazzo Ducale. DIRITTI AL CUBO - Un percorso interattivo tra le parole della Democrazia invita i visitatori a confrontarsi in modo interattivo con la propria e l’altrui percezione dei diritti e dei doveri sanciti dalla Costituzione. Con l’Adesione del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano che ha conferito una speciale medaglia presidenziale al progetto.

    Notizia di: Istituto piemontese per la storia della Resistenza e della società contemporanea - Torino


  • 30/6/2010, ore 00:00 - Sordevolo (Bi), Villa Cernigliaro, via Clemente Vercellone, 4

    Franco Antonicelli. I disegni

    Sordevolo, 25 aprile - 30 giugno 2010. La mostra Franco Antonicelli. I disegni" è realizzata da Parchi letterari® Franco Antonicelli, Zero Gravità associazione e Villa Cernigliaro-Dimora storica, con il patrocinio e contributo di Regione Piemonte, Provincia di Biella, Città di Biella, Comune di Sordevolo, Comune di Pollone, Fondazione Cassa di Risparmio di Biella, Camera di Commercio di Biella, Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli, nell’ambito del X Anno culturale 2010. Nella Galleria, nella Sala Biblioteca e nell’orangerie La Serra dei leoni di Villa Cernigliaro sono ospitati: una selezione di cento e più disegni originali di Antonicelli, presentati per la prima volta così ampiamente grazie alla collaborazione della figlia Patrizia Antonicelli, alcuni preziosi volumi nelle edizioni originali e copie della rivista Nuovasocietà. I disegni esposti evocano la parte più sensibile di Antonicelli; gli strumenti che utilizza sono quelli dello scrittore: penna o matita, fogli da minuta e buste del Senato. I soggetti nelle sue piccole opere sono gesti calligrafici: disegnando e schizzando egli scrive un diario estemporaneo. I Parchi Letterari® Franco Antonicelli, tra Sordevolo e Pollone, è entrato nell’importante rete nazionale de I Parchi Letterari® il 19 gennaio 2010: è un itinerario lungo i luoghi di permanenza dello scrittore e di quel gruppo di intellettuali chiamato collettivo spirituale morale, che si riuniva tutti gli anni in Villa per riflettere sui temi di storia, letteratura, poesia, arte, musica. Per prenotazioni e informazioni: Tel. 015-2562174 info@villacernigliaro.it.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 19/6/2010, Sordevolo (Bi), Villa Cernigliaro, via Clemente Vercellone, 4

    Franco Antonicelli. I disegni

    Sordevolo, 25 aprile - 30 giugno 2010. La mostra Franco Antonicelli. I disegni" è realizzata da Parchi letterari® Franco Antonicelli, Zero Gravità associazione e Villa Cernigliaro-Dimora storica, con il patrocinio e contributo di Regione Piemonte, Provincia di Biella, Città di Biella, Comune di Sordevolo, Comune di Pollone, Fondazione Cassa di Risparmio di Biella, Camera di Commercio di Biella, Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli, nell’ambito del X Anno culturale 2010. Nella Galleria, nella Sala Biblioteca e nell’orangerie La Serra dei leoni di Villa Cernigliaro sono ospitati: una selezione di cento e più disegni originali di Antonicelli, presentati per la prima volta così ampiamente grazie alla collaborazione della figlia Patrizia Antonicelli, alcuni preziosi volumi nelle edizioni originali e copie della rivista Nuovasocietà. I disegni esposti evocano la parte più sensibile di Antonicelli; gli strumenti che utilizza sono quelli dello scrittore: penna o matita, fogli da minuta e buste del Senato. I soggetti nelle sue piccole opere sono gesti calligrafici: disegnando e schizzando egli scrive un diario estemporaneo. I Parchi Letterari® Franco Antonicelli, tra Sordevolo e Pollone, è entrato nell’importante rete nazionale de I Parchi Letterari® il 19 gennaio 2010: è un itinerario lungo i luoghi di permanenza dello scrittore e di quel gruppo di intellettuali chiamato collettivo spirituale morale, che si riuniva tutti gli anni in Villa per riflettere sui temi di storia, letteratura, poesia, arte, musica. Per prenotazioni e informazioni: Tel. 015-2562174 info@villacernigliaro.it.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 10/6/2010, Venezia, Villa Hériot, Casa della memoria e della storia

    Uomini in laguna. Gesti, segni e simboli tra acqua, terra e barena (1958-1978)

    Istituto veneziano per la storia della Resistenza e della società contemporanea - Iveser Archivio della Comunicazione - Comune di Venezia 1 giugno 2010 ore 17.00: inaugurazione della mostra fotografica Uomini in laguna. Gesti, segni e simboli tra acqua, terra e barena (1958-1978) fotografie di Lorenzo Bullo La mostra resterà aperta fino al 25 giugno 2010 orari: lunedì-venerdì 9.00-12.30; mercoledi-giovedì-venerdì 15.00-17.30 Info: Iveser, 041 5287735; info@iveser.it

    Notizia di: Istituto veneziano per la storia della Resistenza e della società contemporanea - Venezia


  • 8/6/2010, Sordevolo (Bi), Villa Cernigliaro, via Clemente Vercellone, 4

    Franco Antonicelli. I disegni

    Sordevolo, 25 aprile - 30 giugno 2010. La mostra Franco Antonicelli. I disegni" è realizzata da Parchi letterari® Franco Antonicelli, Zero Gravità associazione e Villa Cernigliaro-Dimora storica, con il patrocinio e contributo di Regione Piemonte, Provincia di Biella, Città di Biella, Comune di Sordevolo, Comune di Pollone, Fondazione Cassa di Risparmio di Biella, Camera di Commercio di Biella, Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli, nell’ambito del X Anno culturale 2010. Nella Galleria, nella Sala Biblioteca e nell’orangerie La Serra dei leoni di Villa Cernigliaro sono ospitati: una selezione di cento e più disegni originali di Antonicelli, presentati per la prima volta così ampiamente grazie alla collaborazione della figlia Patrizia Antonicelli, alcuni preziosi volumi nelle edizioni originali e copie della rivista Nuovasocietà. I disegni esposti evocano la parte più sensibile di Antonicelli; gli strumenti che utilizza sono quelli dello scrittore: penna o matita, fogli da minuta e buste del Senato. I soggetti nelle sue piccole opere sono gesti calligrafici: disegnando e schizzando egli scrive un diario estemporaneo. I Parchi Letterari® Franco Antonicelli, tra Sordevolo e Pollone, è entrato nell’importante rete nazionale de I Parchi Letterari® il 19 gennaio 2010: è un itinerario lungo i luoghi di permanenza dello scrittore e di quel gruppo di intellettuali chiamato collettivo spirituale morale, che si riuniva tutti gli anni in Villa per riflettere sui temi di storia, letteratura, poesia, arte, musica. Per prenotazioni e informazioni: Tel. 015-2562174 info@villacernigliaro.it.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • Venezia, Villa Hériot, Casa della memoria e della storia

    Uomini in laguna. Gesti, segni e simboli tra acqua, terra e barena (1958-1978)

    Istituto veneziano per la storia della Resistenza e della società contemporanea - Iveser Archivio della Comunicazione - Comune di Venezia 1 giugno 2010 ore 17.00: inaugurazione della mostra fotografica Uomini in laguna. Gesti, segni e simboli tra acqua, terra e barena (1958-1978) fotografie di Lorenzo Bullo La mostra resterà aperta fino al 25 giugno 2010 orari: lunedì-venerdì 9.00-12.30; mercoledi-giovedì-venerdì 15.00-17.30 Info: Iveser, 041 5287735; info@iveser.it

    Notizia di: Istituto veneziano per la storia della Resistenza e della società contemporanea - Venezia


  • 1/6/2010, Venezia, Villa Hériot, Casa della memoria e della storia

    Uomini in laguna. Gesti, segni e simboli tra acqua, terra e barena (1958-1978)

    Istituto veneziano per la storia della Resistenza e della società contemporanea - Iveser Archivio della Comunicazione - Comune di Venezia 1 giugno 2010 ore 17.00: inaugurazione della mostra fotografica Uomini in laguna. Gesti, segni e simboli tra acqua, terra e barena (1958-1978) fotografie di Lorenzo Bullo La mostra resterà aperta fino al 25 giugno 2010 orari: lunedì-venerdì 9.00-12.30; mercoledi-giovedì-venerdì 15.00-17.30 Info: Iveser, 041 5287735; info@iveser.it

    Notizia di: Istituto veneziano per la storia della Resistenza e della società contemporanea - Venezia


  • 29/5/2010, ore 11:00 - Bologna, appuntamento davanti alla sede del LANDIS, Via Sant'Isaia 18

    La Bologna degli anni Settanta. Visita guidata.

    Sabato 29 maggio, nell'ambito del progetto Bologna Città Educativa, il LANDIS propone una visita guidata alla Bologna degli anni Settanta, condotta dalla dott.ssa Cinzia Venturoli (già direttrice del CEDOST-Centro di documentazione storico politica su stragismo, terrorismo e violenza politica). Sono previste due partenze: alle 11:00 e alle 15:00. L'appuntamento è davanti alla sede del LANDIS, in Via Sant'Isaia 18. La visita dura circa due ore. Si tratta di un percorso di memoria della Bologna del periodo 1977-1980, durante il quale sarà fornita l'indispensabile contestualizzazione storica. Tappe fondamentali: Piazza Maggiore, la zona universitaria, e la Stazione Centrale. Numero massimo per gruppo: 20 persone. Prenotazione obbligatoria entro il 27/05/2010 all'indirizzo e-mail landis@landis.191.it. Oppure allo 051 333217 (ore 9:30-13:30).

    Notizia di: Laboratorio nazionale per la didattica della storia - Bologna


  • 28/5/2010, Sordevolo (Bi), Villa Cernigliaro, via Clemente Vercellone, 4

    Franco Antonicelli. I disegni

    Sordevolo, 25 aprile - 30 giugno 2010. La mostra Franco Antonicelli. I disegni" è realizzata da Parchi letterari® Franco Antonicelli, Zero Gravità associazione e Villa Cernigliaro-Dimora storica, con il patrocinio e contributo di Regione Piemonte, Provincia di Biella, Città di Biella, Comune di Sordevolo, Comune di Pollone, Fondazione Cassa di Risparmio di Biella, Camera di Commercio di Biella, Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli, nell’ambito del X Anno culturale 2010. Nella Galleria, nella Sala Biblioteca e nell’orangerie La Serra dei leoni di Villa Cernigliaro sono ospitati: una selezione di cento e più disegni originali di Antonicelli, presentati per la prima volta così ampiamente grazie alla collaborazione della figlia Patrizia Antonicelli, alcuni preziosi volumi nelle edizioni originali e copie della rivista Nuovasocietà. I disegni esposti evocano la parte più sensibile di Antonicelli; gli strumenti che utilizza sono quelli dello scrittore: penna o matita, fogli da minuta e buste del Senato. I soggetti nelle sue piccole opere sono gesti calligrafici: disegnando e schizzando egli scrive un diario estemporaneo. I Parchi Letterari® Franco Antonicelli, tra Sordevolo e Pollone, è entrato nell’importante rete nazionale de I Parchi Letterari® il 19 gennaio 2010: è un itinerario lungo i luoghi di permanenza dello scrittore e di quel gruppo di intellettuali chiamato collettivo spirituale morale, che si riuniva tutti gli anni in Villa per riflettere sui temi di storia, letteratura, poesia, arte, musica. Per prenotazioni e informazioni: Tel. 015-2562174 info@villacernigliaro.it.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 25/5/2010, Savona Atrio del Palazzo Comunale

    L'inizio del conflitto mondiale. i bombardamenti aeronavali di savona, Vado, Albisola. L'occupazione italiana di Mentone attraverso la documentazione filatelica.

    Dal 25 al 30 maggio presso l'Atrio del Palazzo Comunale si terrà la mostra: L'inizio del conflitto mondiale. i bombardamenti aeronavali di Savona, Vado, Albisola. L'occupazione italiana di Mentone attraverso la documentazione filatelica. Raccolta di G. P. Guzzi

    Notizia di: Istituto storico della Resistenza e dell'età contemporanea della provincia di Savona - Savona


  • 25/5/2010, Varallo (Vc), sede dell’Isrsc Bi-Vc, via D’Adda, 6

    Disegni di libertà

    Varallo, 24 aprile - 28 maggio 2010. Esposizione della mostra "Disegni di libertà", che raccoglie i disegni realizzati tra il 1944 e il 1945 da Alfredo Domenicone, giovanissimo partigiano, che partecipò, con il nome di battaglia di "Steo", alla lotta di liberazione in Valsesia. La rappresentazione grafica della difficile vita del combattente per la libertà emerge da "pochi schizzi scarabocchiati in fretta e tinteggiati con fondi di caffè, vino e rossetto per le labbra", come scrive lo stesso autore in una lettera del 1944 indirizzata a Cino Moscatelli, commissario politico delle formazioni garibaldine valsesiane. La passione di Domenicone per la libertà e la democrazia si esprime attraverso la raffigurazione di un uomo che, con la lotta partigiana, cerca di costruirsi come uomo nuovo, rifiutando l’accettazione passiva degli eventi, mostrando una decisa volontà di riscatto e conservando allo stesso tempo, nonostante la violenza e la tragedia di quei giorni, la propria sensibilità umana. Iniziativa organizzata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli". Orari: sabato 24 aprile ore 16-19; domenica 25 aprile ore 10-19; dal 26 aprile, da lunedì a venerdì ore 9-13 e 15-18.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 22/5/2010, ore 17:00 - Vercelli, Foyer del Salone Dugentesco, via G. Ferraris

    Anni 60: il lavoro

    Vercelli, 22-30 maggio 2010. Mostra sul lavoro, tra i soggetti più visitati dai Fotocronisti Baita, curata da Laura Manione e realizzata dall’Archivio fotografico Luciano Giachetti - Fotocronisti Baita (associazione costituita dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli", la Città di Vercelli e gli eredi Giachetti), con la compartecipazione della Città di Vercelli. Inaugurazione sabato 22 maggio, ore 17. Orari: feriali ore 17-19, al mattino aperto per le scuole su prenotazione; festivi ore 10-12 e 17-19; lunedì chiuso.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 20/5/2010, ore 9:00 - Grosseto, Aula Magna dell'Istituto Professionale "L.Einaudi"

    Mostra “…e non è che un Punto-e-a-capo. Gianni Rodari e i suoi maggiori illustratori” - 20/23 maggio 2010

    Dal 20 al 23 maggio (ore 9-13, 15-19), nell’Aula Magna dell’Istituto Professionale “L.Einaudi” (Piazza De Maria) sarà allestita la mostra “…e non è che un Punto-e-a-capo. Gianni Rodari e i suoi maggiori illustratori”, per celebrare il grande scrittore a trenta anni dalla morte, novanta dalla nascita e quaranta dal prestigioso premio Andersen. La mostra rientra nel progetto di valorizzazione della biblioteca, della lettura e della cultura del libro, al quale l'ISGREC quest'anno ha voluto dedicare una particolare attenzione. “Io credo che le fiabe, quelle vecchie e quelle nuove, possano contribuire a educare la mente. La fiaba è il luogo di tutte le ipotesi: essa ci può dare delle chiavi per entrare nella realtà per strade nuove, può aiutare il bambino a conoscere il mondo”. Così affermava ne “La freccia azzurra” Gianni Rodari, autore raffinato e ironico, che ha cambiato la letteratura per l’infanzia e l’approccio con i piccoli lettori. La sua ricca produzione è fortemente legata agli illustratori, che nell’arco degli anni hanno interpretato la sua fantasia, dando vita ai suoi personaggi. Per approfondire e svelare il legame tra scrittore e illustratore, la mostra “…e non è che un Punto-e-a-capo”, curata da “METAMUSA arte ed eventi culturali”, presenta una selezione mirata e fedele di riproduzioni degli originali. Grazie alla collaborazione di una Commissione Scientifica, sono stati selezionati i bozzetti più importanti esposti in quattro differenti sezioni, caratterizzate, anche nell’allestimento, da quattro differenti colori. Il risultato è sia una lettura della storia dell’illustrazione italiana per l’infanzia, sia un confronto tra personaggi e storie interpretate e illustrate da 4 dei maggiori illustratori italiani: Raul Verdini, Bruno Munari, Lele Luzzati e Francesco Altan. Info: CENTRO DOCUMENTAZIONE DONNA DELLA PROVINCIA DI GROSSETO c/o ISGREC, Via De’ Barberi, 61 – 58100 Grosseto – tel/fax 0564 415219 www.isgrec.it - segreteria@isgrec.it

    Notizia di: Istituto storico grossetano della Resistenza e dell'età contemporanea - Grosseto


  • 19/5/2010, ore 17:00 - Macerata, Auditorium di San Paolo

    L'occupazione italiana della Libia. Colonialismo e violenza.

    Mostra foto/documentaria a cura di Costantino Di Sante Macerata, Auditorium di San Paolo 19 maggio - 4 giugno 2010 ore 10 - 13 e 15 - 18 Inaugurazione 19 maggio 2010 ore 17,00 In collaborazione con: Centro per gli studi storici Tripoli, Università di Macerata, ANPI Comitato di Macerata. Con il patrocinio del Comune di Macerata Seminario: Colonialismo e violenza: il caso della Libia Giovedì 27 maggio 2010 ore 16,00 Aula Magna dell'Università di Macerata Intervengono: UOLDELUL CHELATI DIRAR (Università di Macerata) COSTANTINO DI SANTE (Università di Teramo) Coordina: NATASCIA MATTUCCI (Università di Macerata)

    Notizia di: Istituto storico della Resistenza e dell'età contemporanea di Macerata "Mario Morbiducci" - Macerata


  • Sordevolo (Bi), Villa Cernigliaro, via Clemente Vercellone, 4

    Franco Antonicelli. I disegni

    Sordevolo, 25 aprile - 30 giugno 2010. La mostra Franco Antonicelli. I disegni" è realizzata da Parchi letterari® Franco Antonicelli, Zero Gravità associazione e Villa Cernigliaro-Dimora storica, con il patrocinio e contributo di Regione Piemonte, Provincia di Biella, Città di Biella, Comune di Sordevolo, Comune di Pollone, Fondazione Cassa di Risparmio di Biella, Camera di Commercio di Biella, Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli, nell’ambito del X Anno culturale 2010. Nella Galleria, nella Sala Biblioteca e nell’orangerie La Serra dei leoni di Villa Cernigliaro sono ospitati: una selezione di cento e più disegni originali di Antonicelli, presentati per la prima volta così ampiamente grazie alla collaborazione della figlia Patrizia Antonicelli, alcuni preziosi volumi nelle edizioni originali e copie della rivista Nuovasocietà. I disegni esposti evocano la parte più sensibile di Antonicelli; gli strumenti che utilizza sono quelli dello scrittore: penna o matita, fogli da minuta e buste del Senato. I soggetti nelle sue piccole opere sono gesti calligrafici: disegnando e schizzando egli scrive un diario estemporaneo. I Parchi Letterari® Franco Antonicelli, tra Sordevolo e Pollone, è entrato nell’importante rete nazionale de I Parchi Letterari® il 19 gennaio 2010: è un itinerario lungo i luoghi di permanenza dello scrittore e di quel gruppo di intellettuali chiamato collettivo spirituale morale, che si riuniva tutti gli anni in Villa per riflettere sui temi di storia, letteratura, poesia, arte, musica. Per prenotazioni e informazioni: tel. 015-2562174 info@villacernigliaro.it.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 17/5/2010, Varallo (Vc), sede dell’Isrsc Bi-Vc, via D’Adda, 6

    Disegni di libertà

    Varallo, 24 aprile - 28 maggio 2010. Esposizione della mostra "Disegni di libertà", che raccoglie i disegni realizzati tra il 1944 e il 1945 da Alfredo Domenicone, giovanissimo partigiano, che partecipò, con il nome di battaglia di "Steo", alla lotta di liberazione in Valsesia. La rappresentazione grafica della difficile vita del combattente per la libertà emerge da "pochi schizzi scarabocchiati in fretta e tinteggiati con fondi di caffè, vino e rossetto per le labbra", come scrive lo stesso autore in una lettera del 1944 indirizzata a Cino Moscatelli, commissario politico delle formazioni garibaldine valsesiane. La passione di Domenicone per la libertà e la democrazia si esprime attraverso la raffigurazione di un uomo che, con la lotta partigiana, cerca di costruirsi come uomo nuovo, rifiutando l’accettazione passiva degli eventi, mostrando una decisa volontà di riscatto e conservando allo stesso tempo, nonostante la violenza e la tragedia di quei giorni, la propria sensibilità umana. Iniziativa organizzata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli". Orari: sabato 24 aprile ore 16-19; domenica 25 aprile ore 10-19; dal 26 aprile, da lunedì a venerdì ore 9-13 e 15-18.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 17/5/2010, Sordevolo (Bi), Villa Cernigliaro, via Clemente Vercellone, 4

    Franco Antonicelli. I disegni

    Sordevolo, 25 aprile - 30 giugno 2010. La mostra Franco Antonicelli. I disegni" è realizzata da Parchi letterari® Franco Antonicelli, Zero Gravità associazione e Villa Cernigliaro-Dimora storica, con il patrocinio e contributo di Regione Piemonte, Provincia di Biella, Città di Biella, Comune di Sordevolo, Comune di Pollone, Fondazione Cassa di Risparmio di Biella, Camera di Commercio di Biella, Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli, nell’ambito del X Anno culturale 2010. Nella Galleria, nella Sala Biblioteca e nell’orangerie La Serra dei leoni di Villa Cernigliaro sono ospitati: una selezione di cento e più disegni originali di Antonicelli, presentati per la prima volta così ampiamente grazie alla collaborazione della figlia Patrizia Antonicelli, alcuni preziosi volumi nelle edizioni originali e copie della rivista Nuovasocietà. I disegni esposti evocano la parte più sensibile di Antonicelli; gli strumenti che utilizza sono quelli dello scrittore: penna o matita, fogli da minuta e buste del Senato. I soggetti nelle sue piccole opere sono gesti calligrafici: disegnando e schizzando egli scrive un diario estemporaneo. I Parchi Letterari® Franco Antonicelli, tra Sordevolo e Pollone, è entrato nell’importante rete nazionale de I Parchi Letterari® il 19 gennaio 2010: è un itinerario lungo i luoghi di permanenza dello scrittore e di quel gruppo di intellettuali chiamato collettivo spirituale morale, che si riuniva tutti gli anni in Villa per riflettere sui temi di storia, letteratura, poesia, arte, musica. Per prenotazioni e informazioni: tel. 015-2562174 info@villacernigliaro.it.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 16/5/2010, Sordevolo (Bi), Villa Cernigliaro, via Clemente Vercellone, 4

    Franco Antonicelli. I disegni

    Sordevolo, 25 aprile - 30 giugno 2010. La mostra Franco Antonicelli. I disegni" è realizzata da Parchi letterari® Franco Antonicelli, Zero Gravità associazione e Villa Cernigliaro-Dimora storica, con il patrocinio e contributo di Regione Piemonte, Provincia di Biella, Città di Biella, Comune di Sordevolo, Comune di Pollone, Fondazione Cassa di Risparmio di Biella, Camera di Commercio di Biella, Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli, nell’ambito del X Anno culturale 2010. Nella Galleria, nella Sala Biblioteca e nell’orangerie La Serra dei leoni di Villa Cernigliaro sono ospitati: una selezione di cento e più disegni originali di Antonicelli, presentati per la prima volta così ampiamente grazie alla collaborazione della figlia Patrizia Antonicelli, alcuni preziosi volumi nelle edizioni originali e copie della rivista Nuovasocietà. I disegni esposti evocano la parte più sensibile di Antonicelli; gli strumenti che utilizza sono quelli dello scrittore: penna o matita, fogli da minuta e buste del Senato. I soggetti nelle sue piccole opere sono gesti calligrafici: disegnando e schizzando egli scrive un diario estemporaneo. I Parchi Letterari® Franco Antonicelli, tra Sordevolo e Pollone, è entrato nell’importante rete nazionale de I Parchi Letterari® il 19 gennaio 2010: è un itinerario lungo i luoghi di permanenza dello scrittore e di quel gruppo di intellettuali chiamato collettivo spirituale morale, che si riuniva tutti gli anni in Villa per riflettere sui temi di storia, letteratura, poesia, arte, musica. Per prenotazioni e informazioni: Tel. 015-2562174 info@villacernigliaro.it.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 15/5/2010, ore 18:00 - Maranello, Spazio Culturale Madonna del Corso Via Claudia 277

    Conferenza di presentazione alla cittadinanza della mostra e del progetto Modena-Adis Abeba: andata e ritorno. Esperienze italiane nel corno d'Africa

    Conferenza di presentazione alla cittadinanza della mostra e del progetto Modena-Adis Abeba: andata e ritorno. Esperienze italiane nel corno d'Africa. Programma Saluti istituzionali; Intervento dell’Associazione Hewo Onlus; Presentazione della mostra (catalogo e ricerca) a cura di Moxa Modena per gli altri; Presentazione del progetto “Etiopia per non dimenticare” (prof. Alberto Molinari - Istituto storico di Modena). Info: Ufficio Cultura Comune di Maranello 0536/240.020

    Notizia di: Istituto storico della Resistenza e di storia contemporanea - Modena


  • 15/5/2010, Sordevolo (Bi), Villa Cernigliaro, via Clemente Vercellone, 4

    Franco Antonicelli. I disegni

    Sordevolo, 25 aprile - 30 giugno 2010. La mostra Franco Antonicelli. I disegni" è realizzata da Parchi letterari® Franco Antonicelli, Zero Gravità associazione e Villa Cernigliaro-Dimora storica, con il patrocinio e contributo di Regione Piemonte, Provincia di Biella, Città di Biella, Comune di Sordevolo, Comune di Pollone, Fondazione Cassa di Risparmio di Biella, Camera di Commercio di Biella, Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli, nell’ambito del X Anno culturale 2010. Nella Galleria, nella Sala Biblioteca e nell’orangerie La Serra dei leoni di Villa Cernigliaro sono ospitati: una selezione di cento e più disegni originali di Antonicelli, presentati per la prima volta così ampiamente grazie alla collaborazione della figlia Patrizia Antonicelli, alcuni preziosi volumi nelle edizioni originali e copie della rivista Nuovasocietà. I disegni esposti evocano la parte più sensibile di Antonicelli; gli strumenti che utilizza sono quelli dello scrittore: penna o matita, fogli da minuta e buste del Senato. I soggetti nelle sue piccole opere sono gesti calligrafici: disegnando e schizzando egli scrive un diario estemporaneo. I Parchi Letterari® Franco Antonicelli, tra Sordevolo e Pollone, è entrato nell’importante rete nazionale de I Parchi Letterari® il 19 gennaio 2010: è un itinerario lungo i luoghi di permanenza dello scrittore e di quel gruppo di intellettuali chiamato collettivo spirituale morale, che si riuniva tutti gli anni in Villa per riflettere sui temi di storia, letteratura, poesia, arte, musica. Per prenotazioni e informazioni: Tel. 015-2562174 info@villacernigliaro.it.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 14/5/2010, Sordevolo (Bi), Villa Cernigliaro, via Clemente Vercellone, 4

    Franco Antonicelli. I disegni

    Sordevolo, 25 aprile - 30 giugno 2010. La mostra Franco Antonicelli. I disegni" è realizzata da Parchi letterari® Franco Antonicelli, Zero Gravità associazione e Villa Cernigliaro-Dimora storica, con il patrocinio e contributo di Regione Piemonte, Provincia di Biella, Città di Biella, Comune di Sordevolo, Comune di Pollone, Fondazione Cassa di Risparmio di Biella, Camera di Commercio di Biella, Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli, nell’ambito del X Anno culturale 2010. Nella Galleria, nella Sala Biblioteca e nell’orangerie La Serra dei leoni di Villa Cernigliaro sono ospitati: una selezione di cento e più disegni originali di Antonicelli, presentati per la prima volta così ampiamente grazie alla collaborazione della figlia Patrizia Antonicelli, alcuni preziosi volumi nelle edizioni originali e copie della rivista Nuovasocietà. I disegni esposti evocano la parte più sensibile di Antonicelli; gli strumenti che utilizza sono quelli dello scrittore: penna o matita, fogli da minuta e buste del Senato. I soggetti nelle sue piccole opere sono gesti calligrafici: disegnando e schizzando egli scrive un diario estemporaneo. I Parchi Letterari® Franco Antonicelli, tra Sordevolo e Pollone, è entrato nell’importante rete nazionale de I Parchi Letterari® il 19 gennaio 2010: è un itinerario lungo i luoghi di permanenza dello scrittore e di quel gruppo di intellettuali chiamato collettivo spirituale morale, che si riuniva tutti gli anni in Villa per riflettere sui temi di storia, letteratura, poesia, arte, musica. Per prenotazioni e informazioni: Tel. 015-2562174 info@villacernigliaro.it.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 13/5/2010, ore 9:00 - Torino, Lingotto Fiere

    Salone internazionale del Libro

    Dal 13 al 17 maggio si svolge a Torino il Salone internazionale del Libro. L'Istoreto espone le pubblicazioni degli Istituti aderenti all'Insmli che hanno dato la loro adesione. Sono anche presentate iniziative e banche date realizzate dall'Insmli e dall'Istoreto. Promosso dall'Insmli, lo stand si trova nel III padiglione nella posizione Q109.

    Notizia di: Istituto piemontese per la storia della Resistenza e della società contemporanea - Torino


  • 13/5/2010, Sordevolo (Bi), Villa Cernigliaro, via Clemente Vercellone, 4

    Franco Antonicelli. I disegni

    Sordevolo, 25 aprile - 30 giugno 2010. La mostra Franco Antonicelli. I disegni" è realizzata da Parchi letterari® Franco Antonicelli, Zero Gravità associazione e Villa Cernigliaro-Dimora storica, con il patrocinio e contributo di Regione Piemonte, Provincia di Biella, Città di Biella, Comune di Sordevolo, Comune di Pollone, Fondazione Cassa di Risparmio di Biella, Camera di Commercio di Biella, Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli, nell’ambito del X Anno culturale 2010. Nella Galleria, nella Sala Biblioteca e nell’orangerie La Serra dei leoni di Villa Cernigliaro sono ospitati: una selezione di cento e più disegni originali di Antonicelli, presentati per la prima volta così ampiamente grazie alla collaborazione della figlia Patrizia Antonicelli, alcuni preziosi volumi nelle edizioni originali e copie della rivista Nuovasocietà. I disegni esposti evocano la parte più sensibile di Antonicelli; gli strumenti che utilizza sono quelli dello scrittore: penna o matita, fogli da minuta e buste del Senato. I soggetti nelle sue piccole opere sono gesti calligrafici: disegnando e schizzando egli scrive un diario estemporaneo. I Parchi Letterari® Franco Antonicelli, tra Sordevolo e Pollone, è entrato nell’importante rete nazionale de I Parchi Letterari® il 19 gennaio 2010: è un itinerario lungo i luoghi di permanenza dello scrittore e di quel gruppo di intellettuali chiamato collettivo spirituale morale, che si riuniva tutti gli anni in Villa per riflettere sui temi di storia, letteratura, poesia, arte, musica. Per prenotazioni e informazioni: Tel. 015-2562174 info@villacernigliaro.it.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 12/5/2010, Sordevolo (Bi), Villa Cernigliaro, via Clemente Vercellone, 4

    Franco Antonicelli. I disegni

    Sordevolo, 25 aprile - 30 giugno 2010. La mostra Franco Antonicelli. I disegni" è realizzata da Parchi letterari® Franco Antonicelli, Zero Gravità associazione e Villa Cernigliaro-Dimora storica, con il patrocinio e contributo di Regione Piemonte, Provincia di Biella, Città di Biella, Comune di Sordevolo, Comune di Pollone, Fondazione Cassa di Risparmio di Biella, Camera di Commercio di Biella, Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli, nell’ambito del X Anno culturale 2010. Nella Galleria, nella Sala Biblioteca e nell’orangerie La Serra dei leoni di Villa Cernigliaro sono ospitati: una selezione di cento e più disegni originali di Antonicelli, presentati per la prima volta così ampiamente grazie alla collaborazione della figlia Patrizia Antonicelli, alcuni preziosi volumi nelle edizioni originali e copie della rivista Nuovasocietà. I disegni esposti evocano la parte più sensibile di Antonicelli; gli strumenti che utilizza sono quelli dello scrittore: penna o matita, fogli da minuta e buste del Senato. I soggetti nelle sue piccole opere sono gesti calligrafici: disegnando e schizzando egli scrive un diario estemporaneo. I Parchi Letterari® Franco Antonicelli, tra Sordevolo e Pollone, è entrato nell’importante rete nazionale de I Parchi Letterari® il 19 gennaio 2010: è un itinerario lungo i luoghi di permanenza dello scrittore e di quel gruppo di intellettuali chiamato collettivo spirituale morale, che si riuniva tutti gli anni in Villa per riflettere sui temi di storia, letteratura, poesia, arte, musica. Per prenotazioni e informazioni: Tel. 015-2562174 info@villacernigliaro.it.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 11/5/2010, Sordevolo (Bi), Villa Cernigliaro, via Clemente Vercellone, 4

    Franco Antonicelli. I disegni

    Sordevolo, 25 aprile - 30 giugno 2010. La mostra Franco Antonicelli. I disegni" è realizzata da Parchi letterari® Franco Antonicelli, Zero Gravità associazione e Villa Cernigliaro-Dimora storica, con il patrocinio e contributo di Regione Piemonte, Provincia di Biella, Città di Biella, Comune di Sordevolo, Comune di Pollone, Fondazione Cassa di Risparmio di Biella, Camera di Commercio di Biella, Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli, nell’ambito del X Anno culturale 2010. Nella Galleria, nella Sala Biblioteca e nell’orangerie La Serra dei leoni di Villa Cernigliaro sono ospitati: una selezione di cento e più disegni originali di Antonicelli, presentati per la prima volta così ampiamente grazie alla collaborazione della figlia Patrizia Antonicelli, alcuni preziosi volumi nelle edizioni originali e copie della rivista Nuovasocietà. I disegni esposti evocano la parte più sensibile di Antonicelli; gli strumenti che utilizza sono quelli dello scrittore: penna o matita, fogli da minuta e buste del Senato. I soggetti nelle sue piccole opere sono gesti calligrafici: disegnando e schizzando egli scrive un diario estemporaneo. I Parchi Letterari® Franco Antonicelli, tra Sordevolo e Pollone, è entrato nell’importante rete nazionale de I Parchi Letterari® il 19 gennaio 2010: è un itinerario lungo i luoghi di permanenza dello scrittore e di quel gruppo di intellettuali chiamato collettivo spirituale morale, che si riuniva tutti gli anni in Villa per riflettere sui temi di storia, letteratura, poesia, arte, musica. Per prenotazioni e informazioni: Tel. 015-2562174 info@villacernigliaro.it.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 10/5/2010, Varallo (Vc), sede dell’Isrsc Bi-Vc, via D’Adda, 6

    Disegni di libertà

    Varallo, 24 aprile - 28 maggio 2010. Esposizione della mostra "Disegni di libertà", che raccoglie i disegni realizzati tra il 1944 e il 1945 da Alfredo Domenicone, giovanissimo partigiano, che partecipò, con il nome di battaglia di "Steo", alla lotta di liberazione in Valsesia. La rappresentazione grafica della difficile vita del combattente per la libertà emerge da "pochi schizzi scarabocchiati in fretta e tinteggiati con fondi di caffè, vino e rossetto per le labbra", come scrive lo stesso autore in una lettera del 1944 indirizzata a Cino Moscatelli, commissario politico delle formazioni garibaldine valsesiane. La passione di Domenicone per la libertà e la democrazia si esprime attraverso la raffigurazione di un uomo che, con la lotta partigiana, cerca di costruirsi come uomo nuovo, rifiutando l’accettazione passiva degli eventi, mostrando una decisa volontà di riscatto e conservando allo stesso tempo, nonostante la violenza e la tragedia di quei giorni, la propria sensibilità umana. Iniziativa organizzata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli". Orari: sabato 24 aprile ore 16-19; domenica 25 aprile ore 10-19; dal 26 aprile, da lunedì a venerdì ore 9-13 e 15-18.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 10/5/2010, Sordevolo (Bi), Villa Cernigliaro, via Clemente Vercellone, 4

    Franco Antonicelli. I disegni

    Sordevolo, 25 aprile - 30 giugno 2010. La mostra Franco Antonicelli. I disegni" è realizzata da Parchi letterari® Franco Antonicelli, Zero Gravità associazione e Villa Cernigliaro-Dimora storica, con il patrocinio e contributo di Regione Piemonte, Provincia di Biella, Città di Biella, Comune di Sordevolo, Comune di Pollone, Fondazione Cassa di Risparmio di Biella, Camera di Commercio di Biella, Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli, nell’ambito del X Anno culturale 2010. Nella Galleria, nella Sala Biblioteca e nell’orangerie La Serra dei leoni di Villa Cernigliaro sono ospitati: una selezione di cento e più disegni originali di Antonicelli, presentati per la prima volta così ampiamente grazie alla collaborazione della figlia Patrizia Antonicelli, alcuni preziosi volumi nelle edizioni originali e copie della rivista Nuovasocietà. I disegni esposti evocano la parte più sensibile di Antonicelli; gli strumenti che utilizza sono quelli dello scrittore: penna o matita, fogli da minuta e buste del Senato. I soggetti nelle sue piccole opere sono gesti calligrafici: disegnando e schizzando egli scrive un diario estemporaneo. I Parchi Letterari® Franco Antonicelli, tra Sordevolo e Pollone, è entrato nell’importante rete nazionale de I Parchi Letterari® il 19 gennaio 2010: è un itinerario lungo i luoghi di permanenza dello scrittore e di quel gruppo di intellettuali chiamato collettivo spirituale morale, che si riuniva tutti gli anni in Villa per riflettere sui temi di storia, letteratura, poesia, arte, musica. Per prenotazioni e informazioni: Tel. 015-2562174 info@villacernigliaro.it.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 9/5/2010, Sordevolo (Bi), Villa Cernigliaro, via Clemente Vercellone, 4

    Franco Antonicelli. I disegni

    Sordevolo, 25 aprile - 30 giugno 2010. La mostra Franco Antonicelli. I disegni" è realizzata da Parchi letterari® Franco Antonicelli, Zero Gravità associazione e Villa Cernigliaro-Dimora storica, con il patrocinio e contributo di Regione Piemonte, Provincia di Biella, Città di Biella, Comune di Sordevolo, Comune di Pollone, Fondazione Cassa di Risparmio di Biella, Camera di Commercio di Biella, Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli, nell’ambito del X Anno culturale 2010. Nella Galleria, nella Sala Biblioteca e nell’orangerie La Serra dei leoni di Villa Cernigliaro sono ospitati: una selezione di cento e più disegni originali di Antonicelli, presentati per la prima volta così ampiamente grazie alla collaborazione della figlia Patrizia Antonicelli, alcuni preziosi volumi nelle edizioni originali e copie della rivista Nuovasocietà. I disegni esposti evocano la parte più sensibile di Antonicelli; gli strumenti che utilizza sono quelli dello scrittore: penna o matita, fogli da minuta e buste del Senato. I soggetti nelle sue piccole opere sono gesti calligrafici: disegnando e schizzando egli scrive un diario estemporaneo. I Parchi Letterari® Franco Antonicelli, tra Sordevolo e Pollone, è entrato nell’importante rete nazionale de I Parchi Letterari® il 19 gennaio 2010: è un itinerario lungo i luoghi di permanenza dello scrittore e di quel gruppo di intellettuali chiamato collettivo spirituale morale, che si riuniva tutti gli anni in Villa per riflettere sui temi di storia, letteratura, poesia, arte, musica. Per prenotazioni e informazioni: Tel. 015-2562174 info@villacernigliaro.it.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 8/5/2010, Sordevolo (Bi), Villa Cernigliaro, via Clemente Vercellone, 4

    Franco Antonicelli. I disegni

    Sordevolo, 25 aprile - 30 giugno 2010. La mostra Franco Antonicelli. I disegni" è realizzata da Parchi letterari® Franco Antonicelli, Zero Gravità associazione e Villa Cernigliaro-Dimora storica, con il patrocinio e contributo di Regione Piemonte, Provincia di Biella, Città di Biella, Comune di Sordevolo, Comune di Pollone, Fondazione Cassa di Risparmio di Biella, Camera di Commercio di Biella, Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli, nell’ambito del X Anno culturale 2010. Nella Galleria, nella Sala Biblioteca e nell’orangerie La Serra dei leoni di Villa Cernigliaro sono ospitati: una selezione di cento e più disegni originali di Antonicelli, presentati per la prima volta così ampiamente grazie alla collaborazione della figlia Patrizia Antonicelli, alcuni preziosi volumi nelle edizioni originali e copie della rivista Nuovasocietà. I disegni esposti evocano la parte più sensibile di Antonicelli; gli strumenti che utilizza sono quelli dello scrittore: penna o matita, fogli da minuta e buste del Senato. I soggetti nelle sue piccole opere sono gesti calligrafici: disegnando e schizzando egli scrive un diario estemporaneo. I Parchi Letterari® Franco Antonicelli, tra Sordevolo e Pollone, è entrato nell’importante rete nazionale de I Parchi Letterari® il 19 gennaio 2010: è un itinerario lungo i luoghi di permanenza dello scrittore e di quel gruppo di intellettuali chiamato collettivo spirituale morale, che si riuniva tutti gli anni in Villa per riflettere sui temi di storia, letteratura, poesia, arte, musica. Per prenotazioni e informazioni: Tel. 015-2562174 info@villacernigliaro.it.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 7/5/2010, Sordevolo (Bi), Villa Cernigliaro, via Clemente Vercellone, 4

    Franco Antonicelli. I disegni

    Sordevolo, 25 aprile - 30 giugno 2010. La mostra Franco Antonicelli. I disegni" è realizzata da Parchi letterari® Franco Antonicelli, Zero Gravità associazione e Villa Cernigliaro-Dimora storica, con il patrocinio e contributo di Regione Piemonte, Provincia di Biella, Città di Biella, Comune di Sordevolo, Comune di Pollone, Fondazione Cassa di Risparmio di Biella, Camera di Commercio di Biella, Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli, nell’ambito del X Anno culturale 2010. Nella Galleria, nella Sala Biblioteca e nell’orangerie La Serra dei leoni di Villa Cernigliaro sono ospitati: una selezione di cento e più disegni originali di Antonicelli, presentati per la prima volta così ampiamente grazie alla collaborazione della figlia Patrizia Antonicelli, alcuni preziosi volumi nelle edizioni originali e copie della rivista Nuovasocietà. I disegni esposti evocano la parte più sensibile di Antonicelli; gli strumenti che utilizza sono quelli dello scrittore: penna o matita, fogli da minuta e buste del Senato. I soggetti nelle sue piccole opere sono gesti calligrafici: disegnando e schizzando egli scrive un diario estemporaneo. I Parchi Letterari® Franco Antonicelli, tra Sordevolo e Pollone, è entrato nell’importante rete nazionale de I Parchi Letterari® il 19 gennaio 2010: è un itinerario lungo i luoghi di permanenza dello scrittore e di quel gruppo di intellettuali chiamato collettivo spirituale morale, che si riuniva tutti gli anni in Villa per riflettere sui temi di storia, letteratura, poesia, arte, musica. Per prenotazioni e informazioni: Tel. 015-2562174 info@villacernigliaro.it.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 6/5/2010, Sordevolo (Bi), Villa Cernigliaro, via Clemente Vercellone, 4

    Franco Antonicelli. I disegni

    Sordevolo, 25 aprile - 30 giugno 2010. La mostra Franco Antonicelli. I disegni" è realizzata da Parchi letterari® Franco Antonicelli, Zero Gravità associazione e Villa Cernigliaro-Dimora storica, con il patrocinio e contributo di Regione Piemonte, Provincia di Biella, Città di Biella, Comune di Sordevolo, Comune di Pollone, Fondazione Cassa di Risparmio di Biella, Camera di Commercio di Biella, Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli, nell’ambito del X Anno culturale 2010. Nella Galleria, nella Sala Biblioteca e nell’orangerie La Serra dei leoni di Villa Cernigliaro sono ospitati: una selezione di cento e più disegni originali di Antonicelli, presentati per la prima volta così ampiamente grazie alla collaborazione della figlia Patrizia Antonicelli, alcuni preziosi volumi nelle edizioni originali e copie della rivista Nuovasocietà. I disegni esposti evocano la parte più sensibile di Antonicelli; gli strumenti che utilizza sono quelli dello scrittore: penna o matita, fogli da minuta e buste del Senato. I soggetti nelle sue piccole opere sono gesti calligrafici: disegnando e schizzando egli scrive un diario estemporaneo. I Parchi Letterari® Franco Antonicelli, tra Sordevolo e Pollone, è entrato nell’importante rete nazionale de I Parchi Letterari® il 19 gennaio 2010: è un itinerario lungo i luoghi di permanenza dello scrittore e di quel gruppo di intellettuali chiamato collettivo spirituale morale, che si riuniva tutti gli anni in Villa per riflettere sui temi di storia, letteratura, poesia, arte, musica. Per prenotazioni e informazioni: Tel. 015-2562174 info@villacernigliaro.it.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 5/5/2010, Sordevolo (Bi), Villa Cernigliaro, via Clemente Vercellone, 4

    Franco Antonicelli. I disegni

    Sordevolo, 25 aprile - 30 giugno 2010. La mostra Franco Antonicelli. I disegni" è realizzata da Parchi letterari® Franco Antonicelli, Zero Gravità associazione e Villa Cernigliaro-Dimora storica, con il patrocinio e contributo di Regione Piemonte, Provincia di Biella, Città di Biella, Comune di Sordevolo, Comune di Pollone, Fondazione Cassa di Risparmio di Biella, Camera di Commercio di Biella, Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli, nell’ambito del X Anno culturale 2010. Nella Galleria, nella Sala Biblioteca e nell’orangerie La Serra dei leoni di Villa Cernigliaro sono ospitati: una selezione di cento e più disegni originali di Antonicelli, presentati per la prima volta così ampiamente grazie alla collaborazione della figlia Patrizia Antonicelli, alcuni preziosi volumi nelle edizioni originali e copie della rivista Nuovasocietà. I disegni esposti evocano la parte più sensibile di Antonicelli; gli strumenti che utilizza sono quelli dello scrittore: penna o matita, fogli da minuta e buste del Senato. I soggetti nelle sue piccole opere sono gesti calligrafici: disegnando e schizzando egli scrive un diario estemporaneo. I Parchi Letterari® Franco Antonicelli, tra Sordevolo e Pollone, è entrato nell’importante rete nazionale de I Parchi Letterari® il 19 gennaio 2010: è un itinerario lungo i luoghi di permanenza dello scrittore e di quel gruppo di intellettuali chiamato collettivo spirituale morale, che si riuniva tutti gli anni in Villa per riflettere sui temi di storia, letteratura, poesia, arte, musica. Per prenotazioni e informazioni: Tel. 015-2562174 info@villacernigliaro.it.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 4/5/2010, Sordevolo (Bi), Villa Cernigliaro, via Clemente Vercellone, 4

    Franco Antonicelli. I disegni

    Sordevolo, 25 aprile - 30 giugno 2010. La mostra Franco Antonicelli. I disegni" è realizzata da Parchi letterari® Franco Antonicelli, Zero Gravità associazione e Villa Cernigliaro-Dimora storica, con il patrocinio e contributo di Regione Piemonte, Provincia di Biella, Città di Biella, Comune di Sordevolo, Comune di Pollone, Fondazione Cassa di Risparmio di Biella, Camera di Commercio di Biella, Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli, nell’ambito del X Anno culturale 2010. Nella Galleria, nella Sala Biblioteca e nell’orangerie La Serra dei leoni di Villa Cernigliaro sono ospitati: una selezione di cento e più disegni originali di Antonicelli, presentati per la prima volta così ampiamente grazie alla collaborazione della figlia Patrizia Antonicelli, alcuni preziosi volumi nelle edizioni originali e copie della rivista Nuovasocietà. I disegni esposti evocano la parte più sensibile di Antonicelli; gli strumenti che utilizza sono quelli dello scrittore: penna o matita, fogli da minuta e buste del Senato. I soggetti nelle sue piccole opere sono gesti calligrafici: disegnando e schizzando egli scrive un diario estemporaneo. I Parchi Letterari® Franco Antonicelli, tra Sordevolo e Pollone, è entrato nell’importante rete nazionale de I Parchi Letterari® il 19 gennaio 2010: è un itinerario lungo i luoghi di permanenza dello scrittore e di quel gruppo di intellettuali chiamato collettivo spirituale morale, che si riuniva tutti gli anni in Villa per riflettere sui temi di storia, letteratura, poesia, arte, musica. Per prenotazioni e informazioni: Tel. 015-2562174 info@villacernigliaro.it.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 3/5/2010, Varallo (Vc), sede dell’Isrsc Bi-Vc, via D’Adda, 6

    Disegni di libertà

    Varallo, 24 aprile - 28 maggio 2010. Esposizione della mostra "Disegni di libertà", che raccoglie i disegni realizzati tra il 1944 e il 1945 da Alfredo Domenicone, giovanissimo partigiano, che partecipò, con il nome di battaglia di "Steo", alla lotta di liberazione in Valsesia. La rappresentazione grafica della difficile vita del combattente per la libertà emerge da "pochi schizzi scarabocchiati in fretta e tinteggiati con fondi di caffè, vino e rossetto per le labbra", come scrive lo stesso autore in una lettera del 1944 indirizzata a Cino Moscatelli, commissario politico delle formazioni garibaldine valsesiane. La passione di Domenicone per la libertà e la democrazia si esprime attraverso la raffigurazione di un uomo che, con la lotta partigiana, cerca di costruirsi come uomo nuovo, rifiutando l’accettazione passiva degli eventi, mostrando una decisa volontà di riscatto e conservando allo stesso tempo, nonostante la violenza e la tragedia di quei giorni, la propria sensibilità umana. Iniziativa organizzata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli". Orari: sabato 24 aprile ore 16-19; domenica 25 aprile ore 10-19; dal 26 aprile, da lunedì a venerdì ore 9-13 e 15-18.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 3/5/2010, Sordevolo (Bi), Villa Cernigliaro, via Clemente Vercellone, 4

    Franco Antonicelli. I disegni

    Sordevolo, 25 aprile - 30 giugno 2010. La mostra Franco Antonicelli. I disegni" è realizzata da Parchi letterari® Franco Antonicelli, Zero Gravità associazione e Villa Cernigliaro-Dimora storica, con il patrocinio e contributo di Regione Piemonte, Provincia di Biella, Città di Biella, Comune di Sordevolo, Comune di Pollone, Fondazione Cassa di Risparmio di Biella, Camera di Commercio di Biella, Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli, nell’ambito del X Anno culturale 2010. Nella Galleria, nella Sala Biblioteca e nell’orangerie La Serra dei leoni di Villa Cernigliaro sono ospitati: una selezione di cento e più disegni originali di Antonicelli, presentati per la prima volta così ampiamente grazie alla collaborazione della figlia Patrizia Antonicelli, alcuni preziosi volumi nelle edizioni originali e copie della rivista Nuovasocietà. I disegni esposti evocano la parte più sensibile di Antonicelli; gli strumenti che utilizza sono quelli dello scrittore: penna o matita, fogli da minuta e buste del Senato. I soggetti nelle sue piccole opere sono gesti calligrafici: disegnando e schizzando egli scrive un diario estemporaneo. I Parchi Letterari® Franco Antonicelli, tra Sordevolo e Pollone, è entrato nell’importante rete nazionale de I Parchi Letterari® il 19 gennaio 2010: è un itinerario lungo i luoghi di permanenza dello scrittore e di quel gruppo di intellettuali chiamato collettivo spirituale morale, che si riuniva tutti gli anni in Villa per riflettere sui temi di storia, letteratura, poesia, arte, musica. Per prenotazioni e informazioni: Tel. 015-2562174 info@villacernigliaro.it.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 2/5/2010, Sordevolo (Bi), Villa Cernigliaro, via Clemente Vercellone, 4

    Franco Antonicelli. I disegni

    Sordevolo, 25 aprile - 30 giugno 2010. La mostra Franco Antonicelli. I disegni" è realizzata da Parchi letterari® Franco Antonicelli, Zero Gravità associazione e Villa Cernigliaro-Dimora storica, con il patrocinio e contributo di Regione Piemonte, Provincia di Biella, Città di Biella, Comune di Sordevolo, Comune di Pollone, Fondazione Cassa di Risparmio di Biella, Camera di Commercio di Biella, Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli, nell’ambito del X Anno culturale 2010. Nella Galleria, nella Sala Biblioteca e nell’orangerie La Serra dei leoni di Villa Cernigliaro sono ospitati: una selezione di cento e più disegni originali di Antonicelli, presentati per la prima volta così ampiamente grazie alla collaborazione della figlia Patrizia Antonicelli, alcuni preziosi volumi nelle edizioni originali e copie della rivista Nuovasocietà. I disegni esposti evocano la parte più sensibile di Antonicelli; gli strumenti che utilizza sono quelli dello scrittore: penna o matita, fogli da minuta e buste del Senato. I soggetti nelle sue piccole opere sono gesti calligrafici: disegnando e schizzando egli scrive un diario estemporaneo. I Parchi Letterari® Franco Antonicelli, tra Sordevolo e Pollone, è entrato nell’importante rete nazionale de I Parchi Letterari® il 19 gennaio 2010: è un itinerario lungo i luoghi di permanenza dello scrittore e di quel gruppo di intellettuali chiamato collettivo spirituale morale, che si riuniva tutti gli anni in Villa per riflettere sui temi di storia, letteratura, poesia, arte, musica. Per prenotazioni e informazioni: Tel. 015-2562174 info@villacernigliaro.it.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 1/5/2010, Sordevolo (Bi), Villa Cernigliaro, via Clemente Vercellone, 4

    Franco Antonicelli. I disegni

    Sordevolo, 25 aprile - 30 giugno 2010. La mostra Franco Antonicelli. I disegni" è realizzata da Parchi letterari® Franco Antonicelli, Zero Gravità associazione e Villa Cernigliaro-Dimora storica, con il patrocinio e contributo di Regione Piemonte, Provincia di Biella, Città di Biella, Comune di Sordevolo, Comune di Pollone, Fondazione Cassa di Risparmio di Biella, Camera di Commercio di Biella, Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli, nell’ambito del X Anno culturale 2010. Nella Galleria, nella Sala Biblioteca e nell’orangerie La Serra dei leoni di Villa Cernigliaro sono ospitati: una selezione di cento e più disegni originali di Antonicelli, presentati per la prima volta così ampiamente grazie alla collaborazione della figlia Patrizia Antonicelli, alcuni preziosi volumi nelle edizioni originali e copie della rivista Nuovasocietà. I disegni esposti evocano la parte più sensibile di Antonicelli; gli strumenti che utilizza sono quelli dello scrittore: penna o matita, fogli da minuta e buste del Senato. I soggetti nelle sue piccole opere sono gesti calligrafici: disegnando e schizzando egli scrive un diario estemporaneo. I Parchi Letterari® Franco Antonicelli, tra Sordevolo e Pollone, è entrato nell’importante rete nazionale de I Parchi Letterari® il 19 gennaio 2010: è un itinerario lungo i luoghi di permanenza dello scrittore e di quel gruppo di intellettuali chiamato collettivo spirituale morale, che si riuniva tutti gli anni in Villa per riflettere sui temi di storia, letteratura, poesia, arte, musica. Per prenotazioni e informazioni: Tel. 015-2562174 info@villacernigliaro.it.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 30/4/2010, ore 18:00 - Mirandola-Modena, Castello Pico (Sala ex Prigioni)

    25 aprile 2010: le iniziative dell'Istituto storico di Modena. Inaugurazione della mostra a cura dell’Istituto Storico di Modena e del Fotomuseo Panini Dalla parte della libertà. Guerra e Resistenza nella provincia di Modena (1940-1945). A se

    Inaugurazione della mostra a cura dell’Istituto Storico di Modena e del Fotomuseo Panini Dalla parte della libertà. Guerra e Resistenza nella provincia di Modena (1940-1945) In collaborazione con Associazione Nazionale Partigiani d’Italia e Museo del Combattente (la mostra sarà visitabile dal 30 aprile al 2 giugno 2010) ore 18.30, Castello Pico (Saletta Fondazione Cassa Risparmio Mirandola) Presentazione del volume di Claudio Silingardi Alle spalle della linea gotica: storie, luoghi, musei di guerra e Resistenza in Emilia- Romagna Introdurrà il Sindaco Maino Benatti Ne parleranno con l'autore Carlo Mondani (ricercatore) Magg. Marco Belogi (ufficiale geografo), autore del volume Primavera 1945 sul fronte italiano. Atlante dei 25 giorni all'Appennino al fiume Po, in corso di pubblicazione

    Notizia di: Istituto storico della Resistenza e di storia contemporanea - Modena


  • 30/4/2010, Sordevolo (Bi), Villa Cernigliaro, via Clemente Vercellone, 4

    Franco Antonicelli. I disegni

    Sordevolo, 25 aprile - 30 giugno 2010. La mostra Franco Antonicelli. I disegni" è realizzata da Parchi letterari® Franco Antonicelli, Zero Gravità associazione e Villa Cernigliaro-Dimora storica, con il patrocinio e contributo di Regione Piemonte, Provincia di Biella, Città di Biella, Comune di Sordevolo, Comune di Pollone, Fondazione Cassa di Risparmio di Biella, Camera di Commercio di Biella, Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli, nell’ambito del X Anno culturale 2010. Nella Galleria, nella Sala Biblioteca e nell’orangerie La Serra dei leoni di Villa Cernigliaro sono ospitati: una selezione di cento e più disegni originali di Antonicelli, presentati per la prima volta così ampiamente grazie alla collaborazione della figlia Patrizia Antonicelli, alcuni preziosi volumi nelle edizioni originali e copie della rivista Nuovasocietà. I disegni esposti evocano la parte più sensibile di Antonicelli; gli strumenti che utilizza sono quelli dello scrittore: penna o matita, fogli da minuta e buste del Senato. I soggetti nelle sue piccole opere sono gesti calligrafici: disegnando e schizzando egli scrive un diario estemporaneo. I Parchi Letterari® Franco Antonicelli, tra Sordevolo e Pollone, è entrato nell’importante rete nazionale de I Parchi Letterari® il 19 gennaio 2010: è un itinerario lungo i luoghi di permanenza dello scrittore e di quel gruppo di intellettuali chiamato collettivo spirituale morale, che si riuniva tutti gli anni in Villa per riflettere sui temi di storia, letteratura, poesia, arte, musica. Per prenotazioni e informazioni: Tel. 015-2562174 info@villacernigliaro.it.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 29/4/2010, Sordevolo (Bi), Villa Cernigliaro, via Clemente Vercellone, 4

    Franco Antonicelli. I disegni

    Sordevolo, 25 aprile - 30 giugno 2010. La mostra Franco Antonicelli. I disegni" è realizzata da Parchi letterari® Franco Antonicelli, Zero Gravità associazione e Villa Cernigliaro-Dimora storica, con il patrocinio e contributo di Regione Piemonte, Provincia di Biella, Città di Biella, Comune di Sordevolo, Comune di Pollone, Fondazione Cassa di Risparmio di Biella, Camera di Commercio di Biella, Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli, nell’ambito del X Anno culturale 2010. Nella Galleria, nella Sala Biblioteca e nell’orangerie La Serra dei leoni di Villa Cernigliaro sono ospitati: una selezione di cento e più disegni originali di Antonicelli, presentati per la prima volta così ampiamente grazie alla collaborazione della figlia Patrizia Antonicelli, alcuni preziosi volumi nelle edizioni originali e copie della rivista Nuovasocietà. I disegni esposti evocano la parte più sensibile di Antonicelli; gli strumenti che utilizza sono quelli dello scrittore: penna o matita, fogli da minuta e buste del Senato. I soggetti nelle sue piccole opere sono gesti calligrafici: disegnando e schizzando egli scrive un diario estemporaneo. I Parchi Letterari® Franco Antonicelli, tra Sordevolo e Pollone, è entrato nell’importante rete nazionale de I Parchi Letterari® il 19 gennaio 2010: è un itinerario lungo i luoghi di permanenza dello scrittore e di quel gruppo di intellettuali chiamato collettivo spirituale morale, che si riuniva tutti gli anni in Villa per riflettere sui temi di storia, letteratura, poesia, arte, musica. Per prenotazioni e informazioni: Tel. 015-2562174 info@villacernigliaro.it.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 28/4/2010, Sordevolo (Bi), Villa Cernigliaro, via Clemente Vercellone, 4

    Franco Antonicelli. I disegni

    Sordevolo, 25 aprile - 30 giugno 2010. La mostra Franco Antonicelli. I disegni" è realizzata da Parchi letterari® Franco Antonicelli, Zero Gravità associazione e Villa Cernigliaro-Dimora storica, con il patrocinio e contributo di Regione Piemonte, Provincia di Biella, Città di Biella, Comune di Sordevolo, Comune di Pollone, Fondazione Cassa di Risparmio di Biella, Camera di Commercio di Biella, Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli, nell’ambito del X Anno culturale 2010. Nella Galleria, nella Sala Biblioteca e nell’orangerie La Serra dei leoni di Villa Cernigliaro sono ospitati: una selezione di cento e più disegni originali di Antonicelli, presentati per la prima volta così ampiamente grazie alla collaborazione della figlia Patrizia Antonicelli, alcuni preziosi volumi nelle edizioni originali e copie della rivista Nuovasocietà. I disegni esposti evocano la parte più sensibile di Antonicelli; gli strumenti che utilizza sono quelli dello scrittore: penna o matita, fogli da minuta e buste del Senato. I soggetti nelle sue piccole opere sono gesti calligrafici: disegnando e schizzando egli scrive un diario estemporaneo. I Parchi Letterari® Franco Antonicelli, tra Sordevolo e Pollone, è entrato nell’importante rete nazionale de I Parchi Letterari® il 19 gennaio 2010: è un itinerario lungo i luoghi di permanenza dello scrittore e di quel gruppo di intellettuali chiamato collettivo spirituale morale, che si riuniva tutti gli anni in Villa per riflettere sui temi di storia, letteratura, poesia, arte, musica. Per prenotazioni e informazioni: Tel. 015-2562174 info@villacernigliaro.it.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 27/4/2010, Sordevolo (Bi), Villa Cernigliaro, via Clemente Vercellone, 4

    Franco Antonicelli. I disegni

    Sordevolo, 25 aprile - 30 giugno 2010. La mostra Franco Antonicelli. I disegni" è realizzata da Parchi letterari® Franco Antonicelli, Zero Gravità associazione e Villa Cernigliaro-Dimora storica, con il patrocinio e contributo di Regione Piemonte, Provincia di Biella, Città di Biella, Comune di Sordevolo, Comune di Pollone, Fondazione Cassa di Risparmio di Biella, Camera di Commercio di Biella, Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli, nell’ambito del X Anno culturale 2010. Nella Galleria, nella Sala Biblioteca e nell’orangerie La Serra dei leoni di Villa Cernigliaro sono ospitati: una selezione di cento e più disegni originali di Antonicelli, presentati per la prima volta così ampiamente grazie alla collaborazione della figlia Patrizia Antonicelli, alcuni preziosi volumi nelle edizioni originali e copie della rivista Nuovasocietà. I disegni esposti evocano la parte più sensibile di Antonicelli; gli strumenti che utilizza sono quelli dello scrittore: penna o matita, fogli da minuta e buste del Senato. I soggetti nelle sue piccole opere sono gesti calligrafici: disegnando e schizzando egli scrive un diario estemporaneo. I Parchi Letterari® Franco Antonicelli, tra Sordevolo e Pollone, è entrato nell’importante rete nazionale de I Parchi Letterari® il 19 gennaio 2010: è un itinerario lungo i luoghi di permanenza dello scrittore e di quel gruppo di intellettuali chiamato collettivo spirituale morale, che si riuniva tutti gli anni in Villa per riflettere sui temi di storia, letteratura, poesia, arte, musica. Per prenotazioni e informazioni: Tel. 015-2562174 info@villacernigliaro.it.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • Soprana (Bi), Mulino dei Susta

    Partigiani a colori

    Soprana, 25 aprile - 2 maggio 2010. Mostra realizzata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli", esposta in collaborazione con l’Amministrazione comunale di Soprana. Curata da Alberto Lovatto, la mostra raccoglie le stampe delle diapositive a colori scattate da Carlo Buratti "Aspirina", tra il 1944 ed il 1945. Si tratta complessivamente di oltre centocinquanta diapositive, di cui l’ottanta per cento scattate in periodo resistenziale nelle zone dell’alta Valsessera, del Biellese orientale e del Canavese ed il resto durante le manifestazioni partigiane svoltesi a Biella nel mese di maggio del 1945: caso praticamente unico nella fotografia resistenziale in Italia, per il tipo di pellicola utilizzata e per la quantità delle immagini scattate. Inaugurazione: domenica 25 aprile, ore 16. Apertura straordinaria: 2 maggio ore 10-12 e 15-18. Date e orari diversi su prenotazione al numero 015-7389901.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 26/4/2010, Sordevolo (Bi), Villa Cernigliaro, via Clemente Vercellone, 4

    Franco Antonicelli. I disegni

    Sordevolo, 25 aprile - 30 giugno 2010. La mostra Franco Antonicelli. I disegni" è realizzata da Parchi letterari® Franco Antonicelli, Zero Gravità associazione e Villa Cernigliaro-Dimora storica, con il patrocinio e contributo di Regione Piemonte, Provincia di Biella, Città di Biella, Comune di Sordevolo, Comune di Pollone, Fondazione Cassa di Risparmio di Biella, Camera di Commercio di Biella, Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli, nell’ambito del X Anno culturale 2010. Nella Galleria, nella Sala Biblioteca e nell’orangerie La Serra dei leoni di Villa Cernigliaro sono ospitati: una selezione di cento e più disegni originali di Antonicelli, presentati per la prima volta così ampiamente grazie alla collaborazione della figlia Patrizia Antonicelli, alcuni preziosi volumi nelle edizioni originali e copie della rivista Nuovasocietà. I disegni esposti evocano la parte più sensibile di Antonicelli; gli strumenti che utilizza sono quelli dello scrittore: penna o matita, fogli da minuta e buste del Senato. I soggetti nelle sue piccole opere sono gesti calligrafici: disegnando e schizzando egli scrive un diario estemporaneo. I Parchi Letterari® Franco Antonicelli, tra Sordevolo e Pollone, è entrato nell’importante rete nazionale de I Parchi Letterari® il 19 gennaio 2010: è un itinerario lungo i luoghi di permanenza dello scrittore e di quel gruppo di intellettuali chiamato collettivo spirituale morale, che si riuniva tutti gli anni in Villa per riflettere sui temi di storia, letteratura, poesia, arte, musica. Per prenotazioni e informazioni: Tel. 015-2562174 info@villacernigliaro.it.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 25/4/2010, ore 15:00 - Fossoli di Carpi, Baracca recuperata ex Campo Fossoli

    A noi fu dato in sorte questo tempo 1938-1947

    La mostra documentaria "A noi fu dato in sorte questo tempo 1938-1947" verrà inaugurata il 25 aprile 2010 presso la baracca recuperata ex Campo Fossoli -Carpi. Interverranno Claudio Dellavalle, Vice Presidente dell’Istituto nazionale per la storia del movimento di liberazione in Italia; Giuliano Albarani, Presidente Istituto Storico di Modena; Lorenzo Bertucelli, Presidente Fondazione ex Campo Fossoli e la curatrice della mostra Alessandra Chiappano. La mostra è nata dagli studi di Alessandra Chiappano sull’archivio privato di Luciana Nissim Momigliano e su altri archivi finora inesplorati. Attraverso un approccio multimediale, e con il corredo di documenti inediti, essa vuole raccontare ai giovani vicende di giovani, intrecciando continuamente la microstoria con la macrostoria. L'iniziativa è promossa dada Istituto nazionale per la storia del movimento di liberazione in Italia Fondazione ex Campo Fossoli, Istituto Storico di Modena sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica.

    Notizia di: Istituto storico della Resistenza e di storia contemporanea - Modena


  • 25/4/2010, ore 11:00 - Loro Piceno (MC)

    Inaugurazione della mostra "MEMORIA E ICONOGRAFIA: LA STORIA ATTRAVERSO LE TESSERE DELL'ANPI"

    In occasione delle manifestazioni per il 25 aprile, l'ISREC Macerata ha allestito in collaborazione con L'ANPI provinciale una mostra delle tessere associative dell'Associazione Nazionale Partigiani d'Italia dal 1946 ad oggi. La mostra è un'occasione per rievocare tramite una sintesi cronologica le tappe principali della storia della nostra Repubblica e per riflettere sul valore della memoria e della sua conservazione. Resterà aperta dal 25 aprile al 1 maggio, tutti i giorni dalle ore 9,00 alle ore 13,00.

    Notizia di: Istituto storico della Resistenza e dell'età contemporanea di Macerata "Mario Morbiducci" - Macerata


  • 25/4/2010, Soprana (Bi), Mulino dei Susta

    Partigiani a colori

    Soprana, 25 aprile - 2 maggio 2010. Mostra realizzata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli", esposta in collaborazione con l’Amministrazione comunale di Soprana. Curata da Alberto Lovatto, la mostra raccoglie le stampe delle diapositive a colori scattate da Carlo Buratti "Aspirina", tra il 1944 ed il 1945. Si tratta complessivamente di oltre centocinquanta diapositive, di cui l’ottanta per cento scattate in periodo resistenziale nelle zone dell’alta Valsessera, del Biellese orientale e del Canavese ed il resto durante le manifestazioni partigiane svoltesi a Biella nel mese di maggio del 1945: caso praticamente unico nella fotografia resistenziale in Italia, per il tipo di pellicola utilizzata e per la quantità delle immagini scattate. Inaugurazione: domenica 25 aprile, ore 16. Apertura straordinaria: 2 maggio ore 10-12 e 15-18. Date e orari diversi su prenotazione al numero 015-7389901.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • Varallo (Vc), sede dell’Isrsc Bi-Vc, via D’Adda, 6

    Disegni di libertà

    Varallo, 24 aprile - 28 maggio 2010. Esposizione della mostra "Disegni di libertà", che raccoglie i disegni realizzati tra il 1944 e il 1945 da Alfredo Domenicone, giovanissimo partigiano, che partecipò, con il nome di battaglia di "Steo", alla lotta di liberazione in Valsesia. La rappresentazione grafica della difficile vita del combattente per la libertà emerge da "pochi schizzi scarabocchiati in fretta e tinteggiati con fondi di caffè, vino e rossetto per le labbra", come scrive lo stesso autore in una lettera del 1944 indirizzata a Cino Moscatelli, commissario politico delle formazioni garibaldine valsesiane. La passione di Domenicone per la libertà e la democrazia si esprime attraverso la raffigurazione di un uomo che, con la lotta partigiana, cerca di costruirsi come uomo nuovo, rifiutando l’accettazione passiva degli eventi, mostrando una decisa volontà di riscatto e conservando allo stesso tempo, nonostante la violenza e la tragedia di quei giorni, la propria sensibilità umana. Iniziativa organizzata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli". Orari: sabato 24 aprile ore 16-19; domenica 25 aprile ore 10-19; dal 26 aprile, da lunedì a venerdì ore 9-13 e 15-18.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 25/4/2010, Sordevolo (Bi), Villa Cernigliaro, via Clemente Vercellone, 4

    Franco Antonicelli. I disegni

    Sordevolo, 25 aprile - 30 giugno 2010. La mostra Franco Antonicelli. I disegni" è realizzata da Parchi letterari® Franco Antonicelli, Zero Gravità associazione e Villa Cernigliaro-Dimora storica, con il patrocinio e contributo di Regione Piemonte, Provincia di Biella, Città di Biella, Comune di Sordevolo, Comune di Pollone, Fondazione Cassa di Risparmio di Biella, Camera di Commercio di Biella, Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli, nell’ambito del X Anno culturale 2010. Nella Galleria, nella Sala Biblioteca e nell’orangerie La Serra dei leoni di Villa Cernigliaro sono ospitati: una selezione di cento e più disegni originali di Antonicelli, presentati per la prima volta così ampiamente grazie alla collaborazione della figlia Patrizia Antonicelli, alcuni preziosi volumi nelle edizioni originali e copie della rivista Nuovasocietà. I disegni esposti evocano la parte più sensibile di Antonicelli; gli strumenti che utilizza sono quelli dello scrittore: penna o matita, fogli da minuta e buste del Senato. I soggetti nelle sue piccole opere sono gesti calligrafici: disegnando e schizzando egli scrive un diario estemporaneo. I Parchi Letterari® Franco Antonicelli, tra Sordevolo e Pollone, è entrato nell’importante rete nazionale de I Parchi Letterari® il 19 gennaio 2010: è un itinerario lungo i luoghi di permanenza dello scrittore e di quel gruppo di intellettuali chiamato collettivo spirituale morale, che si riuniva tutti gli anni in Villa per riflettere sui temi di storia, letteratura, poesia, arte, musica. Per prenotazioni e informazioni: Tel. 015-2562174 info@villacernigliaro.it.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 24/4/2010, ore 17:00 - Modena, Parco XXII aprile - Zona Anfiteatro

    Modena città aperta 1945-2010. Inaugurazione murale

    In occasione del 65° anniversario della Liberazione gli istituti culturali cittadini Biblioteca civica d'arte Luigi Poletti, Fotomuseo Giuseppe Panini, Istituto storico di Modena, propongono una riflessione sul tema della protezione dei beni culturali dei bombardamenti durante la II Guerra mondiale, uno dei tanti drammi provocati dalla moderna guerra totale, che non è più solo combattuta su lontani campi di battaglia ma che arriva a colpire direttamente le città e le popolazioni: un tema che è ancora, purtroppo, di straordinaria attualità. Inaugurazione murale raffigurante la Villa Pentetorri, bombardata il 13 maggio 1944 alla presenza di Antonio Carpentieri, Presidente della Circoscrizione 2

    Notizia di: Istituto storico della Resistenza e di storia contemporanea - Modena


  • 24/4/2010, ore 8:30 - Vignola-Modena, Circolo Paradisi, Via Paradisi 11

    25 aprile 2010: le iniziative dell'Istituto storico di Modena. La guerra a casa nostra. La linea Gotica mostra fotografica

    L’Istituto storico di Modena promuove iniziative e collabora con i comuni, gli enti e le associazioni della provincia all’organizzazione di eventi che ricordano l’importanza del 25 aprile 1945. In occasione della Festa della Liberazione l’Istituto storico vi segnala le iniziative delle quali è promotore e che rientrano nel programma delle Celebrazioni sul territorio. La guerra a casa nostra. La linea Gotica mostra fotografica. Claudio Silingardi introduce la mostra alle scuole

    Notizia di: Istituto storico della Resistenza e di storia contemporanea - Modena


  • 24/4/2010, ore 10:30 - Pusiano (Co)

    Tra memoria e storia. Pusiano, Cesana Brianza e Suello 1938 – 1945

    Si inaugura sabato 24 aprile alle 10,30 nel cantinone di palazzo Beauharnais Tra memoria e storia. Pusiano, Cesana Brianza e Suello 1938 – 1945 . La mostra è il risultato del lavoro del laboratorio didattico della classe IIB della scuola secondaria di primo grado dell’I. C. Rosmini di Pusiano in collaborazione con l'Istituto di Storia Contemporanea Pier Amato Perretta di Como, che utilizzando i metodi della ricerca storica e dell’analisi delle di fonti ha cercato di ricostruire il clima di un’epoca complessa e drammatica, le vicende di persone comuni che andarono incontro a un destino tragico e le scelte di alcuni protagonisti della Resistenza locale. Le ragazze e i ragazzi della IIB faranno da guide ai visitatori sabato 24 dalle 10.30 alle 12, domenica 25 aprile dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 17 e tutti i giorni da lunedì 26 a venerdì 30 aprile dalle 9 alle 12.

    Notizia di: Istituto di storia contemporanea "Pier Amato Perretta" - Como


  • 24/4/2010, Varallo (Vc), sede dell’Isrsc Bi-Vc, via D’Adda, 6

    Disegni di libertà

    Varallo, 24 aprile - 28 maggio 2010. Esposizione della mostra "Disegni di libertà", che raccoglie i disegni realizzati tra il 1944 e il 1945 da Alfredo Domenicone, giovanissimo partigiano, che partecipò, con il nome di battaglia di "Steo", alla lotta di liberazione in Valsesia. La rappresentazione grafica della difficile vita del combattente per la libertà emerge da "pochi schizzi scarabocchiati in fretta e tinteggiati con fondi di caffè, vino e rossetto per le labbra", come scrive lo stesso autore in una lettera del 1944 indirizzata a Cino Moscatelli, commissario politico delle formazioni garibaldine valsesiane. La passione di Domenicone per la libertà e la democrazia si esprime attraverso la raffigurazione di un uomo che, con la lotta partigiana, cerca di costruirsi come uomo nuovo, rifiutando l’accettazione passiva degli eventi, mostrando una decisa volontà di riscatto e conservando allo stesso tempo, nonostante la violenza e la tragedia di quei giorni, la propria sensibilità umana. Iniziativa organizzata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli". Orari: sabato 24 aprile ore 16-19; domenica 25 aprile ore 10-19; dal 26 aprile, da lunedì a venerdì ore 9-13 e 15-18.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 23/4/2010, ore 18:00 - Androne del Palazzo Comunale - Imola

    Imola: i giorni della liberazione. Dagli scatti fotografici del II Corpo d'Armata Polacco

    Mostra fotografica a cura di Davide Ceré e Marco Orazi, realizzata dal C.I.D.R.A. in collaborazione con il Comune di Imola. 25 pannelli contenenti le fotografie scattate dagli operatori del II Corpo d'Armata Polacco nei giorni immediatamente successivi la liberazione della città, avvenuta il 14 aprile 1945. Le immagini provengono dal Polish Institute and Sikorski Museum di Londra. La mostra rimarrà aperta fino al 30 aprile.

    Notizia di: Cidra, Centro imolese documentazione Resistenza antifascista - Imola


  • 23/4/2010, ore 21:00 - Palazzo Moro, via Garibaldi 14, Oderzo (TV)

    Inaugurazione Mostra fotografica sui giorni della Liberazione a Oderzo

    Interviene: Amerigo Manesso – Direttore ISTRESCO Rinfresco al termine degli interventi Organizzazione: Giovani per Oderzo, con il patrocinio del Comune di Oderzo e la collaborazione di ISTRESCO

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea della Marca Trevigiana - Treviso


  • 23/4/2010, ore 00:00 - Novi Ligure (Al)

    65° anniversario della Liberazione a Novi Ligure

    Venerdì 23 aprile 2010 Ore 21.00 - Biblioteca civica Sala Conferenze Presentazione del volume e proiezione del DVD Due storie partigiane. Tra memoria e racconto di Gianni Repetto a cura dell'Associazione Memoria della Benedicta con Andrea Foco e Gian Piero Armano. Sabato 24 aprile 2010 Ore 17.30 - Foyer del Teatro "R. Marenco" - Via Gilardengo Inaugurazione della Mostra I Colori della Memoria - pittori del novese ricordano la Resistenza a cura di Franco Barella e Dino Molinari Domenica 25 aprile 2010 Ore 9.30 - Piazzale Falcone e Borsellino Raduno dei partecipanti Deposizione corona al Monumento della Resistenza e al Percorso della Costituzione Ore 10.00 - Piazza Pascoli - Monumento ai Caduti Messa al campo Saluto del Sindaco di Novi Ligure Lorenzo Robbiano Saluto del Presidente ANPI - zona di Novi Ligure Franco Barella Commemorazione tenuta dall'On.le Pierluigi Castagnetti Presidente della Giunta per le autorizzazioni della Camera dei Deputati Assegnazione alle scuole primarie dei premi del Concorso "Un ponte verso il passato - Idee e considerazioni sul 25 aprile" Ore 16.00 - Pertuso (Cantalupo Ligure) Deposizione di una corona alla stele della Divisione Pinan-Cichero Lunedì 26 aprile 2010 Ore 9.00 - Piazza XX Settembre Deposizione di una corona in ricordo del sacrificio di "Max" Ore 9.15 - Scuola Media Statale "G. Boccardo", via A. Ferrando Scrivia 24 Ritrovo partecipanti "Un fiore un ricordo": staffette di partigiani ed alunni porteranno un fiore ai monumenti ai Caduti della Guerra di Liberazione Ore 10.15 - Scuola Media Statale "G. Boccardo", via A. Ferrando Scrivia 24 Commemorazione Caduti alla Tuara Saluto del Sindaco di Novi Ligure Lorenzo Robbiano Saluto del Dirigente scolastico Paolo Modena Un partigiano ricorderà l'avvenimento

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea della provincia di Alessandria - Alessandria


  • Sede Istituto Storico della Resistenza in Toscana. Palazzo Medici Riccardi. Via Cavour, 1 50129 Firenze

    EIGHTH ARMY.... VARIOUS. La Liberazione di Firenze nelle fotografie dell’Ottava Armata Brittannica

    La mostra resterà aperta nei locali dell’Istituto Storico della Resistenza in Toscana in Palazzo Medici Riccardi dal 23 Aprile al 9 Maggio 2010 (incluso i festivi), ore 9,30-12,00/14,00-18,00.

    Notizia di: Istituto storico della Resistenza in Toscana - Firenze


  • 22/4/2010, ore 14:00 - Archivio di Stato Bari

    Dear America! Emigrati pugliesi tra Buffalo e Mosca

    Nell'ambito della settimana della cultura, a cura della Teca del mediterraneo, Archivio di Stato di Bari, IPSAIC, presso lo stesso Archivio di stato sarà aperta la mostra documentaria Dear America! Saranno presenti gli organizzatori (V. Morgese, V. A. Leuzzi, G. Esposito e M. Pansini.

    Notizia di: Istituto pugliese per la storia dell'antifascismo e dell'Italia contemporanea - Bari


  • 22/4/2010, ore 8:00 - Belluno, Scuola Media "Nievo"

    “Ritratti partigiani: una mostra per il 25 aprile”.

    Presso la Scuola Media “Nievo” di Belluno sarà esposta dal 22 aprile una mostra di ritratti e biografie partigiane. La mostra è frutto di un laboratorio didattico svolto dall’Istituto Storico Bellunese della Resistenza e dell’Età Contemporanea con i ragazzi della classe 3^ A della “Nievo”. I ragazzi hanno ricostruito le biografie di dodici partigiani bellunesi, partendo dai ritratti conservati nell’archivio fotografico dell’Isbrec.

    Notizia di: Istituto storico bellunese della Resistenza e dell'età contemporanea - Belluno


  • 22/4/2010, ore 18:00 - Pavullo-Modena

    25 aprile 2010: le iniziative dell'Istituto storico di Modena. Inaugurazione mostra Dalla parte della Libertà, guerra e Resistenza in provincia di Modena 1940-1945.

    Inaugurazione mostra Dalla parte della Libertà, guerra e Resistenza in provincia di Modena 1940-1945. La mostrà rimarrà esposta fino al 27 aprile

    Notizia di: Istituto storico della Resistenza e di storia contemporanea - Modena


  • 22/4/2010, Postua (Vc), Centro comunale polivalente (ex Casa Betania)

    L'alba che segnò d'iride i biancospini

    Nell'ambito delle celebrazioni per il 65° anniversario della Liberazione, viene inaugurata la mostra permanente "L'alba che segnò d'iride i biancospini", che ripercorre la storia dei partigiani della XII divisione "Nedo". La mostra, curata da Enrico Pagano, è realizzata dall'Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli", in collaborazione con l'Anpi Valsessera e l'Amministrazione comunale di Postua ed è visitabile su appuntamento (tel. 015-7690006, Comune di Postua).

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 22/4/2010, Sede Istituto Storico della Resistenza in Toscana. Palazzo Medici Riccardi. Via Cavour, 1 50129 Firenze

    EIGHTH ARMY.... VARIOUS. La Liberazione di Firenze nelle fotografie dell’Ottava Armata Brittannica

    La mostra resterà aperta nei locali dell’Istituto Storico della Resistenza in Toscana in Palazzo Medici Riccardi dal 23 Aprile al 9 Maggio 2010 (incluso i festivi), ore 9,30-12,00/14,00-18,00.

    Notizia di: Istituto storico della Resistenza in Toscana - Firenze


  • 21/4/2010, ore 21:00 - Felizzano (Al)

    65° anniversario della Liberazione a Felizzano

    IL CIRCOLO CULTURALE “ 7 TORRI” con il patrocinio della Provincia di Alessandria e del Comune di Felizzano dell’Ass. Memoria della Benedicta e l’Isral ORGANIZZA: MERCOLEDI’ 21 APRILE, alle ore 21 nella Sala Consiliare del Comune di Felizzano proiezione del filmato “IL BIVIO” del regista Maurizio Orlandi il film documentario sarà presentato da : - ANDREA FOCO, Presidente dell’Ass. “Memoria della Benedicta” - MAURIZIO ORLANDI Regista - GIAN PIERO ARMANO, dell’Ass. “Memoria della Benedicta” Al termine del filmato saranno premiate le classi terze medie dell’Istituto Comprensivo “G. Pascoli” di Felizzano che hanno partecipato al TORNEO DI PALLAVOLO “25 APRILE” MOSTRA dal 25 al 28 aprile, nella palestra comunale, intitolata “La cultura del ventennio fascista e le sue conseguenze” Saranno esposti anche gli elaborati delle classi medie dell’Istituto Comprensivo di Felizzano la mostra sarà aperta al pubblico: giorno 25 aprile dalle ore 10 alle 12 e dalle ore 15 alle 19 26 – 27 - 28 aprile dalle ore 15 alle 19

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea della provincia di Alessandria - Alessandria


  • 19/4/2010, Bologna, Istituto Parri, via Sant'Isaia 20 (ingresso Museo della Resistenza)

    Inaugurazione della mostra "Ernesto Rossi e Gaetano Salvemini. Due vite per la libertà", a cura di Mirko Grasso

    La mostra fotografica ripercorre l’esistenza umana, culturale e politica di due grandi figure del Novecento italiano: Gaetano Salvemini (1873-1957) ed Ernesto Rossi (1897-1967). I materiali salveminiani esposti nella mostra derivano dal volume a cura di Mirko Grasso, "Gaetano Salvemini. L’uomo, il politico, lo storico", pubblicato nel 2007 dalla casa Editrice Kurumuny con la disponibilità del Comitato per la pubblicazione delle Opere di Gaetano Salvemini e la Fondazione Ernesto Rossi - Gaetano Salvemini. I materiali inerenti a Ernesto Rossi sono concessi dall’Istituto Storico per la Resistenza in Toscana. La mostra, con ingresso gratuito, sarà aperta dal 19 aprile al 15 maggio 2010 e osserverà i seguenti orari: da lunedì a venerdì dalle ore 16 alle 19, sabato dalle 11 alle 13; sabato dalle 10 alle 13. Il giorno 25 aprile la mostra sarà visitabile dalle ore 10 alle ore 19. Programma dell'inaugurazione in allegato. Info: Istituto Parri, tel 051 3397211, istituto@istitutoparri.it

    Notizia di: Istituto storico Parri - Bologna


  • 18/4/2010, ore 18:00 - Pieve D'Alpago (BL), Palazzo Municipale

    Inaugurazione della mostra “Momenti di vita partigiana in Alpago e Cansiglio attraverso le fotografie di Nino De Marchi”

    La mostra, ospitata presso il municipio di Pieve d’Alpago, raccoglie le foto scattate da Nino De Marchi durante la sua militanza partigiana con le brigate “Fratelli Bandiera” e “Nino Bixio” sui monti dell’Alpago e del Cansiglio. All’inaugurazione saranno presenti lo stesso De Marchi, la nipote Valentina e Alessandra Giaier (che ha curato la mostra per l’Istituto Storico Bellunese della Resistenza e dell’Età Contemporanea). L’esposizione rimarrà aperta fino al 2 maggio, con orario 8-12 e 15-18 nei feriali, 10-12 nei giorni festivi. L’iniziativa è promossa, oltre che dall’Isbrec, dal Comune di Pieve d’Alpago, dalla Biblioteca civica e dall’Auser Alpago

    Notizia di: Istituto storico bellunese della Resistenza e dell'età contemporanea - Belluno


  • 17/4/2010, Biblioteca Comunale di Imola e Salone di Casa Piani

    In cammino verso la libertà, storie a fumetti di donne e uomini imolesi dal fascismo alla democrazia.

    Mostra delle tavole originali della pubblicazione In cammino verso la libertà, storie a fumetti di donne e uomini imolesi dal fascismo alla democrazia. Sceneggiatura e adattamento di Lea Marzocchi e Carlo Ferri, disegni di Daniele Trombetti. L'iniziativa è realizzata in collaborazione col C.I.D.R.A., l'A.N.P.I., il CISS/T, la Biblioteca Comunale e Casa Piani.

    Notizia di: Cidra, Centro imolese documentazione Resistenza antifascista - Imola


  • 16/4/2010, ore 9:00 - Genova, Palazzo Ducale

    Vivere la Costituzione. Un percorso interattivo tra le parole della Democrazia

    La mostra parte dalle percezioni che hanno i cittadini dei diritti sanciti dalla nosta Costituzione. Queste percezioni sono state tradotte in una serie di installazioni multimediali con le quali i visitatori sono chiamati a interagire. Progettata e curata dall'Istoreto e dallo studio N!03, prodotta e organizzata dal Museo Diffuso di Torino e dalla Fondazione per la Cultura - Palazzo Ducale di Genova, la mostra sarà ospitata nel Palazzo Ducale di Genova fino al 2 giugno, per poi essere allestita a Torino, presso il Museo Diffuso, dal 2 luglio al 19 dicembre.

    Notizia di: Istituto piemontese per la storia della Resistenza e della società contemporanea - Torino


  • 15/4/2010, Modena, Memo viale J. Barozzi, 172

    I "problemi del fascismo". Immagini e documenti sulla matematica nel periodo fascista. Mostra dal 15 aprile al 6 maggio 2010

    Nell'occasione delle celebrazioni della Liberazione e con l'intento di favorire un'attenzione comparata agli impianti valoriali del fascismo e della democrazia, si inaugura il 15 aprile 2010 la mostra "I problemi del fascismo" a cura di Gianluca Gabrielli e Maria Guerrini, realizzata con la collaborazione di "Nucleo di Ricerca in Didattica della Matematica" di Bologna, VIII Circolo Didattico di Bologna e IBC-Soprintendenza per i beni librari e documentari della Regione Emilia-Romagna. L'iniziativa è promossa da Memo e Istituto storico di Modena.

    Notizia di: Istituto storico della Resistenza e di storia contemporanea - Modena


  • 19/3/2010, ore 9:30 - Novara

    Un secolo, due primavere

    L’Istituto tecnico statale per periti aziendali e corrispondenti in lingue estere “Alessandro Bermani” di Novara Propone la mostra UN SECOLO, DUE PRIMAVERE. Gli ebrei piemontesi nella societa' contemporanea 1848-1948 Scopo della mostra è sollecitare l’interesse e la riflessione dei visitatori sulla storia del rapporto fra gli ebrei e la società di maggioranza, con riferimento alle vicende concrete di Torino e del Piemonte fra Otto e Novecento Venerdì 19 marzo 2010 Inaugurazione mostra Istituto, viale Verdi 3/a a Novara, ore 9.30. A cura di: Consiglio Regionale del Piemonte, Comunità ebraica di Torino, Archivio Ebraico B.e A. Terracini; con il contributo di Consiglio Regionale del Piemonte, Unione delle Comunità Ebraiche Italiane, Compagnia di San Paolo e con il patrocinio di Consiglio Regionale del Piemonte, ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte – Direzione Generale Unione delle Comunità Ebraiche Italiane. All’inaugurazione presenzierà il Prof. Fabio Levi, docente all’Università di Torino e curatore della mostra, che terrà nella stessa mattina una conferenza agli allievi delle classi quinte dell’Istituto. La mostra verrà successivamente aperta alla visita di tutti gli studenti del territorio

    Notizia di: Istituto storico della Resistenza e della società contemporanea nel Novarese e nel Verbano Cusio Ossola "Piero Fornara" - Novara


  • 11/3/2010, Napoli, Archivio ILVA Bagnoli, via Coroglio 49

    La Memoria d'acciaio. Una fabbrica, un quartiere, una città

    L'Istituto Campano per la Storia della Resistenza, dell'Antifascismo e dell'Età Contemporanea "Vera Lombardi", unitamente a Bagnolifutura e con la collaborazione della Soprintendenza Archivistica della Campania, del Circolo Ilva, e il patrocinio del Comune e della Provincia di Napoli, nonché della Regione Campania, ha curato la realizzazione di una mostra documentaria dedicata alla storia dell’Italsider, la più grande industria meridionale, in vita fino a qualche decennio fa, dal significativo titolo “La memoria d’acciaio”. La mostra resterà aperta dal 12 marzo al 9 aprile, dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 17. Se necessario e dietro prenotazione le scuole potranno visitare la mostra anche il sabato mattina.

    Notizia di: Istituto Campano per la Storia della Resistenza "Vera Lombardi" - Napoli


  • 8/3/2010, ore 18:00 - Belluno, ITIS "Segato"

    "Onora il padre e la madre. Badanti"

    L’Istituto Storico Bellunese della Resistenza e dell’Età Contemporanea, in occasione dell’8 marzo, presenta la mostra fotografica “Onora il padre e la madre. Badanti”, con le opere della fotografa udinese Roberta Valerio. La mostra, un progetto dell’Associazione “Vicino- Lontano” di Udine , mette a fuoco vicende e vissuti delle lavoratrici immigrate nel nostro Paese e addette alla cura di anziani e disabili. L’inaugurazione della mostra, ospitata presso le sale espositive dell’Istituto Tecnico Industriale “Segato” di Belluno, in via Psaro 5, sarà inaugurata lunedì 8 marzo alle ore 18, con una presentazione di Giuseppe Pat, coordinatore Caaf-CGIL Nord-Est, colf- badanti. L’esposizione rimarrà aperta fino al 18 marzo con orario 15-18.30 dal lunedì al venerdì e 9-12 il sabato.

    Notizia di: Istituto storico bellunese della Resistenza e dell'età contemporanea - Belluno


  • 6/3/2010, ore 17:00 - Bologna, Istituto Parri, via Sant'Isaia, 20

    Inaugurazione mostra "Stalag XB, storia di un non ritorno"

    Nell'ambito del festival del fumetto BilBolBul, l'Istituto Parri ospita la mostra "Stalag XB, storia di un non ritorno", disegni di Marco Ficarra (autore dell'omonimo fumetto). Inaugurazione della mostra sabato 6 marzo 2010, ore 17. La mostra è aperta al pubblico dal 5 al 20 marzo con queste modalità: dal lunedì al venerdì, dalle 16 alle 19 sabato dalle 10 alle 13 Ingresso gratuito.

    Notizia di: Istituto storico Parri - Bologna


  • 6/3/2010, ore 9:31 - Stazione ferroviaria di Bari

    Migranti, treno della memoria

    La Regione Puglia (assessorato alla solidarietà), il Consiglio regionale, la Teca del Mediterraneo, Rai Teche, Ferrovie dello Stato, l'Ipsaic e la Farm hanno presentato la Mostra multimediale itinerante: Migranti che da Bari si sposterà a Foggia e come ultima tappa Torino. Interventi del presidente del consigo regionale (Prof. Pietro Pepe) e del direttore dell'Ipsaic Vito Antonio Leuzzi. La mostra è stata oggetto di diverse trasmissioni televisive regionali e del programma nazionale "Levante" di Rai tre.

    Notizia di: Istituto pugliese per la storia dell'antifascismo e dell'Italia contemporanea - Bari


  • 3/3/2010, ore 18:00 - Ancona, Mole Vanvitelliana

    L'occupazione italiana della Libia. Violenza e colonialismo 1911-1943

    Mostra foto/documentaria, a cura di Costantino Di Sante La storia del dominio coloniale italiano in Libia narrata attraverso centinaia di documenti originali e in gran parte inediti, provenienti da archivi italiani e stranieri, soprattutto libici. Proposta in oltre settanta pannelli, suddivisi in sei sezioni tematiche, l'illustrazione delle violenze e della repressione che, dall'occupazione del 1911 fino alla riconquista fascista, investirono con esiti drammatici le popolazioni e i resistenti libici e furono il presupposto di ogni successivo effimero tentativo di valorizzazione coloniale. Pagine di storia che non possono restare ignote alla coscienza civile dell'Italia contemporanea. Inaugurazione della mostra mercoledì 3 marzo 2010, ore 18. Seminario di formazione per docenti. giovedì 4 marzo 2010, ore 15.30-18.30 Iniziativa in collaborazione con Centro per l'Archivio Nazionale e gli Studi Storici (Tripoli-Libia) e con il sostegno e il patrocinio degli Assessorati alla Cultura di Provincia e Comune di Ancona. La mostra resterà aperta fino al 24 marzo 2010, tutti i giorni, escluso il lunedì, dalle ore 10 alle ore 13 e dalle ore 16 alle ore 19.

    Notizia di: Istituto regionale per la storia del movimento di liberazione nelle Marche - Ancona


  • 23/2/2010, ore 15:00 - Grosseto, Chiesa dei Bigi - Grosseto, Sala Pegaso del palazzo della Provincia

    INAUGURAZIONE A GROSSETO DELLA MOSTRA E PRESENTAZIONE DEL DOCUMENTARIO “LA NOSTRA STORIA E LA STORIA DEGLI ALTRI. VIAGGIO INTORNO AL CONFINE ORIENTALE”

    Il 23 febbraio, alle ore 15, si inaugura nella Chiesa dei Bigi (via Vinzaglio) la mostra “La nostra storia e la storia degli altri. Viaggio intorno al Confine Orientale”, prodotta dell’Istituto storico grossetano della Resistenza e dell’età contemporanea (ISGREC). Si tratta di una mostra di carattere didattico, relativa alle vicende oggetto della legge istitutiva della Giornata del ricordo, che documenta i luoghi della memoria del Confine orientale, con testi di storiografia, memorialistica e letteratura, immagini d’epoca e fotografie, scattate durante il viaggio di 14 insegnanti di scuole superiori della Toscana, realizzato nel marzo 2009, dagli Istituti storici della Resistenza di Grosseto e di Firenze. Il dibattito sul valore dei luoghi della memoria, sulla presenza di segni materiali di alcuni tra gli eventi che hanno segnato la nostra storia, sul significato dell’oblio che ne ha coperti altri coinvolge gli storici, ma non è estraneo alle ragioni dell’uso pubblico della storia, alla costruzione di una narrazione pubblica della storia nazionale. Il viaggio di studio compiuto dai 14 insegnanti ha aggiunto allo studio un’esperienza utile a riflettere sul nesso storia-memoria e sul rapporto passato-presente, attraverso la verifica di quanta e quale memoria è stata fissata nel tempo nelle zone del Confine Orientale. Accanto a luoghi di alto valore simbolico riconosciuto – la Risiera di San Sabba e la Foiba di Basovizza – un esempio di negazione della memoria, come il campo di concentramento di Gonars. Alle 15:30 seguirà in Sala Pegaso un’iniziativa pubblica, con i saluti delle autorità di Comune, Provincia e Regione, e gli interventi di Franco Cecotti (Istituto regionale per la storia del Movimento di Liberazione Friuli Venezia Giulia), Claudio Silingardi (Istituto storico della resistenza di Modena), Silvano Priori (Istituto della resistenza toscano), Luciana Rocchi e Laura Benedettelli (ISGREC). Verrà inoltre proiettato il documentario realizzato dall’ISGREC e dall’Associazione NONE, in cui sono riportate anche immagini e voci di storici e testimoni: le lezioni, a Trieste, di Bruno Visintin e di Marco Coslovich; a Lubiana, l’incontro con due storiche, Marta Verginella, italiana, ma docente del Dipartimento di storia di quella Università, Nevenhka Troha, studiosa slovena dell’Istituto di studi di Storici. Nella visita ad Albona e al sito in cui sorgeva il campo profughi di Padriciano, ora musealizzato, i testimoni hanno consegnato forme diverse di elaborazione di un vissuto di perdite e sofferenza. Si è scelto il linguaggio filmico per trarre da quest’esperienza uno strumento didattico, ritenendo che ne possa ben sintetizzare e trasmettere i significati essenziali, ma che sia anche un mezzo appropriato ad alimentare ulteriori domande. Nel titolo, La nostra storia e la storia degli altri, c’ è il suggerimento di cercare, oltre la visione unilaterale della “storia nazionale”, il punto di vista dell’altro. La mostra, precedentemente esposta nella Biblioteca delle Oblate di Firenze dal 9 al 18 febbraio, rimarrà aperta nella chiesa dei Bigi dal 23 al 28 febbraio (orario di apertura: 9-13; 15-18). Il documentario, presentato in anteprima a Firenze il 10 Febbraio, nel contesto della celebrazione della Giornata del Ricordo, è a disposizione delle scuole della Toscana. Il viaggio e tutte le attività realizzate a partire dal 2005 dai due Istituti storici sono state sostenute dalla Regione Toscana, (ex l.r. 38 ottobre 2002) e patrocinate dalla Direzione dell’Ufficio scolastico regionale della Toscana. Le stesse attività, consistenti in: pubblicazione di strumenti didattici, corsi di formazione, seminari di studio, realizzati anche in collaborazione con Università della Toscana, rientrano tra le iniziative che la rete nazionale dei 65 Istituti storici della Resistenza offrono alle istituzioni scolastiche, in attuazione della Convenzione INSMLI (Istituto nazionale per la storia del Movimento di Liberazione in Italia, cui li Istituti toscani sono associati) e MIUR, rinnovata nel 2009 e finalizzata a sostenere l’educazione alla cittadinanza nella scuola. Info: ISGREC, Via De’Barberi 61 – tel/fax 0564 415219 – www.isgrec.it – segreteria@isgrec.it

    Notizia di: Istituto storico grossetano della Resistenza e dell'età contemporanea - Grosseto


  • 10/2/2010, Mirandola, Castello dei Pico

    Giorno del Ricordo 2010 a Mirandola

    Si terrà mercoledì 10 febbraio l'incontro pubblico sul Giorno del Ricordo al quale interverrà Giuliano Albarani, Presidente Istituto Storico di Modena. Si ricorda inoltre che è possibile visitare la mostra "Profughi nel Silenzio Gli Esuli Giuliano-Dalmati a Modena e Carpi" allestita presso la Saletta del Bastione del Castello dei Pico a Mirandola. L'iniziativa è promossa dal Comune di Mirandola in collaborazione con Istituto storico di Modena.

    Notizia di: Istituto storico della Resistenza e di storia contemporanea - Modena


  • 10/2/2010, ore 11:30 - Polo Archivistico, Via dante 11, Reggio Emilia

    Inaugurazione mostra «Foibe ed Esodo. Il ricordo di una tragedia delle Genti del confine orientale e degli italiani tutti»

    In occasione del Giorno del Ricordo 2010, alle ore 11,30 di mercoledì 10 febbraio sarà inaugurata la mostra Foibe ed Esodo. Il ricordo di una tragedia delle Genti del confine orientale e degli italiani tutti, presso lo spazio espositivo del polo archivistico di Via Dante 11. L'iniziativa è promossa dall'Assessorato alla cultura del Comune di Reggio Emilia, in collaborazione con Istoreco, Comune di Trieste e Area Cultura e della Lega Nazionale Trieste. La mostra rimarrà aperta da mercoledì 10 febbraio a domenica 21 febbraio con i seguenti orari d’apertura: - 10.00-13.00 - 15.00-18.00 Lunedì chiuso. Ingresso libero. Per informazioni contattare: - Comune di Reggio Emilia - Assessorato Cultura e Università tel. 0522 456249 www.comune.re.it/cultura - Istoreco tel. 0522 437327 segreteria@istoreco.re.it

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea in provincia di Reggio Emilia - Reggio Emilia


  • 10/2/2010, ore 10:00 - Firenze, Biblioteca delle Oblate

    “La nostra storia e la storia degli altri. Viaggio intorno al Confine orientale” - MOSTRA E DOCUMENTARIO

    Fin dall’istituzione della Giornata del Ricordo, nel 2004, si è reso necessario trovare strumenti efficaci per dare attuazione in forma non rituale ad una legge dello Stato, che ha aggiunto al calendario nazionale della memoria una nuova data. Si è lamentata la disattenzione verso eventi dolorosi – le violenze subite da italiani in Friuli Venezia Giulia, in Istria e Dalmazia – e la mancanza di ascolto nei confronti di un gran numero di esuli, i “profughi”, che hanno dovuto o voluto, per una scelta libera ma dolorosissima, abbandonare la loro terra. Alla scuola, chiamata a introdurre nei curricoli lo studio di quegli eventi, servono supporti didattici e aggiornamento. Dalla percezione di questo vuoto è nato un lavoro di formazione, di produzione di strumenti di lavoro per i docenti, che ha coinvolto sia le istituzioni scolastiche che Istituti culturali e Dipartimenti di storia delle Università. In questo nuovo filone di ricerca didattica si è inserito l’Istituto storico grossetano della Resistenza e dell’età contemporanea (ISGREC), attingendo ai contributi scientifici che la storiografia aveva già prodotto e a nuovi studi. Con il sostegno della Regione Toscana e la collaborazione dell’Ufficio scolastico regionale e dell’Istituto storico della Resistenza in Toscana, sono stati aggiornati centinaia di insegnanti toscani, in cicli di lezioni laboratorio e seminari, primo essenziale passo per l’insegnamento di una parte di storia italiana ed europea, poco frequentata fuori dalle regioni direttamente interessate, nel corso degli ultimi quattro anni. Il Giorno del Ricordo, l’ISGREC rappresenterà la Regione Toscana nel corso dell’iniziativa pubblica regionale, nella quale saranno presentate due nuove produzioni rivolte al mondo della scuola: un documentario e una mostra dal titolo “La nostra storia e la storia degli altri. Viaggio intorno al Confine orientale”, prodotti dall’ISGREC e dall’Associazione NONE. Nati da un viaggio di studi nei luoghi della memoria del Confine orientale, il documentario e la mostra saranno presentati a Firenze il 10 febbraio. Successivamente, a partire dal 23, a Grosseto, nella Chiesa dei Bigi.

    Notizia di: Istituto storico grossetano della Resistenza e dell'età contemporanea - Grosseto


  • 6/2/2010, ore 17:00 - Zocca,

    Giorno del Ricordo 2010. A Zocca la mostra "Fascismo, foibe, esodo"

    Sabato 6 febbraio 2010 presso la Sede comunale di Zocca verrà presentata alla cittadinanza la mostra “Fascismo, Foibe, Esodo” , interverrà Claudio Silingardi, direttore dell'Istituto storico di Modena. Dal 6 al 12 febbraio la mostra resterà aperta al pubblico.

    Notizia di: Istituto storico della Resistenza e di storia contemporanea - Modena


  • 5/2/2010, ore 17:00 - Mirandola, Castello dei Pico

    Giorno del Ricordo 2010 a Mirandola. Mostra e incontro

    Da venerdì 5 febbraio 2010 sarà possibile visitare la mostra "Profughi nel Silenzio Gli Esuli Giuliano-Dalmati a Modena e Carpi" allestita presso la Saletta del Bastione del Castello dei Pico a Mirandola. É invece fissato per mercoledì 10 febbraio l'incontro pubblico sul Giorno del Ricordo al quale interverrà Giuliano Albarani, Presidente Istituto Storico di Modena. L'iniziativa è promossa dal Comune di Mirandola in collaborazione con Istituto storico di Modena.

    Notizia di: Istituto storico della Resistenza e di storia contemporanea - Modena


  • 3/2/2010, ore 10:00 - Macerata - Scuola secondaria "Dante Alighieri"

    Inaugurazione mostra didattica "L'internamento in provincia di Macerata"

    Presso la scuola secondaria "Dante Alighieri" di Macerata resterà aperta dal 3 al 10 febbraio 2010 la mostra documentaria "L'internamento nella provincia di Macerata". Essa consiste in una serie di documenti attraverso i quali è possibile ricostruire la vita nei campi di Internamento di Urbisaglia, Sforzacosta, Pollenza, Treia, Petriolo, i quali dal 1940 al 1945 accolsero migliaia di internati civili, molti dei quali in transito per i campi di Fossoli di Carpi e quindi destinati ad Auschwitz. I documenti sono corredati da una serie di pannelli didattici che illustrano il fenomeno dell'internamento a livello sia nazionale che locale, curati dalla presidente dell'ISREC di Macerata, prof. Rosella Cameli. La mostra sarà accompagnata da una serie di laboratori didattici per gli alunni che la visiteranno ed avrà un servizio di miniguide curato e preparato dalle docenti di storia della scuola ospitante.

    Notizia di: Istituto storico della Resistenza e dell'età contemporanea di Macerata "Mario Morbiducci" - Macerata


  • Crescentino (Vc), Istituto tecnico per geomatri "Calamandrei", via Tino Dappiano, 61

    "E da lì è incominciata la nostra odissea"

    Crescentino, 1-6 febbraio 2010. Esposizione della mostra "E da lì è incominciata la nostra odissea...". Luoghi e storie di deportazione vercellese, biellese e valsesiana, realizzata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" con la compartecipazione del Comitato della Regione Piemonte per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione repubblicana.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 1/2/2010, Varallo (Vc), sede dell’Isrsc Bi-Vc, via D’Adda, 6

    "Il filo spinato ti lacera anche la mente"

    Varallo, 18 gennaio - 5 febbraio 2010. Esposizione della nuova edizione della mostra di disegni del pittore vercellese Renzo Roncarolo, internato nei Lager tedeschi durante la seconda guerra mondiale, realizzata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli", con la compartecipazione del Comitato della Regione Piemonte per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione repubblicana. Orari: da lunedì a venerdì ore 9-13 e 15-18; sabato 23 gennaio ore 15-18.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 1/2/2010, Crescentino (Vc), Istituto tecnico per geomatri "Calamandrei", via Tino Dappiano, 61

    "E da lì è incominciata la nostra odissea"

    Crescentino, 1-6 febbraio 2010. Esposizione della mostra "E da lì è incominciata la nostra odissea...". Luoghi e storie di deportazione vercellese, biellese e valsesiana, realizzata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" con la compartecipazione del Comitato della Regione Piemonte per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione repubblicana.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 31/1/2010, ore 18:00 - S. Clemente di Galluccio (CE), Palazzo Seccareccia

    Giorno della Memoria 2010

    Manifestazione e visita della mostra fotografica e documentaria "L’autunno del 1943: l’Alto Casertano tra il terrore nazista e l’offensiva alleata" curata da Felicio e Dario Corvese, allestita presso il Museo interattivo. Sarà proiettato il video "Liberatori/ Liberati, tre storie italiane", con interventi di storici e testimoni degli avvenimenti dell’autunno 1943.

    Notizia di: Istituto Campano per la Storia della Resistenza "Vera Lombardi" - Napoli


  • 30/1/2010, Ovada (AL)

    Il giorno della Memoria 2010 a Ovada

    Mostra "Destinazione Auschwitz" La mostra ripercorre in modo approfondito le fasi della persecuzione antiebraica durante la II Guerra Mondiale, dall’ascesa del nazifascismo in Germania alla discriminazione razziale in Italia. Attraverso le toccanti testimonianze di alcuni Sopravvissuti vengono raccontati i tragici eventi della deportazione di migliaia di persone innocenti al campo di sterminio di Aschwitz –Birkenau. Una particolare sezione della mostra è dedicata alla ricostruzione virtuale degli impianti di messa a morte dell’universo concentrazionario del campo, frutto di ricerche storiche puntuali ed approfondite che non lasciano spazio a revisionismi, minimalismi o negazionismi di ogni sorta. Sabato 30 gennaio ore 17,00 - Loggia di San Sebastiano INAUGURAZIONE DELLA MOSTRA “DESTINAZIONE AUSCHWITZ” Inteventi: Sindaco Andrea Luigi Oddone Presidente della Provincia di Alessandria Paolo Filippi Presidente dell'ISRAL – Alessandria Carla Nespolo A.N.P.I – Ovada Domenica 7 febbraio ore 21 janos Hasur concerto per violino sul filo della memoria La mostra resterà ad Ovada presso la Loggia di San Sebastiano dal 30 gennaio 2010 al 10 febbraio 2010. L'apertura al pubblico sarà garantita nei giorni di Venerdì – Sabato e Domenica. Per le classi sono previste, nel corso della settimana, visite guidate previa prenotazione.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea della provincia di Alessandria - Alessandria


  • Pesaro, sede ISCOP

    La storia di Cesare Moisè Finzi: dalle fonti alla storia per immagini.

    Mostra didattica. Materiali di un anno di sperimentazione (classi 5B Sc. primaria di Largo Baccelli, I.C. "Olivieri"-Pesaro/ classe 5B-3H Sc. Secondarie di primo grado I.C. Gaudiano Pesaro/ classi 5A-5B scuola primaria "Giansanti" Pesaro)

    Notizia di: Istituto di storia contemporanea della provincia di Pesaro e Urbino (ISCOP) - Pesaro


  • 29/1/2010, Acqui Terme (AL)

    Il giorno della Memoria 2010 ad Acqui Terme

    Venerdì 29 gennaio Ore 17,30 - Biblioteca Civica Gli ebrei acquesi. Una storia finita ad Auschwitz Momenti e figure della comunità ebraica acquese, intervento di Luisa Rapetti autrice de "Il cimitero ebraico di Acqui", Marco Dolermo storico dell'ebraismo locale, con l'accompagnamento musicale di Francesco Cotta. Domenica 31 gennaio Ore 11,30 - Portici Saracco Preghiera ebraica e cristiana Guidata dal Vescovo di Acqui e da un Rabbino della comunità ebraica di Genova Commemorazione civile della deportazione Visita al cimitero ebraico Ore 21 - Chiesa di San Francesco Concerto In memoriam Coro "Mozart" di Acqui Terme Coro "Gavina" di Voghera diretti dal maestro Aldo Niccolai Martedì 9 febbraio Ore 10,30 - Biblioteca civica Il ruolo dei "giusti" nella tragedia della Shoah Inaugurazione mostra didattica su "I Giusti dell'Islam" a cura di PIME La mostra resta in visione fino al 19 febbraio 2010 (in orario di apertura della Biblioteca) presentazione per le scuole Sabato 13 febbraio Ore 18,00/19,00 - Portici Saracco In parole e musica Letture di adulti e di giovani delle scuole superiori acquesi, coordinati da Lucia Baricola e accompagnati da Alex Leonte al violino Incontri nelle scuole superiori acquesi - martedì 19 gennaio al Liceo e all'Itis (Mauro Bonelli) - martedì 26 gennaio al Liceo (Claudio Vercelli) - venerdì 29 gennaio all'Itis (Primaorosa Pia)

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea della provincia di Alessandria - Alessandria


  • 29/1/2010, Pesaro, sede ISCOP

    La storia di Cesare Moisè Finzi: dalle fonti alla storia per immagini.

    Mostra didattica. Materiali di un anno di sperimentazione (classi 5B Sc. primaria di Largo Baccelli, I.C. "Olivieri"-Pesaro/ classe 5B-3H Sc. Secondarie di primo grado I.C. Gaudiano Pesaro/ classi 5A-5B scuola primaria "Giansanti" Pesaro)

    Notizia di: Istituto di storia contemporanea della provincia di Pesaro e Urbino (ISCOP) - Pesaro


  • Torino

    A noi fu dato in sorte questo tempo 1938-1947

    A Torino, presso le Sezioni Riunite dell’Archivio di Stato in via Piave 21, si inaugurerà il 26 gennaio 2010 la mostra "A noi fu dato in sorte questo tempo 1938-1947", nel quadro delle iniziative del Museo diffuso della Resistenza, della Deportazione, della Guerra, dei Diritti e della Libertà per il prossimo Giorno della memoria. La mostra è nata dagli studi di Alessandra Chiappano sull’archivio privato di Luciana Nissim Momigliano e su altri archivi finora inesplorati. Attraverso un approccio multimediale, e con il corredo di documenti inediti, essa vuole raccontare ai giovani vicende di giovani, intrecciando continuamente la microstoria con la macrostoria. I ragazzi che hanno avuto in sorte questo tempo terribile si chiamavano Luciana Nissim, Franco Momigliano, Vanda Maestro, Primo Levi, Emanuele Artom, Silvio Ortona, Ada Della Torre, Giorgio Segre, Alberto Salmoni, Bianca Guidetti Serra, Franco Sacerdoti, Lino Jona, Eugenio Gentili Tedeschi. La mostra è prodotta dall’Istituto nazionale per la storia del Movimento di liberazione in Italia grazie al sostegno delle Regioni Piemonte, Valle d’Aosta ed Emilia Romagna, della Provincia di Torino, della Fondazione crt e della cgil Lombardia e si avvale della collaborazione di moltissimi enti ed istituti, nonché del sostegno dei familiari. Il progetto multimediale e l’allestimento sono affidati allo studio Ennezerotre (N!03).

    Notizia di: Istituto Nazionale per la Storia del Movimento di Liberazione in Italia Ferruccio Parri - Milano


  • Gaglianico (Bi), Sala consiliare

    Porrajmos: altre tracce sul sentiero per Auschwitz

    Gaglianico, 27-31 gennaio 2010. Esposizione della mostra realizzata dall’Istituto di Cultura Sinta di Mantova e dall’Associazione Nevo Drom di Bolzano. Ristampata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" con la compartecipazione del Comitato della Regione Piemonte per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione repubblicana. Iniziativa organizzata dall’Isrsc Bi-Vc, in collaborazione con l’Amministrazione comunale. Orari: giovedì e venerdì 9-12 e 15-17; sabato e domenica 9-12; 15-18.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 27/1/2010, Torino

    A noi fu dato in sorte questo tempo 1938-1947

    A Torino, presso le Sezioni Riunite dell’Archivio di Stato in via Piave 21, si inaugurerà il 26 gennaio 2010 la mostra "A noi fu dato in sorte questo tempo 1938-1947", nel quadro delle iniziative del Museo diffuso della Resistenza, della Deportazione, della Guerra, dei Diritti e della Libertà per il prossimo Giorno della memoria. La mostra è nata dagli studi di Alessandra Chiappano sull’archivio privato di Luciana Nissim Momigliano e su altri archivi finora inesplorati. Attraverso un approccio multimediale, e con il corredo di documenti inediti, essa vuole raccontare ai giovani vicende di giovani, intrecciando continuamente la microstoria con la macrostoria. I ragazzi che hanno avuto in sorte questo tempo terribile si chiamavano Luciana Nissim, Franco Momigliano, Vanda Maestro, Primo Levi, Emanuele Artom, Silvio Ortona, Ada Della Torre, Giorgio Segre, Alberto Salmoni, Bianca Guidetti Serra, Franco Sacerdoti, Lino Jona, Eugenio Gentili Tedeschi. La mostra è prodotta dall’Istituto nazionale per la storia del Movimento di liberazione in Italia grazie al sostegno delle Regioni Piemonte, Valle d’Aosta ed Emilia Romagna, della Provincia di Torino, della Fondazione crt e della cgil Lombardia e si avvale della collaborazione di moltissimi enti ed istituti, nonché del sostegno dei familiari. Il progetto multimediale e l’allestimento sono affidati allo studio Ennezerotre (N!03).

    Notizia di: Istituto Nazionale per la Storia del Movimento di Liberazione in Italia Ferruccio Parri - Milano


  • 27/1/2010, ore 11:30 - Biblioteca comunale Passerini Landi

    Piacenza 1938-1945. Le leggi razziali

    Il 27 gennaio si inaugura a Piacenza la mostra "Piacenza 1938-1945. Le leggi razziali". I 41 pannelli che compongono l'esposizione presentano i documenti archivistici e gli articoli della stampa locale, accompagnati dalla narrazione degli elementi di contesto storico generale e dalle immagini della propaganda antiebraica riprodotta in particolare sul periodico "La Difesa della razza". Saranno previste, per tutto il mese di febbraio, visite gratuite per le scuole.

    Notizia di: Istituto storico della Resistenza e dell'età contemporanea di Piacenza - Piacenza


  • 27/1/2010, ore 18:00 - Palazzo Ex-Ateneo, Piazza Reginaldo Giuliani, Città Alta, Bergamo

    LUOGHI. QUATTRO CAMPI, LA LORO STORIA, LA NOSTRA MEMORIA (mostra documentaria e fotografica)

    In occasione del Giorno della memoria 2010 l'Istituto bergamasco per la storia della Resistenza e dell'età contemporanea, con la collaborazione del Comune di Bergamo, della Scuole di restauro "Camillo Boito" dell'Accademia di Belle Arti di Brera e dell'Aned, allestisce la mostra documentarie e fotografica "Luoghi. Quattro campi, la loro storia, la nostra memoria, curata da Elisabetta Ruffini (Isrec Bg). Si tratta della ricostruzione storica di quattro campi: Fossoli, Bolzano, Mauthausen, Auschwitz e del loro costituirsi come luoghi di memoria. Se la storia dei quattro luoghi è affidata ai documenti, le testimonianze dei sopravvissuti (disegni e parole) tracciano quel percorso di memoria che dalla loro voce arriva al nostro presente che lo sguardo della fotografa Isabella Balena indaga e documenta. La mostra, dopo l'inaugurazione il 27 gennaio, resterà aperta fino al 14 febbraio 2010. Per le scuole sono previste visite guidate e laboratori di approfondimento Per maggiori informazioni aprire gli allegati alla presente notizia.

    Notizia di: Istituto bergamasco per la storia della Resistenza e dell'età contemporanea - Bergamo


  • 27/1/2010, Gaglianico (Bi), Sala consiliare

    Porrajmos: altre tracce sul sentiero per Auschwitz

    Gaglianico, 27-31 gennaio 2010. Esposizione della mostra realizzata dall’Istituto di Cultura Sinta di Mantova e dall’Associazione Nevo Drom di Bolzano. Ristampata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" con la compartecipazione del Comitato della Regione Piemonte per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione repubblicana. Iniziativa organizzata dall’Isrsc Bi-Vc, in collaborazione con l’Amministrazione comunale. Orari: giovedì e venerdì 9-12 e 15-17; sabato e domenica 9-12; 15-18.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 27/1/2010, Liceo scientifico "Copernico" - Udine

    La Shoah dei bambini. Arte e memoria - mostra - in occasione della “Giornata della memoria” 20010 di testi poetici e disegni - realizzati dai bambini ebrei rinchiusi nel ghetto di Theresienstadt.

    La mostra verrà inaugurata il 27 gennaio 2010 presso il Liceo scientifico "Copernico" e proseguirà sino al 30 gennaio. L’esposizione intende rappresentare un momento di riflessione sulla tragedia delle persecuzioni razziali e sul sistematico sterminio cui fu sottoposto il popolo ebraico, durante la seconda guerra mondiale, in tutti i Paesi europei. La mostra raccoglie i testi delle poesie e una selezione di disegni realizzati dai bambini ebrei rinchiusi nel campo di Theresienstadt (Terezín, in lingua ceca), in Boemia, a un centinaio di chilometri a nord di Praga. La città fu trasformata dai nazisti in un campo di concentramento in cui convogliare ebrei di tutte le nazionalità, considerati inabili al lavoro. Dal novembre 1941 al maggio 1945, passarono a Theresienstadt circa 140.000 ebrei e di questi 15.000 erano bambini; la maggior parte di essi morì nel corso del 1944 nelle camere a gas di Auschwitz, di quei pochi che riuscirono a sopravvivere, nessuno aveva meno di quattordici anni. Il dramma della deportazione forzata e della morte collettiva nei Lager nazisti viene così riletto attraverso lo sguardo dei bambini che di quella immane catastrofe furono i protagonisti. A ricordo di quella terribile esperienza, rimangono i materiali documentari in esposizione, i cui originali sono attualmente conservati presso il Museo statale ebraico di Praga. Le opere presenti in mostra intendono dunque offrire al pubblico, ma soprattutto agli studenti delle scuole, motivo di riflessione sull’atrocità delle condizioni in cui si trovarono a trascorrere la loro fanciullezza i bambini di Theresienstadt. Attraverso la lettura dei testi poetici e la visione dei disegni da loro realizzati, le giovani generazioni hanno la possibilità di confrontarsi con il dramma storico della Shoah, rendendone nuovamente attuale la memoria affinché simili tragedie non abbiamo mai più a ripetersi.

    Notizia di: Istituto friulano per la storia del movimento di liberazione - Udine


  • 26/1/2010, Torino

    A noi fu dato in sorte questo tempo 1938-1947

    A Torino, presso le Sezioni Riunite dell’Archivio di Stato in via Piave 21, si inaugurerà il 26 gennaio 2010 la mostra “A noi fu dato in sorte questo tempo 1938-1947", nel quadro delle iniziative del Museo diffuso della Resistenza, della Deportazione, della Guerra, dei Diritti e della Libertà per il prossimo Giorno della memoria. La mostra è nata dagli studi di Alessandra Chiappano sull’archivio privato di Luciana Nissim Momigliano e su altri archivi finora inesplorati. Attraverso un approccio multimediale, e con il corredo di documenti inediti, essa vuole raccontare ai giovani vicende di giovani, intrecciando continuamente la microstoria con la macrostoria. I ragazzi che hanno avuto in sorte questo tempo terribile si chiamavano Luciana Nissim, Franco Momigliano, Vanda Maestro, Primo Levi, Emanuele Artom, Silvio Ortona, Ada Della Torre, Giorgio Segre, Alberto Salmoni, Bianca Guidetti Serra, Franco Sacerdoti, Lino Jona, Eugenio Gentili Tedeschi. La mostra è prodotta dall’Istituto nazionale per la storia del Movimento di liberazione in Italia grazie al sostegno delle Regioni Piemonte, Valle d’Aosta ed Emilia Romagna, della Provincia di Torino, della Fondazione crt e della cgil Lombardia e si avvale della collaborazione di moltissimi enti ed istituti, nonché del sostegno dei familiari. Il progetto multimediale e l’allestimento sono affidati allo studio Ennezerotre (N!03).

    Notizia di: Istituto Nazionale Ferruccio Parri. Rete degli istituti per la storia della Resistenza e dell’età contemporanea - Milano


  • 26/1/2010, Bologna, via Sant'Isaia 20, Museo della Resistenza di Bologna

    Inaugurazione mostra "R'esistenze (Zone)"

    In occasione delle celebrazioni per la Giornata della Memoria 2010 l'Istituto Parri propone la mostra collettiva "R'esistenze (Zone)", di Chinni, Conti, Costa, Osti, Raspanti, Teglia e a cura di Miro Bini. Inaugurazione: 26 gennaio 2010 alle ore 17.30. La mostra resterà aperta fino al 20 febbraio 2010, con i seguenti orari: dal lunedì al venerdì, dalle 16 alle 19; sabato, dalle 10 alle 13. Ingresso gratuito.

    Notizia di: Istituto storico Parri - Bologna


  • Santhià (Vc), Istituto tecnico industriale, via Nobel, 17

    "E da lì è incominciata la nostra odissea"

    Santhià, 25-30 gennaio 2010. Esposizione della mostra "E da lì è incominciata la nostra odissea...". Luoghi e storie di deportazione vercellese, biellese e valsesiana, realizzata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli, con la compartecipazione del Comitato della Regione Piemonte per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione repubblicana.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 25/1/2010, Cermenate (Co)

    Attraverso gli occhi dei bambini. Disegni e poesie dei bambini del ghetto di Terezin

    Dal 25 al 30 gennaio 2010 sarà visitabile presso l'Istituto comprensivo di Cermenate in via Garbaldi 3 la mostra "Attraverso gli occhi dei bambini. Disegni e poesie dei bambini del ghetto di Terezin" organizzata dall'Istituto di Storia Contemporanea Pier Amato Perretta in collaborazione con l'amministrazione comunale. Sono previsti incontri di formazione per docenti. La mostra è accessibile a tutti gli interessati negli orari di apertura della scuola.

    Notizia di: Istituto di storia contemporanea "Pier Amato Perretta" - Como


  • 25/1/2010, Varallo (Vc), sede dell’Isrsc Bi-Vc, via D’Adda, 6

    "Il filo spinato ti lacera anche la mente"

    Varallo, 18 gennaio - 5 febbraio 2010. Esposizione della nuova edizione della mostra di disegni del pittore vercellese Renzo Roncarolo, internato nei Lager tedeschi durante la seconda guerra mondiale, realizzata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli", con la compartecipazione del Comitato della Regione Piemonte per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione repubblicana. Orari: da lunedì a venerdì ore 9-13 e 15-18; sabato 23 gennaio ore 15-18.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 25/1/2010, Santhià (Vc), Istituto tecnico industriale, via Nobel, 17

    "E da lì è incominciata la nostra odissea"

    Santhià, 25-30 gennaio 2010. Esposizione della mostra "E da lì è incominciata la nostra odissea...". Luoghi e storie di deportazione vercellese, biellese e valsesiana, realizzata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli, con la compartecipazione del Comitato della Regione Piemonte per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione repubblicana.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 23/1/2010, ore 18:00 - Recanati, atrio del palazzo comunale

    Inaugurazione della mostra "L'altra deportazione"

    L'Anpi di Recanati, in collaborazione con il Comune, espone la mostra "L'altra deportazione", curata ed allestita dall'Istituto Storico di Macerata. La mostra è la risultanza di un approfondito lavoro di ricerca documentaria operato dall'Istituto maceratese al fine di riportare alla luce la memoria dei tanti marchigiani deportati nei campi di lavoro in Germania durante l'ultima fase della seconda guerra mondiale. L'inaugurazione, presso l'atrio comunale di Recanati, avverrà alle ore 18.00 di sabato 23 gennaio 2009. La mostra rimarrà aperta fino al 31 gennaio con orario 9 - 12 e 17 - 19.

    Notizia di: Istituto storico della Resistenza e dell'età contemporanea di Macerata "Mario Morbiducci" - Macerata


  • 23/1/2010, ore 17:00 - Teatro Comunale di Urbisaglia (MC)

    L?internamento in provincia di Macerata

    L'Istituto storico di Macerata, in occasione delle celebrazioni relative alla Giornata della Memoria, organizza una mostra documentaria didattica allo scopo di illustrare la situazione dell'internamento di civili nei campi della provincia di Macerata dal 1940 al 1945. La mostra raccoglie una serie di interessanti documenti amministrativi, burocratici, di polizia appartenenti al fondo Cruciani, conservato presso l'archivio dell'ISREC, attraverso i quali è possibile ricostruire la vita nei campi di Sforzacosta, Urbisaglia, Treia, Pollenza e Petriolo, che nel periodo in oggetto ospitavano centinaia di internati, tra cui molte donne, classificati come ebrei, stranieri di paesi nemici, apolidi. L'evento sarà itinerante e si aprirà ad Urbisaglia, città sede di un campo di internamento, dove rimarrà aperta al pubblico dal 23 al 31 gennaio 2010, presso il locale teatro comunale.

    Notizia di: Istituto storico della Resistenza e dell'età contemporanea di Macerata "Mario Morbiducci" - Macerata


  • 19/1/2010, ore 17:30 - Asti - Archivio Storico del Comune di Asti

    Conoscere la nostra storia... Così lontana, così vicina. Reggio Emilia e i reggiani nella Grande Guerra

    In occasione del prossimo 150° Anniversario dell'Unità d'Italia, l'ISRAT, in collaborazione con l'ISTORECO proporrà la mostra documentaria e fotografica "Conoscere la nostra storia... Così lontana, così vicina. Reggio Emilia e i reggiani nella Grande Guerra", presso l'Archivio Storico del Comune, Palazzo Mazzola - Via Massaia, 5. La mostra verrà inaugurata Martedì 19 Ggennaio 2010 alle ore 17:30 e resterà aperta fino al 04 Febbraio 2010 co i seguenti orari dal lunedì al venerdì dalle 9:00 alle 13:00 e il martedì e giovedì dalle 15:30 alle 17:30

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nella provincia di Asti - Asti


  • Varallo (Vc), sede dell’Isrsc Bi-Vc, via D’Adda, 6

    "Il filo spinato ti lacera anche la mente"

    Varallo, 18 gennaio - 5 febbraio 2010. Esposizione della nuova edizione della mostra di disegni del pittore vercellese Renzo Roncarolo, internato nei Lager tedeschi durante la seconda guerra mondiale, realizzata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli", con la compartecipazione del Comitato della Regione Piemonte per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione repubblicana. Orari: da lunedì a venerdì ore 9-13 e 15-18; sabato 23 gennaio ore 15-18.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 18/1/2010, Varallo (Vc), sede dell’Isrsc Bi-Vc, via D’Adda, 6

    "Il filo spinato ti lacera anche la mente"

    Varallo, 18 gennaio - 5 febbraio 2010. Esposizione della nuova edizione della mostra di disegni del pittore vercellese Renzo Roncarolo, internato nei Lager tedeschi durante la seconda guerra mondiale, realizzata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli", con la compartecipazione del Comitato della Regione Piemonte per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione repubblicana. Orari: da lunedì a venerdì ore 9-13 e 15-18; sabato 23 gennaio ore 15-18.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 16/1/2010, ore 10:30 - Castelfidardo, Auditorium S. Francesco

    Guerrieri in erba. La scuola fascista nella provincia di Ancona.

    Mostra didattico documentaria. Apertura: dal 16 al 31 gennaio 2010. Iniziativa in collaborazione con ANPI di Castelfidardo.

    Notizia di: Istituto regionale per la storia del movimento di liberazione nelle Marche - Ancona


  • 22/12/2009, ore 11:1 - Noci, Liceo scientifico Leonardo Da Vinci

    "Dear America, emigrati pugliesi tra Buffalo e Mosca"

    Si inaugurerà il 22 dicembre al Liceo scientifico Da Vinci diNoci la Mostra "Dear America, emigrati pugliesi tra Buffalo e Mosca" organizzata dall'IPSAIC-Teca del Mediterraneo-Dipartimento di Storia e studi sociali della Buffalo Sato University Collage-Museo Storico di Mosca. Interverranno il Sindaco di Noci Piero Liuzzi, il dirigente scolastico Rosa Roberto, Direttore della Teca del Mediterraneo, dott. Waldemaro Morgese e Giulio Esposito e Vitantonio Leuzzi dell'IPSAIC

    Notizia di: Istituto pugliese per la storia dell'antifascismo e dell'Italia contemporanea - Bari


  • 18/12/2009, ore 14:30 - Novara - Liceo scientifico 'Antonelli'

    1914-1918 L'INUTILE MASSACRO

    iL 18 dicembre 2009 dalle ore 14.30 alle ore 16.30 si terrà nell’aula magna del Liceo Scientifico Antonelli di Novara un conferenza di presentazione della mostra 1914-1918. L’INUTILE MASSACRO Interverranno:  Dott. Giuliano Ladolfi, Dirigente Scolastico Liceo Antonelli di Novara  Dott.ssa Nicoletta Fasano, ricercatrice dell’Istituto Storico della Resistenza e della Società Contemporanea in provincia di Asti, curatrice della mostra La mostra promuove una riflessione sulla Prima guerra mondiale attraverso la ricerca di materiale iconografico e la raccolta delle fonti. L’esposizione si propone di far conoscere la tragica realtà della guerra. La mostra sarà aperta dal 19 dicembre 2009 al 31 gennaio 2009 dal lunedì al sabato dalle 08.00 alle 14.00. Le visite dovranno essere prenotate presso la segreteria del Liceo. L’iniziativa in oggetto è stata realizzata in collaborazione con l’Istituto Storico della resistenza e della Società Contemporanea Fornara di Novara.

    Notizia di: Istituto storico della Resistenza e della società contemporanea nel Novarese e nel Verbano Cusio Ossola "Piero Fornara" - Novara


  • 2/12/2009, ore 18:00 - Asti, Archivio di Stato

    MOSTRA - Un secolo, due primavere. Gli ebrei piemontesi nella società contemporanea 1848-1948

    Inaugurazione 02 Dicembre 2009 ore 18:00 Archivio di Stato di Asti - Via Govone, 9 Asti (a lato del Tribunale) La mostra resterà aperta fino al giorno 08 Gennaio 2010 Orario: lunedì, mercoledì, venerdì, sabato: 08:30 - 13:30 martedì, giovedì: 08:30 - 16:30 (orario continuato) La mostra vuole sollecitare l’interesse e la riflessione dei visitatori sulla storia del rapporto fra gli ebrei e la società di maggioranza, con riferimento alle vicende concrete di Torino e del Piemonte fra Otto e Novecento. Al centro e situati però in un percorso di lungo periodo sono in particolare la fine delle antiche interdizioni sancita con l’emancipazione e l’apertura di nuovi orizzonti dopo gli sconvolgimenti prodotti dallo sterminio: tutto questo nell’intento di offrire chiari punti di riferimento di carattere storico utili ad affrontare tematiche generali come la specificità della storia ebraica, il rapporto fra maggioranze e minoranze o la responsabilità dell’individuo di fronte alla storia.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nella provincia di Asti - Asti


  • 18/11/2009, Milano, Fondazione Corrente, via Carlo Porta, 5

    Inaugurazione della mostra "I colori del ferro. Libri e riviste alla Cornigliano-Italsider (1956-1965)"

    La mostra, a cura di Carlo Vinti, si propone di documentare attraverso libri, periodici e altri materiali stampati, un episodio particolare di incontro tra intellettuali, artisti e industria nell’Italia degli anni cinquanta e del miracolo economico. Promossa dalla Fondazione Corrente in collaborazione con l'Associazione Duccio Bigazzi, la Fondazione Ansaldo, la Fondazione Isec, l'Istituto lombardo di storia contemporanea, la mostra sarà visitabile fino al 17 dicembre 2009 (martedì, mercoledì e giovedì, 9.00 – 12.30, 15.00 – 18.30). In occasione dell’inaugurazione, è previsto: ore 18,00 un incontro-tavola rotonda con: Carlo Vinti (curatore della mostra), Giorgio Bigatti (Fondazione Isec), Claudio Bertieri, (responsabile settore audiovisivi Italsider), Eugenio Carmi (artista, consulente per l’immagine Italsider), Carlo Fedeli (giornalista, capo ufficio stampa Italsider), Giampaolo Gandolfo (responsabile dei circoli culturali Italsider), Gian Lupo Osti (dirigente Finsider) Ore 19,00 la proiezione del video "Le mani! La testa! Gli occhi! Eugenio Carmi, un artista in fabbrica" (Genova 2006) e di una selezione di film industriali prodotti da Cornigliano e Italsider Ore 20,00 visita della mostra

    Notizia di: Istituto lombardo di storia contemporanea - Milano


  • 12/11/2009, ore 18:00 - Bologna, Istituto Parri, via Sant'Isaia 20

    Mostra "Ortszeit (Ora locale)", la ex Germania est fotografata da Stefan Koppelkam

    L'Istituto di cultura germanica e l'Istituto Parri di Bologna invitano alla mostra fotografica "Ortszeit (Ora locale)". La mostra proporrà i lavori del fotografo berlinese Stefan Koppelkamm: edifici e spazi urbani dell’ex Germania dell'est, fotografati una prima volta subito dopo la caduta del Muro e una seconda volta a oltre dieci anni di distanza. Ingresso libero con entrata dal Museo della Resistenza, via Sant’Isaia 20, Bologna. Inaugurazione: 12 novembre 2009, ore 18 Durata: 12 novembre 2009 - 12 dicembre 2009 Orario: lunedì - venerdì: ore 16-19, sabato 11-13 Su prenotazione aperto: ore 9 -19 (lunedì - sabato) Info e prenotazioni: Istituto di cultura germanica Goethe Zentrum Bologna: tel. 051 225658 Istituto Parri: tel. 051 3397211; istituto@istitutoparri.it

    Notizia di: Istituto storico Parri - Bologna


  • 4/11/2009, ore 16:30 - Locali dell'Antico Palazzo di Città di Mondovì Piazza (Via Giolitti, 1)

    MOSTRA DOCUMENTARIA E FOTOGRAFICA: "1914-1918: L'INUTILE MASSACRO"

    Il Comune di Mondovì in collaborazione con l'Istituto Storico della Resistenza della Provincia di Asti, mercoledì 4 novembre, festa nazionale delle Forze Armate, alle ore 16,30, nei locali dell'Antico Palazzo di Città di Mondovì Piazza (Via Giolitti, 1) inaugura la mostra documentaria e fotografica "1914-1918: L'INUTILE MASSACRO", curata da Nicoletta Fasano, ricercatrice dell'Israt. L'Istituto, in occasione del 90° anniversario dalla fine della prima Guerra Mondiale ha dato alle stampe questa mostra documentaria, composta da circa 50 pannelli corredati da fotografie, documenti ed oggetti, che intendono illustrare non tanto le fasi del conflitto, il contesto storico, gli aspetti politici ed ideologici, le dinamiche internazionali, ma la dimensione umana dei soldati, sottolineando gli aspetti meno noti della vita di trincea con tre caratteristiche sostanziali dell'evento: il complesso intreccio di una guerra tra tradizione ed innovazione tecnologica, tra sperimentazione e passato, soprattutto per le strategie e le armi utilizzate; la grandezza dei numeri nella prima vera guerra di massa della storia e gli elementi di continuità con il secondo conflitto mondiale. La mostra resterà aperta fino al 15 novembre osservando il seguente orario di apertura: dal martedì alla domenica, ore 15,00 - 18,00 Dal martedì al sabato apertura su richiesta per scolaresche e gruppi organizzati. Lunedì chiuso. Per contatti: Biblioteca Civica Via Francesco Gallo, 12 12084 Mondovì (CN) tel. 0174-43003 fax: 0174-555448 e-mail: cn0065@biblioteche.reteunitaria.piemonte.it

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nella provincia di Asti - Asti


  • 4/11/2009, ore 16:30 - ISTORECO - Reggio Emilia

    Inaugurazione mostra "1914-1918 l'inutile massacro"

    Ore 16.30 – Inaugurazione della mostra 1914-1918 L’inutile massacro realizzata dall’Istituto Storico di Asti (Israt) Apertura: dal 4 al 28 novembre 2009 dal martedì al sabato 9.00-13.00–martedì e giovedì 15.00- 18.00 Su prenotazione, telefonando allo 0522-437327

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nella provincia di Asti - Asti


  • 25/10/2009, Firenze, Palazzo Medici Riccardi, via Cavour 3

    Mostra fotodocumentaria: "L’occupazione italiana della Libia. Violenza e colonialismo. 1911-1943"

    L’Istituto Storico della Resistenza in Toscana e il Centro per l’Archivio Nazionale e gli Studi Storici, con il sostegno della Regione Toscana e della Provincia di Firenze, promuovono la Mostra foto/documentaria "L’Occupazione Italiana Della Libia/violenza e Colonialismo/1911-1943", curata da Costantino Di Sante. La Mostra è ospitata in Palazzo Medici Riccardi e resterà aperta dal 15 ottobre al 8 novembre 2009, tutti i giorni escluso il mercoledì dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 19. L’ingresso è gratuto; i gruppi e le scolaresche sono invitati a prenotarsi le visite presso la Segreteria organizzativa: ISRT, via Carducci 5/37. tel 055284296; email. isrt@istoresistenzatoscana.it.

    Notizia di: Istituto storico della Resistenza in Toscana - Firenze


  • 24/10/2009, Firenze, Palazzo Medici Riccardi, via Cavour 3

    Mostra fotodocumentaria: "L’occupazione italiana della Libia. Violenza e colonialismo. 1911-1943"

    L’Istituto Storico della Resistenza in Toscana e il Centro per l’Archivio Nazionale e gli Studi Storici, con il sostegno della Regione Toscana e della Provincia di Firenze, promuovono la Mostra foto/documentaria "L’Occupazione Italiana Della Libia/violenza e Colonialismo/1911-1943", curata da Costantino Di Sante. La Mostra è ospitata in Palazzo Medici Riccardi e resterà aperta dal 15 ottobre al 8 novembre 2009, tutti i giorni escluso il mercoledì dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 19. L’ingresso è gratuto; i gruppi e le scolaresche sono invitati a prenotarsi le visite presso la Segreteria organizzativa: ISRT, via Carducci 5/37. tel 055284296; email. isrt@istoresistenzatoscana.it.

    Notizia di: Istituto storico della Resistenza in Toscana - Firenze


  • 23/10/2009, Firenze, Palazzo Medici Riccardi, via Cavour 3

    Mostra fotodocumentaria: "L’occupazione italiana della Libia. Violenza e colonialismo. 1911-1943"

    L’Istituto Storico della Resistenza in Toscana e il Centro per l’Archivio Nazionale e gli Studi Storici, con il sostegno della Regione Toscana e della Provincia di Firenze, promuovono la Mostra foto/documentaria "L’Occupazione Italiana Della Libia/violenza e Colonialismo/1911-1943", curata da Costantino Di Sante. La Mostra è ospitata in Palazzo Medici Riccardi e resterà aperta dal 15 ottobre al 8 novembre 2009, tutti i giorni escluso il mercoledì dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 19. L’ingresso è gratuto; i gruppi e le scolaresche sono invitati a prenotarsi le visite presso la Segreteria organizzativa: ISRT, via Carducci 5/37. tel 055284296; email. isrt@istoresistenzatoscana.it.

    Notizia di: Istituto storico della Resistenza in Toscana - Firenze


  • 22/10/2009, Firenze, Palazzo Medici Riccardi, via Cavour 3

    Mostra fotodocumentaria: "L’occupazione italiana della Libia. Violenza e colonialismo. 1911-1943"

    L’Istituto Storico della Resistenza in Toscana e il Centro per l’Archivio Nazionale e gli Studi Storici, con il sostegno della Regione Toscana e della Provincia di Firenze, promuovono la Mostra foto/documentaria "L’Occupazione Italiana Della Libia/violenza e Colonialismo/1911-1943", curata da Costantino Di Sante. La Mostra è ospitata in Palazzo Medici Riccardi e resterà aperta dal 15 ottobre al 8 novembre 2009, tutti i giorni escluso il mercoledì dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 19. L’ingresso è gratuto; i gruppi e le scolaresche sono invitati a prenotarsi le visite presso la Segreteria organizzativa: ISRT, via Carducci 5/37. tel 055284296; email. isrt@istoresistenzatoscana.it.

    Notizia di: Istituto storico della Resistenza in Toscana - Firenze


  • 21/10/2009, Firenze, Palazzo Medici Riccardi, via Cavour 3

    Mostra fotodocumentaria: "L’occupazione italiana della Libia. Violenza e colonialismo. 1911-1943"

    L’Istituto Storico della Resistenza in Toscana e il Centro per l’Archivio Nazionale e gli Studi Storici, con il sostegno della Regione Toscana e della Provincia di Firenze, promuovono la Mostra foto/documentaria "L’Occupazione Italiana Della Libia/violenza e Colonialismo/1911-1943", curata da Costantino Di Sante. La Mostra è ospitata in Palazzo Medici Riccardi e resterà aperta dal 15 ottobre al 8 novembre 2009, tutti i giorni escluso il mercoledì dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 19. L’ingresso è gratuto; i gruppi e le scolaresche sono invitati a prenotarsi le visite presso la Segreteria organizzativa: ISRT, via Carducci 5/37. tel 055284296; email. isrt@istoresistenzatoscana.it.

    Notizia di: Istituto storico della Resistenza in Toscana - Firenze


  • 20/10/2009, Firenze, Palazzo Medici Riccardi, via Cavour 3

    Mostra fotodocumentaria: "L’occupazione italiana della Libia. Violenza e colonialismo. 1911-1943"

    L’Istituto Storico della Resistenza in Toscana e il Centro per l’Archivio Nazionale e gli Studi Storici, con il sostegno della Regione Toscana e della Provincia di Firenze, promuovono la Mostra foto/documentaria "L’Occupazione Italiana Della Libia/violenza e Colonialismo/1911-1943", curata da Costantino Di Sante. La Mostra è ospitata in Palazzo Medici Riccardi e resterà aperta dal 15 ottobre al 8 novembre 2009, tutti i giorni escluso il mercoledì dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 19. L’ingresso è gratuto; i gruppi e le scolaresche sono invitati a prenotarsi le visite presso la Segreteria organizzativa: ISRT, via Carducci 5/37. tel 055284296; email. isrt@istoresistenzatoscana.it.

    Notizia di: Istituto storico della Resistenza in Toscana - Firenze


  • 19/10/2009, Firenze, Palazzo Medici Riccardi, via Cavour 3

    Mostra fotodocumentaria: "L’occupazione italiana della Libia. Violenza e colonialismo. 1911-1943"

    L’Istituto Storico della Resistenza in Toscana e il Centro per l’Archivio Nazionale e gli Studi Storici, con il sostegno della Regione Toscana e della Provincia di Firenze, promuovono la Mostra foto/documentaria "L’Occupazione Italiana Della Libia/violenza e Colonialismo/1911-1943", curata da Costantino Di Sante. La Mostra è ospitata in Palazzo Medici Riccardi e resterà aperta dal 15 ottobre al 8 novembre 2009, tutti i giorni escluso il mercoledì dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 19. L’ingresso è gratuto; i gruppi e le scolaresche sono invitati a prenotarsi le visite presso la Segreteria organizzativa: ISRT, via Carducci 5/37. tel 055284296; email. isrt@istoresistenzatoscana.it.

    Notizia di: Istituto storico della Resistenza in Toscana - Firenze


  • 18/10/2009, Firenze, Palazzo Medici Riccardi, via Cavour 3

    Mostra fotodocumentaria: "L’occupazione italiana della Libia. Violenza e colonialismo. 1911-1943"

    L’Istituto Storico della Resistenza in Toscana e il Centro per l’Archivio Nazionale e gli Studi Storici, con il sostegno della Regione Toscana e della Provincia di Firenze, promuovono la Mostra foto/documentaria "L’Occupazione Italiana Della Libia/violenza e Colonialismo/1911-1943", curata da Costantino Di Sante. La Mostra è ospitata in Palazzo Medici Riccardi e resterà aperta dal 15 ottobre al 8 novembre 2009, tutti i giorni escluso il mercoledì dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 19. L’ingresso è gratuto; i gruppi e le scolaresche sono invitati a prenotarsi le visite presso la Segreteria organizzativa: ISRT, via Carducci 5/37. tel 055284296; email. isrt@istoresistenzatoscana.it.

    Notizia di: Istituto storico della Resistenza in Toscana - Firenze


  • 17/10/2009, Firenze, Palazzo Medici Riccardi, via Cavour 3

    Mostra fotodocumentaria: "L’occupazione italiana della Libia. Violenza e colonialismo. 1911-1943"

    L’Istituto Storico della Resistenza in Toscana e il Centro per l’Archivio Nazionale e gli Studi Storici, con il sostegno della Regione Toscana e della Provincia di Firenze, promuovono la Mostra foto/documentaria "L’Occupazione Italiana Della Libia/violenza e Colonialismo/1911-1943", curata da Costantino Di Sante. La Mostra è ospitata in Palazzo Medici Riccardi e resterà aperta dal 15 ottobre al 8 novembre 2009, tutti i giorni escluso il mercoledì dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 19. L’ingresso è gratuto; i gruppi e le scolaresche sono invitati a prenotarsi le visite presso la Segreteria organizzativa: ISRT, via Carducci 5/37. tel 055284296; email. isrt@istoresistenzatoscana.it.

    Notizia di: Istituto storico della Resistenza in Toscana - Firenze


  • 16/10/2009, Firenze, Palazzo Medici Riccardi, via Cavour 3

    Mostra fotodocumentaria: "L’occupazione italiana della Libia. Violenza e colonialismo. 1911-1943"

    L’Istituto Storico della Resistenza in Toscana e il Centro per l’Archivio Nazionale e gli Studi Storici, con il sostegno della Regione Toscana e della Provincia di Firenze, promuovono la Mostra foto/documentaria "L’Occupazione Italiana Della Libia/violenza e Colonialismo/1911-1943", curata da Costantino Di Sante. La Mostra è ospitata in Palazzo Medici Riccardi e resterà aperta dal 15 ottobre al 8 novembre 2009, tutti i giorni escluso il mercoledì dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 19. L’ingresso è gratuto; i gruppi e le scolaresche sono invitati a prenotarsi le visite presso la Segreteria organizzativa: ISRT, via Carducci 5/37. tel 055284296; email. isrt@istoresistenzatoscana.it.

    Notizia di: Istituto storico della Resistenza in Toscana - Firenze


  • 15/10/2009, ore 18:00 - Palazzo Medici Riccardi, Sala "N. Pistelli" Via Cavour 3, Firenze

    Inaugurazione della Mostra "L'Occupazione Italiana della Libia. Violenza e Colonialismo. 1911-1943"

    Inaugurazione della Mostra foto/documentaria "L'Occupazione Italiana Della Libia/violenza e Colonialismo/1911-1943", curata da Costantino di Sante e promossa dall'istituto Storico della Resistenza in Toscana. Interverranno: Paolo Cocchi Assessore alla Cultura della Regione Toscana, Andrea Barducci Presidente della Provincia di Firenze, Alì A.E. Ahmed vice Ambasciatore di Libia in Italia, Mohamed Jerary Direttore per il centro dell'Archivio Nazionale e gli Studi Storici (Tripoli-Libia), Ivano Tognarini Presidente dell'Istituto Storico della Resistenza in Toscana; Costantino di Sante e Salaheddin Hasan Sury sul tema " Le ragioni di una Mostra", e Nicola Labanca sul tema " Il colonialismo Italiano in Libia tra Storia e Memoria"

    Notizia di: Istituto storico della Resistenza in Toscana - Firenze


  • 15/10/2009, Firenze, Palazzo Medici Riccardi, via Cavour 3

    Mostra fotodocumentaria: "L’occupazione italiana della Libia. Violenza e colonialismo. 1911-1943"

    L’Istituto Storico della Resistenza in Toscana e il Centro per l’Archivio Nazionale e gli Studi Storici, con il sostegno della Regione Toscana e della Provincia di Firenze, promuovono la Mostra foto/documentaria "L’Occupazione Italiana Della Libia. Violenza e Colonialismo. 1911-1943", curata da Costantino Di Sante. La Mostra è ospitata in Palazzo Medici Riccardi e resterà aperta dal 15 ottobre al 8 novembre 2009, tutti i giorni escluso il mercoledì dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 19. L’ingresso è gratuto; i gruppi e le scolaresche sono invitati a prenotarsi le visite presso la Segreteria organizzativa: ISRT, via Carducci 5/37. tel 055284296; email. isrt@istoresistenzatoscana.it.

    Notizia di: Istituto storico della Resistenza in Toscana - Firenze


  • 3/10/2009, ore 17:30 - Centro sociale Comunale di Spresiano (Treviso) – via dei Giuseppini

    Inaugurazione della mostra storico-fotografica La seconda Guerra mondiale e la Resistenza nel Trevigiano

    Realizzata dalla Provincia di Treviso in collaborazione con l’Istresco. Intervento di Amerigo Manesso – direttore Istresco Organizzazione: Associazioni combattentistiche e d’arma. Comitato di coordinamento di Spresiano.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea della Marca Trevigiana - Treviso


  • 25/9/2009, ore 17:00 - Università di Buffalo (New York)

    Dear America! L'esperienza dell'immigrazione italiana in Buffalo. La vicenda di T. Sgovio

    L'IPSAIC, la biblioteca del Consiglio regionale della Puglia, L'università di Buffalo (NY), la parrocchia S. Antonioda Padova in Buffalo e il viceconsolato italiano in Buffalo hanno organizzato unamostra fotografico-documentaria sulla vicenda dell'esule politico T. Sgovio e sulla emigrazione italiana nello Stato di New York. Saranno presenti, oltre ad un rappresentante dell'Istituto, le autorità accademiche e la comunità italiana in Buffalo

    Notizia di: Istituto pugliese per la storia dell'antifascismo e dell'Italia contemporanea - Bari


  • 4/7/2009, ore 12:00 - Conca della Campania (CE), S.M.S.

    Mille papaveri rossi

    Apertura della mostra "Erba Rossa" dell'ICSR "Vera Lombardi" Interventi del sindaco Alberico Di Salvo, del presidente della Comunità Montana Pietro Delle Donne, della testimone Graziella di Gasparro e degli storici Felicio Corvese, Pino Angelone e Marco De Angelis.

    Notizia di: Istituto Campano per la Storia della Resistenza "Vera Lombardi" - Napoli


  • 25/6/2009, ore 10:00 - Bari, Fiera del levante - stand

    Mostra documentaria e fotografica sull'emigrazione pugliese in USA

    L’Istituto pugliese per la storia dell’antifascismo e dell’Italia contemporanea, nell’ambito di un progetto della Presidenza del Consiglio regionale della Puglia e di un partenariato di sostegno sottoscritto fra il Presidente Pietro Pepe, il Consolato d’Italia in Buffalo, il Dipartimento di storia del Buffalo State College, la famiglia Sgovio, la parrocchia di S. Antonio da Padova in Buffalo, la Biblioteca del Consiglio regionale, e le Edizioni dal Sud, hanno messo in opera, assieme alla traduzione italiana delle memorie di Thomas Sgovio, una mostra documentaria sul tema: “Emigrati pugliesi tra Buffalo e Mosca”, un libro-catalogo con saggi introduttivi a cura di V. A. Leuzzi, M. Ederer, G. Esposito. La mostra aperta al pubblico da giovedì 25 giugno, ore 10,00, nello stand del Consiglio Regionale alla Fiera del Levante, sarà visitata dalle delegazioni straniere e dal Presidente del Consiglio regionale lunedì 29 alle ore 10,30.

    Notizia di: Istituto pugliese per la storia dell'antifascismo e dell'Italia contemporanea - Bari


  • 20/6/2009, ore 20:00 - Verbania-Casa della resistenza

    Porrajmos - Mostra e concerto

    Sabato 20 giugno 2009, ore 20.00 - 23.00 Casa della Resistenza Via Turati 9 Verbania Fondotoce "Quanti conoscono la parola Porrajmos? Pochissimi. Questo è l’indizio più significativo di come la memoria dei popoli che ci ostiniamo a chiamare zingari e nomadi fatichi a trovare ascolto e cittadinanza in Italia. Porrajmos è la parola che nelle lingue Sinte e Rom definisce il ‘divoramento’ subito in Europa tra il 1934 e il 1945". L’Associazione Casa della Resistenza, in collaborazione con la Regione Piemonte, Assessorato alla Cultura, organizza una giornata di riflessione sul tema della discriminazione e della persecuzione verso le popolazioni Rom e Sinte attraverso la mostra storica Porrajmos. Sulle tracce della memoria che sarà presentata dal curatore, Carlo Berini, ricercatore dell’Istituto di cultura Sinta di Mantova. Rom Cabaret Spettacolo con testi e musica popolare di artisti Rom di Dijan Pavlovic con Diana Pavlovic, Jovica Balval, Marta Pistocchi "La convivenza tra comunità diverse in un medesimo territorio – non solo possibile, ma anche auspicabile – passa anche attraverso l’incontro e la conoscenza delle reciproche culture, unica via per dissipare incomprensioni, pregiudizi, luoghi comuni, diffidenze di tutti i tipi". Alla presentazione della mostra seguirà lo spettacolo teatrale Rom Cabaret di Dijana Pavlovic, con Jovica Balval e Marta Pistocchi. Lo spettacolo è nato come occasione di incontro tra la cultura Rom e la rappresentazione che ne ha fatto la tradizione occidentale attraverso l’immagine romantica del mondo zingaro. Di fronte alle vicende drammatiche degli ultimi anni, che a partire dal caso di Opera sono culminate nella cosiddetta "emergenza Rom", è nata l’esigenza di attualizzare lo spettacolo e trasformarlo in uno strumento non solo di conoscenza e confronto, ma anche di denuncia. Attraverso poesie e racconti, musica e canzoni popolari, interviste e immagini si racconta la storia del popolo Rom (anche nei suoi momenti più drammatici, come lo sterminio nei campi di concentramento nazisti) e la condizione attuale dei Rom in Italia tra sgomberi e pregiudizi. Il tono è ora poetico, ora amaro e drammatico, senza dimenticare l’ironia e anche l’autoironia delle barzellette Rom. Con il patrocinio di: Comitato per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione repubblicana Istituto storico della Resistenza e della società contemporanea nel novarese e nel Verbano Cusio Ossola "P. Fornara"

    Notizia di: Istituto storico della Resistenza e della società contemporanea nel Novarese e nel Verbano Cusio Ossola "Piero Fornara" - Novara


  • 23/5/2009, ore 10,00 - Polistena -Istituto Tecnico Industriale Statale

    Seconda Giornata della Scuola Aperta a.s. 2008/09 – Premio "Conte Milano" II Edizione

    L’Istituto "Ugo Arcuri" aderisce alla Giornata della Scuola Aperta, volta all’accoglienza dei familiari degli allievi, della cittadinanza e degli ex allievi. Nel corso delle giornate saranno esposti lavori realizzati durante l’anno scolastico dall’Istituto, presentati progetti didattici relativi alla didattica sperimentale ed alla ricerca, nonché pubblicazioni. L’ITIS propone delle visite guidate ai laboratori ed al Museo di scienze naturali "Athos Bellomo", presentando i lavori realizzati dagli studenti, eventi di natura musicale, sportiva e coreutica. Saranno presenti scuole del territorio, artigiani, associazioni e fondazioni che promuovono a vari livelli cultura, solidarietà e legalità. Il 24 maggio verrà consegnato il premio "Conte Milano" II edizione (riproduzione in argento di un tallero emesso in Polistena dalla casata Milano in seguito a diploma imperiale del 7 maggio 1731) a personalità di spicco nei campi della solidarietà, della cultura della legalità e dell’informazione individuate dal Collegio dei Docenti, nonché ad un ex allievo dell’ITIS distintosi per i traguardi conseguiti. Durante la I edizione il premio alla solidarietà è andato alla "Fondazione Roberta Lanzino", il premio per l’impegno giornalistico a Gregorio Corigliano della RAI, mentre quello dedicato alla diffusione della cultura della Legalità è andato alla "Cooperativa Valle del Marro" che gestisce alcuni terreni confiscati alla ‘ndrangheta nella Piana di Gioia Tauro.

    Notizia di: Istituto "Ugo Arcuri" per la storia dell'antifascismo e dell'Italia contemporanea in provincia di Reggio Calabria - Cittanova


  • 20/5/2009, Varallo (Vc), sede dell’Isrsc Bi-Vc

    Con il cuore di allora. Borgosesiani nella Resistenza

    Varallo, 20 maggio - 7 agosto 2009. Mostra realizzata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli", a cura di Enrico Pagano, condirettore dell’Istituto, in collaborazione con l’Anpi di Borgosesia. Orari: da lunedì a venerdì ore 9-13 e 15-18.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 16/5/2009, ore 11:00 - Australia, Adelaide

    Il II° Corpo d’Armata Polacco nelle Marche 1944/46. Mostra fotografica

    sabato 16 maggio 2009, ore 11 Adelaide, the Marche Club Inc. of Adelaide Mostra fotografica The Polish Soldiers in Italy Iniziativa in collaborazione con Regione Marche-Servizio Tecnico alla Cultura

    Notizia di: Istituto regionale per la storia del movimento di liberazione nelle Marche - Ancona


  • 15/5/2009, ore 17:00 - Lido di Venezia - Galleria di Venice Convention Casinò

    I giorni di Cefalonia e Corfù. La resistenza dei militari al nazismo

    Mostra fotografica/documentaria Inaugurazione: venerdì 15 maggio alle ore 17:00 Lido di Venezia - Galleria di Venice Convention del Casinò La Mostra resterà aperta tutti i giorni dal 15 al 19 maggio con i seguenti orari: dalle ore 10:00 alle 13:00 e dalle ore 15:00 alle 18:00 La Municipalità Lido-Pellestrina, a completamento delle manifestazioni relative all’anniversario della Liberazione, in collaborazione con l’Archivio della Comunicazione del Comune di Venezia, l’Associazione nazionale superstiti reduci e famiglie caduti Divisione Acqui e l’Istituto veneziano per la storia della Resistenza e della società contemporanea, organizzano nei giorni dal 15 al 19 maggio prossimi, presso la Galleria di Venice Convention del Casinò del Lido, la Mostra fotografico/documentaria "I giorni di Cefalonia e Corfù. La scelta della Divisione Acqui e la resistenza dei militari italiani al nazismo". La Mostra, già presentata lo scorso mese di marzo presso il Centro Civico della Bissuola, approda ora al Lido di Venezia dove le scorse settimane è stato presentato il libro di Aldo Piovan "Memorie di una guerra. Diario di un ventenne". La Mostra si avvale di una cospicua parte di materiali curati da Orazio Pavignani, presidente della Sezione di Bologna e Ferrara dell’Associazione nazionale superstiti, reduci e famiglie caduti Divisione Acqui. Di quella mostra sono qui stati proposti i pannelli che riguardano le vicende del nostro esercito a Cefalonia e Corfù, dal momento dell’occupazione nazifascista all’epilogo del settembre ’43, consentendo così un importante inquadramento storico e geografico che aiuta a ricomporre i contorni complessivi di quei fatti. La seconda parte dell’esposizione riproduce invece alcuni documenti originali: fotografie, lettere, oggetti e diari conservati dalle famiglie veneziane, che ci consentono di ricostruire la vita quotidiana di alcuni militari veneti sull’isola ionica nei mesi immediatamente precedenti il settembre ’43. Il fervore delle numerose iniziative culturali e di ricerca portate avanti delle varie Associazioni storiche, così come le ultime doverose manifestazioni di recupero della memoria da parte del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, hanno fatto sì che un episodio oscuro e dimenticato del passato conflitto mondiale sia stato riportato alla luce tributando ai martiri di allora il giusto valore quale simbolo per le generazioni future. L’inaugurazione della Mostra avverrà venerdì 15 maggio alle ore 17:00 e sarà introdotta dal delegato alla Cultura della Municipalità Stefano Stipitivich, mentre una presentazione storica sarà fatta Marco Borghi dell’Istituto veneziano di storia della Resistenza e della società contemporanea, da Carlo Bolpin dell’Associazione nazionale superstiti reduci e famiglie caduti Divisione Acqui e da Tiziano Bolpin dell’Archivio della Comunicazione del Comune di Venezia.

    Notizia di: Istituto veneziano per la storia della Resistenza e della società contemporanea - Venezia


  • 12/5/2009, ore 17:30 - Savona Atrio del Palazzo comunale

    Spagna perchè?Dal 1931 ad oggi: un paradigma del Novecento europeo

    In occasione del 70° anniversario della caduta della Repubblica di Spagna 1939-2009,Martedi 12 maggio, ore 17,30 nell’Atrio del Comune di Savona inaugurazione delle mostre Spagna perchè? Dal 1931 ad oggi: un paradigma del Novecento europeo Storia postale della Repubblica di Spagna Lettere - cartoline - annulli - francobolli 1936-1939

    Notizia di: Istituto storico della Resistenza e dell'età contemporanea della provincia di Savona - Savona


  • 11/5/2009, ore 18.00 - Ronchi dei Legionari

    Fotografie di Fabio Albanese

    Prosegue presso la Villa Vicentini Miniussi, Piazza dell’Unità 24, Ronchi dei Legionari (Go), l’esposizione fotografica "Fotografie di Fabio Albanese, ufficiale italiano in Dalmazia, 1941-1942", prodotta dall’Istituto regionale per la storia del movimento di liberazione nel Friuli Venezia Giulia. La mostra, inaugurata lunedì 20 aprile u.s. alle ore 18.00, può essere visitata con il seguente orario: mattino, dal lunedì al venerdì, 9.00 - 13.00; pomeriggio, lunedì e mercoledì 16.00-18.30. La mostra potrà essre visitata anche in concomitanza con tutti gli appuntamenti di Esercizi di memoria. Info: fototeca@ccm.it.

    Notizia di: Istituto regionale per la storia della Resistenza e dell'Età contemporanea nel Friuli Venezia Giulia - Trieste


  • 11/5/2009, ore 9.00 - Ronchi dei Legionari

    Fotografie di Fabio Albanese

    Prosegue alla Villa Vicentini Miniussi di Ronchi dei Legionari (GO), in Piazza Unità 24, la mostra "Fotografie di Fabio albanese, ufficiale italiano in Dalmazia, 1941-1945", organizzata dall’Istituto regionale per la storia del movimento di liberazione nel Friuli Venezia Giulia. La mostra, inaugurata il 20 aprile u.s., si può visitare con i seguenti orari: mattino, da lunedì a venerdì 9.00-13.00; lunedì e mercoledì 16.00-18.30. Laq mostra potrà essere visitata anche in concomitanza con tutti gli appuntamenti di Esercizi di memoria, info fototeca@ccm.it.

    Notizia di: Istituto regionale per la storia della Resistenza e dell'Età contemporanea nel Friuli Venezia Giulia - Trieste


  • 9/5/2009, Vercelli, Foyer del Salone Dugentesco, via G. Ferraris

    Immagini del 1949

    Vercelli, 9-17 maggio 2009. Mostra a cura di Laura Manione, realizzata dall’Archivio fotografico Luciano Giachetti - Fotocronisti Baita (associazione costituita dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli", la Città di Vercelli e gli eredi Giachetti), con la compartecipazione della Città di Vercelli. Inaugurazione sabato 9 maggio, ore 16. Orari: feriali ore 17-19, al mattino aperto per le scuole su prenotazione; sabato e festivi ore 10-12 e 17-19; lunedì chiuso.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 26/4/2009, ore 09:00 - Napoli, ICSR, via Costantino 25

    64° Anniversario della Liberazione - XI Settimana della Cultura

    Il MUDIM aderisce all’XI Settimana della Cultura (18 – 26 aprile), restando aperto al pubblico il sabato e la domenica. All’interno dell’ICSR "Vera Lombardi", il Museo Didattico Multimediale, strutturato in nove mostre fotografiche e documentaristiche, rappresenta un punto di riferimento fondamentale per tutti coloro che intendono approfondire momenti ed aspetti fondamentali della storia del Novecento, con percorsi specifici relativi al Fascismo, alle Leggi razziali, alle Quattro Giornate, alla Resistenza e alla nascita della Repubblica. Ogni anno, le mostre del MUDIM sono visitate da centinaia di studenti delle scuole secondarie di I e II grado di Napoli e provincia.

    Notizia di: Istituto Campano per la Storia della Resistenza "Vera Lombardi" - Napoli


  • 25/4/2009, Borgosesia (Vc), Pro Loco, via Sesone, 8

    Con il cuore di allora. Borgosesiani nella Resistenza

    Borgosesia, 25 aprile - 10 maggio 2009. Mostra realizzata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli", a cura di Enrico Pagano, condirettore dell’Istituto. In collaborazione con l’Anpi di Borgosesia. Inaugurazione: sabato 25 aprile, ore 10.15. Orari: dal 25 aprile al 10 maggio ore 16-18; 1 maggio ore 10-12 e 16-18; al mattino aperto per le scuole su prenotazione.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 25/4/2009, ore 09:00 - Napoli, ICSR, via Costantino 25

    64° Anniversario della Liberazione - XI Settimana della Cultura

    Il MUDIM aderisce all’XI Settimana della Cultura (18 – 26 aprile), restando aperto al pubblico il sabato e la domenica. All’interno dell’ICSR "Vera Lombardi", il Museo Didattico Multimediale, strutturato in nove mostre fotografiche e documentaristiche, rappresenta un punto di riferimento fondamentale per tutti coloro che intendono approfondire momenti ed aspetti fondamentali della storia del Novecento, con percorsi specifici relativi al Fascismo, alle Leggi razziali, alle Quattro Giornate, alla Resistenza e alla nascita della Repubblica. Ogni anno, le mostre del MUDIM sono visitate da centinaia di studenti delle scuole secondarie di I e II grado di Napoli e provincia.

    Notizia di: Istituto Campano per la Storia della Resistenza "Vera Lombardi" - Napoli


  • 24/4/2009, ore 11.00 - Mirandola - provincia Modena, Castello dei Pico

    L’ultimo lancio. Paracadutisti, Partigiani e Militari alleati durante la Liberazione: l’Operazione Herring nel Modenese

    La Mostra sull’"Operazione Herring" ha come immagine un emblematico quadro realizzato dal Maestro Carlo Rambaldi, ingegnoso creatore di pregevoli effetti speciali e di indimenticabili personaggi cinematografici come l’amatissimo alieno E.T., nonché vincitore di tre premi Oscar. Gli eventi che segnarono quei giorni di grande apprensione e coraggio sono illustrati da raffigurazioni pittoriche e sculture realizzate dai Maestri della Bottega degli Artisti di Ravarino di modena e dagli studenti dell’Istituto d’Arte Liceo Artistico "Dosso Dossi" di Ferrara e corredate da documenti, fotografie, filmati e uniformi d’epoca. La mostra resterà aperta fino al 3 giugno, sarà possibile visitarla il venerdì dalle ore 16.00 alle ore 19.00, sabato e domenica dalle ore 10.00 alle ore 13.00 e nel pomeriggio dalle 16.00 alle 19.00 La mostra è collegata al convegno di studi storici in programma per il 23 aprile 2009 presso l’Accademia Militare di Modena. La Mostra verrà aperta il giorno 20 aprile presoo l’Accademia Militare stessa per poi essere spostata e inaugurata il 24 aprile a Mirandola presso il Castello dei Pico.

    Notizia di: Istituto storico della Resistenza e di storia contemporanea - Modena


  • 24/4/2009, ore 17:30 - Offagna (Ancona)

    Museo della Liberazione di Ancona

    Inaugurazione venerdì 24 aprile 2009, ore 17.30 Offagna, Via dell’Arengo 11 Iniziativa in collaborazione con Regione Marche, Provincia di Ancona, Comune di Offagna, Comune di Ancona

    Notizia di: Istituto regionale per la storia del movimento di liberazione nelle Marche - Ancona


  • 23/4/2009, ore 8:00- - Perugia, Loggia di Ponente, Provincia di Perugia, Piazza Italia 1

    Dalla dittatura alla democrazia 1919-1948

    23-27 aprile 2009. Dalla dittatura alla democrazia 1919-1948, mostra documentaria organizzata dalla Provincia di Perugia, dall’Isuc e dall’Anpi.

    Notizia di: Istituto per la storia dell'Umbria contemporanea - Perugia


  • 23/4/2009, ore 17:00 - Villar Perosa (To)

    Inaugurazione del nuovo allestimento del Centro di Documentazione sulla Resistenza nelle Valli Chisone e Germanasca

    Venerdì 24 aprile 2009 - Perosa Argentina, Parco ’E. Gay’ capanno ANPI ore 17.00, inaugurazione del nuovo allestimento del Centro di Documentazione sulla Resistenza nelle Valli Chisone e Germanasca. Nell’occasione verrà presentata la mostra "Perosa Argentina in guerra" a cura di Barbara Berruti e Andrea D’Arrigo e annunciata la proiezione del documentario: "Una valle in guerra: foto di gruppo in Val Chisone" realizzato a partire dal montaggio di 10 interviste realizzate tra settembre 2008 e febbraio 2009 da Fabiana Antonioli, Barbara Berruti, Luciano Boccalatte e Andrea D’Arrigo.

    Notizia di: Istituto piemontese per la storia della Resistenza e della società contemporanea - Torino


  • 21/4/2009, ore 18:00 - Bologna, Istituto Parri, via Sant’Isaia 20

    Inaugurazione mostra "Con il passo dei più deboli. Argentina Altobelli e i suoi tempi"

    L’Istituto Parri di Bologna ospita dal 21 aprile al 9 maggio la mostra "Con il passo dei più deboli. Argentina Altobelli e i suoi tempi" promossa dalla Fondazione Argentina Bonetti Altobelli e dalla CGIL Emilia-Romagna, a cura di Ludovico Testa. Tra pubblico e privato, tra famiglia e militanza verrà ripercorsa la vicenda politica e umana di Argentina Altobelli (1866-1942), segretaria della Federterra e dirigente del Partito socialista italiano, protagonista delle lotte delle masse rurali e del nascente movimento di emancipazione femminile. Inaugurazione martedì 21 aprile 2009 alle ore 18 con il curatore e, tra gli altri, il sindaco Sergio Cofferati e Carlo Ghezzi, presidente della Fondazione Di Vittorio. Apertura ordinaria fino al 9 maggio nei seguenti orari: dal lunedì al venerdì, dalle 16 alle 19, sabato dalle 10 alle 13. Aperture straordinarie: 25 aprile e 1° maggio, dalle 10 alle 19. Ingresso da via Sant’Isaia 20 (entrata del Museo della Resistenza di Bologna). Ingresso gratuito. Info: Fondazione Argentina Bonetti Altobelli, tel. 051 294734, Nadia_Presi@er.cgil.it Istituto Parri, tel 051 3397211, istituto@istitutoparri.it

    Notizia di: Istituto storico Parri - Bologna


  • 19/4/2009, ore 09:00 - Napoli, ICSR, via Costantino 25

    XI Settimana della Cultura

    Il MUDIM aderisce all’XI Settimana della Cultura (18 – 26 aprile), restando aperto al pubblico il sabato e la domenica. All’interno dell’ICSR "Vera Lombardi", il Museo Didattico Multimediale, strutturato in nove mostre fotografiche e documentaristiche, rappresenta un punto di riferimento fondamentale per tutti coloro che intendono approfondire momenti ed aspetti fondamentali della storia del Novecento, con percorsi specifici relativi al Fascismo, alle Leggi razziali, alle Quattro Giornate, alla Resistenza e alla nascita della Repubblica. Ogni anno, le mostre del MUDIM sono visitate da centinaia di studenti delle scuole secondarie di I e II grado di Napoli e provincia.

    Notizia di: Istituto Campano per la Storia della Resistenza "Vera Lombardi" - Napoli


  • Mestre, Torre Civica, Piazza Ferretto

    Stucky 1954. La difesa dell’ultimo "castello"

    In occasione della "Festa della Liberazione" la Municipalità Mestre-Carpenedo, in collaborazione con l’Istituto veneziano per la storia della Resistenza e della società contemporanea, inaugura sabato 18 aprile alle ore 11.00, nella Torre Civica di Mestre, un’esposizione di fotografie di Carlo Mantovani dal titolo: Stucky 1954. La difesa dell’ultimo "castello". L’autore veneziano, novantaquattrenne ma tuttora in attività, era negli anni ’50 socio del Circolo Fotografico "La Gondola" insieme a Berengo Gardin, Paolo Monti, Sergio Del Pero, Bepi Bruno, Luigi Ferrigno e tanti altri, e fu tra i fondatori negli anni ’60 del movimento fotografico "Il Ponte". Mantovani, impiegato contabile all’interno del Molino Stucky, ebbe modo di ritrarre i momenti salienti dell’occupazione della Primavera/Estate del 1954, occupazione che rappresentava un momento di lotta importante per l’economia della città, ma che purtroppo non servì ad evitare un drastico ridimensionamento della linea produttiva della fabbrica e, nel giro di pochi anni, la sua definitiva chiusura. Il taglio fotografico di Mantovani, la stessa morbidezza tonale delle immagini, pur ritraendo il dramma di chi lottava per la difesa del posto di lavoro, lasciano trasparire una serenità di fondo avallata dalle attività e dai gesti quotidiani, una situazione quasi surreale dove la fotografia funge, ancora una volta, da efficace mezzo di comunicazione e di rappresentazione della storia sociale e lavorativa veneziana. La Mostra è già stata presentata con successo la scorsa estate alla Giudecca, all’interno della sede dell’Istituto veneziano per la storia della Resistenza e della società contemporanea in occasione della Festa della Repubblica. In Torre Civica vengono esposte trentadue immagini, le più rappresentative dei circa ottanta scatti in formato 6x6 che l’autore ha dedicato a queste giornate di occupazione. Il recupero dei negativi e la loro scansione, il restauro, la stampa digitale delle fotografie e l’allestimento della Mostra sono stati curati dall’Archivio della Comunicazione del Comune di Venezia. Presto verrà presentato anche un libro/catalogo con la riproduzione delle immagini presenti in Mostra ed un breve saggio sulla storia del Molino. Stucky 1954. La difesa dell’ultimo "castello" resterà aperta in Torre Civica fino al 3 maggio tutti i pomeriggi dalle 15.00 alle 18.00.

    Notizia di: Istituto veneziano per la storia della Resistenza e della società contemporanea - Venezia


  • 18/4/2009, ore 09:00 - Napoli, ICSR, via Costantino 25

    XI Settimana della Cultura

    Il MUDIM aderisce all’XI Settimana della Cultura (18 – 26 aprile), restando aperto al pubblico il sabato e la domenica. All’interno dell’ICSR "Vera Lombardi", il Museo Didattico Multimediale, strutturato in nove mostre fotografiche e documentaristiche, rappresenta un punto di riferimento fondamentale per tutti coloro che intendono approfondire momenti ed aspetti fondamentali della storia del Novecento, con percorsi specifici relativi al Fascismo, alle Leggi razziali, alle Quattro Giornate, alla Resistenza e alla nascita della Repubblica. Ogni anno, le mostre del MUDIM sono visitate da centinaia di studenti delle scuole secondarie di I e II grado di Napoli e provincia.

    Notizia di: Istituto Campano per la Storia della Resistenza "Vera Lombardi" - Napoli


  • 18/4/2009, Mestre, Torre Civica, Piazza Ferretto

    Stucky 1954. La difesa dell’ultimo "castello"

    In occasione della "Festa della Liberazione" la Municipalità Mestre-Carpenedo, in collaborazione con l’Istituto veneziano per la storia della Resistenza e della società contemporanea, inaugura sabato 18 aprile alle ore 11.00, nella Torre Civica di Mestre, un’esposizione di fotografie di Carlo Mantovani dal titolo: Stucky 1954. La difesa dell’ultimo "castello". L’autore veneziano, novantaquattrenne ma tuttora in attività, era negli anni ’50 socio del Circolo Fotografico "La Gondola" insieme a Berengo Gardin, Paolo Monti, Sergio Del Pero, Bepi Bruno, Luigi Ferrigno e tanti altri, e fu tra i fondatori negli anni ’60 del movimento fotografico "Il Ponte". Mantovani, impiegato contabile all’interno del Molino Stucky, ebbe modo di ritrarre i momenti salienti dell’occupazione della Primavera/Estate del 1954, occupazione che rappresentava un momento di lotta importante per l’economia della città, ma che purtroppo non servì ad evitare un drastico ridimensionamento della linea produttiva della fabbrica e, nel giro di pochi anni, la sua definitiva chiusura. Il taglio fotografico di Mantovani, la stessa morbidezza tonale delle immagini, pur ritraendo il dramma di chi lottava per la difesa del posto di lavoro, lasciano trasparire una serenità di fondo avallata dalle attività e dai gesti quotidiani, una situazione quasi surreale dove la fotografia funge, ancora una volta, da efficace mezzo di comunicazione e di rappresentazione della storia sociale e lavorativa veneziana. La Mostra è già stata presentata con successo la scorsa estate alla Giudecca, all’interno della sede dell’Istituto veneziano per la storia della Resistenza e della società contemporanea in occasione della Festa della Repubblica. In Torre Civica vengono esposte trentadue immagini, le più rappresentative dei circa ottanta scatti in formato 6x6 che l’autore ha dedicato a queste giornate di occupazione. Il recupero dei negativi e la loro scansione, il restauro, la stampa digitale delle fotografie e l’allestimento della Mostra sono stati curati dall’Archivio della Comunicazione del Comune di Venezia. Presto verrà presentato anche un libro/catalogo con la riproduzione delle immagini presenti in Mostra ed un breve saggio sulla storia del Molino. Stucky 1954. La difesa dell’ultimo "castello" resterà aperta in Torre Civica fino al 3 maggio tutti i pomeriggi dalle 15.00 alle 18.00.

    Notizia di: Istituto veneziano per la storia della Resistenza e della società contemporanea - Venezia


  • 15/4/2009, Varallo (Vc), sede dell’Isrsc Bi-Vc, via D’Adda, 6

    Partigiani a colori nelle diapositive di Carlo Buratti

    Varallo, 15 aprile - 15 maggio 2009. Mostra a cura di Alberto Lovatto, realizzata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli", che raccoglie le stampe delle diapositive a colori scattate da Carlo Buratti "Aspirina", tra il 1944 ed il 1945. Orari: da lunedì a venerdì ore 9-13.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 4/4/2009, ore 15.30 - Nonantola (Modena), Sala delle Colonne

    Gli internati militari italiani nella seconda guerra mondiale

    Sabato 4 aprile 2009 alle ore 15.30 presso la Sala delle Colonne, nel Comune di Nonantola, verrà inaugurata la mostra "Gli Internati Militari Italiani nella Seconda Guerra Mondiale". Saranno presenti Francesco Guerra, Assessore alla Cultura - Comune di Nonantola e Claudio Silingardi, Direttore Istituto Storico di Modena. Per maggiori informazioni: http://associazioni.monet.modena.it/iststor/page4.php?id=624&sub=193

    Notizia di: Istituto storico della Resistenza e di storia contemporanea - Modena


  • 3/4/2009, ore 17:30 - Asti, Archivio Storico del Comune di Asti

    Luce sulla guerra: un racconto in bianco e nero. Il fondo fotografico "Angelo Gatti" dell’archivio Storico Comunale

    Il Comune di Asti - Assessorato alla Cultura, l’Archivio Storico del Comune di Asti e l’Israt hanno curato la mostra dedicata all’interessante fondo fotografico "Angelo Gatti" riguardante la prima guerra mondiale. La mostra resterà aperta fino al 30 aprile con il seguente orario: dal lunedì al venerdì dalle ore 9,00 alle ore 13,00; martedì e giovedì anche dalle ore 15,30 alle ore 17,30. Visite guidate gratuite su appuntamento.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nella provincia di Asti - Asti


  • 2/4/2009, ore 18:00 - Torino

    Inaugurazione della mostra "I GIOVANI E LA COSTITUZIONE"

    Giovedì 2 aprile alle ore 18, presso la Sala Conferenze del Museo, inaugurazione della mostra "I GIOVANI E LA COSTITUZIONE". Parteciperanno: Davide Gariglio, Presidente del Consiglio Regionale; Fiorenzo Alfieri, Assessore alla Cultura della Città di Torino; Ersilia Alessandrone Perona, Presidente del Museo, Direttore dell’ISTORETO e curatrice della mostra.

    Notizia di: Istituto piemontese per la storia della Resistenza e della società contemporanea - Torino


  • 26/3/2009, ore 00:00 - Novara

    Per il ciclo Memoria è tutto l’anno

    26 marzo-16 aprile 2009, ITI "Omar", Baluardo Lamarmora 12, Novara Esposizione della mostra Porrajmos: altre tracce sul sentiero per Auschwitz, realizzata dall’Istituto di Cultura Sinta di Mantova e dall’Associzione Nevo Drom di Bolzano (per visite guidate rivolgersi all’Istituto storico della Resistenza "P.Fornara": tel. 0321 392743).

    Notizia di: Istituto storico della Resistenza e della società contemporanea nel Novarese e nel Verbano Cusio Ossola "Piero Fornara" - Novara


  • 21/3/2009, Belluno

    "Incanto e disincanto degli anni Sessanta"

    Tra il 21 marzo e il 4 aprile 2009, per iniziativa dell’associazione "Antenna anziani", si è svolto all’ITIS "Segato" un ciclo di incontri sul tema "Incanto e disincanto degli anni Sessanta". L’intervento di apertura e di presentazione della mostra allestita per l’occasione è stato tenuto dal socio Francesco Piero Franchi.

    Notizia di: Istituto storico bellunese della Resistenza e dell'età contemporanea - Belluno


  • 17/3/2009, ore 10:00 - Napoli, ICSR

    Visita guidata per le scuole alle mostre del MUDIM-ICSR

    40 alunni e 3 docenti della scuola primaria "Cesario Console" di Napoli visiteranno le mostre dell’ICSR. La visita guidata rientra nelle attività previste nell’ambito del Protocollo d’Intesa tra l’ICSR e la scuola primaria "Cesario Console" per "Scuole Aperte".

    Notizia di: Istituto Campano per la Storia della Resistenza "Vera Lombardi" - Napoli


  • 14/3/2009, Vercelli, Foyer del Salone Dugentesco, via G. Ferraris

    Anni50anni: il 1959

    Vercelli, 14-22 marzo 2009. Mostra a cura di Laura Manione, realizzata dall’Archivio fotografico Luciano Giachetti - Fotocronisti Baita (associazione costituita dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli", la Città di Vercelli e gli eredi Giachetti), con la compartecipazione della Città di Vercelli. Inaugurazione sabato 17 marzo, ore 17. Orari: feriali ore 17-19, al mattino aperto per le scuole su prenotazione; sabato e festivi ore 10-12 e 17-19; lunedì chiuso.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 9/3/2009, ore 10:00 - Camerino (Mc) - Auditorium di S. Caterina – Sezione di Archivio di Stato di Camerino

    Ricordare Conoscere. Segregazione, internamento femminile e internamento "libero"in Provincia di Macerata (1940-1944)

    Mostra documentaria sull’internamento in provincia di Macerata Interventi: - "L’internamento in provincia di Macerata", intervento di Annalisa Cegna, direttrice dell’Istituto Storico della Resistenza e dell’Età Contemporanea "Mario Morbiducci" di Macerata - "Internamento femminile e internamento libero di Camerino nei documenti dell’Archivio di Stato", intervento di Maria Grazia Pancaldi, direttrice dell’Archivio di Stato di Macerata Promossa da: ISREC,Archivio di Stato di Macerata,Prefettura di Macerata, Presidenza del Consiglio Provinciale di Macerata La mostra resterà aperta fino al 14 marzo.

    Notizia di: Istituto storico della Resistenza e dell'età contemporanea di Macerata "Mario Morbiducci" - Macerata


  • 6/3/2009, ore 16:00 - Bologna, Istituto Parri, via Sant’Isaia 20

    Mostra "Modotti. Una protagonista del secolo breve" di Angel De La Calle

    Anche quest’anno l’Istituto Parri di Bologna collabora con BilBOlbul. Festival Internazionale di fumetto a cura di Hamelin Associazione Culturale. L’Istituto ospita la mostra "Modotti. Una protagonista del secolo breve" dello spagnolo Angel de la Calle, dal 6 marzo al 5 aprile presso la sala ex refettorio dell’Istituto Parri, ingresso da via Sant’Isaia 20, allestita in collaborazione con l’Istituto Cervantes di Milano. Si tratta di una selezione di tavole tratte dai due volumi realizzati da De La Calle sulla vita di Tina Modotti, in un percorso di lettura che affianca ai disegni originali pannelli grafici che illustrano, tramite testi e fotografie, il contesto in cui si muoveva Tina Modotti. Inoltre, a dialogare con le tavole originali del fumetto, verranno esposte alcune fotografie del periodo messicano della Modotti, grazie alla collaborazione di Sinafo Fototeca Nacional di Città del Messico. L’inaugurazione della mostra avrà luogo domenica 8 marzo alle ore 14 presso la sede dell’Istituto, in via Sant’Isaia 20 a Bologna. Gli orari di apertura: dal lunedì al venerdì dalle 16 alle 19, sabato dalle 10 alle 13. Ingresso libero. Info: 051 3397211 istituto@istitutoparri.it

    Notizia di: Istituto storico Parri - Bologna


  • 28/2/2009, ore 9:00 - Roma, Casa della memoria e della storia, via S.Francesco di Sales

    ELLIS ISLAND- Italiani d’America- Mostra, convegno, cinema, incontri

    Prosegue la mostra Ellis Island. Aperta dal lunedì al sabato dalle 9 alle 19. Il 26 febbraio ore 19.00 serata di chiusura di Ellis Island. Giovanna Marini e Mariano De Simone, profondi conoscitori del repertorio popolare ripercorrono in musica quello ispirato alle vicende degli emigranti. In collaborazione con il Circolo Gianni Bosio.

    Notizia di: Istituto romano per la storia d'Italia dal fascismo alla Resistenza - Roma


  • 28/2/2009, ore 11:00 - Mestre, Centro civico Bissuola

    "I giorni di Cefalonia e Corfù. La scelta della Divisione Acqui e la resistenza dei militari italiani al nazismo"

    Sabato 28 febbraio 2009 è stata inaugurata a Mestre presso il Centro Civico Bissuola (via Gori) la mostra di carattere storico-documentario "I GIORNI DI CEFALONIA E CORFU’. La scelta della Divisione Acqui e la resistenza dei militari italiani al nazismo". La Mostra, che resterà aperta fino al 21 marzo 2009, è stata curata dall’Archivio della Comunicazione del Comune di Venezia, in collaborazione con: Municipalità Mestre-Carpenedo, Itinerari Educativi del Comune di Venezia, Istituto veneziano per la storia della Resistenza e della società contemporanea, Associazione Nazionale Superstiti Reduci e Famiglie caduti Divisione Acqui. Tale iniziativa continua l’impegno del Comune di Venezia, rivolto in particolare alle scuole del proprio territorio, che potranno richiedere visite guidate. All’apertura erano presenti, oltre a familiari dei caduti e dei reduci, i rappresentanti di Associazioni Combattentistiche e dell’ANPI, docenti e giovani interessati a conoscere a vicenda. Sono intervenuti: Antonino Marra – Delegato alla Cultura e Pubblica Istruzione – Municipalità Mestre- Carpenedo, Tiziano Bolpin – Responsabile Archivio della Comunicazione Comune di Venezia, Marco Borghi – Direttore Istituto veneziano per la storia della Resistenza e della società contemporanea, Orazio Pavignani, curatore della Mostra a livello nazionale, e Carlo Bolpin – Associazione Divisione Acqui, Particolarmente significativa è stata la testimonianza della prof.ssa Carlotta Tognato, Presidente della Sezione di Padova dell’Associazione Acqui, sorella di Girolamo, ufficiale fucilato appena catturato dopo una eroica resistenza, Medaglia d’argento, tra i primi a schierarsi contro i tedeschi. Tutti gli intervenuti hanno sottolineato l’importanza di trasmettere la memoria di questo evento, e della consapevolezza che la scelta dei soldati della Acqui è stato il primo atto della rinascita civile e morale dell’Italia. E’ stato inoltre indicato come l’obiettivo della Mostra sia quello anche di avviare e continuare la raccolta del materiale dei testimoni e dei familiari. A tal fine nella Mostra sono esposti documenti provenienti dall’Associazione Nazionale Superstiti reduci e famiglie caduti Divisione Acqui, già esposti in diverse città italiane che riguardano le vicende del nostro esercito nell’isola di Cefalonia e Corfù, dal momento dell’occupazione nazi-fascista sino al tragico epilogo seguito all’8 settembre del 1943 che vide morire oltre 9.000 soldati italiani. A questi si aggiungono lettere, fotografie, diari e documenti forniti da Associazioni, reduci o famigliari di combattenti a Cefalonia e Corfù, residenti nella provincia di Venezia. La stessa Mostra sarà presentata contemporaneamente anche a Venezia, presso l’Istituto Cavanis, dove sarà inaugurata il 4 marzo 2009 alle ore 12 e resterà aperta fino al 21 marzo.

    Notizia di: Istituto veneziano per la storia della Resistenza e della società contemporanea - Venezia


  • 11/2/2009, Trino (Vc), ex sinagoga, Palazzo comunale, c.so Cavour, 72

    Porrajmos: altre tracce sul sentiero per Auschwitz

    Trino, 11-28 febbraio 2009. Mostra realizzata dall’Istituto di Cultura Sinta di Mantova e dall’Associazione Nevo Drom di Bolzano. Ristampata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" con la compartecipazione del Comitato della Regione Piemonte per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione repubblicana. Esposta in collaborazione con l’Amministrazione comunale. Visitabile negli orari di apertura del Palazzo comunale.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 9/2/2009, Biella, Istituto tecnico industriale "Sella", via F.lli Rosselli, 2

    Fascismo, foibe, esodo

    Biella, 9-16 febbraio 2009. Esposizione della mostra "Fascismo, foibe, esodo. Le tragedie del confine orientale" realizzata dalla Fondazione memoria della deportazione di Milano. Iniziativa organizzata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli", in collaborazione con l’Itis "Sella" di Biella.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 7/2/2009, A Carpi, Sala delle Vedute di Palazzo Pio

    Profughi nel silenzio. Gli esuli giuliano-dalmati a Carpi e Modena. Mostra documentaria dal 7 al 28 febbraio 2009

    La provincia modenese è stata una delle mete più significative per l’arrivo dei profughi giuliani nel territorio emiliano fin dal 1947 a causa della presenza in città della Manifattura tabacchi, dove potevano trovare lavoro coloro che già erano impiegati nelle manifatture istriane (a Rovigno, Pola, Fiume e Zara). E numerose furono le famiglie di profughi giuliani che dal 1954 al 1970 vissero nel Villaggio San Marco, creato a Carpi nell’ex campo di concentramento di Fossoli. La mostra documenta le diverse fasi dell’accoglienza e della non sempre facile integrazione, anche ricostruendo alcune storie familiari.

    Notizia di: Istituto storico della Resistenza e di storia contemporanea - Modena


  • 5/2/2009, Varallo (Vc), sede dell’Isrsc Bi-Vc, via D’Adda, 6

    L’Istria, l’Italia, il mondo. Storia di un esodo: istriani, fiumani, dalmati in Piemonte

    Varallo, 5-20 febbraio 2009. Mostra a cura di Enrico Miletto, realizzata da Istituto piemontese per la storia della Resistenza e della società contemporanea "Giorgio Agosti" e Istituto storico della Resistenza e della società contemporanea nel Novarese e nel Verbano Cusio Ossola "Piero Fornara", con la compartecipazione di Regione Piemonte, Provincia di Torino, Associazione nazionale Venezia Giulia e Dalmazia e Provincia di Novara. Esposta dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" con la compartecipazione del Comitato della Regione Piemonte per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione repubblicana. Orari: da lunedì a venerdì ore 9-13 e 15-18.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 3/2/2009, ore 10:00 - Napoli, ICSR

    Visita guidata per le scuole alle mostre del MUDIM-ICSR

    40 alunni e 3 docenti della scuola primaria "Cesario Console" di Napoli visiteranno le mostre dell’ICSR relative alla Shoah. La visita guidata rientra nelle attività previste nell’ambito del Protocollo d’Intesa tra l’ICSR e la scuola primaria "Cesario Console" per "Scuole Aperte"

    Notizia di: Istituto Campano per la Storia della Resistenza "Vera Lombardi" - Napoli


  • 29/1/2009, ore 10:00 - Macerata - Scuola Media "D. Alighieri"

    Guerrieri in erba. La scuola fascista - mostra documentaria

    La mostra documentaria presenta una ricerca dell’Istituto Storico Regionale di Ancona sulla scuola fascista anconetana e marchigiana. Gli studenti sono guidati dalle lezioni di Stefania Monteverde (docente comandata ISREC) e Roberta Tartuferi (Direttivo ISREC) che li introdurrà allo studio e all’analisi dei documenti attraverso un laboratorio di storia. L’iniziativa è promossa dalla Scuola Media "D. Alighieri"di Macerata in collaborazione con l’ISREC Macerata. La mostra rimarrà aperta al pubblico fino al 5 febbraio.

    Notizia di: Istituto storico della Resistenza e dell'età contemporanea di Macerata "Mario Morbiducci" - Macerata


  • 28/1/2009, ore 17.00 - Trieste

    Fotografie di Fabio Albanese, ufficiale italiano in Dalmazia 1941-1942

    Mercoledì 28 gennaio 2009, alla Sala del Giubileo (G.C. Fondazione CRT), Riva Tre Novembre 9, alle ore 17.00, sarà inaugurata la mostra fotografica "Fotografie di Fabio Albanese, ufficiale italiano in Dalmazia 1941-1942", organizzata dall’Irsml FVG e curata da Franco Cecotti. La mostra rimarrà aperta dal 28 gennaio all’11 febbraio con il seguente orario: dal lunedì al sabato, 15.30-19.30.

    Notizia di: Istituto regionale per la storia della Resistenza e dell'Età contemporanea nel Friuli Venezia Giulia - Trieste


  • 28/1/2009, Grosseto, Stanza della Memoria dell’ISGREC

    Visite guidate alle mostre permanenti nella Stanza della Memoria dell’ISGREC

    Proseguono le visite guidate alle due mostre permanenti allestite nella Stanza della Memoria dell’ISGREC: "Stragi nazifasciste nella Provincia di Grosseto" e "Persecuzioni antiebraiche a Grosseto 1943-1944". Le visite guidate, condotte da Elena Vellati, insegnante comandata e responsabile della didattica, proseguiranno fino al 30 gennaio. Per prenotazioni e informazioni: ISGREC, via De’ Barberi 61 - 58100 Grosseto, tel e fax 0564 415219 - didattica@isgrec.it

    Notizia di: Istituto storico grossetano della Resistenza e dell'età contemporanea - Grosseto


  • 27/1/2009, Gaglianico (Bi), Auditorium comunale, via XX settembre, 10

    "E da lì è incominciata la nostra odissea...". Luoghi e storie di deportazione vercellese, biellese e valsesiana

    Gaglianico, 27 gennaio - 1 febbraio 2009. Mostra realizzata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli", con la compartecipazione del Comitato della Regione Piemonte per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione repubblicana. Esposta in collaborazione con l’Amministrazione comunale. Inaugurazione martedì 27 gennaio, ore 21. Orari: da mercoledì a venerdì ore 9-12 e 15-17; sabato e domenica ore 9-12 e 15-18.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 27/1/2009, Ancona e Pesaro

    GIORNATA DELLA MEMORIA 2009

    In collaborazione con Regione Marche-Ufficio Cooperazione internazionale, ANPI-Ancona, Comunità Ebraica di Ancona martedì 27 gennaio 2009 Ancona, Ridotto delle Muse Spettacolo teatrale Alles Kaput! a cura del Teatro del Sorriso Riservato alle scuole Recital Concerto "Alexian Group" e "Giovanni Seneca quintetto" Percorsi dell’anima, della mente, del cuore nel deserto della Shoah ore 21.00 Ingresso libero dal 27 gennaio all’8 febbraio 2009 Ancona, Mole Vanvitelliana Mostra Shoah: infanzia rubata, a cura dell’Associazione "I figli della Shoah" orario martedì-venerdì, ore 9.00-12.00 sabato e domenica, ore 9.00-12.00 e 15.30-19.00 lunedì chiuso ********************************************************************************* In collaborazione con Fondazione Romolo Murri, Centro Studi per la storia del Modernismo, ISCOP, Biblioteca Archivio Vittorio Bobbato, Provincia di Pesaro e Urbino martedì 27 gennaio 2009, ore 21 Barchi, Sala due palme, Corso Umberto . Mostra fotografica 1938-1945. La persecuzione degli ebrei in Italia . Conferenza multimediale domenica 1 febbraio 2009, ore 15 San Giorgio di Pesaro, Sala polivalente, Via Garibaldi Tavola rotonda Il programma in dettaglio

    Notizia di: Istituto regionale per la storia del movimento di liberazione nelle Marche - Ancona


  • 27/1/2009, Varallo (Vc), atrio del Teatro civico, p.zza Vittorio Emanuele II

    "E da lì è incominciata la nostra odissea...". Luoghi e storie di deportazione vercellese, biellese e valsesiana

    Selezione di pannelli della mostra realizzata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" con la compartecipazione del Comitato della Regione Piemonte per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione repubblicana ed esposta a cura dell’Istituto superiore "D’Adda" di Varallo.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 27/1/2009, ore 10:00 - Macerata - Galleria Antichi forni

    Ricordare conoscere: segregazione e internamento in provincia di Macerata (1940 – 1944)

    Mostra documentaria con i documenti dell’Archivio di Stato di Macerata. Testi a cura di Rosella Cameli, presidente ISREC. La mostra raccoglie i documenti conservati presso l’Archivio di Stato di Macerata e l’ISREC di Macerata e sono un’occasione per conoscere la realtà dei campi di internamento a Treia, Pollenza, Petriolo, Urbisaglia, Sforzacosta. La mostra resterà aperta fino al 1 marzo. Le visite delle scuole saranno guidate.

    Notizia di: Istituto storico della Resistenza e dell'età contemporanea di Macerata "Mario Morbiducci" - Macerata


  • 27/1/2009, ore 17,00 - Udine, Palazzo Morpurgo - Galleria del Progetto

    La Shoah dei bambini. Arte e memoria.

    In occasione della "Giornata della Memoria", l’Istituto Friulano per la Storia del Movimento di Liberazione e la Galleria d’Arte Moderna di Udine organizzano la mostra "La Shoah dei bambini. Arte e memoria". L’esposizione, che sarà aperta al pubblico dal 28 gennaio al 1° marzo 2009, vuole rappresentare un momento di riflessione sulla tragedia delle persecuzioni razziali e sul sistematico sterminio cui fu sottoposto il popolo ebraico, durante la seconda guerra mondiale, in tutti i Paesi europei. L’esposizione sarà accompagnata da una selezione di opere d’arte appartenute alla collezione di Elio Morpurgo (1858-1944), vittima della deportazione nei campi di sterminio e munifico mecenate che fece dono alla città di Palazzo Valvason Morpurgo per farne la sede di un museo. Per l’occasione saranno esposti al pubblico anche alcuni dipinti, dedicati ai bambini di Theresienstadt, che il pittore udinese Giorgio Celiberti ha eseguito negli anni Sessanta. La mostra raccoglie i testi delle poesie e una selezione di disegni realizzati dai bambini ebrei rinchiusi nel campo di Theresienstadt (Terezín, in lingua ceca) in Boemia, a un centinaio di chilometri a nord di Praga. aga. Le opere presenti in mostra intendono dunque offrire al pubblico, ma soprattutto agli studenti delle scuole, motivo di riflessione sull’atrocità delle condizioni in cui si trovarono a trascorrere la loro fanciullezza i bambini di Theresienstadt. Attraverso la lettura dei testi poetici e la visione dei disegni da loro realizzati, le giovani generazioni avranno così la possibilità di confrontarsi con il dramma storico della Shoah, rendendone nuovamente attuale la memoria affinché simili tragedie non abbiamo mai più a ripetersi. A questo scopo, l’Istituto Friulano per la Storia del Movimento di Liberazione e la GAMUD hanno predisposto un articolato programma didattico rivolto alle scuole primarie e secondarie della provincia, possibilità di cui gli studenti potranno usufruire, nel periodo di apertura dell’esposizione previa prenotazione, a titolo completamente gratuito.

    Notizia di: Istituto friulano per la storia del movimento di liberazione - Udine


  • 26/1/2009, Lurago d’Erba (CO) - Palazzo comunale, primo piano

    Attraverso gli occhi dei bambini. Mostra di disegni e poesie nel ghetto di Terezin 1942-1944

    Esposizione, da lunedì 26 gennaio a sabato 31 gennaio 2009, organizzata dall’Istituto Perretta e dalla Biblioteca comunale in collaborazione con l’Istituto comprensivo "Carlo Porta" e l’Amministrazione comunale di Lurago d’Erba

    Notizia di: Istituto di storia contemporanea "Pier Amato Perretta" - Como


  • 26/1/2009, ore 10:00 - Napoli, ICSR

    Visita guidata per le scuole alle mostre del MUDIM-ICSR

    40 alunni e 3 docenti della S.M.S. "Silio Italico" di Napoli visiteranno le mostre dell’ICSR relative alla Shoah

    Notizia di: Istituto Campano per la Storia della Resistenza "Vera Lombardi" - Napoli


  • 24/1/2009, Vercelli, atrio del Palazzo comunale, p.zza del Municipio, 5

    "...il filo spinato ti lacera anche la mente..."

    Vercelli, 24 gennaio - 8 febbraio 2009. Nuova edizione della mostra costituita da disegni realizzati dal pittore vercellese Renzo Roncarolo, ex internato nei lager tedeschi durante la seconda guerra mondiale. Iniziativa realizzata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli", con la compartecipazione del Comitato della Regione Piemonte per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione repubblicana e della Città di Vercelli. Inaugurazione: sabato 24 gennaio, ore 11. Visitabile negli orari di apertura del Palazzo comunale.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 24/1/2009, ore 16:00 - Crespano del Grappa (TV) - Palazzo Reale

    Inaugurazione della mostra storico-fotografica "L’inferno dei lager"

    Interventi di Marzio Favero (Assessore alla cultura della Provincia di Treviso), Nico Cunial (Sindaco di Crespano del Grappa), Umberto Ceccon (Sindaco di Paderno del Grappa), Giuseppe Fantinato (Dirigente Istituto Comprensivo di Crespano), Lorenzo Capovilla (Presidente ISTRESCO), Gianni Idrio (Presidente provinciale ANEI), Sonia Lo Re (Coordinatrice progetto Memoria) Organizzazione: comune di Crespano del Grappa, Comune di Paderno del Grappa, Provincia di Treviso in collaborazione con ISTRESCO e F.A.S.T. La mostra è visitabile dal 21 gennaio al 1 febbraio 2009, dalle 15.30 alle 19.00

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea della Marca Trevigiana - Treviso


  • 24/1/2009, ore 17:30 - Ovada

    Il giorno della Memoria 2009 a Ovada

    Sabato 24 gennaio alle ore 17.30 - Loggia di San Sebastiano Inaugurazione mostra La persecuzione degli ebrei in Italia 1938 - 1945 attraverso i documenti dell’epoca realizzata da CDEC (Centro di documentazione Ebraica) di Milano SALUTI: Andrea Oddone, Sindaco di Ovada Carla Nespolo, Presidente ISRAL Saluti dell’ANPI INTERVENTO DI: Ornella Terracini Testimone della persecuzione ed Esponente di Rete ECO (Ebrei contro l’occupazione) La mostra resterà aperta dal 24 gennaio all’8 febbraio nei giorni di Venerdì h. 16-19 sabato h. 10-12 / 16-19 domenica h. 10-12

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea della provincia di Alessandria - Alessandria


  • 23/1/2009, Trivero (Bi), Sala consiliare, frazione Ronco 1

    "Oggi ricomincia la vita". Il ritorno dalla Germania degli ex internati militari vercellesi, biellesi e valsesiani

    Trivero, 23-30 gennaio 2009. Mostra realizzata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli", con la compartecipazione del Comitato della Regione Piemonte per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione repubblicana e la collaborazione dell’Archivio fotografico Luciano Giachetti - Fotocronisti Baita. Esposta in collaborazione con l’Amministrazione comunale. Inaugurazione: venerdì 23 gennaio, ore 18.30. Orari: sabato ore 10-12; domenica ore 14-17; lunedì, mercoledì, giovedì, venerdì ore 9-12 e 14-17; martedì ore 9-12, 14-17 e 20.30-22.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 23/1/2009, ore 17:30 - Como - Biblioteca comunale in piazzetta Venosto Lucati 1

    Schiavi di Hitler. L’altra resistenza. Racconti, disegni, documenti dei deportati e internati italiani 1943-1945

    Mostra che racconta, con frasi selezionate da 450 memorie - raccolte a partire dal 2000, per la campagna per l’indennizzo del lavoro forzato - l’odissea del lager fino al rientro in Patria. La mostra verrà inaugurata il 23 gennaio alle ore 17.30 e rimarrà esposta fino al 7 febbraio (dal lunedì al venerdì 9.30-19, mercoledì 9-18, sabato 14-19).

    Notizia di: Istituto di storia contemporanea "Pier Amato Perretta" - Como


  • 23/1/2009, ore 16.00 - Municipio, Montanaso Lombardo

    Mostra "La deportazione"

    Presentazione di Gianfranco Mariconti. La mostra resterà aperta fino all’8 febbraio

    Notizia di: Istituto lodigiano per la storia della Resistenza e dell'età contemporanea - Lodi


  • 22/1/2009, ore 9:30 - Asti, Centro Culturale San Secondo

    "La persecuzione degli ebrei in Italia (1938-1945): documenti per una storia"

    L’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea in provincia di Asti ed il Consiglio Regionale del Piemonte-Comitato Valori della Resistenza e della Costituzione, inaugurano la mostra curata dal Centro di Documentazione Ebraica di Milano sulla negazione dei diritti agli ebrei italiani a partire dal 1938 e sulle varie fasi della persecuzione delle vite dopo l’8 settembre 1943.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nella provincia di Asti - Asti


  • 19/1/2009, ore 10:00 - Napoli, ICSR

    Visita guidata per le scuole alle mostre del MUDIM-ICSR

    40 alunni e 3 docenti della S.M.S. "Massimo D’Azeglio" di Marano (NA) visiteranno le mostre dell’ICSR relative alla Shoah

    Notizia di: Istituto Campano per la Storia della Resistenza "Vera Lombardi" - Napoli


  • 17/1/2009, ore 10:00 - Castell’Alfero, Municipio

    "1914-1918: l’inutile massacro"

    L’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea in provincia di Asti in collaborazione con il Comune di Castell’Alfero (At) presenta alle scuole medie del comune ed alla cittadinanza la mostra sulla Grande Guerra.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nella provincia di Asti - Asti


  • 16/1/2009, ore 21:00 - Archivio Storico Comunale via Fissiraga 17 Lodi

    L’estraneo tra noi. La figura dello zingaro nell’immaginario italiano

    La mostra resta aperta fino al 31 gennaio 2009 con i seguenti orari: lunedì, martedì, mercoledì 13.30 - 18 giovedì, venerdì, sabato 8,30 - 13

    Notizia di: Istituto lodigiano per la storia della Resistenza e dell'età contemporanea - Lodi


  • 15/1/2009, ore 17:00 - Bologna, Istituto Storico Parri, via S. Isaia 20 (entrata del Museo della Resistenza)

    Inaugurazione della mostra "Oltre quel muro. La Resistenza nel campo di Bolzano 1944-45"

    L’Istituto Storico Parri di Bologna, in collaborazione con la Fondazione memoria della deportazione e l’Aned, ospita la mostra "Oltre quel muro. La Resistenza nel campo di Bolzano 1944-45" di Dario Venegoni e Leonardo Visco Gilardi. Foto e documenti (molti inediti) ricostruiscono la quotidianità dei circa 9.500 deportati nel lager di Bolzano, molti dei quali si adoperarono per mantenere viva una Resistenza "senza armi". Inaugurazione giovedì 15 gennaio alle ore 17 in via Sant’isaia 20 a Bologna (accesso dal Museo della Resistenza). La mostra ad ingresso libero rimarrà aperta fino al 28 febbraio con i seguenti orari: dal lunedì al venerdì h. 16-19, il sabato h. 10-13. Info: 051 3397211 - istituto@istitutoparri.it

    Notizia di: Istituto storico Parri - Bologna


  • 15/1/2009, ore 20:30 - Arcade (TV) - Oratorio parrocchiale don G. Tognana

    Inaugurazione della mostra storico-fotografica "Il Trevigiano nella Grande Guerra"

    Interventi di Marzio Favero (Assessore alla cultura della Provincia di Treviso), Amerigo Manesso (Direttore ISTRESCO) Organizzazione: Circolo G. Corazzin, Parrocchia di Arcade, Provincia di Treviso La mostra sarà aperta dal 15 al 25 gennaio 2009 con i seguenti orari: Mecoledì - giovedì - venerdì dalle 17.00 alle 22.30 Sabato dalle 17.00 alle 22.30 Domenica dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 15.00 allle 19.00

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea della Marca Trevigiana - Treviso


  • 14/1/2009, ore 10: 3 - Santa Maria al Bagno - Nardò (Lecce)

    Inaugarazione museo della Memoria

    A cura del Comune di Nardò e dell’associazione "pro murales" e con il contributo dell’IPSAIC sarà inaugurato il museo della memoria dove sono stati collocati i murales dei rifugitai ebrei a SAnta Maria al Bagno del periodo 1943-1947. saranno presenti fra gli atri l’Ambasciatore di Israele, il rabbino capo di Roma, il presidente dell’Unioe dele omunità israelitiche italiane, assieme a diverse autorità regionali.

    Notizia di: Istituto pugliese per la storia dell'antifascismo e dell'Italia contemporanea - Bari


  • 12/1/2009, Varallo (Vc), sede dell’Isrsc Bi-Vc, via D’Adda, 6

    Porrajmos: altre tracce sul sentiero per Auschwitz

    Varallo, 12-30 gennaio 2009. Mostra realizzata dall’Istituto di Cultura Sinta di Mantova e dall’Associazione Nevo Drom di Bolzano, ristampata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" con la compartecipazione del Comitato della Regione Piemonte per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione repubblicana. Orari: da lunedì a venerdì ore 9-13 e 15-18.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • ore 10-18 - Roma, Casa della memoria e della storia, via S.Francesco di Sales 5

    ELLIS ISLAND- Italiani d’America. Mostra-convegno-cinema-incontri

    Da un’idea di Nino Di Paolo in collaborazione con il Museo dell’Emigrazione di Cansano (L’Aquila). Programma completo nel file allegato

    Notizia di: Istituto romano per la storia d'Italia dal fascismo alla Resistenza - Roma


  • 12/12/2008, ore 18:45 - Grosseto, Cassero Senese

    Inaugurazione della mostra "Uno sguardo diverso. La follia nelle immagini di Uliano Lucas"

    Alle ore 18:45, nella cornice del Cassero Senese, è prevista l’inaugurazione della mostra "Uno sguardo diverso. La follia nelle immagini di Uliano Lucas". L’iniziativa rientra nel programma "Le rappresentazioni della follia", ciclo di eventi legati al trentennale della legge 180. La mostra resterà allestita fino al 21 dicembre. Sono possibili visite guidate su prenotazione. Orari di apertura: Lunedì 17/20, martedì-domenica 9:30/12:30 - 17/20

    Notizia di: Istituto storico grossetano della Resistenza e dell'età contemporanea - Grosseto


  • 11/12/2008, ore 10:00 - Fondotoce di Verbania - Casa della Resistenza

    IL ROSSO L’AZZURRO IL VERDE

    I colori della Resistenza nelle bandiere delle formazioni partigiane del Novarese, del Verbano Cusio Ossola, della Valsesia, del Vercellese e del Biellese. Dall’11 dicembre 2008 (inaugurazione alle ore 10,00) sino al 15 gennaio 2009 sarà possibile visitare nella Sala esposizioni della Casa della Resistenza di Fondotoce di Verbania la mostra dedicata alle bandiere delle formazioni partigiane. Oltre alle bandiere "della" Resistenza, sono esposte anche alcune bandiere originali dell’immediato dopoguerra delle Associazioni partigiane, nonché alcuni preziosi cimeli. Mostra promossa da: Associazione Casa della Resistenza di Fondotoce di Verbania Istituto storico della Resistenza e della società contemporanea nel Novarese e nel Verbano Cusio Ossola "P. Fornara" Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "C. Moscatelli" In collaborazione con: Agenzia "immaginazione e lavoro" di Novara Anpi di Omegna , Verbania, Biella, Varallo Sesia, Borgosesia, Vercelli, Valsessera, Novara , Oleggio, Cerano Associazione Verde Azzurra di Galliate Comune di Castelletto Ticino Museo Civico Etnografico "C.G. Fanchini" di Oleggio Museo partigiano di Villadossola Museo di Ornavasso Si ringraziano anche tutti i partigiani che hanno messo a disposizione le bandiere da loro custodite E il patrocinio di Provincia del VCO Comune di Verbania Regione Piemonte La mostra è curata da: per le ricerche: Federica Piciaccia e Mauro Begozzi per la comunicazione e gli allestimenti: Roberto Begozzi, Gabriella Piccioli, Paola Durante, arch. Dario Martinelli La mostra resterà aperta sino al 15 gennaio 2009 in orario d’apertura della Casa della Resistenza Per informazioni: Casa della Resisteza di Fondotoce Via Turati, 9 Verbania Fondotoce Tel 0323/58.68.02 fax. 0323/58.66.49 e-mail: segreteria@casadellaresistenza.it sito www.casadellaresistenza.it

    Notizia di: Istituto storico della Resistenza e della società contemporanea nel Novarese e nel Verbano Cusio Ossola "Piero Fornara" - Novara


  • 9/12/2008, Reggio Emilia

    Così lontana così vicina Reggio Emilia e i reggiani nella Grande Guerra

    Così lontana così vicina Reggio Emilia e i reggiani nella Grande Guerra 1°-30 novembre PROROGATA FINO AL 13 DICEMBRE APERTURA MOSTRA: DOMENICA 30 NOVEMBRE: 10-13 e 15-19 Novantan’anni dalla GRANDE GUERRA MOSTRA 2 sedi espositive •Così lontana così vicina. Reggio Emilia nella Grande Guerra Polo Archivistico, via Dante Alighieri 11 REGGIO EMILIA Orari Apertura dal martedì al venerdì 8.30-13 /14.30-18; APERTA IL SABATO DALLE 9 ALLE 13 e DALLE 15 ALLE 19 CHIUSA DOMENICA E LUNEDI •Così lontana così vicina. Reggiani nella Grande Guerra Aula Magna Università di Modena e Reggio Emilia, via Allegri 9 REGGIO EMILIA Orari Apertura dal martedì al venerdì 8.30-13 /14,30-18; sabato dalle ore 10 alle ore 13 Così lontana così vicina. Reggio Emilia e i Reggiani nella Grande Guerra Per prenotazioni e visite guidate: dott. Michele Bellelli, Polo Archivistico, michele.bellelli@municipio.re.it, tel: 0522-456125

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea in provincia di Reggio Emilia - Reggio Emilia


  • 5/12/2008, Vercelli, Foyer del Salone Dugentesco, via G. Ferraris

    Sguardi sul Vercellese. Selezione di immagini dei Fotocronisti Baita

    Vercelli, 5-10 dicembre 2008. Mostra realizzata dall’Archivio fotografico Luciano Giachetti - Fotocronisti Baita (associazione costituita dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli", la Città di Vercelli e gli eredi Giachetti), con la compartecipazione della Città di Vercelli. Orari: feriali ore 17-19; sabato 10-12; festivi ore 10-12 e 17-19.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 8/11/2008, ore 15:00 - Abbazia S. Maria del Pero (Monastier - TV)

    Parole di guerra. Lettere, documenti, immagini, inediti originali della Grande Guerra

    Amerigo Manesso presenta la mostra Parole di guerra. Lettere, documenti, immagini, inediti originali della Grande Guerra Organizzazione: Chiostro Romanico Abbazia S. Maria del Pero, Pro Loco Monastier di Treviso, Federazione Fanti Provincia di Treviso

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea della Marca Trevigiana - Treviso


  • 7/11/2008, ore 18:00 - Asti, Archivio di Stato

    "1914-1918: l’inutile massacro"

    L’Israt organizza in occasione del 90° anniversario della fine della prima guerra mondiale una mostra documentaria, curata da Nicoletta Fasano. Oltre 40 pannelli corredati da fotografie, documenti ed oggetti, intendono illustrare non tanto le fasi del conflitto, il contesto storico, gli aspetti politici ed ideologici, le dinamiche internazionali, ma la dimensione umana dei soldati, seguendo due linee interpretative: una guerra tra innovazione tecnologica e tradizione e una guerra che rappresenta l’inizio del "secolo breve", fortemente connessa con il secondo conflitto mondiale. La mostra, pensata in particolare per le scuole, rimarrà aperta fino al 28 novembre e, non avendo una connotazione locale, astigiana, potrà essere messa a disposizione gratuitamente anche per eventuali altri allestimenti.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nella provincia di Asti - Asti


  • 4/11/2008, Varallo (Vc), sede dell’Isrsc Bi-Vc

    Una patria di ribelli. Varallesi nella Resistenza

    Varallo, 4 novembre - 23 dicembre 2008. Mostra a cura di Enrico Pagano realizzata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli". In collaborazione con l’Anpi di Varallo. Orari: da lunedì a venerdì ore 9-13 e 15-18.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 26/10/2008, Vercelli, Foyer del Salone Dugentesco, via G. Ferraris

    Fotocronache del 1968

    Vercelli, 26 ottobre - 4 novembre. Mostra a cura di Laura Manione realizzata dall’Archivio fotografico Luciano Giachetti - Fotocronisti Baita (associazione costituita dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli", la Città di Vercelli e gli eredi Giachetti). Con la compartecipazione della Città di Vercelli. Inaugurazione domenica 26 ottobre, ore 17. Orari: feriali ore 17-19, al mattino aperto per le scuole su prenotazione; sabato e festivi ore 10-12 e 17-19.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 25/10/2008, ore 11:00 - Badoere (TV) Piazza Indipendenza (Ex chiesa di S. Antonio)

    Inaugurazione della mostra storico-fotografica Il Trevigiano tra le due guerre

    Intervengono Marzio Favero (Assessore alla cultura della Provincia di Treviso) e Amerigo Manesso (direttore ISTRESCO) Organizzazione: F.A.S.T. (Provincia di Treviso) e Biblioteca Comunale di Morgano

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea della Marca Trevigiana - Treviso


  • 20/10/2008, Acqui Terme (Al)

    "La Costituzione italiana tra storia e attualità" mostra didattica

    A partire dal 1° ottobre presso la Biblioteca Civica di Acqui Terme si terrà la mostra didattica "La Costituzione italiana tra storia e attualità" a cura della Commissione distrettuale per la storia e l’educazione interculturale. Sarà possibile visitare la mostra durante l’apertura della biblioteca. Per visite guidate di gruppi scolastici contattare il direttore della Biblioteca.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea della provincia di Alessandria - Alessandria


  • 18/10/2008, ore 18:00 - Bologna, Istituto Parri, via Sant’Isaia n. 20

    Personale di Silvano Chinni "Requiem, in memoria di Ustica. Opera per occhi e cuore"

    Sabato 18 ottobre, alle ore 18, verrà inaugurata l’installazione di Silvano Chinni "Requiem, in memoria di Ustica. Opera per occhi e cuore" presso la Sala Refettorio dell’Istituto Parri (via Sant’Isaia, 20). L’opera sarà quindi visitabile dal 20 ottobre all’8 novembre nei seguenti orari: dal lunedì al venerdì, dalle 16 alle 19, sabato dalle 10 alle 13. Info: tel 051 3397211, istituto@istitutoparri.it

    Notizia di: Istituto storico Parri - Bologna


  • 12/10/2008, ore 10:00 - Palazzo Gandolfi - Via dei Mille, 26 - Imola

    La Brigata Maiella. Un itinerario della liberazione dall’Abruzzo a Bologna.

    Inaugurazione della mostra fotografica con la presidenza dell’Assessore alla Cultura Valter Galavotti. Dibattito sulla Brigata Maiella con i seguenti relatori: Dott.ssa Miria Ciarma (Direttore Archivio di Stato di Chieti); Dott.ssa Stefania Di Primio (curatrice inventario della Brg. Maiella); Guido Di Cosmo (Presidente Ass. Brg. Maiella e Regionale Anpi); Mario Di Salvo (Presidente Ass. Culturale Smemoranda - Sulmona). Presentazione del libro I ragazzi della Maiella. Le operazioni della Brigata sul fronte romagnolo (1944-1945) di Marco Serena (Bacchilega Editore 2005). Sarà presente l’autore. Ingresso libero - La mostra resterà aperta dal 12 al 26 ottobre, nei giorni di martedì, giovedì, sabato e domenica dalle ore 9,30 alle 12,30. Le visite collettive si prenotano allo 054224422.

    Notizia di: Cidra, Centro imolese documentazione Resistenza antifascista - Imola


  • 27/9/2008, ore 17:00 - Biblioteca Comunale di Spresiano (TV)

    Mostra storico-fotografica: Il Trevigiano tra le due guerre

    Inaugurazione della mostra storico-fotografica Il Trevigiano tra le due guerre Intervento del curatore: Amerigo Manesso Organizzazione: Coordinamento delle Associazioni d’Arma di Spresiano, in collaborazione con F.A.S.T. e con il patrocinio di Provincia di Treviso e Comune di Spresiano

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea della Marca Trevigiana - Treviso


  • 20/9/2008, ore 16:30 - Mantova (Loggia di Palazzo San Sebastiano, Largo XXIV Maggio, 12)

    mostra "La lunga marcia della cittadinanza femminile"

    Al 60° anniversario della Costituzione italiana e al 63° del voto alle donne sono dedicate tra il maggio 2008 e la primavera 2009 diverse iniziative. Sabato 20 settembre verrà inaugurata la mostra "La lunga marcia della cittadinanza femminile", curata dall’Archivio di Stato di Roma, con un’aggiunta dedicata alla storia delle donne a Mantova. La mostra rimarrà aperta fino al 18 ottobre.

    Notizia di: Istituto mantovano di storia contemporanea - Mantova


  • 19/9/2008, ore 17:00 - Novara

    Un maestro della letteratura: Carlo Dionisotti tra storia e filologia (1908-2008)

    Mostra bibliografica Biblioteca Civica Negroni, corso Cavallotti 4, Novara 19 settembre-20 ottobre 2008 orari: lun-ven 15-19; mar gio ven mattina 9,30-13,30; mer 9-19; sab 8,30-12,30 promossa da Centro Novarese di Studi Letterari Interlinea con Comune di Novara , Biblioteca Civica Negroni di Novara con il patrocinio di Ministero per i Beni e le Attività Culturali - Centro per il Libro (progetto "Ottobre, piovono libri. I luoghi della lettura") Regione Piemonte, Assessorato alla Cultura e Università del Piemonte Orientale "Amedeo Avogadro" Università Cattolica di Milano Dipartimento di studi medioevali, umanistici e rinascimentali con libri e documenti provenienti anche da British Library, Londra; Biblioteca dell’Università Cattolica, Milano; Archivio storico Einaudi, Torino; Archivio storico dell’Università di Torino; Archivio e Biblioteca del Centro Novarese di Studi Letterari; Archivio del Centro Studi Matteo Maria Boiardo , Scandiano; Archivio privato Carlo Dionisotti, Londra-Romagnano Sesia; Archivio Lalla Romano; Istituto Storico della Resistenza e della società contemporanea "P. Fornara", Novara; a cura di Roberto Cicala con la consulenza di Mirella Ferrari e Anna Carlotta Dionisotti e la collaborazione di Alessandra Alva, Silvia Benatti, Maria Cesa e Mauro Ferrara progetto Centro Novarese di Studi Letterari, infocentro@letteratura.it Inaugurazione VENERDÌ 19 SETTEMBRE 2008 ALLE ORE 17 Dopo i saluti delle autorità e della direttrice della Biblioteca Maria Carla Uglietti sono previsti gli interventi di Roberto Cicala, curatore della mostra, e di alcuni amici e conoscenti provenienti da molte università italiane e straniere, alla presenza della figlia dello studioso Anna Carlotta Dionisotti Sarà disponibile per l’occasione il volume Un maestro della letteratura: Carlo Dionisotti tra storia e filologia con testi di Claudia Villa, Mirella Ferrari, Giuseppe Frasso, Marziano Guglielminetti, testimonianze, immagini, inediti e bibliografia (Interlinea edizioni) Carlo Dionisotti moriva dieci anni fa a Londra, dove si era trasferito nel dopoguerra per insegnare a Oxford e poi nell’università della capitale inglese. In occasione del centenario della nascita, avvenuta nel 1908 a Torino – la città in cui si laureò con amici come Bobbio, Pavese, Lalla Romano, Argan, Garosci e collaborò al "Giornale storico della letteratura italiana" –, Dionisotti è ricordato nella Novara con cui mantenne sempre forti legami soggiornando fino all’ultimo, d’estate, nella villa di famiglia a Romagnano Sesia. Lettore eccellente di testi umanisti e rinascimentali nelle maggiori biblioteche, dalla Vaticana alla British Library, collaborò con prestigiosi docenti come Calcaterra, Cian, Sapegno e Momigliano e fu legato a Croce, un maestro che poi superò, studiando Bembo, Manuzio, Machiavelli (da cui le sue Machiavellerie) ma anche l’Ottocento di Foscolo e Manzoni, sempre attento agli aspetti filologici e linguistici e alle implicazioni storico-politiche (non si dimentichi l’impegno in Giustizia e Libertà negli anni della guerra vissuti a Roma). È stimato a livello internazionale il maggiore storico della letteratura italiana del secondo Novecento, grazie alla visione nuova, unanimemente accolta, della Geografia e storia della letteratura italiana, titolo del primo dei suoi non molti – e per questo più preziosi – libri, frutto delle sue molteplici e autorevoli collaborazioni a riviste di studio (da "Italia medioevale e umanistica" a "Italian Studies"). Come scrisse nel celebre saggio Chierici e laici, che volle ristampare a parte negli ultimi anni rivolgendosi ai giovani, «se il presente vuol fare, su fondamenta nuove, paragone di sé col passato, deve, come già gli uomini del Risorgimento fecero a loro tempo e a misura dei loro bisogni, gettare fondamenta nuove con volontà e mente intese al futuro; non può illudersi di trovarsi quelle fondamenta già fatte e solide sotto i piedi, sicché basti difenderle». La mostra bibliografica è un piccolo omaggio a un grande maestro: la lezione di Dionisotti è ancora viva nella cultura di oggi e nei libri di testo più di quanto s’immagini, soprattutto nell’idea che la storia e le opere della letteratura ci aiutano sia a comprendere com’è importante conoscere la tradizione per affrontare il futuro sia a capire che lingue e culture diverse possono e devono convivere.

    Notizia di: Istituto storico della Resistenza e della società contemporanea nel Novarese e nel Verbano Cusio Ossola "Piero Fornara" - Novara


  • 8/9/2008, ore 17:30 - Bologna, Istituto Storico Parri E-R, via Sant’Isaia 20

    Mostra fotografica sugli IMI "Prigionieri per la libertà"

    L’8 settembre 2008 alle ore 17.30, presso l’Istituto Parri di Bologna, verrà inaugurata la mostra fotografica "Prigionieri per la libertà. Ricordare il passato per progettare il futuro", mostra fotografica sugli internati militari italiani durante la seconda Guerra Mondiale visti attraverso le fotografie del Tenente Vittorio Vialli (IMI 6168). La mostra, organizzata dalla Cisl, resterà aperta fino al 10 ottobre 2008 con i seguenti orari: dal lunedì al venerdì dalle 16 alle 19, sabato dalle 10 alle 13. Info: 051 3397220; ust.bologna@cisl.it

    Notizia di: Istituto storico Parri - Bologna


  • 8/9/2008, Varallo (Vc), sede dell’Isrsc Bi-Vc, via D’Adda, 6

    Spagna perché? Dal 1931 a oggi: un paradigma del Novecento europeo

    Varallo, 8-26 settembre 2008. Mostra realizzata dal Centro studi Piero Gobetti di Torino, con il patrocinio del Ministerio de Educación y Ciencia dell’Ambasciata di Spagna in Italia e dell’Istituto Cervantes di Milano e con il sostegno dell’Assessorato alla Cultura della Regione Piemonte e dell’Associazione Culturale Italia e Spagna. Iniziativa organizzata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli". Orari: da lunedì a venerdì dalle 9 alle 12 e dalle 15 alle 18.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 5/9/2008, ore 16,00 - Udine, Casa della Confraternita, Castello di Udine

    Quando piovevano bombe. I bombardamenti e la città di Barcellona durante la guerra civile.

    Mostra, allestita dal Museu d’Historia dal Memorial Democratic e dalla Generalitat de Catalunya, è stata ospitada in collaborazione con il Museo di Storia del Risorgimento e della Resistenza - Civici Musei del Comune di Udine e con il Dipartimento di Storia e Tutela dei Beni Culturali dell’Università di Udine. E’ intervenuta alla presentazione la dott.ssa Laura Zenobi, curatrice della Mostra, che rimarrà aperta sino al 5 ottobre 2008. Sono state predisposte visite guidate e gratuite per le scuole di ogni ordine e grado della Provincia di Udine, Pordenone e Gorizia previa prenotazione. La mostra affronta una pagina di storia poco conosciuta: i bombardamenti che colpirono la città di Barcellona negli anni 1937/1938 a opera dell’aviazione legionaria italiana e che provocarono la morte di un numero elevatissimo di civili. Essa intende suscitare una riflessione sull’esperienza traumatica degli attacchi aerei dell’aviazione fascista e nazista sulle città spagnole e sulle risposte collettive della società civile e delle istituzioni catalane, favorendo la comprensione del modello della “guerra totale”.

    Notizia di: Istituto friulano per la storia del movimento di liberazione - Udine


  • 13/8/2008, Borgo Vercelli (Vc), Palazzo comunale

    Fotocronache di Borgo Vercelli

    Borgo Vercelli, 13-17 agosto 2008. Mostra a cura di Laura Manione realizzata dall’Archivio fotografico Luciano Giachetti - Fotocronisti Baita (associazione costituita dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli", la Città di Vercelli e gli eredi Giachetti). Con la compartecipazione del Comune di Borgo Vercelli.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 16/7/2008, Parco di pietra, Roselle (GR)

    Esposizione della mostra "La città che cambia. FALSO MOVIMENTO?"

    Quest’anno, per la prima volta, il Festival Via Cava presenta una serie di mostre d’arte visiva sul tema delle TrasformAzioni. Con "La citta’ visibile. Creativi documentano le nuove identità", a cura del CEDAV, verranno proposte cinque iniziative che documentano, attraverso l’analisi creativa e l’immaginazione degli artisti, le trasformazioni della città di Grosseto e della Maremma negli ultimi anni. L’ISGREC partecipa con l’esposizione dal 16 al 22 luglio della mostra "La città che cambia. Falso movimento?" di Federico Borselli e Luigi Zannetti (NONE), su progetto dell’ISGREC, in cui si propongono la visione e l’ascolto di videointerviste che mostrano residenti grossetani di qualsiasi età, provenienza geografica o estrazione sociale, disposti a parlare di sé e della propria collocazione identitaria.

    Notizia di: Istituto storico grossetano della Resistenza e dell'età contemporanea - Grosseto


  • 15/6/2008, ore 17:00 - San Severino Marche

    1948-2008 Festa della Repubblica e del Sessantesimo della Costituzione della Repubblica Italiana

    Il giono 15 giugno dalle ore 17,00 alle ore 19, 00 nella piazza e nella sede del Municipio di San Severino Marche (Mc) l’Amministrazione comunale, la Prefettura e la Provincia di Macerata, in collaborazione con l’Università degli Studi, l’Istituto Storico della resistenza e dell’età contemporanea, la Biblioteca Mozzi Borgetti e l’Archivio di Stato di Macerata, organizzano la Festa della repubblica e della Costituzione Repubblicana. Interverrà il senatore a vita Emilio Colombo, padre costituente. Sarà inoltre allestita una mostra di manifesti e di documenti di archivio.

    Notizia di: Istituto storico della Resistenza e dell'età contemporanea di Macerata "Mario Morbiducci" - Macerata


  • 14/6/2008, ore 16:00 - Castelnuovo Valdicecina (Pisa)

    Inaugurazione del "Museo diffuso della Resistenza" realizzato dall’ISGREC a Castelnuovo Valdicecina (PI)

    Sabato 14 giugno, ore 16. Inaugurazione a Castelnuovo Valdicecina (Pisa) del "Museo diffuso della Resistenza", su progetto finanziato dalla Fondazione Monte dei Paschi di Siena e affidato per la realizzazione all’ISGREC, che ha prodotto pannelli collocati nei luoghi della memoria della strage della Niccioleta (14 giugno 1944) e un video, collocato all’interno della sede del Comune, contenente brani di interviste ai familiari delle 83 vittime della strage. Presenti all’inaugurazione: i Sindaci di Castelnuovo Valdicecina e di Massa Marittima, il Vicepresidente della Giunta della Regione Toscana, il Presidente della Provincia di Pisa, il Presidente dell’ANPI regionale e per l’ISGREC la Direttrice, Luciana Rocchi.

    Notizia di: Istituto storico grossetano della Resistenza e dell'età contemporanea - Grosseto


  • 23/5/2008, ore 17:00 - Biblioteca comunale di Como, piazzetta Venosto Lucati 1

    Quando piovevano bombe. I bombardamenti e la città di Barcellona durante la guerra civile

    Incontro 23 maggio 2008 ore 17.00 - introduzione - Augusto Cantaluppi, ricercatore Associazione italiana volontari di Spagna (Aicvas), I volontari antifascisti comaschi alla guerra di Spagna - Renato Simoni, Fondazione Pellegrini-Canevascini di Bellinzona, I combattenti svizzeri e ticinesi in difesa della Repubblica di Spagna - Antonio Barberini, Centro Buonarroti, I bombardamenti sulle popolazioni civili - Antonio Vanzulli, Istituto di storia contemporanea Perretta, Attività dell’aviazione italiana nella guerra civile spagnola La mostra restera visitabile fino al 29 maggio 2008 negli orari di apertura della Biblioteca Comunale

    Notizia di: Istituto di storia contemporanea "Pier Amato Perretta" - Como


  • 17/5/2008, Vercelli, Auditorium Santa Chiara, corso Libertà, 300

    Anni50anni: il 1958

    Vercelli, 17-25 maggio 2008. Mostra a cura di Laura Manione, realizzata dall’Archivio fotografico Luciano Giachetti - Fotocronisti Baita (associazione costituita dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli", la Città di Vercelli e gli eredi Giachetti). Con la compartecipazione della Città di Vercelli. Inaugurazione sabato 17 maggio, ore 17. Orari: feriali ore 17-19, al mattino aperto per le scuole su prenotazione; festivi ore 10-12 e 17-19; lunedì chiuso.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 16/5/2008, ore 17:00 - Palazzo Panciatichi Via Cavour, 4 Firenze

    GENNAIO 1948: LA REPUBBLICA HA LA SUA COSTITUZIONE. in occasione delle celebrazioni per il 60° della Costituzione

    Il Presidente del Consiglio regionale della Toscana On. Riccardo Nencini ha il piacere di invitare la S.V. all’inaugurazione della mostra documentaria che si terrà Venerdì 16 maggio a Palazzo Panciatichi a Firenze. La mostra rimarrà aperta al pubblico dal 16 maggio al 5 giugno 2008 dalle ore 14,00 alle ore 18,00 nei giorni feriali e dalle 9,00 alle 12,00 il Sabato

    Notizia di: Istituto storico della Resistenza in Toscana - Firenze


  • 16/5/2008, ore 17:00 - Biblioteca comunale di Como, piazzetta Venosto Lucati 1

    Quando piovevano bombe. I bombardamenti e la città di Barcellona durante la guerra civile

    Inaugurazione 16 maggio 2008 ore 17.00 - saluti autorità - Valter Merazzi, Istituto di storia contemporanea "P.A. Perretta" di Como, Il perché di una mostra - Josep Vendrell Gardenyes, Secretari de Relacions Institucionals i Partecipació del Govern de la Generalitat de Catalunya, La Catalogna e la memoria storica della guerra civile - Laura Zenobi, curatrice mostra, Il significato dell’intervento militare italiano nella guerra di Spagna e visita guidata. La mostra restera visitabile fino al 29 maggio 2008 negli orari di apertura della Biblioteca Comunale

    Notizia di: Istituto di storia contemporanea "Pier Amato Perretta" - Como


  • 10/5/2008, Varallo (Vc), sede dell’Isrsc Bi-Vc, via D’Adda, 6

    1948: l’anno della Costituzione

    Varallo, 10-23 maggio 2008. Mostra a cura di Laura Manione e Piero Ambrosio, realizzata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli", con la compartecipazione del Comitato della Regione Piemonte per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione repubblicana e la collaborazione dell’Archivio fotografico Luciano Giachetti - Fotocronisti Baita. Inaugurazione sabato 10 maggio ore 18. Orari di apertura: da lunedì a venerdì ore 9-13 e 15-18.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 10/5/2008, ore 18:00 - Stabilimento Way Assauto, Asti

    "Un secolo di lavoro in Asti"

    Il Circolo Aziendale Way Assauto e l’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea in provincia di Asti hanno allestito la mostra del Centenario della "Waya", per un secolo punto di riferimento della vita economica, politica e culturale della città. La mostra resterà allestita fino al primo giugno 2008 e rappresenta un’occasione unica per conoscere la storia del più grande stabilimento astigiano, della sua produzione diversificatasi nel corso degli anni e dei suoi operai che saranno disponibili per visite guidate alle scuole.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nella provincia di Asti - Asti


  • 6/5/2008, ore 15:30 - Istituto d’arte "P. Toschi", Viale Toschi 1

    "Disegno Fumetto". Primo laboratorio di fumetto sulla Resistenza e la Liberazione.

    Innaugurazione della mostra realizzata dagli studenti delle scuole medie di Parma sotto la supervisione di Leo Ortolani e Andrea Plazzi. La mostra rimarrà aperta marted’ 6 maggio (15,30-18,30) e mercoledì 7 maggio (9-12,30; 15,30-18,00).

    Notizia di: Istituto storico della Resistenza e dell'età contemporanea di Parma - Parma


  • 25/4/2008, Coggiola (Bi), Aula magna Scuola secondaria, piazza XXV aprile

    Partigiani a colori

    Coggiola, 25-30 aprile 2008. Mostra di immagini della Resistenza biellese ricavate da diapositive di Carlo Buratti: probabilmente le uniche immagini a colori della Resistenza realizzate da un operatore italiano. Realizzata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" ed esposta in collaborazione con l’Amministrazione comunale. Orari: venerdì 25 aprile dalle 9.15 alle 12 e dalle 15 alle 19; domenica 27 aprile dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 19; lunedì 28, martedì 29 e mercoledì 30 aprile dalle 20.30 alle 22.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 25/4/2008, Borgosesia (Vc), Pro Loco, via Sesone, 8

    "Oggi ricomincia la vita". Il ritorno dalla Germania degli ex internati militari vercellesi, biellesi e valsesiani

    Borgosesia, 25 aprile - 1 maggio 2008. Mostra realizzata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" con la compartecipazione del Comitato della Regione Piemonte per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione repubblicana e la collaborazione dell’Archivio fotografico Luciano Giachetti - Fotocronisti Baita. Esposta in collaborazione con l’Anpi di Borgosesia. Orari: tutti i giorni ore 16-18; al mattino per le scuole su prenotazione.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 24/4/2008, ore 21:00 - Valfenera (At), Salone comunale

    "A Valfenera, ricordando la Resistenza"

    Inaugurazione della mostra "Con le armi senza le armi – Partigianato piemontese e società civile" e proiezione del documentario "Resistere in collina" (un viaggio dalla nascita del movimento partigiano in provincia di Asti al tragico rastrellamento nazifascista dell’inverno 1944) e del documentario "Pagine resistenti", che conduce, attraverso le parole della letteratura e della memoria, nei luoghi della lotta partigiana tra Langa e Monferrato. Entrambi i filmati sono stati curati dall’Israt.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nella provincia di Asti - Asti


  • 24/4/2008, ore 11:00 - Grosseto, Cassero Mediceo

    Mostra fotografica "Gaetano Salvemini L’uomo, il politico, lo storico" (Cassero Mediceo, 24 aprile, 3 maggio)

    Il 24 aprile alle ore 11, presso il Cassero mediceo, sarà inaugurata la mostra fotografica "Gaetano Salvemini L’uomo, il politico, lo storico", in forma di visita guidata. Saranno presenti Mirko Grasso (curatore della mostra), Giorgio Gentili (Direzione Scolastica Provinciale), Anna Nativi (Assessore alla Pubblica Istruzione della Provincia di Grosseto). L’evento fa parte del programma di iniziative organizzate dall’ISGREC per le celebrazioni del 25 aprile: "Un lungo cammino dall’antifascismo alla democrazia". Alleghiamo il programma.

    Notizia di: Istituto storico grossetano della Resistenza e dell'età contemporanea - Grosseto


  • 22/4/2008, ore 20:45 - Sala consiliare del Comune di Lipomo (CO)

    Attraveso gli occhi dei bambini. Mostrta di disegni e poesie del ghetto di Terezin. 1941-1944

    "I bambini del ghetto immagini, parole e musiche: una storia da conoscere", presentazione a cura di Marinella Fasani dell’Istituto di storia contemporanea Perretta di Como della mostra che rimarrà esposta alla scuola media di Lipomo dal 28 aprile al 10 maggio

    Notizia di: Istituto di storia contemporanea "Pier Amato Perretta" - Como


  • 21/4/2008, ore 17:00 - Bologna, Istituto Storico Parri Emilia-Romagna, via Sant’Isaia n. 20

    Inaugurazione della mostra "Polacchi a Bologna. Il 2° Corpo Polacco in Emilia-Romagna 1945-1946"

    Dal 21 aprile al 14 maggio 2008, l’Istituto Parri ospita la mostra "Polacchi a Bologna. Il 2° corpo polacco in Emilia-Romagna 1945-1946", promossa dall’Associazione culturale italo-polacca Malwina Ogonowska. Un percorso fotografico inedito, arricchito da filmati anch’essi poco noti in Italia, racconta la vicenda del 2° Corpo Polacco nella seconda guerra mondiale, prima unità alleata ad entrare a Bologna dopo la fuga dei tedeschi (21 aprile 1945). Il percorso si sofferma anche sulla vita di tanti militari polacchi che scelsero di restare a Bologna nel dopoguerra. Inaugurazione lunedì 21 aprile 2008, alle ore 17 presso la Sala ex Refettorio dell’Istituto Parri, in via Sant’Isaia n. 20 a Bologna. Fino al 14 maggio gli orari saranno i seguenti: dal lunedì al venerdì, dalle 16 alle 19; il sabato, dalle 10 alle 13. Info tel 051 3397211; mail istituto@istitutoparri.it

    Notizia di: Istituto storico Parri - Bologna


  • 19/4/2008, Trino (Vc), Biblioteca civica

    Dai sentieri della libertà a Vercelli liberata

    Trino, 19-25 aprile 2008. Mostra realizzata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli", in collaborazione con la Regione Piemonte e l’Archivio fotografico Luciano Giachetti - Fotocronisti Baita di Vercelli, ed esposta in collaborazione con l’Amministrazione comunale. Inaugurazione sabato 19 aprile ore 15. Orari: da lunedì a venerdì ore 10-12 e 15-18; sabato e domenica ore 10-12.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 19/4/2008, Vercelli, Auditorium Santa Chiara, corso Libertà, 300

    1948: l’anno della Costituzione

    Vercelli, 19-27 aprile 2008. Mostra a cura di Laura Manione e Piero Ambrosio, realizzata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli", con la compartecipazione del Comitato della Regione Piemonte per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione repubblicana e la collaborazione dell’Archivio fotografico Luciano Giachetti - Fotocronisti Baita. Esposta con la compartecipazione della Città di Vercelli e il patrocinio della Prefettura di Vercelli. Inaugurazione sabato 19 aprile ore 17. Orari: feriali ore 17-19, al mattino aperto per le scuole su prenotazione; festivi ore 10-12 e 17-19; lunedì chiuso.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 19/4/2008, Varallo (Vc), sede dell’Isrsc Bi-Vc, via D’Adda, 6

    Una patria di ribelli. Varallesi nella Resistenza

    Varallo, 19 aprile - 4 maggio 2008. Mostra realizzata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli", in collaborazione con l’Anpi di Varallo. Inaugurazione sabato 19 aprile ore 17. Orari: da lunedì a venerdì ore 9-13 e 15-18; sabato e festivi ore 10-12; 15-18.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 19/4/2008, ore 10:30 - Reggio Emilia

    partigiani a scuola: i convitti della Rinascita 1945-1975.

    Anpi Reggio Emilia Alpi-Apc Reggio Emilia Istoreco Istituto pedagogico della Resistenza in collaborazione con Coopsette col patrocinio di comune di Reggio Emilia provincia di Reggio Emilia Cgil-Cisl-Uil Arci sabato 19/04/08, ore 10.30 inaugurazione mostra partigiani a scuola: i convitti della Rinascita 1945-1975. A Reggio Emilia: convitto "Luciano Fornaciari Slim" 1945-1954 Sale Polo archivistico comune di Reggio Emilia chiostri san Domenico via Dante Alighieri, 11, Reggio Emilia saranno presenti Iuna Sassi, assessore alla Scuola comune di Reggio Emilia Gianluca Ferrari, assessore alla Scuola Provincia di Reggio Emilia Rosina Lama Rossi, dirigente del convitto rinascita di varese, Angela Persici, Istituto pedagogico della Resistenza ore 11– Prolusione: Antonio Zambonelli, storico seguirà: aperitivo della Rinascita mostra 19/04/08-11/05/08 orari di apertura: martedì, giovedì, sabato, domenica 10.30-12.30 15.30-18.00 mercoledì, venerdì 10,00-12,30 pomeriggio chiuso lunedì chiuso

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea in provincia di Reggio Emilia - Reggio Emilia


  • 18/4/2008, Trivero (Bi), Sala consiliare del Palazzo comunale, fraz. Ronco, 1

    Negli occhi la libertà. Partigiani e popolazione nelle immagini di "Lucien"

    Trivero, 18-25 aprile 2008. Mostra realizzata con la compartecipazione del Comitato della Regione Piemonte per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione repubblicana e la collaborazione dell’Archivio fotografico Luciano Giachetti - Fotocronisti Baita. Esposta in collaborazione con l’Amministrazione comunale. Inaugurazione: venerdì 18 aprile ore 18.00. Orari: 18 aprile, ore 18-22; 19 aprile, ore 10-12 e 17-19; 20 aprile, ore 10-12; 21 aprile, ore 9-12, 14-17 e 20-22; 22 aprile, ore 9-12 e 14-17; 23-24 aprile, ore 9-12 e 14-16; 25 aprile, ore 8.30-12.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 18/4/2008, ore 10:00 - Modena, Istituto storico - via Ciro Menotti 137

    I primi manifesti elettorali dell’Italia repubblicana: le elezioni del 1948. Settimana della didattica in Archivio

    Durante l’arco della giornata, nell’orario indicato, verranno effettuati percorsi laboratoriali e approfondimenti rivolti alle scuole e alla cittadinanza sulle elezioni politiche del 1948. Questa iniziativa s’inserisce nell’ambito della Settimana della didattica in Archivio, che nasce dall’esigenza di recuperare le proprie radici e di far fronte al presente, avendo a mente il passato e cercando di concretizzare e rendere più "vera" una materia di studio spesso sentita come lontana e astratta, poiché non riconducibile all’esperienza diretta.

    Notizia di: Istituto storico della Resistenza e di storia contemporanea - Modena


  • 15/4/2008, ore 16.00 - Trieste

    "Quando piovevano bombe"

    Martedì 15 aprile 2008, presso la Biblioteca Statale di Trieste, Largo Papa Giovanni XXIII n. 6, I piano, sarà inaugurata la mostra "Quando piovevano bombe. I bombardamenti e la città di Barcellona durante la guerra civile". La mostra rimarrà aperta al pubblico dal 15 aprile al 10 maggio con i seguenti orari: Lunedì-Venerdì ore 9-18; Sabato ore 9-12.

    Notizia di: Istituto regionale per la storia della Resistenza e dell'Età contemporanea nel Friuli Venezia Giulia - Trieste


  • 20/3/2008, ore 18:00 - Ancona, Biblioteca Comunale "F. Podesti"

    Ancona. "L’onda visionaria". La città di Ancona nell’opera di Valeriano Trubbiani

    Inaugurazione della Mostra dei disegni inediti e presentazione del volume. giovedì 20 marzo 2008, ore 18. Ancona, Pinacoteca Comunale "F. Podesti". Apertura Mostra dal 20 marzo al 18 maggio 2008 - orario Pinacoteca Iniziativa promossa in collaborazione con il Comune e la Provincia di Ancona

    Notizia di: Istituto regionale per la storia del movimento di liberazione nelle Marche - Ancona


  • 14/3/2008, ore 00:00 - Fondotoce di Verbania

    I COLORI DELLA MEMORIA

    L’Associazione Casa della Resistenza e l’Istituto storico della Resistenza e della società contemporanea nel Novarese e nel VCO "P. Fornara" promuovono dal 14 marzo al 25 aprile prossimi una mostra di opere d’arte. La mostra è aperta al pubblico alla Casa della Resistenza di Fondotoce di Verbania dal martedì alla domenica dalle ore 15,00 alle ore 18,30 "Se voi volete andare in pellegrinaggio nel luogo dove è nata la nostra Costituzione, andate nelle montagne dove caddero i partigiani, nelle carceri dove furono imprigionati, nei lager dove furono sterminati. Dovunque è morto un italiano per riscattare la libertà e la dignità, andate lì, o giovani, col pensiero, perché lì è nata la nostra Costituzione". Le parole di Piero Calamandrei fanno da sfondo a questa rassegna di opere d’arte di varia natura e provenienza, allestita per proporre ai visitatori un itinerario, semplice ma esemplare, fra diverse espressioni e rappresentazioni sul significato della memoria. Si tratta di un percorso tra sensibilità e forme espressive dissimili, a volte distanti, ma comunque in grado di suscitare, attraverso le immagini, emozioni e il ricordo di quel momento storico contrassegnato da grandi ideali e da altrettante tragedie, dalla violenza, dal sacrificio e al contempo dalla speranza. Accostarsi alla mostra senza pregiudizi di natura estetica crediamo sia la chiave per apprezzare il lavoro di chi ha voluto rendere un omaggio, puro e semplice, a tutti coloro che si batterono per sconfiggere la dittatura nazifascista. Duplice la provenienza delle opere. Accanto ai quadri, ai disegni, alle grafiche di noti e meno noti artisti che tra il 1986 e il 1999 donarono all’Istituto storico "P. Fornara" un loro lavoro, una loro idea, per la produzione e distribuzione agli studenti di una cartolina commemorativa, vengono esposti altrettanti lavori donati nel tempo alla Casa della Resistenza per arricchirne il patrimonio culturale e lasciare tangibile testimonianza di adesione ai valori custoditi.

    Notizia di: Istituto storico della Resistenza e della società contemporanea nel Novarese e nel Verbano Cusio Ossola "Piero Fornara" - Novara


  • 7/3/2008, Varallo (Vc), sede dell’Isrsc Bi-Vc, via D’Adda, 6

    Sguardi alla pari

    Varallo, 7-21 marzo 2008. Mostra a cura di Laura Manione, realizzata dall’Archivio fotografico Luciano Giachetti - Fotocronisti Baita con la compartecipazione della Regione Piemonte. Esposta dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli". Inaugurazione: venerdì 7 marzo ore 16.30. Orari: da lunedì a venerdì ore 9-13 e 15-18.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 7/3/2008, ore 18.00 - Ca’ Pesaro- Galleria internazionale d’arte, Venezia

    Valeria D’Albera. Alchimie veneziane

    Dall’8 marzo al 27 aprile

    Notizia di: Istituto veneziano per la storia della Resistenza e della società contemporanea - Venezia


  • 22/2/2008, Modena-Carpi

    Ricordando l’esodo giuliano - dalmata. Modena - Carpi 1945-1970

    Rimarrà aperta fino al 31 marzo 2008 la mostra "Profughi nel silenzio. Gli esuli giuliano-Dalmati a Modena e Carpi" allestita a Modena, presso il Palazzo dei Musei in Largo Sant’Agostino, e a Carpi nel ex Campo di Fossoli

    Notizia di: Istituto storico della Resistenza e di storia contemporanea - Modena


  • 9/2/2008, Varallo (Vc), sede dell’Isrsc Bi-Vc, via D’Adda, 6

    Fascismo, foibe, esodo. Le tragedie del confine orientale

    Varallo, 9-29 febbraio 2008. Mostra realizzata dalla Fondazione memoria della deportazione di Milano, esposta dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli", con la compartecipazione del Comitato della Regione Piemonte per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione repubblicana. Inaugurazione: sabato 9 febbraio ore 17.30. Orari di apertura: da lunedì a venerdì ore 9-13 e 15-18.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 9/2/2008, Vercelli, atrio del Palazzo comunale

    L’Istria, l’Italia, il mondo. Storia di un esodo: istriani, fiumani, dalmati in Piemonte

    Vercelli, 9-16 febbraio 2008. Mostra a cura di Enrico Miletto, realizzata da Istituto piemontese per la storia della Resistenza e della società contemporanea "Giorgio Agosti" e da Istituto storico della Resistenza e della società contemporanea nel Novarese e nel Verbano Cusio Ossola "Piero Fornara", in compartecipazione con Regione Piemonte, Provincia di Torino, Associazione nazionale Venezia Giulia e Dalmazia e Provincia di Novara. Esposta dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli", con la compartecipazione del Comitato della Regione Piemonte per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione repubblicana e la collaborazione della Città di Vercelli. Inaugurazione: sabato 9 febbraio, ore 11. Visitabile negli orari di apertura del Palazzo comunale.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 9/2/2008, ore 9.00 - Modena - Carpi

    Profughi nel silenzio. Gli esuli giuliano-Dalmati a Modena e Carpi

    La mostra, Profughi nel silenzio. Gli esuli giuliano-Dalmati a Modena e Carpi, realizzata attraverso la raccolta di materiale documentario e iconografico, si pone come strumento attraverso il quale conoscere l’esperienza modenese dell’esodo: dall’arrivo dei profughi alla loro permanenza nel tessuto locale. Il percorso espositivo si propone di ricostruire non solo la realtà modenese, con precisi riferimenti al contesto nazionale, ma anche la storia di alcuni nuclei famigliari narrata attraverso ricordi, fotografie e documenti inediti messi a disposizione dai protagonisti stessi dell’ esodo. La mostra, che si inserisce tra gli eventi organizzati per la quarta Giornata del Ricordo, potrà essere visitata anche dalle scuole della provincia di Modena per le quali si prevedono visite guidate e incontri di approfondimento con esperti.

    Notizia di: Istituto storico della Resistenza e di storia contemporanea - Modena


  • 8/2/2008, ore 16:30 - Torino

    Celebrazioni a Torino del Giorno del Ricordo 2008

    Venerdì 8 febbraio 2008, nell’ambito delle celebrazioni del Giorno del Ricordo 2008, presso la sala conferenze del Museo Diffuso della Resistenza della Deportazione, della Guerra dei Diritti e della Libertà, c.so Valdocco 4/a, Torino, alle ore 16,30, inaugurazione della mostra Vedere è pensare. Rovigno negli anni Venti e Trenta nelle fotografie di Massimo Sella, a cura di Marina Itolli e Selina Sella Marsoni; alle ore 18,00, presentazione del volume Donne di frontiera. Vita società cultura lotta politica nel territorio del confine orientale italiano nei racconti delle protagoniste (1914-2006), a cura di Gabriella Musetti, Silvana Lampariello Rosei, Marina Rossi, Dunja Nanut.

    Notizia di: Istituto piemontese per la storia della Resistenza e della società contemporanea - Torino


  • 27/1/2008, ore 11.00 - Milano, Museo di storia contemporanea, via S. Andrea 6

    Dal lager. Disegni di Lodovico Belgioioso

    In occasione del giorno della memoria, domenica 27 gennaio 2008 ha luogo l’inaugurazione della mostra, allestita per iniziativa delle Raccolte storiche del Comune di Milano insieme ad altri enti tra cui l’Istituto lombardo di storia contemporanea e la Fondazione Memoria della Deportazione. La mostra costituisce una straordinaria testimonianza della vita all’interno di un lager nazista: espone i disegni fatti dall’architetto Lodovico Belgioioso durante la sua deportazione. Sopravvissuto al lager, Belgioioso nel 1954 fu chiamato alla Scuola superiore di architettura di Venezia per l’insegnamento di Architettura degli interni; a lui si deve l’allestimento del Museo-Monumento al deportato politico e razziale di Carpi, inaugurato nel 1973. La mostra resterà aperta dal 29 gennaio al 9 marzo.

    Notizia di: Istituto lombardo di storia contemporanea - Milano


  • 27/1/2008, Istituto comprensivo Varese 3 A.Vidoletti, Varese

    I segni della memoria

    Dal 27 gennaio al 5 febbraio 2008, presso l’Istituto comprensivo Varese 3 «A.Vidoletti», si terrà la mostra «I segni della memoria», un’esposizione di opere creative a tecnica libera realizzate dagli studenti delle scuole primarie e secondarie della provincia di Varese. L’evento è organizzato con il patrocinio dell’Ufficio scolastico provinciale di Varese.

    Notizia di: Istituto varesino per la storia dell'Italia contemporanea e del movimento di liberazione - Varese


  • 26/1/2008, Gaglianico (Bi), Auditorium comunale, via XX settembre, 10

    "Oggi ricomincia la vita". Il ritorno dalla Germania degli ex internati militari vercellesi, biellesi e valsesiani

    Gaglianico, 26 gennaio - 3 febbraio 2008. Mostra realizzata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" con la compartecipazione del Comitato della Regione Piemonte per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione repubblicana e la collaborazione dell’Archivio fotografico Luciano Giachetti - Fotocronisti Baita. Esposta in collaborazione con l’Amministrazione comunale. Inaugurazione: sabato 26 gennaio ore 17. Orari: da lunedì a venerdì 8.30-12.30 e 15-17.30; sabato e festivi 10-12 e 15-19.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 26/1/2008, ore 10:00 - Ovada (Al)

    Il Giorno della Memoria 2008 a Ovada. "Non avevamo ancora cominciato a vivere".

    In occasione del Giorno della Memoria sabato 26 gennaio alle ore 10.00 a Ovada - Loggia di San Sebastiano sarà inaugurata la mostra "Non avevamo ancora cominciato a vivere. Voci e immagini dei campi di concentramento per giovani di Moringen ed Uckermark".

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea della provincia di Alessandria - Alessandria


  • 26/1/2008, ore 16:00 - Arquata Scrivia (Al)

    Il Giorno della Memoria 2008 ad Arquata Scrivia. "La vita è bella".

    In occasione del Giorno della Memoria sabato 26 gennaio alle ore 16.00 ad Arquata Scrivia - Sala Polivalente Comunale, via B. Buozzi ex Iuta, sarà inaugurata la mostra didattica culturale di Ando Gilardi "La vita è bella".

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea della provincia di Alessandria - Alessandria


  • 26/1/2008, San Gemini (Tr), Biblioteca municipale, Sala multimediale

    1938-1945. la persecuzione degli ebrei in Italia

    Nel periodo 26 gennaio -10 febbraio il Comune di San Gemini con il patrocinio dell’Isuc allestisce l’omonima mostra curata dallo Studio Pro Forma.

    Notizia di: Istituto per la storia dell'Umbria contemporanea - Perugia


  • 25/1/2008, Andorno Micca (Bi), Sala della Pinacoteca comunale

    "E da lì è incominciata la nostra odissea...". Luoghi e storie di deportazione vercellese, biellese e valsesiana

    Andorno Micca, 25-31 gennaio 2008. Mostra realizzata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli", con la compartecipazione del Comitato della Regione Piemonte per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione repubblicana ed esposta in collaborazione con la scuola media di Andorno Micca. Inaugurazione: venerdì 25 gennaio, ore 10.30. Orari: sabato ore 15-19; domenica ore 10-12 e 15-19; da lunedì a giovedì visite su prenotazione alla segreteria della scuola media.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 24/1/2008, ore 17:00 - Torino

    Inaugurazione della mostra sull’archivio di Germano Facetti: "(R)esistere per immagini. Germano Facetti dalla rappresentazione del Lager alla storia del XX secolo"

    Giovedì 24 gennaio, in occasione delle celebrazioni della Giornata della Memoria 2008, alle ore 17:00 inaugurazione della mostra sull’archivio di Germano Facetti: "(R)esistere per immagini. Germano Facetti dalla rappresentazione del Lager alla storia del XX secolo", presso il Museo Diffuso della Resistenza della Deportazione, della Guerra dei Diritti e della Libertà, C.so Valdocco 4A Torino.

    Notizia di: Istituto piemontese per la storia della Resistenza e della società contemporanea - Torino


  • 24/1/2008, ore 10:00 - Verbania - Casa della Resistenza di Fondotoce

    La persecuzione degli ebrei in Italia e in Svizzera 1938-1945

    Per l’edizione 2008 del Giorno della Memoria due mostre e un convegno sulla persecuzione degli ebrei in Italia e in Svizzera (1938-1945) Organizza l’Associazione Casa della Resistenza di Fondotoce, Cdec, Archivio di Stato di Bellinzona, con il Contributo di Regione Piemonte, Consiglio Regionale del Piemonte, Comitato per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione repubblicana, Istituto storico "P. Fornara"; e il patrocinio di Provincia del VCO e Comune di Verbania Programma Moderatrice prof. Irene Magistrini Vice Presidente Associazione Casa della Resistenza ore 10.00 Saluti di Vittorio Beltrami Presidente Associazione Casa della Resistenza Interverranno dott. Domenico Cuttaia Prefetto del Verbano Cucio Ossola dott. Paolo Ravaioli Presidente della Provincia del Verbano Cusio Ossola dott. Claudio Zanotti Sindaco di Verbania Relatore ufficiale dott.ssa Francesca Pozzoli Ricercatrice ore 11.30 Inaugurazione delle Mostre 1938-1945 La persecuzione degli ebrei in Italia La Svizzera e la persecuzione degli ebrei in Italia 1938-1945 Le mostre 1938-1945 La persecuzione degli ebrei in Italia Una Mostra a stampa della Fondazione Centro di Documenta­zione Ebraica Contemporanea CDEC. La Mostra illustra, con impostazione scientifica e completezza storica, la persecuzione degli ebrei in Italia dal 1938 al 1945. Essa ricostruisce tanto la fase della minorazione dei diritti e della per­secuzione sociale, attuate dal 1938 al 1943 sotto il governo fasci­sta del Regno d’Italia, quanto la fase degli arresti, della deportazione e dello sterminio, attuati dal settembre 1943 alla Li­berazione nelle regioni poste sotto l’occupazione tedesca e la Re­pubblica Sociale Italiana. La Svizzera e la persecuzione degli Ebrei in Italia, 1938-1945 Una mostra a stampa realizzata da Archivio di Stato - Biblioteca cantonale, Bellinzona; Centro di storia della Svizzera "Bruno Caizzi", Università degli Studi di Milano; Associazione per la storia delle culture religiose nella Svizzera Italiana, Lugano. La mostra si sofferma in particolare sugli atteggiamenti verso i perseguitati razziali assunti dalle popolazioni e dalle autorità dei cantoni alla frontiera meridionale (Ticino, Grigiori e Villese) alla fine degli anni Trenta e negli anni della seconda guerra mondiale. Al centro di questa parte vi sono quindi le questioni dell’afflusso di rifugiati, del diritto d’asilo, del rifiuto o dell’accoglienza degli stranieri. Questa parte affronta però anche i temi più generali della presenza ebraica in Svizzera, del riconoscimento del diritto di cittadinanza agli ebrei e delle varie forme di antisemitismo manifestatesi nel Paese. Orario visite: dal 24 gennaio al 24 febbraio Nelle ore di apertura della Casa della Resistenza 9.00/12.00 -15.00/18.00 dal martedì alla domenica

    Notizia di: Istituto storico della Resistenza e della società contemporanea nel Novarese e nel Verbano Cusio Ossola "Piero Fornara" - Novara


  • 19/1/2008, Biella, Museo del Territorio, via Quintino Sella

    Porrajmos: altre tracce sul sentiero per Auschwitz

    Biella, 19 gennaio - 3 febbraio 2008. Mostra realizzata dall’Istituto di Cultura Sinta di Mantova e dall’Associazione Nevo Drom di Bolzano. È prevista anche la proiezione del documentario "Hugo", realizzato da Giovanna Boursier e inserito nel doppio dvd "A forza di essere vento. Lo sterminio nazista degli Zingari", e una mostra bibliografica. L’esposizione fa parte di una serie di iniziative organizzate dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" in occasione del Giorno della Memoria, nell’ambito del progetto "Persecuzione razziale, deportazione e sterminio di rom e sinti", con la compartecipazione del Comitato della Regione Piemonte per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione repubblicana e il patrocinio di Provincia di Biella e Città di Biella. Inaugurazione: sabato 19 gennaio, ore 17.30. Orari di apertura: da martedì a giovedì ore 15-19; venerdì ore 15-22; sabato e domenica ore 10-19; da martedì a venerdì al mattino per le scuole su prenotazione; chiuso il lunedì.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 19/1/2008, ore 18:30 - Palazzo dell’ex Ateneo, P.zza Duomo, Città Alta, Bergamo

    Primo Levi, i giorni e le opere - Inaugurazione della mostra

    In occasione della Giornata della Memoria 2008 l’Isrec, in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura del comune di Bergamo e con il sostegno di alcune librerie della città, accoglie la mostra itinerante Primo Levi, i giorni e le opere, che viene ospitata per la prima volta in Lombardia, dopo essere stata portata alla Casa delle Letterature di Roma e a Belgrado. La mostra, prodotta dal Centre d’Histoire de la Résistance et de la Déportation di Lione per cura di Philippe Mesnard e Carlo Saletti, è stata presentata a Torino dal Museo Diffuso della Resistenza, della Deportazione, dei Diritti e della Libertà, nella versione italiana realizzata da Alberto Cavaglion ed Elisabetta Ruffini. La mostra non solo intende ricordare Levi nel ventennale della sua morte (11 aprile 1987), ma lo ripensa come uno dei più significativi intellettuali del Novecento che grazie alla scrittura rielabora l’esperienza concentrazionaria e stabilisce un dialogo con la società a cui sottopone le proprie riflessioni sul passato e sul presente.Un’occasione per conoscere la figura di Primo Levi attraverso una complessa tessitura di immagini e di situazioni: il chimico, lo scrittore, il testimone, l’editorialista e il drammaturgo. A questo proposito la mostra presenta la ricostruzione in video (a cura di Lorenzo Barello, Pietro Crivellaro e Michele Sessa del Teatro Tascabile di Torino) della riduzione teatrale di Se questo è un uomo del 1966 per la regia di Gianfranco De Bosio. L’arrivo della mostra sarà l’occasione per ricostruire con materiale documentale e fotografico, pressochè inedito, l’attribuzione del Premio Bergamo a Primo Levi per "La chiave a stella" e ricordare la sua visita alla città nel settembre del 1979 per ritirare il premio. La ricerca e l’organizzazione delle attività proposte alle scuole che visiteranno la mostra sono state curate da Matteo Cavalleri, Elisabetta Ruffini ed Elisabetta Zonca dell’Isrec Bg. La mostra resterà aperta dal 20 gennaio al 3 febbraio 2008 con i seguenti orari: da lunedì a vernerdì 17:00-19:00; sabato e domenica 10:30-13:30/16:00-20:00. Per info: isrecbg@iol.it, tel. 035 238849.

    Notizia di: Istituto bergamasco per la storia della Resistenza e dell'età contemporanea - Bergamo


  • 14/1/2008, Varallo (Vc), sede dell’Isrsc Bi-Vc, via D’Adda, 6

    "...il filo spinato ti lacera anche la mente..."

    Varallo, 14 gennaio - 1 febbraio 2008. Mostra di disegni realizzati dal pittore vercellese Renzo Roncarolo, ex internato nei lager tedeschi durante la seconda guerra mondiale, esposta dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli". Orari: da lunedì a venerdì ore 9-13 e 15-18.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 13/1/2008, Mantova (Fruttiere di Palazzo te)

    La nazione dipinta. Storia di una famiglia tra Mazzini e Garibaldi

    Il 13 gennaio 2008 termina l’esposizione organizzata dal Centro Internazionale d’Arte e di Cultura di Palazzo Te e dall’Istituto Mantovano di Storia Contemporanea, nella quale a Palazzo Te a partire dal 14 ottobre 2007 sono messi in mostra i temi della storia italiana della seconda metà dell’Ottocento e i capolavori dei più importanti protagonisti della pittura del XIX secolo. Nel comunicato stampa allegato (150 kb) si può leggere una descrizione più dettagliata della mostra. All’indirizzo www.centropalazzote.it orari e costo del biglietto. Nello stesso periodo presso il Museo della Città nel Palazzo San Sebastiano l’amministrazione comunale di Mantova promuove la mostra "I leoni di Garibaldi. Garibaldi e i garibaldini delle terre mantovane nelle Collezioni Civiche", la quale si propone di illustrare l’eccezionale influenza che Garibaldi esercitò nel Mantovano (per informazioni 0376.367087).

    Notizia di: Istituto mantovano di storia contemporanea - Mantova


  • 14/12/2007, ore 18:00 - Bologna, Istituto Storico Parri Emilia-Romagna, via S.Isaia 20

    QUAM PLOVIEN BOMBES-QUANDO PIOVEVANO BOMBE. I bombardamenti e la città di Barcellona durante la guerra civile.

    La mostra è stata organizzata dal Comune di Barcellona in collaborazione con il Museu d’Història de Catalunya e promossa dalla Direcció general de la Memòria Democratica, in collaborazione con l’Istituto Storico Parri Emilia-Romagna. L’Istituto ospita una mostra e un appuntamento culturale di grande importanza. Infatti, per la Catalogna e per Barcellona la memoria della Guerra civile e delle continue incursioni aeree è considerata di particolare rilievo. Inoltre, tale mostra si svolge nel momento in cui la Spagna democratica ha deciso di affrontare, tanto sul piano culturale che su quello legislativo, il proprio passato di guerra e di dittatura. Il bombardamento di Barcellona è stato il primo sistematico ai danni di una città moderna. Il noto caso di Guernica, divenuto simbolico, era limitato ad un pur drammaticissimo episodio, e ad una piccola città. Barcellona ha subito 385 allarmi tra il 13 febbraio 1937 e il 25 gennaio 1939, nel corso di una nuova forma di guerra, la guerra totale, che sarebbe divenuta la cifra della seconda guerra mondiale. Il culmine fu raggiunto tra la notte del 16 e il primo pomeriggio del 18 marzo 1938, quando si ebbero più di quaranta ore di bombardamenti, distribuiti in dodici attacchi. Un altro grave motivo di importanza di questa mostra è dato dalla considerazione che le incursioni aeree su Barcellona sono state condotte dall’aviazione italiana fascista, che era di stanza alle Baleari. E ancora, che il potere franchista alle Baleari era guidato da un bolognese, Arconovaldo Bonaccorsi. Ma Bologna ha avuto un ruolo anche nella lotta al fascismo iberico: allo stato attuale è certa la presenza in Ispagna di almeno 166 combattenti volontari antifascisti provenienti da Bologna, 40 dei quali caddero combattendo, gli altri avrebbero poi avuto un ruolo nelle Resistenze italiana ed europee. Interverranno all’inaugurazione: - il Presidente dell’Istituto Storico Parri Emilia-Romagna, Giuseppe Giampaolo - un rappresentante del Sindaco di Bologna - Gabriella Ercolini, Consigliere regionale in rappresentanza del Presidente della Regione Emilia-Romagna le Autorità catalane - Josep Vendrell Gardenyes, Secretari de Relacions Institucionals i Participació del Govern de la Generalitat de Catalunya - Josep Ignasi Sardà Rico, Cap d’àrea de difussió, projectes i assessorament històric gli studiosi, per illustrare le ragioni storiche e culturali della mostra, - Claudio Venza, Università di Trieste - Carmelo Adagio, rivista "Spagna Contemporanea" - Luca Alessandrini, Direttore dell’Istituto Storico Parri Emilia-Romagna Seguirà la visita alla mostra guidata dai curatori - Xavier Domènech Sampere e Laura Zenobi, Universitat Autònoma de Barcelona L’esposizione resterà aperta al pubblico da venerdì 14 dicembre 2007 al 24 gennaio 2008. Sede dell’esposizione: ex Refettorio di San Mattia, Via S.Isaia 20. Orari: da lunedì a venerdì ore 16-19 (la mattina apertura su prenotazione per gruppi organizzati e scolaresche), sabato ore 10-13. Gli orari sono i medesime del Museo della Resistenza, la cui visita può essere utilmente complementare alla visita dell’esposizione.

    Notizia di: Istituto storico Parri - Bologna


  • 7/12/2007, ore 17:00 - Vercelli, Auditorium Santa Chiara, corso Libertà, 300

    Sguardi alla pari

    Vercelli, 7-23 dicembre 2007. Mostra a cura di Laura Manione realizzata dall’Archivio fotografico Luciano Giachetti - Fotocronisti Baita (associazione costituita dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli", la Città di Vercelli e gli eredi Giachetti), con la partecipazione della Città di Vercelli. Inaugurazione venerdì 7 dicembre ore 17. Orari: feriali ore 17-19; al mattino aperto per le scuole su prenotazione; festivi ore 10-12 e 17-19; lunedì chiuso.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 7/12/2007, ore 10:00 - Polo Museale della Cartiera Papale di Ascoli Piceno

    Viaggio intorno a Primo Levi - Mostra foto-documentaria

    Istituto provinciale per la Storia del Movimento di Liberazione nelle Marche e dell’Età Contemporanea di Ascoli Piceno Provincia di Ascoli Piceno Assessorato alla Cultura, Beni culturali e Pubblica Istruzione Ministero della Pubblica Istruzione in collaborazione con Fondazione Fossoli, Carpi (Mo)-Fondazione Villa Emma - Ragazzi ebrei salvati, Nonantola (Mo) Viaggio intorno a Primo Levi una mostra foto-documentaria Ascoli Piceno Musei della Cartiera Papale 7 dicembre 2007 - 10 gennaio 2008 Apertura: Lun - Ven 09.30\12.30 (il pomeriggio verranno accolti solo gruppi su prenotazione) Sab – Dom 09.30\12.30 – 16.00/19.00 In occasione del ventennale della scomparsa di Primo Levi (11 aprile 1987), la Provincia di Ascoli Piceno e l’Istituto per la Storia del Movimento di Liberazione nelle Marche e dell’Età Contemporanea di Ascoli Piceno propongono una ricognizione sulla figura intellettuale, sul ruolo di testimone della deportazione e sull’opera letteraria di Primo Levi. In diversi momenti, e con varie modalità di comunicazione, ci si rivolgerà agli insegnanti, agli studenti e al pubblico più generale, tentando di far emergere l’itinerario umano e culturale di una personalità tra le più alte del Novecento. Inaugurazione della mostra Venerdì 7 dicembre 2007 ore 10,00 Ascoli Piceno - Sala multimediale dei Musei della Cartiera Papale Interverranno: Massimo Rossi, Presidente della Provincia di Ascoli Piceno Olimpia Gobbi, Assessore alla Cultura, Beni Culturali e Pubblica Istruzione Carlo Saletti, Università di Mantova Costantino Di Sante, Presidente ISML Ascoli Piceno

    Notizia di: Istituto provinciale per la storia del movimento di liberazione nelle Marche - Ascoli Piceno


  • 1/12/2007, ore 17:00 - Varallo (Vc), sede dell’Isrsc Bi-Vc, via D’Adda, 6

    1947: l’anno della Costituente

    Varallo, 1-21 dicembre 2007. Mostra realizzata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" in collaborazione con l’Archivio fotografico Luciano Giachetti - Fotocronisti Baita e con la compartecipazione del Comitato della Regione Piemonte per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione repubblicana. Inaugurazione sabato 1 dicembre ore 17. Orari: da lunedì a venerdì ore 9-13 e 15-18.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 26/11/2007, Ancona Mole Vanvitelliana

    Guerrieri in erba. la scuola fascista in provincia di Ancona

    Mostra documentaria 17 novembre-2 dicembre 2007 Inaugurazione e presentazione del catalogo Ancona, Mole Vanvitelliana, sabato 17 novembre 2007, ore 17.30 Interventi Stefania Ragnetti, Assessore Comune di Ancona Carla Virili, Assessore Provincia di Ancona Ercole Sori, Università Politecnica delle Marche Giancarlo Sonnino, Liceo Scientifico Galilei di Ancona Ideazione e allestimento della Mostra Sandro Censi, Carla Marcellini, Giacomo Sonnino Iniziativa in collaborazione con il Comune e la Provincia di Ancona Orario di apertura mattino: tutti i giorni, dalle ore 9 alle ore 12 pomeriggio: venerdì, sabato, domenica, dalle ore 16 alle ore 19 chiuso il lunedì Informazioni e prenotazione visite guidate IRSMLM 071-202271 e 071-2071205

    Notizia di: Istituto regionale per la storia del movimento di liberazione nelle Marche - Ancona


  • 23/11/2007, Sede del Cidra, Via dei Mille, 26 - Imola

    Sotto il nome di Garibaldi: 1936-1948, momenti di storia degli italiani

    Nell’occasione del bicentenario della nascita di Giuseppe Garibaldi e in concomitanza con le iniziative della Bim e degli altri istituti cittadini, il C.I.D.R.A. allestisce presso la propria sede in via dei Mille 26 una mostra con materiali tratti dai propri fondi archivistici, fotografici e librari. Nella sala a piano terra sono esposti nove pannelli. Si tratta per lo più di foto relative a persone e fatti imolesi, ma anche di documenti, alcuni dei quali provenienti da fondi appena acquisiti e in corso di inventariazione. Una breve traccia storica inquadra le immagini. Altri documenti e cimeli sono esposti in originale, mentre sono segnalate le sezioni attinenti a questi temi presenti nella mostra permanente al primo piano dell’istituto. Ne emerge che l’immagine e il nome di Garibaldi furono nel Novecento un riferimento costante dei movimenti popolari antifascisti e, associati alla stella a cinque punte, diedero luogo a una simbologia che attraversa i tre momenti individuati. L’eredità che questi movimenti hanno colto e sottolineato di volta in volta nella figura di Garibaldi è stato l’internazionalismo congiunto a uno spirito democratico-patriottico. Alcune immagini proposte, soprattutto per quel che attiene il 1948, contrappuntano questa appropriazione del nome mitico di Garibaldi, rivendicandogli un significato del tutto opposto. L’esposizione è stata curata da Marco Orazi e Giuliana Zanelli con la consulenza e la collaborazione di Elio Gollini e di Giorgio Baroncini. La mostra rimmarà aperta fino al 6 gennaio con i seguenti orari: mar-gio-sab dalle 9.30 alle 12.30

    Notizia di: Cidra, Centro imolese documentazione Resistenza antifascista - Imola


  • 10/11/2007, ore 17:00 - Vercelli, Salone Dugentesco, via G. Ferraris

    1947: l’anno della Costituente

    Vercelli, 10-18 novembre 2007. Mostra realizzata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" in collaborazione con l’Archivio fotografico Luciano Giachetti - Fotocronisti Baita e con la compartecipazione del Comitato della Regione Piemonte per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione repubblicana. Esposta con la partecipazione della Città di Vercelli. Inaugurazione sabato 10 novembre ore 17. Orari: feriali ore 17-19; al mattino aperto per le scuole su prenotazione; festivi ore 10-12 e 17-19.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 10/11/2007, ore 18:00 - Ancona, Sala S. Agostino, Via Cialdini 1

    Generale Anders patriota soldato politico

    Generale Anders patriota soldato politico Mostra fotografica, 16-24 novembre 2007 proveniente dal Museo dell’Esercito Polacco di Bialystok Inaugurazione venerdì 16 novembre 2007, ore 18.00 Ancona, Sala S. Agostino, Via Cialdini 1 Orario di apertura della Mostra 15.30-19.30 per gruppi e scolaresche su appuntamento, 071-5931210 e 071-2071205 Iniziativa in collaborazione con Regione Marche, Provincia di Ancona, Comune di Ancona, Ambasciata Repubblica di Polonia, Associazione Italo-Polacca delle Marche, Comando in Capo DMMA

    Notizia di: Istituto regionale per la storia del movimento di liberazione nelle Marche - Ancona


  • 22/10/2007, Varallo (Vc), sede dell’Isrsc Bi-Vc, via D’Adda, 6

    Anni50anni: il 1957

    Varallo, 22 ottobre - 23 novembre 2007. Mostra a cura di Laura Manione realizzata dall’Archivio fotografico Luciano Giachetti - Fotocronisti Baita (associazione costituita dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli", la Città di Vercelli e gli eredi Giachetti), esposta con il patrocinio della Comunità montana "Valsesia". Orari: da lunedì a venerdì ore 9-13 e 15-18.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 14/10/2007, Mantova (Fruttiere di Palazzo Te)

    La nazione dipinta. Storia di una famiglia tra Mazzini e Garibaldi

    Il Centro Internazionale d’Arte e di Cultura di Palazzo Te e l’Istituto Mantovano di Storia Contemporanea hanno realizzato una esposizione in cui sono messi in mostra i temi della storia italiana della seconda metà dell’Ottocento e i capolavori dei più importanti protagonisti della pittura del XIX secolo a Palazzo Te dal 14 ottobre 2007 al 13 gennaio 2008. Nel comunicato stampa allegato (150 kb) si può leggere una descrizione più dettagliata della mostra. All’indirizzo www.centropalazzote.it orari e costo del biglietto. Nello stesso periodo presso il Museo della Città nel Palazzo San Sebastiano l’amministrazione comunale di Mantova promuove la mostra "I leoni di Garibaldi. Garibaldi e i garibaldini delle terre mantovane nelle Collezioni Civiche", la quale si propone di illustrare l’eccezionale influenza che Garibaldi ha esercitato nel Mantovano (per informazioni 0376.367087).

    Notizia di: Istituto mantovano di storia contemporanea - Mantova


  • 14/10/2007, Mantova

    La nazione dipinta (eventi di approfondimento)

    In occasione delle mostre "La nazione dipinta. Storia di una famiglia tra Mazzini e Garibaldi" e "I Leoni di Garibaldi. Garibaldi e i garibaldini delle terre mantovane nelle Collezioni Civiche" la città di Mantova propone numerosi eventi di approfondimento sui temi risorgimentali e sulle relazioni tra fatti storici e artistici. A Palazzo Te e in altri luoghi storici della città di Mantova, con ingresso gratuito, sono in programma conferenze, presentazioni di libri, proiezioni cinematografiche e letture teatrali. Nell’allegato (68 kb) l’elenco completo.

    Notizia di: Istituto mantovano di storia contemporanea - Mantova


  • 6/10/2007, Vercelli, salone dell’Associazione generale dei lavoratori, via F. Borgogna, 34

    Vercelli, V Circoscrizione: la memoria dei volti

    Vercelli, 6-14 ottobre 2007. Mostra a cura di Laura Manione realizzata dall’Archivio fotografico Luciano Giachetti - Fotocronisti Baita (associazione costituita dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli", la Città di Vercelli e gli eredi Giachetti). In collaborazione con la V Circoscrizione e con la partecipazione dell’Amministrazione comunale. Inaugurazione sabato 6 ottobre ore 17. Orari: da lunedì a venerdì dalle 17 alle 19.30; sabato e domenica dalle 10 alle 12.30 e dalle 17 alle 19.30. Visite guidate per le scuole: da mercoledì a venerdì dalle 10 alle 12.30.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 1/10/2007, ore 18:00 - Napoli, Maschio Angioino, Sala della Loggia

    Dalle Quattro Giornate un impegno per Napoli. Memoria, Cultura, Identità

    In occasione del 64° anniversario delle Quattro Giornate di Napoli, l’ICSR, in collaborazione con il Comune di Napoli, la Provincia di Napoli, la Regione Campania e l’ANPI, renderà omaggio alla figura di Roberto Bracco, con la presentazione della Mostra documentaria e fotografica. Interverranno Abdon Alinovi, Antonio Grieco, Pasquale Iaccio e Aurelia Del Vecchio. Seguirà la rappresentazione teatrale dell’atto unico di R. Bracco "Non fare ad altri", per la regia di R. D’Agostino, con M. D’Innocenzo, R. Catello, G. Lettera, S. Lopiano.

    Notizia di: Istituto Campano per la Storia della Resistenza "Vera Lombardi" - Napoli


  • 1/10/2007, ore 17:00 - Ancona, Sala S. Agostino, Via Cialdini 1

    Ancona, le Marche e la Costituente

    Ancona, le Marche e la Costituente Mostra documentaria in occasione del 60° anniversario della Costituente e della mostra documentaria "Un mare di archivi. L’onda lunga verso la Costituzione" (ospitata a bordo della nave scuola a vela "Palinuro" della M.M. presso il Porto di Ancona dal 2 al 4 ottobre 2007) Inaugurazione 1 ottobre 2007, ore 17 Esposizione ad Ancona, Sala S.Agostino, Via Cialdini 1 dal 2 al 4 ottobre 2007, orario: 10.00-12.00 e 15.00-20.30 dal 5 al 13 ottobre 2007, orario: 15.30-19.30 Iniziativa promossa da Ministero per i beni e le attività culturali-Archivio di Stato di Ancona, Istituto regionale per la storia del movimento di liberazione nelle Marche, Comando in Capo Dipartimento Militare Marittimo dell’Adriatico. Con il patrocinio di Provincia di Ancona, Regione Marche, Comune di Ancona

    Notizia di: Istituto regionale per la storia del movimento di liberazione nelle Marche - Ancona


  • 28/9/2007, ore 17:30 - Napoli, ICSR

    Dalle Quattro Giornate un impegno per Napoli. Memoria, Cultura, Identità

    In occasione del 64° anniversario delle Quattro Giornate di Napoli, l’ICSR, in collaborazione con il Comune di Napoli, la Provincia di Napoli, la Regione Campania e l’ANPI, renderà omaggio alla figura di Raffaele Lippi, con l’inaugurazione della Mostra dei suoi disegni e documenti. Interverranno: Guido D’Agostino, Vitaliano Corbi e Antonio Memoli.

    Notizia di: Istituto Campano per la Storia della Resistenza "Vera Lombardi" - Napoli


  • 8/9/2007, ore 17:00 - Carpi, baracca recuperata ex-campo Fossol

    Il campo di Fossoli da luogo d’internamento a luogo di memoria

    Sabato 8 settembre 2007 alle ore 17.00, presso la baracca recuperata ex-campo Fossoli Carpi, verrà inaugurata la mostra storico-documentaria intitolata Il campo di Fossoli da luogo d’internamento a luogo di memoria. Interverranno: Enrico Campedelli, sindaco di Carpi; Francesco Berti Arnoaldi Veli, presidente Fondazione Fossoli; Introduce Giovanni Taurasi, direttore Fondazione Fossoli. Alle ore 17,30 seguirà la visita guidata alla mostra a cura di Marika Losi, Maria Peri, Elisabetta Ruffini. La mostra è stata relaizzata dalla Fondazione Fossoli, in collaborazione col Comune di Carpi, Istituto storico di Modena, Commissariato generale per le onoranze ai caduti di guerra.

    Notizia di: Istituto storico della Resistenza e di storia contemporanea - Modena


  • 8/9/2007, ore 17:00 - Oleggio (No)

    Inaugurazione nuova sede Anpi Ovest Ticino

    Nei valori della Resistenza le radici e il futuro della democrazia INAUGURAZIONE Sede A.N.P.I. - Sezione Ovest Ticino Sabato 8 settembre 2007 – ore 17 a Villa Trolliet  Viale Paganini, 23 – Oleggio PROGRAMMA Saluto dell’Amministrazione Comunale Sergio Camino  Presidente ANPI sezione Ovest Ticino Piero Beldì  Direttivo Casa della Resistenza di Fondotoce On. Anna Cardano  Presidente ANPI provinciale Novara Per l’occasione verrà esposta la mostra fotografica "Vent’anni di fascismo"; mentre Franco Trincale, il cantastorie che da oltre 40 anni ha messo la sua chitarra e la sua voce al servizio della lotta per la libertà e la giustizia sociale, eseguirà canti della Resistenza e ballate antifasciste. Seguirà un rinfresco

    Notizia di: Istituto storico della Resistenza e della società contemporanea nel Novarese e nel Verbano Cusio Ossola "Piero Fornara" - Novara


  • 31/8/2007, ore 18:00 - Modena, Festa provinciale de l’Unità, Ponte Alto Modena

    "Il cambiamento non viene da solo". Cinquant’anni di Arci a Modena: associazionismo, cultura e solidarietà

    Venerdì 31 agosto 2007 alle ore 18.00 presso la Festa provinciale de l’Unità a Ponte Alto di Modena sarà inaugurata la mostra storica documentaria sui cinquant’anni della nascita dell’Arci a Modena. La mostra rimarrà aperta fino al 24 settembre 2007. Saranno presenti: Greta Barbolini – presidente Arci Modena;Gian Fedele Ferrari – presidente Fondazione Cassa di Risparmio di Carpi; Stefano Bonaccini – segretario provinciale Democratici di sinistra;Margherita becchetti e Ilaria La Fata – curatrici della mostra; Giuliano Albarani – presidente Istituto storico di Modena; On.le Elena Montecchi – sottosegretario al Ministero Beni e attività culturali. Segue aperitivo. La mostra è stata realizzata dal Comitato provinciale Arci Modena, in collaborazione con l’Istituto storico di Modena e con il sostegno di Fondazione Cassa di Risparmio di Carpi.

    Notizia di: Istituto storico della Resistenza e di storia contemporanea - Modena


  • 5/8/2007, ore 19:00 - Barchi, Palazzo del Municipio

    Donne. Fotografia e società femminile nelle terre della Comunità Montana del Metauro (1886-1989)

    Donne. Fotografia e società femminile nelle terre della Comunità Montana del Metauro (1886-1989) Mostra fotografica Patrocinio Ministero Diritti e Pari Opportunità Università degli Studi di Urbino "Carlo Bo"- Istituto di Storia Istituto Regionale per la Storia del Movimento di Liberazione nelle Marche Fondazione Romolo Murri Provincia di Pesaro e Urbino - Assessorato alla Cultura della Regione Marche Inaugurazione domenica 5 agosto 2007, ore 19.00 - Barchi, Palazzo del Municipio

    Notizia di: Istituto regionale per la storia del movimento di liberazione nelle Marche - Ancona


  • 1/8/2007, Varallo (Vc), sede dell’Isrsc Bi-Vc, via D’Adda, 6

    I sentieri della libertà nel Parco naturale Alta Valsesia

    Varallo, 1 agosto - 28 settembre 2007. Mostra realizzata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" in collaborazione con il Parco naturale Alta Valsesia, nell’ambito del progetto Interreg III "La memoria delle Alpi". Orari: da lunedì a venerdì ore 9-13. Chiuso dal 13 al 17 agosto.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 14/7/2007, Varallo (Vc), Villa Virginia, sede della Comunità montana "Valsesia"

    I sentieri della libertà nel Parco naturale Alta Valsesia

    Varallo, 14-22 luglio 2007. Mostra realizzata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" in collaborazione con il Parco naturale Alta Valsesia, nell’ambito del progetto Interreg III "La memoria delle Alpi". Orari: tutti i giorni ore 9-23.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 13/6/2007, ore 17:00 - Roma, Casa della Memoria e della Storia, via S.Francesco di Sales, 5

    ...un mondo di fratelli. Giovanni Banchieri e la famiglia (1890-1964). Dalle lotte sociali del primo dopoguerra alla democrazia

    Inaugurazione della mostra - che resterà aperta fino al 30 giugno 2007 - incentrata sulla storia della famiglia Banchieri, antifascisti, combattenti nella guerra di Spagna, resistenti. Presentazione del volume (anche catalogo della mostra): G.Banchieri, A.Lotto, E.Pajetta (a cura di): "...un mondo di fratelli. Giovanni Banchieri e la famiglia (1890-1964)". Partecipano Silvio di Francia, Giulia Rodano, Gianni Borgna, Luciano Zani, Adriana Lotto, Antonio Bechelloni, Umberto Gentiloni Silveri, Massimo Rendina. In allegato il programma dell’inaugurazione.

    Notizia di: Istituto romano per la storia d'Italia dal fascismo alla Resistenza - Roma


  • 12/6/2007, Casalpusterlengo, ITIS "Cesaris"

    Giovanni Haussmann. Uno scienziato al servizio della terra e dell’uomo

    In occasione della premiazione dei migliori studenti a.s. 2006-2007

    Notizia di: Istituto lodigiano per la storia della Resistenza e dell'età contemporanea - Lodi


  • 7/6/2007, ore 9:00 - Varallo (Vc), sede dell’Isrsc Bi-Vc, via D’Adda, 6

    Come siamo cambiati

    Varallo, 7-15 giugno 2007. Mostra organizzata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli". Esposizione degli elaborati degli alunni delle scuole primarie della Valsesia e della Valsessera, prodotti nell’ambito del progetto didattico "Le migrazioni nel Biellese, Vercellese, Valsesia dopo la seconda guerra mondiale". Orari: da lunedì a venerdì ore 9-13 e 15-18

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 4/5/2007, ore 18:00 - Bologna, Istituto Storico Parri Emilia-Romagna, via S. Isaia, 20

    Mostra di Silvano Chinni "Muta, cum figuris"

    In allegato, l’invito all’ inaugurazione di venerdì 4 maggio ore 18,30 della personale di Silvano Chinni "Muta, cum figuris" che si terrà nella Sala Refettorio dell’ ex Convento di San Mattia presso l’ Istituto Storico Parri Emilia-Romagna in via S. Isaia 20.

    Notizia di: Istituto storico Parri - Bologna


  • 24/4/2007, ore 19:00 - Biella, Museo del Territorio

    Negli occhi la libertà. Partigiani e popolazione nelle immagini di "Lucien"

    Biella, 24 aprile - 20 maggio 2007. Mostra realizzata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" in collaborazione con l’Archivio fotografico Luciano Giachetti - Fotocronisti Baita e il Comitato della Regione Piemonte per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione repubblicana. La mostra è esposta in collaborazione con la Città di Biella. Inaugurazione: martedì 24 aprile, ore 19. Orari: martedì ore 10-13; mercoledì ore 11-15; giovedì ore 15-19; venerdì ore 15-22; sabato e domenica ore 10-12 e 15-19.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 24/4/2007, ore 18 - Palazzo del Podestà, Piazza Cavour, Rimini

    "Per non dimenticare"

    Inaugurazione della mostra di pittura "Per non dimenticare" di Cesare Filippi promossa dall’Istituto per la Storia della Resistenza e dell’Italia Contemporanea e dall’ANPI di Rimini

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e dell'Italia contemporanea della provincia di Rimini - Rimini


  • 24/4/2007, ore 11:00 - Alessandria

    Sui Sentieri della Libertà. Inaugurazione della mostra martedì 24 aprile

    Martedì 24 aprile alle ore 11.00 presso la Galleria Carlo Carrà a Palazzo Guasco in via dei Guasco 49 - Alessandria si terrà la presentazione delle mostre, dei video, delle iniziative e delle pubblicazioni realizzate nell’ambito del progetto Interreg. Alle ore 18.00 brindisi della Liberazione.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea della provincia di Alessandria - Alessandria


  • 22/4/2007, Feltre (BL)

    Mostra fotografica "Un mondo di fratelli. Giovanni Banchieri e la sua famiglia".

    Il 22 aprile l’Istituto ha organizzato, in collaborazione con il Comune di Feltre e la famiglia Banchieri, una mostra fotografica dal titolo "Un mondo di fratelli. Giovanni Banchieri e la sua famiglia". L’apertura della mostra è stata accompagnata dalla presentazione del libro Una famiglia di antifascisti: i Banchieri, edito dall’Istituto a cura di Adriana Lotto. L’intervento di presentazione è stato svolto da Alessandro Casellato, ricercatore presso l’Università di Venezia. La stessa mostra è stata ripresentata il 25 maggio a Quero assieme al libro e quindi a Belluno.

    Notizia di: Istituto storico bellunese della Resistenza e dell'età contemporanea - Belluno


  • 21/4/2007, ore 17:00 - Vercelli, Auditorium Santa Chiara, corso Libertà, 300

    Partigiani a colori

    Vercelli, 21-29 aprile 2007. Mostra realizzata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" ed esposta in collaborazione con la Città di Vercelli. Inaugurazione sabato 21 aprile, ore 17. Orari: feriali ore 17-19; al mattino aperto per le scuole su prenotazione; festivi ore 10-12 e 17-19; lunedì chiuso.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 20/4/2007, ore 17:00 - Varallo (Vc), sede dell’Isrsc Bi-Vc, via D’Adda, 6

    Novara in guerra. 1940-1945

    Varallo, 20 aprile - 11 maggio 2007. Mostra realizzata dall’Istituto storico della Resistenza e della società contemporanea nel Novarese e nel Verbano-Cusio-Ossola "Piero Fornara". Iniziativa organizzata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" in collaborazione con l’Istituto storico della Resistenza e della società contemporanea nel Novarese e nel Verbano-Cusio-Ossola "Piero Fornara" e con il patrocinio della Comunità montana "Valsesia". Inaugurazione venerdì 20 aprile ore 17. Orari: da lunedì a venerdì ore 9-13 e 15-18; 25 aprile ore 15-18; sabati, domeniche, 30 aprile e 1 maggio chiuso.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 17/4/2007, Politecnico di Piacenza, Via Scalabrini 76

    Senza destino. Dati e statistiche della deportazione dal piacentino

    Dal 17 aprile al 25 aprile 2007 l’Isrec presenta i risultati della ricerca sui deportati dalla provincia di Piacenza, realizzata con il contributo della classe IV A del Liceo "M. Gioia". E’ prevista la distribuzione alle scuole del DVD "A FORZA DI ESSERE VENTO" - LO STERMINIO NAZISTA DEGLI ZINGARI - documentario sullo sterminio nazista degli Zingari d’Europa, realizzato da Paolo Finzi ed Edizioni A., con il contributo di Moni Ovadia, Giovanna Boursier, Marcello Pezzetti e Centro di Documentazione Ebraica di Milano, Maurizio Pagani e Giorgio Bezzecchi dell’Opera Nomadi di Milano.

    Notizia di: Istituto storico della Resistenza e dell'età contemporanea di Piacenza - Piacenza


  • 17/4/2007, ore 18:00 - Torino

    Inaugurazione della mostra PRIMO LEVI. I GIORNI E LE OPERE

    Martedì 17 aprile alle ore 18:00, presso il Museo Diffuso della Resistenza della Deportazione, della Guerra dei Diritti e della Libertà, C.so valdocco 4A, Inaugurazione della mostra PRIMO LEVI. I GIORNI E LE OPERE. La mostra sarà aperta dal 18 aprile al 14 ottobre 2007.

    Notizia di: Istituto piemontese per la storia della Resistenza e della società contemporanea - Torino


  • 14/4/2007, ore 11:00 - Bologna, Istituto Storico Parri Emilia-Romagna, via S. Isaia, 20

    Mostra personale di Antonella Toffolo "Gina cammina"

    Sabato 14 aprile alle ore 11 presso la sede dell’Istituto nella sala Refettorio dell’ex Convento di San Mattia, ingresso da via Sant’Isaia 20, sarà inaugurata la Mostra Personale di Alessandra Toffolo con la presenza dell’Autrice. La mostra è promossa in occasione del 62° anniversario della Liberazione dall’Istituto Storico Parri Emilia-Romagna, in collaborazione con Hamelin Associazione Culturale e Centro Fumetto Andrea Pazienza. Saranno esposte le tavole originali del volume Gina Cammina, pubblicato da Alessandra Toffolo nel 2005 per i tipi del Centro Fumetti Andrea Pazienza. Le tavole, disegnate su carta gessata, ricompongono, in una ricerca intima di memoria del proprio passato e di quello di una più vasta collettività, il viaggio che la madre dell’autrice compì da bambina, durante l’occupazione nazifascista, da un piccolo paese dell’appennino modenese verso Firenze, in fuga dalla miseria e dalla guerra. La mostra resterà aperta al pubblico da sabato 14 a lunedì 30 aprile. Sede della Mostra: ex Refettorio di San Mattia, Via Sant’Isaia 20: Orari: da lunedì a venerdì ore 16-19 (la mattina apertura su prenotazione per gruppi organizzati e scolaresche), sabato ore 10-13. Gli orari sono i medesimi del Museo della Resistenza, la cui visita può essere utilmente complementare alla visita della mostra.

    Notizia di: Istituto storico Parri - Bologna


  • 13/4/2007, ore 17:00 - Asti, Centro Culturale San Secondo

    "Il Duce ti manda in vacanza - In Urlaub schickt Dich Dein Fuhrer!"

    L’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea in provincia di Asti, in collaborazione con la Fondazione "Neue Kultur" di Berlino, l’Università di Torino (Dipartimento di Storia), l’Unione Europea e l’Associazione ex deportati polacchi nei Lager nazisti di Varsavia, organizza una mostra documentaria ed una tavola rotonda cui partecipano: Jurgen Rostock (Berlino), "Architettura, tempo libero e fascismi - Un progetto europeo"; Brunello Mantelli (Torino), "L’organizzazione nazista ’Kraft-durch-Freude’ ed i suoi legami con il "Dopolavoro fascista"; Irene Guerrini e Marco Pluviano (ricercatori), "L’Opera Nazionale ’Dopolavoro’ - Storia e funzioni". La mostra rimarrà aperta dal 13 al 28 aprile (dal lunedì al venerdì, dalle ore 15,00 alle ore 19,00)

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nella provincia di Asti - Asti


  • 13/4/2007, ore 12:00 - Salone dei Trecento - Treviso

    Mostra storico-fotografica: La seconda guerra mondiale e la Resistenza nel Trevigiano

    Citta di Treviso – Provincia di Treviso – Istresco Inaugurazione della mostra storico-fotografica: La seconda guerra mondiale e la Resistenza nel Trevigiano La mostra resterà aperta dal 13.aprile al 1 maggio 2007, festivi compresi, con orario 9.00-12.30 e 15.30-19.00

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea della Marca Trevigiana - Treviso


  • 24/3/2007, ore 17:00 - Vercelli, Auditorium Santa Chiara, corso Libertà, 300

    Anni50anni: il 1957

    Vercelli, 24 marzo - 1 aprile 2007. Mostra a cura di Laura Manione, realizzata dall’Archivio fotografico Luciano Giachetti - Fotocronisti Baita (associazione costituita dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli", la Città di Vercelli e gli eredi Giachetti), con la partecipazione della Città di Vercelli. Inaugurazione sabato 24 marzo, ore 17. Orari: feriali ore 17-19; al mattino aperto per le scuole su prenotazione; festivi ore 10-12 e 17-19; lunedì chiuso.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 16/3/2007, ore 18:00 - Cornuda (TV) – Biblioteca Comunale

    Inaugurazione Mostra Storico-fotografica: Il Trevigiano nella Seconda guerra mondiale e nella Resistenza

    Provincia di Treviso, Istresco e FAST (Foto Archivio Storico Trevigiano) hanno realizzato nel 2006 una mostra storico-fotografica sulla Seconda guerra mondiale e la Resistenza narrate a partire dalla realtà locale.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea della Marca Trevigiana - Treviso


  • 15/3/2007, ore 9:00 - Varallo (Vc), sede dell’Isrsc Bi-Vc, via D’Adda, 6

    Dai sentieri della libertà a Vercelli liberata

    Varallo, 15-30 marzo 2007. Mostra realizzata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" in collaborazione con la Regione Piemonte e l’Archivio fotografico Luciano Giachetti - Fotocronisti Baita, nell’ambito del progetto Interreg Italia-Svizzera III "La memoria delle Alpi - I sentieri della libertà". Orari: da lunedì a venerdì ore 9-13 e 15-18.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 3/3/2007, ore 17:00 - Asti, Palazzo Alfieri - Fondazione Guglielminetti

    "Nel silenzio" - Mostra fotografica e presentazione volume

    L’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea in provincia di Asti, in collaborazione con la Biblioteca Astense e con il Comune di Nizza Monferrato, organizza la mostra fotografica "Nel silenzio – Tracce di vita ebraica". Saranno esposte fotografie di Franco Rabino che ha raccontato per immagini tracce di una cultura, quella ebraica, che per la storia astigiana ha avuto un ruolo molto importante. Rabino ha compiuto un viaggio nel silenzio e nella memoria, dove a parlare sono i luoghi, le pietre, le atmosfere, la natura, le luci e le ombre: dal silenzio lentamente qualcosa affiora. E si fa memoria. L’assenza è come il silenzio. Per l’investigatore di emozioni l’assenza è più forte della presenza, il silenzio più forte del rumore. Durante l’inaugurazione verrà anche presentato e distribuito il catalogo fotografico Nel silenzio, con la prefazione di Paolo De Benedetti, pubblicato dalla casa editrice Israt con il Consiglio Regionale del Piemonte – Comitato per l’affermazione dei valori della Resistenza e della Costituzione Repubblicana. La mostra resterà aperta al pubblico fino al 18 marzo 2007.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nella provincia di Asti - Asti


  • 26/2/2007, ore 10,00 - Novara-Dopolavoro ferroviario

    Fascismo Foibe Esodo

    L’Istituto storico della Resistenza "P.Fornara", il Dopolavoro Ferroviario di Novara e il Gruppo pensionati organizzano e presentano la mostra curata dalla Fondazione Memoria della Deportazione di Milano: 1918-1956 la tragedia del confine orientale Fascismo Foibe Esodo allestita presso il Dopolavoro Ferroviario di Novara in Via Leonardo da Vinci 16/a (dietro la Stazione) dal 21 febbraio al 1° Marzo 2007 Orario 10,00-18,00 Ingresso libero L’apertura della mostra sarà preceduta dall’introduzione storica tenuta dall’on. Anna Cardano sulle tematiche del confine orientale: Dal trattato di Rapallo al trattatto di Osimo.

    Notizia di: Istituto storico della Resistenza e della società contemporanea nel Novarese e nel Verbano Cusio Ossola "Piero Fornara" - Novara


  • 24/2/2007, ore 17:30 - Bologna, Istituto Storico Parri Emilia-Romagna, via S. Isaia, 20

    CHALUTZIM. Ebrei piemontesi in Eretz Israel. 1897-1948

    L’Istituto Storico Parri Emilia-Romagna è lieto di invitarLa il 24 febbraio p.v., dalle ore 17,30, presso la propria sede, nella sala del refettorio dell’ex Convento di San Mattia, con ingresso da via Sant’Isaia 20, alla presentazione del libro, del film e della mostra Chalutzim. Ebrei piemontesi in Eretz Israel. 1897-1948, di Marco Cavallarin e Marco Mensa. Partecipano David Bidussa, Fabio Levi, Lucio Pardo, Luca Alessandrini e gli Autori. La mostra sarà aperta dal 24 febbraio al 10 marzo nei seguenti orari: lunedì-venerdì 16-19, sabato 10-13.

    Notizia di: Istituto storico Parri - Bologna


  • 13/2/2007, Asti, Fondazione Eugenio Guglielminetti, Palazzo Alfieri

    "L’Istria, l’Italia, il mondo - Storia di un esodo"

    Mostra fotografica con visite guidate su prenotazione.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nella provincia di Asti - Asti


  • 12/2/2007, Asti

    Mostra : L’Istria, l’Italia, il mondo. Storia di un esodo : istriani, fiumani, dalmati in Piemonte.

    Mostra : L’Istria, l’Italia, il mondo. Storia di un esodo : istriani, fiumani, dalmati in Piemonte. La mostra, progettata dall’Istoreto nel 2005 e curata da Enrico Miletto, sarà esposta : - dal 12 al 28 febbraio, presso la Fondazione Eugenio Guglielminetti, corso Alfieri 375, Asti. A cura dell’ Istituto per la storia della storia della Resistenza e della società contemporanea nella provincia di Asti.

    Notizia di: Istituto piemontese per la storia della Resistenza e della società contemporanea - Torino


  • 10/2/2007, pesaro

    l lavoro nel ’900 nella provincia di Pesaro e Urbino

    Mostra fotografica promossa da CGIL PROVINCIALE DI PESARO E URBINO su progetto scientifico e didattico dell’ISCOP e della BIBLIOTECA-ARCHIVIO "V. BOBBATO" con il patrocinio della PROVINCIA DI PESARO E URBINO Pesaro, 2-13 febbraio 2007 Sala Laurana di Palazzo ducale, P.zza del Popolo orari d’apertura: 8,30-13,30 (per visite scolastiche su prenotazione) 16,00-18,30

    Notizia di: Istituto di storia contemporanea della provincia di Pesaro e Urbino (ISCOP) - Pesaro


  • 5/2/2007, ore 9,30 - Novara - Aula Magna dell’Università - ex caserma Perrone

    L’Istria, l’Italia, il mondo. Storia di un esodo: istriani, fiumani, dalmati in Piemonte

    Mostra e Convegno. In occasione del Giorno del Ricordo 2007, la Regione Piemonte, la Provincia di Novara, l’Istituto presentano la mostra di cui sopra realizzata nel 2005 dall’Istituto di Torino e recentemente ampliata con al cuni pannelli dedicati alla realtà novarese. Come già per Torino la mostra è curata da Enrico Miletto Per l’occasione: Lunedì 5 febbraio alle ore 9,30 - Aula Magna dell’Università - ex caserma Perrone Saluti dei rappresentanti degli enti promotori: Sergio Vedovato, Presidente della Provincia di Novara Mario Valletta, Preside della facoltà di Economia Mauro Begozzi, Direttore dell’Istituto ore 10,00 Interventi di: Gianni Oliva, Assessore alla cultura della Regione Piemonte Enrico Miletto, curatore della mostra Raoul Pupo, Università di Trieste ore 12,30 - Visita alla mostra (che resterà aperta dalle ore 9,00 alle ore 19,00 dal 5 all’8 febbraio)

    Notizia di: Istituto storico della Resistenza e della società contemporanea nel Novarese e nel Verbano Cusio Ossola "Piero Fornara" - Novara


  • 5/2/2007, ore 9:30 - Novara

    Inaugurazione della mostra "L’Istria, l’Italia, il mondo. Storia di un esodo : istriani, fiumani, dalmati in Piemonte",

    Inaugurazione della mostra "L’Istria, l’Italia, il mondo. Storia di un esodo : istriani, fiumani, dalmati in Piemonte.", ampliata con sezioni riguardanti i campi di Tortona e Novara, col patrocinio dell’Assessorato alla Cultura della Regione Piemonte: - 5 febbraio, ore 9,30 : Novara, Aula Magna dell’Università del Piemonte Orientale, via Perrone 18, Novara. Interverranno : Gianni Oliva e Raul Pupo.

    Notizia di: Istituto piemontese per la storia della Resistenza e della società contemporanea - Torino


  • 4/2/2007, Cantalupo Ligure (Al)

    I Sentietri della Libertà, a Cantalupo Ligure

    Domenica 4 febbraio alle ore 12.15 a Cantalupo Ligure presentazione della mostra "I Sentieri della Libertà in Val Borbera" a cura di Mauro Bonelli. Alle ore 12.30 sarà presentata la mostra "Aiuti dal cielo. Le missioni alleate in provincia di Alessandria 1944-1945", intervengono Carla Nespolo, Presidente dell’Isral e Antonio Monticelli, coordinatore del progetto La Memoria delle Alpi.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea della provincia di Alessandria - Alessandria


  • 3/2/2007, ore 17:00 - Tortona (AL)

    Inaugurazione della mostra "L’Istria, l’Italia, il mondo. Storia di un esodo : istriani, fiumani, dalmati in Piemonte"

    Inaugurazione della mostra "L’Istria, l’Italia, il mondo. Storia di un esodo : istriani, fiumani, dalmati in Piemonte.", ampliata con sezioni riguardanti i campi di Tortona e Novara, col patrocinio dell’Assessorato alla Cultura della Regione Piemonte: - 3 febbraio, ore 17,30 : Tortona, Teatro Civico, Sala giovani, via Mirabello. Interverranno: Francesco Marguati, Gianni Oliva, Enrico Miletto, Luciana Ziruolo - Coordina Ernesto Susigan

    Notizia di: Istituto piemontese per la storia della Resistenza e della società contemporanea - Torino


  • 2/2/2007, Grosseto, Cassero senese

    "Non mi avrete. Disegni da Mauthausen e Gusen. La testimonianza di Germano Facetti e Ludovico Belgiojoso"

    Il 2 febbraio si apre al Cassero senese di Grosseto la mostra "Non mi avrete. Disegni da Mauthausen e Gusen. La testimonianza di Germano Facetti e Ludovico Belgiojoso", a cura di Marzia Ratti e Luigi Piarulli. Inaugurata nel 2006 a La Spezia ed esposta successivamente a Genova, la mostra espone i disegni tratti dal taccuino di Germano Facetti, deportato politico nel campo di Mauthausen-Gusen. Durante quella terribile esperienza Facetti, che diventerà in seguito un grafico di fama internazionale, conobbe il grande architetto milanese Ludovico Belgiojoso e insieme, a rischio delle loro vite, scrissero e disegnarono su quel taccuino informazioni sul campo di Mathausen, utilizzando povere reliquie di carta e matite sottratte agli uffici. Il taccuino viene esposto in originale e mostrato attraverso pannelli singoli che uniscono alle riproduzioni dei disegni toccanti commenti tratti dai ricordi dei protagonisti e da altre fonti storiche e letterarie. La mostra potrà essere visitata ogni giorno fino al 14 febbraio con orario 9-12,30 e 17-20 dal lunedì al sabato e di domenica dalle 9 alle 12 e dalle 15 alle 18. L’Isgrec organizza su prenotazione visite guidate alla mostra.

    Notizia di: Istituto storico grossetano della Resistenza e dell'età contemporanea - Grosseto


  • 2/2/2007, Ciriè (TO)

    Mostra : L’Istria, l’Italia, il mondo. Storia di un esodo: istriani, fiumani, dalmati in Piemonte.

    Mostra : L’Istria, l’Italia, il mondo. Storia di un esodo : istriani, fiumani, dalmati in Piemonte. La mostra, progettata dall’Istoreto nel 2005 e curata da Enrico Miletto, sarà esposta : - dal 2 al 12 febbraio, presso l’Istituto Tecnico Industriale "Enrico Fermi", via San Giovanni Bosco 17, Cirié A cura dell’Istituto per la storia della storia della Resistenza e della società contemporanea nella provincia di Asti.

    Notizia di: Istituto piemontese per la storia della Resistenza e della società contemporanea - Torino


  • 1/2/2007, Reggio Calabria

    Questo è stato. Ci sono cose che si prova vergogna a raccontare

    All’Istituto Tecnico "A. Righi" verrà esposta una mostra fotografica e documentaria sui Lager nazisti in Europa dal titolo "Sterminio in Europa". La mostra rimarrà aperta alle visite degli studenti della città dall’1 al 7 febbraio.

    Notizia di: Istituto "Ugo Arcuri" per la storia dell'antifascismo e dell'Italia contemporanea in provincia di Reggio Calabria - Cittanova


  • 31/1/2007, ore 16:30 - Palazzo Giordani, Viale Martiri della Libertà

    Oltre il dolore. I disegni di Alberto Cavallari

    Inaugurazione della mostra dei disegni eseguiti da Alberto Cavallari, internato militare in Germania, durante la sua prigionia nei lager nazisti. La mostra rimarrà aperta fino al 16 febbraio (lunedì-venerdì, ore 9.00-13-00; lunedì e giovedì ore 9.00-13-00/15.00-17.30, sabato) e, previa prenotazione, sarà possibile organizzare visite guidate per le scuole. Interventi di Vincenzo Bernazzoli (Presidente Provincia di Parma), Elvio Ubaldi (Sindaco di Parma), Brunella Manotti (Isrec Parma), Alberto Cavallari

    Notizia di: Istituto storico della Resistenza e dell'età contemporanea di Parma - Parma


  • 28/1/2007, ore 11:00 - Bologna - Biblioteca dell’Archiginnasio

    Anne Frank una storia attuale

    Progetto Free2Choose - Fondazione Anne Frank - Centro "F.L.Ferrari" con il sostegno dell’Assemblea Legislativa dell’Emilia Romagna e la collaborazione didattica del Landis Arricchita dalla prima versione del 1997 da nuovo materiale fotografico, documentario e da pannelli sulla difesa dei diritti umani, il tema della mostra è la storia della Shoah raccontata attraverso un’angolazione essenzialmente biografica. Fotografie, immagini e citazioni del diario di Anne raccontano la condizione di una famiglia ebrea nel periodo nazista e forniscono dettagliate informazioni sul contesto storico.

    Notizia di: Laboratorio nazionale per la didattica della storia - Bologna


  • 27/1/2007, ore 18:00 - Macerata

    Giornata della Memoria 2007

    Lunedì 22 gennaio alle ore 18,00 presso la sala del Consiglio Provinciale inaugurazione della mostra "1938-1945 - La persecuzione degli ebrei in Italia" edita dal CDEC - Fondazione Centro di Documentazione Ebraica Contemporanea. La mostra sarà aperta per le visite guidate alle scuole e al pubblico dal 23 al 27 gennaio presso le sale espositive di piazza della Libertà. La mostra sarà replicata a Tolentino dal 30 gennaio al 3 febbraio presso la Biblioteca Filelfica e a San Severino Marche dal 6 al 10 febbraio presso le sale di palazzo Servanzi Confidati. Sabato 27 nell’Aula magna dell’ITC Gentili di Macerata Federico Albertini presenterà agli studenti il CD "I campi di internamento nella provincia di Macerata" prodotto dall’ISREC Mario Morbiducci di Macerata. Giovedì 25 gennaio a Macerata alle ore 10,30 presso le sale espositive in piazza della Libertà Claudio Gaetani svolgerà una lezione su "Cinema e Shoah". L’incontro sarà replicato per gli studenti a Tolentino giovedì 1 alla Biblioteca Filelfica ore 10,30 e a San Severino Giovedì 8/02 sala Sisto V, Palazzo Servanzi Confidati ore 10,30.

    Notizia di: Istituto storico della Resistenza e dell'età contemporanea di Macerata "Mario Morbiducci" - Macerata


  • 27/1/2007, Borgosesia (Vc), Istituto tecnico "Lirelli"

    "Oggi ricomincia la vita". Il ritorno dalla Germania degli ex internati militari vercellesi, biellesi e valsesiani

    Borgosesia, 27 gennaio - 10 febbraio 2007. Mostra realizzata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli", in collaborazione con il Comitato della Regione Piemonte per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione repubblicana e l’Archivio fotografico Luciano Giachetti - Fotocronisti Baita.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 26/1/2007, ore 21:00 - Nizza Monferrato, Palazzo Crova

    "Nel silenzio" - Mostra fotografica

    Il Comune di Nizza Monferrato (At) e l’Israt inaugurano la mostra fotografica "Nel silenzio", fotografie di Franco Rabino sulle tracce delle comunità ebraiche astigiane.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nella provincia di Asti - Asti


  • 26/1/2007, Santhià (Vc), Biblioteca civica

    "E da lì è incominciata la nostra odissea...". Luoghi e storie di deportazione vercellese, biellese e valsesiana

    Santhià, 26-31 gennaio 2007. Mostra realizzata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli", in collaborazione con il Comitato della Regione Piemonte per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione repubblicana ed esposta in collaborazione con la Città di Santhià. Visitabile negli orari di apertura della Biblioteca.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 25/1/2007, ore 14:00 - Narni, Scuola media statale "L. Valli"

    Giorno della memoria

    Organizzato dal Comune di Narni e l’Isuc proiezione del film "Train de vie" di Radu Mihaileanu. Inaugurazione della mostra fotografica "I disegni dei bambini di Terezìn" e proiezione di "Terezìn, la città che Hitler regalò agli ebrei" a cura di Michele Bongiorno.

    Notizia di: Istituto per la storia dell'Umbria contemporanea - Perugia


  • 25/1/2007, Grosseto

    "ITINERARI DEL NOVECENTO. MEMORIA DELLA SHOAH"

    L’anteprima nazionale del documentario di Rainews 24 sul campo di concentramento di Roccatederighi (25 gennaio), la mostra al Cassero con i disegni tratti dal taccuino di Germano Facetti, deportato politico a Mauthausen (dal 2 al 14 febbraio) e poi ancora gli incontri con gli studenti e la presentazione del libro sulle deportazioni degli ebrei in Toscana tra il 1943 e il 1945 curato dal professor Enzo Collotti: sono queste le iniziative per ricordare la Shoah organizzate dall’Istituto Storico Grossetano della Resistenza e dell’Età Contemporanea (Isgrec) in collaborazione con la Provincia di Grosseto e, per alcune di esse, anche con il Comune di Grosseto. Il calendario di eventi, che ha ottenuto anche il patrocinio della Comunità Ebraica di Livorno, raccoglie l’eredità di un percorso iniziato anche in provincia di Grosseto nel 2001, anno in cui, a seguito della legge 211 del 20 luglio 2000, fu per la prima volta celebrato ufficialmente il Giorno della memoria nell’anniversario della liberazione del campo di sterminio di Auschwitz (27 gennaio 1945). Da quel momento memoria pubblica, memoria privata e storia hanno interagito anche nel nostro territorio fino a sottrarre alla dimenticanza il vissuto di una realtà che conserva tracce forti degli eventi richiamati da quella data. Si è prodotto così un patrimonio di conoscenze in continua crescita e una memoria pienamente diffusa e condivisa, nella consapevolezza, come faceva notare Primo Levi, che "le cose che si dimenticano potrebbero tornare".

    Notizia di: Istituto storico grossetano della Resistenza e dell'età contemporanea - Grosseto


  • 25/1/2007, ore 17:30 - Bergamo, Pallazzo dell’Ex Ateneo - Città Alta

    Immagini dal silenzio. La prima mostra nazionale dei lager nazisti attraverso l’Italia 1955-1960

    Arriva a Bergamo la mostra che nel 2005 l’Istituto di Modena, in collaborazione con il Comune di Carpi e la Fondazione ex-campo Fossoli, ha allestito per raccontare la storia della "Mostra nazionale dei Lager Nazisti" presentata per la prima volta a Carpi nel 1955 e poi itinerante per l’Italia. Tra le varie città toccate, la mostra giunse anche a Bergamo nel 1960. Elisabetta Ruffini, curatrice assieme a Marzia Luppi dell’allestimento di Modena, ha per l’Isrec Bg documentato con nuovi pannelli il passaggio della mostra in città, iniziando così a tracciare le linee generali di un possibile percorso di costruzione della memoria della deportazione nel contesto cittadino bergamasco. La mostra verrà inaugurata il 25 gennaio alle ore 17:30 al Palazzo dell’Ex Ateneo in Città Alta e poi resterà aperta dal 26 gennaio all’11 febbraio, ogni giorno, dalle ore 16:00 alle ore 19:30. Sono previste visite guidate per le scuole (per ulteriori informazioni si veda il materiale allegato). L’iniziativa, sotto il patrocinio dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Bergamo, è dedicata dall’Istituto alla memoria di Primo Levi.

    Notizia di: Istituto bergamasco per la storia della Resistenza e dell'età contemporanea - Bergamo


  • 24/1/2007, Cossato (Bi), atrio del Teatro comunale

    "E da lì è incominciata la nostra odissea...". Luoghi e storie di deportazione vercellese, biellese e valsesiana

    Cossato, 24 gennaio - 4 febbraio 2007. Mostra realizzata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" in collaborazione con il Comitato della Regione Piemonte per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione repubblicana ed esposta in collaborazione con la Città di Cossato. Visitabile negli orari di apertura del Teatro comunale.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 23/1/2007, Casa Piani - via Emilia, 88 Imola

    60 testimonianze partigiane illustrate da 30 artisti italiani

    In mostra a Casa Piani dal 10 al 27 gennaio opere originali di: Lorenzo Mattotti, Roberto Catani, Lecis&Panzeri, Alessandro Gottardo, Vittoria Facchini, Guido Sacabottolo, Gianni De Conno, Angelo Ibba, Anna ed Elena Balbusso, Emanuela Orciari, Beatrice Alemagna, Davide Calì, Mara Cerri, Nicola Carrù, Francesco Fagnani, Chiara Carrer, Fabian Negrin, Vanna Vinci, Michele Petrucci, Sara Not, Enrico Macchiavello, Gabriella Giandelli, Lorenzo Lanzi, Eva Montanari, Spider (Daniele Melani), Andrea Chiesi, Octavia Monaco, GIPI (Gianni Pacinotti), Paolo D’Altan, Oreste Zevola. Orari di apertura: mar-sab 9,30-12; mar-ven 15-18.

    Notizia di: Cidra, Centro imolese documentazione Resistenza antifascista - Imola


  • 19/1/2007, Trino (Vc), Biblioteca civica

    "E da lì è incominciata la nostra odissea...". Luoghi e storie di deportazione vercellese, biellese e valsesiana

    Trino, 19-24 gennaio 2007. Mostra realizzata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" in collaborazione con il Comitato della Regione Piemonte per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione repubblicana ed esposta in collaborazione con il Comune e l’Anpi di Trino.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 19/1/2007, ore 8:30 - Assisi (Pg), Santa Maria degli Angeli, Scuola media "G. Alessi"

    Terezìn. Disegni e poesie del campo di sterminio

    Nei giorni 19-24 gennaio 2007 è allestita la mostra organizzata dall’Istituto comprensivo Assisi 2, in collaborazione con l’Aned e l’Isuc.

    Notizia di: Istituto per la storia dell'Umbria contemporanea - Perugia


  • 17/1/2007, ore 16:00 - Museo del Risorgimento e della Resistenza Corso Ercole I d’Este,19 – Ferrara

    Apertura della Mostra: Due corone per la vita di Massimiliano Kolbe

    Mercoledì 17 Gennaio ore 16.00 Museo del Risorgimento e della Resistenza Corso Ercole I d’Este,19 – Ferrara Apertura della Mostra Due corone per la vita di Massimiliano Kolbe A cura del Centro di Documentazione storica del Comune di Ferrara in collaborazione con Edizioni dell’Immacolata di Pontecchio Marconi (Bologna)

    Notizia di: Istituto di storia contemporanea - Ferrara


  • 10/1/2007, ore 9:00 - Varallo (Vc), sede dell’Isrsc Bi-Vc, via D’Adda, 6

    "Oggi ricomincia la vita". Il ritorno dalla Germania degli ex internati militari vercellesi, biellesi e valsesiani

    Varallo, 10-19 gennaio 2007 Mostra realizzata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" in collaborazione con il Comitato della Regione Piemonte per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione repubblicana e l’Archivio fotografico Luciano Giachetti - Fotocronisti Baita. Esposta con il patrocinio della Comunità montana "Valsesia". Orari: da lunedì a venerdì ore 9-13 e 15-18.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 11/12/2006, ore 10,00 - Cittanova

    100 anni da non dimenticare.Cittanova dal Risorgimento alla Repubblica

    Nell’ambito del progetto nazionale "Il presente i suoi passati - educazione alla cittadinanza" l’Istituto "Ugo Arcuri" ha realizzato una mostra documentaria e fotografica dal titolo "100 anni da non dimenticare. Cittanova dal Risorgimento alla Repubblica". La mostra sarà esposta in occasione della III settimana regionale delle biblioteche, dall’11 al 17 dicembre 2006 nei locali del centro culturale polivalente. All’inaugurazione di giorno 11 dicembre interverranno Rocco Lentini presidente Istituto "Ugo Arcuri", Nuccia Guerrisi responsabile attività didattiche Istituto "Ugo Arcuri", Federica Legato giornalista di "Calabria Ora" e Francesco Morano sindaco di Cittanova. La mostra aperta alla cittadinanza è rivolta principalmente a studenti e docenti che potranno visitarla in orario scolastico con l’ausilio di una guida. Durante la settimana sarà presentato anche il volume di liriche "Diario di un’anima" di Ninì Avenoso e si terrà un incontro dibattico in omaggio a Vincenzo Gerace.

    Notizia di: Istituto "Ugo Arcuri" per la storia dell'antifascismo e dell'Italia contemporanea in provincia di Reggio Calabria - Cittanova


  • 2/12/2006, Varallo (Vc), sede dell’Istituto, via D’Adda 6

    Anni50anni: il 1956

    Varallo, 2-15 dicembre 2006 Mostra esposta in collaborazione con l’Archivio fotografico Luciano Giachetti - Fotocronisti Baita (associazione costituita dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli", la Città di Vercelli e gli eredi Giachetti) e con il patrocinio della Comunità montana "Valsesia". Inaugurazione sabato 2 dicembre ore 17. Orari: da lunedì a venerdì ore 9-13 e 15-18.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 25/11/2006, ore 18:00 - Bologna, Istituto Parri, via S. Isaia, 20

    Fabio Frigieri e Donatella Lenzi

    Da sabato 25 novembre a domenica 3 dicembre, ore 16,00-19,00. L’Istituto Storico Parri Emilia-Romagna presenta due mostre personali di due artisti bolognesi, Fabio Frigieri e Donatella Lenzi. I dipinti esposti, concepiti tra il 2003 e il 2006, saranno presentati da Alfredo De Paz, che firma i saggi critici dei cataloghi delle mostre. In questa occcasione, l’Istituto conferma la scelta di mettere a disposizione di iniziative culturali di valore la bella sala dell’ex refettorio del complesso dell’ex convento di San Mattia che gli è stata affidata. In tale cornice, oltre a convegni e mostre a carattere prettamente storico, l’Istituto ritiene possibile e doveroso offrire occasioni di incontro con il mondo della cultura e con tutti gli aspetti della storia e della vita della società contemporanea, e tra questi le manifestazioni artistiche, anche se non sono il principale oggetto di studio dell’Istituto.

    Notizia di: Istituto storico Parri - Bologna


  • 14/11/2006, ore 18:00 - Torino

    PABLO LUIS ÁVILA. ESILIO E MEMORIE

    Nell’ambito delle iniziative per il 70° anniversario della Guerra Civile Spagnola, martedì 14 novembre 2006 alle ore 18, presso il Museo Diffuso della Resistenza, della Deportazione, della Guerra, dei Diritti e della Libertà - Palazzo dei Quartieri Militari, corso Valdocco 4/A, Torino Torino si tiene l’inaugurazione della personale di dipinti Pablo Luis Ávila. Esilio e memorie.

    Notizia di: Istituto piemontese per la storia della Resistenza e della società contemporanea - Torino


  • 11/11/2006, ore 17:00 - Varallo (Vc), sede dell’Istituto, via D’Adda, 6

    "Da vigilare e perquisire"

    Varallo, 11-24 novembre 2006: mostra "Da vigilare e perquisire". I "sovversivi" e gli antifascisti vercellesi, biellesi e valsesiani schedati nel Casellario politico centrale (1896-1945). In occasione dell’80o dell’emanazione delle leggi eccezionali fasciste, che istituirono il Tribunale speciale ed il confino di polizia. Organizzata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli “Cino Moscatelli” con il patrocinio della Comunità montana "Valsesia". Inaugurazione sabato 11 novembre ore 17. Orari: da lunedì a venerdì ore 9-13 e 15-18.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 3/11/2006, ore 09.30 - Milano, Museo di storia contemporanea, Via Sant’Andrea 6

    Il fotogiornalismo in Italia. Linee di tendenza e percorsi. 1945-2005

    Gli "scatti di cronaca", presentati in questa originale mostra offrono una carrellata attraverso più di mezzo secolo di storia mondiale, e hanno un potere evocativo che va oltre la loro funzione informativa e che riflette anche diversi modi di interpretare la realtà. La mostra è aperta al pubblico dal 3 novembre 2006 fino al 7 gennaio 2007, dalle 9.30 alle 13 e dalle 14 alle 19.30. Per gli insegnanti che desiderano organizzare visite didattiche, contattare museicentro.didattica@comune.milano.it.

    Notizia di: Istituto lombardo di storia contemporanea - Milano


  • 31/10/2006, Lodi, Archivio Storico Municipale

    Giovanni Haussmann. Uno scienziato al servizio della terra e dell’uomo

    in occasione del centenario della nascita di G. Haussmann (S. Pietroburgo 1906 - Lodi 1980)

    Notizia di: Istituto lodigiano per la storia della Resistenza e dell'età contemporanea - Lodi


  • 28/10/2006, ore 17:00 - Vercelli, Auditorium Santa Chiara, corso Libertà, 300

    Anni50anni: il 1956

    Vercelli, 28 ottobre - 5 novembre 2006. Mostra a cura di Laura Manione, realizzata dall’Archivio fotografico Luciano Giachetti - Fotocronisti Baita (associazione costituita dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli, la Città di Vercelli e gli eredi Giachetti), con la compartecipazione della Città di Vercelli. Inaugurazione sabato 28 ottobre 2006, ore 17. Orari: feriali ore 17-19; festivi ore 10-12 e 17-19. Lunedì chiuso. Al mattino aperto per le scuole su prenotazione.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 27/10/2006, ore 20:45 - Palamonti (Sezione CAI Bergamo) - Via Pizzo della Presolana, 15 Bergamo

    Prigionieri della libertà. Alpinisti a Campo Yol (1941-1945)

    In collaborazione con il Museo Diffuso della Resistenza della Deportazione della Guerra e delle Libertà del Comune di Torino e con il Club Alpino Italiano sezione di Bergamo, l’Isrec Bg promuove l’inaugurazione della mostra "Prigionieri della Libertà. Alpinisti a Campo Yol (1941-1945)" sulla straordinaria avventura dei soldati italiani prigionieri a Campo Yol (Himalaya) durante la seconda guerra mondiale. In occasione della apertura della mostra, dopo l’introduzione di Angelo Bendotti, direttore dell’Isrec Bg, seguirà la presentazione del libro "Cavalcata selvaggia" di Carlo Grande e la proiezione del filmato "Prigionieri della Libertà" di Fredo Valla. Porteranno i loro saluti Enrico Fusi, Assessore alla cultura del Comune di Bergamo e Paolo Valoti, Presidente della sezione di Bergamo del CAI.

    Notizia di: Istituto bergamasco per la storia della Resistenza e dell'età contemporanea - Bergamo


  • 16/10/2006, ore 16.30 - Milano, Museo di storia contemporanea, Via Sant’Andrea 6

    Il fotogiornalismo in Italia. Linee di tendenza e percorsi. 1945-2005

    Uliano Lucas, testimone protagonista del fotogiornalismo italiano, presenterà agli insegnanti il progetto espositivo della mostra, organizzata dalle Raccolte Storiche del Comune di Milano, che resterà aperta dal 3 novembre 2006 al 7 gennaio 2007. La visita ha una sezione didattica, guida e materiali sono gratuiti.

    Notizia di: Istituto lombardo di storia contemporanea - Milano


  • 14/10/2006, Roasio (Vc)

    1946, l’anno della Repubblica. Immagini dei Fotocronisti Baita

    Roasio (Vc), 14-21 ottobre 2006. Mostra realizzata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" in collaborazione con l’Archivio fotografico Luciano Giachetti - Fotocronisti Baita (associazione costituita dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli, la Città di Vercelli e gli eredi Giachetti), con la compartecipazione del Comitato della Regione Piemonte per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione repubblicana e dell’amministrazione comunale.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 1/10/2006, ore 11:00 - Carpi, Chiostro ex convento di San Rocco

    Il lavoro di Carpi. Uomini, sindacato e imprese nel Novecento

    Mostra fotografica sulla storia sociale del lavoro a Carpi nel corso del Novecento, in occasione del centenario della fondazione della Camera del lavoro di Carpi.

    Notizia di: Istituto storico della Resistenza e di storia contemporanea - Modena


  • 30/9/2006, ore 17:00 - Varallo (Vc), sede dell’Istituto, via D’Adda, 6

    Tutto nell’obbiettivo dei baitini. Immagini dei Fotocronisti Baita

    Varallo, 30 settembre - 13 ottobre, sede dell’Istituto: mostra Tutto nell’obbiettivo dei baitini. Immagini dei Fotocronisti Baita. Aprile-dicembre 1945. In collaborazione con l’Archivio fotografico Luciano Giachetti - Fotocronisti Baita e con il patrocinio della Comunità montana "Valsesia". Inaugurazione sabato 30 settembre ore 17. Orari: da lunedì a venerdì ore 9-13 e 15-18.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 29/9/2006, ore 10:00 - Napoli, Teatro “Il Piccolo” – Circolo Ferrovieri, Stazione Campi Flegrei

    63° Anniversario delle Quattro Giornate di Napoli

    A cura dell’I.C.S.R., dell’Assessorato alla Memoria e dell’ANPI: Mostra fotografica Napoli dalla guerra alla Liberazione, a cura dell’I.C.S.R. Proiezione del docu-film di A. Zappalà e S. Lambiase La nostra guerra. Napoli 1940-1943. Interventi di Abdon Alinovi, vicepresidente dell’Istituto Campano per la Storia della Resistenza Dolores Madaro, Assessore alla Memoria della Città Giuseppe Balsamo, presidente della Municipalità Fuorigrotta-Bagnoli Gennaro Di Paola, testimone Sergio Lambiase, consulente storico

    Notizia di: Istituto Campano per la Storia della Resistenza "Vera Lombardi" - Napoli


  • 24/6/2006, Vercelli, Auditorium Santa Chiara

    1946, l’anno della Repubblica. Immagini dei Fotocronisti Baita

    Vercelli, 24 giugno - 2 luglio 2006. Mostra realizzata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" in collaborazione con l’Archivio fotografico Luciano Giachetti - Fotocronisti Baita (associazione costituita dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli, la Città di Vercelli e gli eredi Giachetti), con la compartecipazione del Comitato della Regione Piemonte per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione repubblicana e della Città di Vercelli. Inaugurazione sabato 24 giugno, ore 17. Orari: feriali ore 17-19; festivi ore 10-12 e 17-19. Lunedì chiuso.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 13/6/2006, ore 17:00 - Massa Marittima (GR), Sala consiliare

    Inaugurazione della mostra sulla Resistenza a Massa Marittima (GR)

    Nel quadro delle commemorazioni del 62°anniversario dell’eccidio di Niccioleta, sarà inaugurata alle ore 17 nella Sala consiliare di Massa M.ma la mostra curata dall’ISGREC su Resistenza e Liberazione a Massa M.ma.Interverranno Lidia Bai (Sindaco di Massa M.Ma) e Luciana Rocchi (direttrice dell’ISGREC) Sarà presente il coro di Santa Barbara

    Notizia di: Istituto storico grossetano della Resistenza e dell'età contemporanea - Grosseto


  • 3/6/2006, Biella, Museo del Territorio

    La nascita della Repubblica

    Biella, 3-11 giugno 2006. Mostra di elaborati degli alunni delle scuole dell’infanzia, primaria e secondaria del Biellese, della Valsesia e della Valsessera prodotti nell’ambito del progetto didattico "Il referendum istituzionale del 2 giugno 1946" organizzato dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli". Orari: dalle 9 alle 19 (escluso lunedì)

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 1/6/2006, Varallo (Vc), sede dell’Istituto

    1946, l’anno della Repubblica. Immagini dei Fotocronisti Baita

    Varallo, 1-9 giugno 2006. Mostra realizzata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" in collaborazione con l’Archivio fotografico Luciano Giachetti - Fotocronisti Baita (associazione costituita dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli, la Città di Vercelli e gli eredi Giachetti) ), con la compartecipazione del Comitato della Regione Piemonte per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione repubblicana. Inaugurazione: giovedì 1 giugno, ore 17. Orari: feriali 9-13; 15-18; sabato e festivi: 15-18.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 27/5/2006, Biella, Museo del Territorio

    I biellesi sulla strada della Costituente

    27 maggio - 11 giugno 2006. Mostra realizzata dal Comitato provinciale per il 60° della Repubblica, con la partecipazione dell’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" e la collaborazione dell’Archivio fotografico Luciano Giachetti - Fotocronisti Baita. Orari: dalle ore 9 alle 19 (escluso lunedì).

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 25/5/2006, ore 16:30 - Napoli, Istituto Italiano per gli Studi Filosofici, Palazzo Serra di Cassano

    "1946 Nascita della Repubblica"

    Inaugurazione della mostra documentaria. A cura dell’Istituto Campano per la Storia della Resistenza. La mostra sarà aperta fino all’8 giugno.

    Notizia di: Istituto Campano per la Storia della Resistenza "Vera Lombardi" - Napoli


  • 20/5/2006, ore 16:00 - Varallo (Vc), sede dell’Istituto

    La nascita della Repubblica

    Varallo, 20-27 maggio 2006. Mostra di elaborati degli alunni delle scuole dell’infanzia, primaria e secondaria del Biellese, della Valsesia e della Valsessera prodotti nell’ambito del progetto didattico "Il referendum istituzionale del 2 giugno 1946" organizzato dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli". Inaugurazione: sabato 20 maggio alle 16. Orari: da lunedì a venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18; sabato e domenica dalle 15 alle 18.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 19/5/2006, ore 16:00 - Bologna, Istituto Parri, via S. Isaia, 20

    NO PASARAN - 70 anni fa scoppiava la guerra civile spagnola - mostra filatelica dalle collezioni di Egidio Errani

    L’Istituto Storico Parri Emilia-Romagna aprirà il 19 maggio alle ore 17 una mostra filatelica dedicata alla Guerra Civile spagnola. La mostra sarà inaugurata da Angelo Guglielmi, Assessore alla Cultura del Comune di Bologna. L’Istituto non poteva accettare che passasse sotto silenzio il 70° anniversario della sollevazione militare che ha dato luogo ad una guerra civile sanguinosissima, sulla quale si sono posati gli occhi e si sono mosse le emozioni di tutto il mondo. La mostra si svolge presso l’Istituto, con accesso da via Sant’Isaia 20, nella Sala ex refettorio del complesso conventuale di San Mattia dal 19 maggio al 15 giugno 2006. L’Istituto Parri ha già curato una importante mostra, con l’Ibc della Regione Emilia-Romagna, sulla Guerra Civile, "Immagini nemiche", sei anni fa. Oggi ci limitiamo ad una mostra meno impegnativa, ma non per questo meno importante. Si tratta, infatti, di una mostra filatelica, ricavata dalle collezioni di Egidio Errani, ex partigiano, uomo di cinema e di cultura, attento e severo raccoglitore e custode della memoria dell’antifascismo. Dalle sue straordinarie collezioni abbiamo selezionato una serie notevoledi materiali filatelici in grado di attraversare tutte le fasi storiche e numerosi aspetti della Guerra Civile. Certo, si può pensare che una mostra filatelica possa essere destinata quasi esclusivamente a specialisti. Tuttavia, la quantità e la qualità delle manifestazioni, anche artistiche - si pensi soltanto agli artisti coinvolti partecipi della vicenda bellica - è tale che il percorso espositivo non può che risultare di grande fascino, oltreché di interesse storico. Il giorno dell’inaugurazione, dalle ore 16 alle ore 20, la sede della mostra diverrà Ufficio postale, con un proprio specifico annullo evocativo da noi scelto.

    Notizia di: Istituto storico Parri - Bologna


  • 17/5/2006, ore 16:30 - Ancona, Sala Conferenze Rettorato, Piazza Roma

    Una vita per l’ideale. L’impegno politico e sociale di Oddo Marinelli nell’Ancona della prima metà del Novecento attraverso il suo archivio.

    Una vita per l’ideale. L’impegno politico e sociale di Oddo Marinelli nell’Ancona della prima metà del Novecento attraverso il suo archivio. Inaugurazione mercoledì 17 maggio 2006, ore 16.30. Ancona, Sala Conferenze Rettorato, Piazza Roma. Visita alla mostra documentaria illustrata dalla curatrice Paola Pizzichini. In collaborazione con l’Archivio di Stato di Ancona. Interventi di: Roberto Balzani, Pietro Rinaldo Fanesi, Giovanna Giubbini, Massimo Papini, Gustavo Raffi, Federico Valacchi, Luigi Londei

    Notizia di: Istituto regionale per la storia del movimento di liberazione nelle Marche - Ancona


  • 13/5/2006, Serravalle Sesia (Vc), Casa di riposo

    "Oggi ricomincia la vita". Il ritorno dalla Germania degli ex internati militari vercellesi, biellesi e valsesiani

    Serravalle Sesia, 13-22 maggio 2006. Mostra realizzata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli", in collaborazione con il Comitato della Regione Piemonte per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione repubblicana, l’Archivio fotografico Luciano Giachetti - Fotocronisti Baita (associazione costituita dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli, la Città di Vercelli e gli eredi Giachetti) e il Comune di Serravalle Sesia.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 27/4/2006, Novara

    Città in guerra, città liberate. Novara e Vercelli

    Novara, 28 aprile - 7 maggio 2006. Mostra realizzata dall’Istituto storico della Resistenza e della società contemporanea nel Novarese e nel Verbano-Cusio-Ossola, dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" in collaborazione con l’Archivio fotografico Luciano Giachetti - Fotocronisti Baita (associazione costituita dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli, la Città di Vercelli e gli eredi Giachetti), nell’ambito del progetto Interreg Italia-Svizzera III "La memoria delle Alpi - I sentieri della libertà".

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 25/4/2006, ore 11:30 - Canelli (At)

    "Con le armi senza le armi - Partigianato piemontese e società civile"

    Inaugurazione della mostra in collaborazione con l’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea di Asti ed il comune di Canelli (At).

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nella provincia di Asti - Asti


  • 22/4/2006, Varallo (Vc), sede dell’Istituto

    Con le armi senza le armi. Partigiani e resistenza civile in Piemonte (1943-1945)

    Varallo, 22 aprile - 5 maggio 2006. Realizzata dagli Istituti piemontesi per la storia della Resistenza e della società contemporanea e dalla Regione Piemonte, con la collaborazione dell’Unione regionale delle province piemontesi. Esposizione a cura dell’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli".

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 22/4/2006, Trino (Vc), Biblioteca civica

    Negli occhi la libertà. Partigiani e popolazione nelle immagini di "Lucien"

    Trino, 22 aprile - 1 maggio 2006. Mostra realizzata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" in collaborazione con il Comitato della Regione Piemonte per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione repubblicana, l’Archivio fotografico Luciano Giachetti - Fotocronisti Baita e il Comune di Trino

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 22/4/2006, ore 11.00 - Sala Cervi, Palazzo dei Pio, Carpi

    Donne protagoniste

    Inaugurazione della mostra ’Donne protagoniste. Cittadinanza e identità femminili a Carpi dal dopoguerra agli anni Sessanta’. La mostra, curata da Paola Borsari e Marzia Luppi, è promossa dal Comune di Carpi, dall’Archivio storico comunale e dall’Istituto storico di Modena.

    Notizia di: Istituto storico della Resistenza e di storia contemporanea - Modena


  • 22/4/2006, Feltre

    "Un mondo di fratelli. Giovanni Banchieri e la sua famiglia"

    Mostra organizzata in collaborazione con il Comune di Feltre e la famiglia Banchieri

    Notizia di: Istituto storico bellunese della Resistenza e dell'età contemporanea - Belluno


  • 21/4/2006, ore 10:00 - Napoli, ICSR

    Dalla Liberazione, la Libertà

    61° anniversario del 25 aprile 1945. Cerimonia di apertura delle mostre documentario-fotografiche: Vento da Sud, Gli anni della transizione 1943-1948, 1946: Nascita della Repubblica. Interventi di R. Jervolino, D. Di Palma, A. Bassolino, R. Porta. C. Modesti, F. De Negri, R. Videtta, A. Selvaggio.

    Notizia di: Istituto Campano per la Storia della Resistenza "Vera Lombardi" - Napoli


  • 21/4/2006, ore !19:0 - Macerata

    25 aprile - Per un paese unito e solidale

    Sala del Consiglio comunale, ore 17.00, incontro sul tema "Conflitti politici e memoria della resistenza negli anni ’70" con la partecipazione di Angelo Ventrone, Università di Macerata, Renato Pasqualetti, esponente dei movimenti degli anni ’70, William Gambetta, Centro studi per la stagione dei movimenti di Parma. Alle ore 19,00 inaugurazione della mostra "La resistenza contesa, memoria e rappresentazione dell’antifascismo nei manifesti politici degli anni settanta" presso la sede espositiva Galleria Antichi Forni. La mostra rimarrà aperta al pubblico sino a venerdì 28 aprile.

    Notizia di: Istituto storico della Resistenza e dell'età contemporanea di Macerata "Mario Morbiducci" - Macerata


  • 21/4/2006, ore 17:30 - Asti, Palazzo Alfieri

    "L’offesa della razza" - razzismo e antisemitismo dell’Italia fascista

    L’Istituto per la storia della resistenza e della società contemporanea in provincia di Asti, l’ Istituto per i beni artistici, culturali e naturali della Regione Emilia Romagna, la Soprintendenza per i beni librari e documentari e il Polo universitario Asti Studi Superiori, con il patrocinio del Comune di Asti, invitano tutti all’inaugurazione della mostra L’offesa della razza – Razzismo e antisemitismo nell’Italia fascista. La mostra, con ingresso gratuito, resterà aperta fino al 14 maggio con il seguente orario: dal lunedì al venerdì dalle ore 9,30 alle ore 13,30 e al pomeriggio dal lunedì al giovedì dalle ore 15,00 alle ore 18,00 (e, solo prenotazione, anche al sabato). Le visite scolastiche (tutte gratuite) devono essere prenotate ai seguenti numeri telefonici: 0141-590003 oppure 0141-354835.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nella provincia di Asti - Asti


  • 20/4/2006, Vercelli, atrio del Palazzo comunale

    Città in guerra, città liberate. Novara e Vercelli

    Vercelli, 20-27 aprile 2006. Mostra realizzata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" e dall’Istituto storico della Resistenza e della società contemporanea nel Novarese e nel Verbano-Cusio-Ossola in collaborazione con l’Archivio fotografico Luciano Giachetti - Fotocronisti Baita (associazione costituita dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli, la Città di Vercelli e gli eredi Giachetti) e la Città di Vercelli, nell’ambito del progetto Interreg Italia-Svizzera III "La memoria delle Alpi - I sentieri della libertà".

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 19/4/2006, ore 17:00 - Ancona, Sala Conferenze Rettorato, Piazza Roma

    Guerrieri in erba. La scuola fascista nella provincia di Ancona. Mostra documentaria.

    Inaugurazione Mercoledì 19 aprile 2006, ore 17 - Ancona, Sala Conferenze Rettorato. La Mostra, allestita ad Ancona-Sala Esposizioni Rettorato, Piazza Roma, resterà aperta dal 19 al 29 aprile 2006, tutti i giorni, con ingresso libero, ore 9-12 e 16-20. Iniziativa promossa dall’Istituto regionale per la storia del movimento di liberazione nelle Marche,in collaborazione con Provincia di Ancona-Assessorato Pubblica Istruzione, COmune di Ancona-Assessorato Pubblica Istruzione e Assessorato Cultura. Ideazione e allestimento: Sandro Censi, Carla Marcellini, Giancarlo Sonnino.

    Notizia di: Istituto regionale per la storia del movimento di liberazione nelle Marche - Ancona


  • 1/4/2006, Santhià (Vc), Biblioteca civica

    Fotocronache santhiatesi

    Santhià, 1-25 aprile 2006. Mostra realizzata dall’Archivio fotografico Luciano Giachetti - Fotocronisti Baita (associazione costituita dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli, la Città di Vercelli e gli eredi Giachetti) in collaborazione con la Città di Santhià. Inaugurazione: sabato 1 aprile ore 16.30. Orari: lunedì, mercoledì, giovedì e venerdì: 9-12.30 e 14.30-18; martedì: 9-18; sabato 9-12 e 15-18.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 31/3/2006, Bassano del Grappa

    Mostra sulla Resistenza nel Bassanese

    E’ aperta fino al 31 marzo prossimo la Mostra sulla Resistenza nel Bassanese, aperta in Viale dei Martiri a Bassano del Grappa. Gran parte dei documenti è dedicata alle tragiche vicende dell’Eccidio del Grappa.

    Notizia di: Istituto storico della Resistenza e dell'età contemporanea della provincia di Vicenza "Ettore Gallo" - Vicenza


  • 25/3/2006, Varallo (Vc), sede dell’Istituto

    Negli occhi la libertà. Partigiani e popolazione nelle immagini di "Lucien"

    Varallo, 25 marzo - 2 aprile 2006. Mostra realizzata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli", in collaborazione con il Comitato della Regione Piemonte per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione repubblicana, l’Archivio fotografico Luciano Giachetti - Fotocronisti Baita, la Comunità montana "Valsesia" e la Città di Varallo. Inaugurazione sabato 25 marzo ore 16. Orari: da lunedì a venerdì ore 9-13 e 15-18 sabato e domenica ore 10-12 e 16-18

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 24/3/2006, ore 16.00 - Milano

    "Libro = Libero", in mostra a Milano i libri dell’ANED dal dopoguerra ad oggi

    La sezione milanese dell’ANED e la Fondazione Memoria della Deportazione, in occasione del giorno della memoria 2006, hanno allestito nei locali della Fondazione in via Dogana, 3 - Milano (MM1 – MM3 Duomo) una mostra dal titolo “Libro = Libero“ La mostra non solo documenta la volontà di conservare la memoria della deportazione attraverso le testimonianze, ma anche la ricerca storica via via approfondita nel tempo. Questi materiali forniscono un percorso didattico prezioso per gli insegnanti che sono invitati ad intervenire. Il 24 marzo 2006 alle 16.00 la mostra sarà presentata agli insegnanti interessati e in tale occasione sarà presentato il libro di Elisabetta Ruffini, Un lapsus di Primo Levi. Il testimone e la ragazzina, Bergamo 2006. Il libro permette di cucire, con riferimento all’esperienza di Primo Levi, il rapporto tra la nascita della testimonianza e lo stimolo offerto dalle Mostre sulla deportazione. Interverranno, insieme all’autrice: Dario Venegoni, presidente ANED-Milano, Giovanna Massariello e Anna Steiner, curatrici della mostra Per informazioni, tel. 02.87383240, e mail: fondazionememoria@fastwebnet.it

    Notizia di: Istituto "Fondazione Memoria della deportazione archivio biblioteca Pina e Aldo Ravelli" - Milano


  • 10/2/2006, Milano

    UNA MOSTRA SU FASCISMO FOIBE ESODO È stata preparata dalla Fondazione Memoria della Deportazione di Milano

    Come noto il Parlamento italiano ha approvato l’istituzione per il 10 febbraio del “Giorno del ricordo in memoria delle vittime delle foibe e dell’esodo giuliano-dalmata e delle vicende del confine orientale”. In tale giorno, al fine di conservare e rinnovare la memoria di quelle tragedie, la legge sollecita “iniziative per diffondere la conoscenza dei tragici eventi presso i giovani delle singole scuole di ogni ordine e grado. E’ altresì favorita da parte di istituzioni ed enti, la realizzazione di studi, convegni, incontri e dibattiti”. L’INSMLI ha organizzato a Torino nel febbraio scorso un seminario di formazione rivolto a insegnanti e docenti comandati della rete dei diversi istituti nel quale sono stati dibattuti ad alto livello scientifico i temi che sono al centro della Giornata del ricordo. Anche partendo da questa elaborazione storico-scientifica la Fondazione Memoria della Deportazione di Milano ha preparato una mostra dal titolo FASCISMO FOIBE ESODO - LE TRAGEDIE DEL CONFINE ORIENTALE che si articola in 10 tavole. I titoli delle singole tavole sono: 1918-1922 DOPO LA VITTORIA ARRIVA IL FASCISMO; 1922-1940 PROIBITA ANCHE LA MESSA IN SLOVENO; 1941 L’AGGRESSIONE ALLA JUGOSLAVIA; 1943 L’OCCUPAZIONE TEDESCA; 1943-1945 L’EROICA RESISTENZA; 1943-1945 LA RISIERA DI SAN SABBA; 1945 L’ORRORE DELLE FOIBE; 1946-1950 L’ESODO DEI 250.000; 1946-1950 L’AMARA ACCOGLIENZA. Ogni tavola contiene un sintetico testo esplicativo e diverse illustrazioni. La mostra si può consultare (e scaricare in formato A4) sul sito www.deportati.it. Per questa mostra è stato chiesto il patrocinio al Consiglio Regionale della Lombardia. La Fondazione è in grado di fornire agli istituti che ne facciano tempestiva richiesta l’intera mostra in formato m. 1 x 0,70. Il costo della mostra è di € 300,00. Dal momento che la Fondazione Memoria della Deportazione è una ONLUS non ci è possibile emettere fattura, la mostra può essere pagata con sottoscrizione di una somma che si avvicini il più possibile ai 500 euro previsti. Le sottoscrizioni possono essere inviate alla Fondazione attraverso un vaglia postale o versandole nel nostro conto corrente n. 66871 ABI 05584 CAB 01600 presso la Banca Popolare di Milano Piazza Meda, 4 20121 Milano.

    Notizia di: Istituto "Fondazione Memoria della deportazione archivio biblioteca Pina e Aldo Ravelli" - Milano


  • 10/2/2006, ore 17.00 - Corridoio dei passi perduti, Palazzo Comunale, Piazza Grande Modena

    Inaugurazione di “Fascismo Foibe Esodo”

    Mostra a cura della Fondazione memoria della deportazione. Saluti di Giorgio Pighi, Sindaco di Modena Presentazione di Claudio Silingardi, Istituto storico di Modena Saranno presenti rappresentanti della comunità istriana modenese

    Notizia di: Istituto storico della Resistenza e di storia contemporanea - Modena


  • 10/2/2006, Torino

    Giorno del Ricordo 2006

    Attività e documenti in occasione delle celebrazioni del Giorno del Ricordo 2006

    Notizia di: Istituto piemontese per la storia della Resistenza e della società contemporanea - Torino


  • 4/2/2006, Santhià (Vc)

    "Oggi ricomincia la vita". Il ritorno dalla Germania degli ex internati militari vercellesi, biellesi e valsesiani

    Santhià, 4-11 febbraio 2006. Mostra realizzata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" in collaborazione con il Comitato della Regione Piemonte per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione repubblicana, l’Archivio fotografico Luciano Giachetti - Fotocronisti Baita (associazione costituita dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli, la Città di Vercelli e gli eredi Giachetti) e la Città di Santhià.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 29/1/2006, Sala Cervi di Palazzo Pio, Carpi

    Immagini dal silenzio. La prima mostra nazionale dei Lager nazisti attraverso l'Italia 1955-1960

    L’iniziativa vuole riproporre all’attenzione pubblica la vicenda particolare ed originale della Mostra nazionale dei Lager nazisti, realizzata in occasione della Manifestazione nazionale per la Celebrazione della Resistenza dei Campi di Concentramento (Fossoli-Carpi 8 e 9 dicembre 1955). Quell’evento conquistò un eco nazionale e grazie alla mostra si creò per l’Italia un serbatoio di immagini che non si esaurì con l’allestimento a Carpi. Da quella città, infatti, l’esposizione iniziò un lungo viaggio attraverso l’Italia e ad ogni tappa si arricchì di nuovi documenti, sollevando anche vivaci discussioni. Immagini dal silenzio non è solo una "mostra sulla mostra", ma intende ritornare su quegli anni, ponendo in evidenza il ruolo di agitatore di memoria assunto dalla Mostra nazionale dei Lager nazisti. A cinquant’anni dal suo primo allestimento, la sua rilettura permette di ripensare a come si è costruita nel nostro paese la memoria collettiva della deportazione e di riflettere a quanto sia importante la vigilanza di tutti affinché questa memoria non si riduca a semplice rito commemorativo. La mostra è stata inaugurata l'8 dicembre 2005 e rimane aperta fino al 29 gennaio 2006 nei giorni di venerdì, sabato, domenica e festivi, dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 18.

    Notizia di: Istituto storico della Resistenza e di storia contemporanea - Modena


  • 28/1/2006, Ferrara

    Inaugurazione Mostre e successivi appuntamenti cinematografici

    A cura dei Servizi di Documentazione Storica del Comune di (c.so Ercole I° D’Este 19) Ore 9.30 Inaugurazione della mostra di Gianni Carino OLTRE LA NOTTE. UNA STORIA D’AMORE NELLA TRAGEDIA DELLA DEPORTAZIONE TRA FOSSOLI, GRIES E MORINGEN A cura del Comune di Ferrara-Circoscrizione Zona Nord, Archivio di Stato di Ferrara, Fonazione Bruno Buozzi, Istituto di Storia Contemporanea Sala Nemesio Orsatti (Via del Risorgimento, 4 - Pontelagoscuro) Ore 16,30 Inaugurazione della mostra dedicata a Bruno Buozzi, sarà presente l’ On. GIORGIO BENVENUTO, Presidente della Fondazione Bruno Buozzi, A cura dell’Istituto di Storia Contemporanea IMMAGINI E STORIE DI UN’EUROPA IN OBLIO: IL CINEMA DI PÉTER FORGÁCS Sala Boldini (via Previati) Ore 16.00 THE BISHOP’S GARDEN (2002, 50’) ANGELO’S FILM (1999, 60’) EL PERRO NEGRO (2005, 84’)

    Notizia di: Istituto di storia contemporanea - Ferrara


  • 28/1/2006, ore 11.00 - Raccolte fotografiche modenesi, via Giardini 160, Modena

    Lionello Venturi, intellettuale antifascista

    Mostra storico-documentaria a cura delle Raccolte Fotografiche Modenesi Giuseppe Panini e dell'Istituto Storico di Modena ore 11.00 Inaugurazione alla presenza del Sindaco di Modena Giorgio Pighi a seguire Visita guidata con la partecipazione del curatore Giovanni Taurasi e di Antonello Venturi ore 12.00 Conferenza di Stefano Valeri Università “La Sapienza” di Roma “Lionello Venturi, antifascista 'pericoloso' durante l'esilio (1931-1945)

    Notizia di: Istituto storico della Resistenza e di storia contemporanea - Modena


  • 27/1/2006, Macerata

    27 gennaio 2006

    Dal 23 al 28 gennaio 2006 mostra per commemorare l'olocausto del popolo romanì agli "Antichi forni" "Tu taj me - Per vincere il pregudizio" allestita in collaborazione con l'Associazione culturale Thèm romanò. Visite guidate per le scuole. Sabato 28 gennaio ore 21,00 concerto aperto al pubblico dell'"Alexian group" con Santino Spinelli

    Notizia di: Istituto storico della Resistenza e dell'età contemporanea di Macerata "Mario Morbiducci" - Macerata


  • 27/1/2006, ore 09.30 - Scuola elementare Lanfranco, via Valli 40 Modena

    Gli internati militari nella seconda guerra mondiale. La provincia di Modena

    Inaugurazione della mostra fotografica realizzata dalle Raccolte Fotografiche Modenesi Giuseppe Panini e dall'Istituto Storico Modena. Guidano la visita: Paolo Battaglia, Raccolte Fotografiche Modenesi Giuseppe Panini; Claudio Silingardi, Istituto Storico; Presenzia Fabio Poggi, Presidente Circoscrizione 3

    Notizia di: Istituto storico della Resistenza e di storia contemporanea - Modena


  • 27/1/2006, Vercelli

    "Oggi ricomincia la vita". Il ritorno dalla Germania degli ex internati militari vercellesi, biellesi e valsesiani

    Vercelli, 27 gennaio - 4 febbraio 2006. Mostra realizzata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" in collaborazione con il Comitato della Regione Piemonte per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione repubblicana, l’Archivio fotografico Luciano Giachetti - Fotocronisti Baita (associazione costituita dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli, la Città di Vercelli e gli eredi Giachetti) e la Città di Vercelli.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 27/1/2006, Moncrivello (Vc)

    "E da lì è incominciata la nostra odissea...". Luoghi e storie di deportazione vercellese, biellese e valsesiana

    Moncrivello, 27-29 gennaio; 4-5 febbraio 2006. Mostra realizzata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" in collaborazione con il Comitato della Regione Piemonte per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione repubblicana e l’Amministrazione comunale.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 26/1/2006, ore 21.00 - Aosta

    I Dimenticati. Un'idea per ricordare

    Lettura dell'attrice Paola Roman di esperienze di categorie diverse - e spesso dimenticate - di deportati nei Lager nazisti. L'evocazione, mirata a coinvolgere i cittadini delle diverse generazioni, è accompagnata da una mostra di fotografie del Treno della Memoria del 2004 in Valle d'Aosta. Progetto di Silvia Berruto e Giovanna Capitanio. Iniziativa dell'Istituto storico della Resistenza e della Società contemporanea in Valle d'Aosta, Presidenza del Consiglio della Valle d'Aosta e Presidenza del Consiglio della Città di Aosta

    Notizia di: Istituto storico della Resistenza e della società contemporanea in Valle d'Aosta - Aosta


  • 26/1/2006, Città della Pieve (Pg)

    Immagini e parole per non dimenticare

    Mostra itinerante per le vie della città a cura degli studenti del Liceo scientifico di Città della Pieve.

    Notizia di: Istituto per la storia dell'Umbria contemporanea - Perugia


  • 23/1/2006, Campello sul Clitunno (Pg). Società operaia di mutuo soccorso.

    Voci da Terezin

    Dal 23 al 29 gennaio sarà allestita una mostra documentaria costituita da disegni, collages e poesie curata dall'Associazione nazionale ex deportati politici nei campi nazisti.

    Notizia di: Istituto per la storia dell'Umbria contemporanea - Perugia


  • 23/1/2006, Varallo (Vc)

    "E da lì è incominciata la nostra odissea...". Luoghi e storie di deportazione vercellese, biellese e valsesiana

    Varallo, 23 gennaio - 10 febbraio 2006: mostra realizzata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" in collaborazione con il Comitato della Regione Piemonte per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione repubblicana e con il patrocinio della Comunità montana "Valsesia".

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 21/1/2006, Cartiera Papale di Ascoli Piceno

    Dalle Ceneri di Sobibor

    "Dalle Ceneri di Sobibor" è la prima mostra che descrive in maniera completa la storia del campo di sterminio di Sobibor nel più ampio contesto dell’Olocausto. Lo scopo della mostra è presentare la Shoah partendo dalla descrizione del campo attraverso lo specifico percorso per far conoscere come, consapevolmente, i nazisti panificarono e attuarono la "soluzione finale". Le vicende vengono raccontate utilizzando diverse forme di narrazione: immagini, suoni, oggetti della vita quotidiana. La mostra è composta da 104 pannelli e da installazioni che ricostruiscono i luoghi e gli ambienti: caserma, piattaforma, barbieria...E’ multimediale e interattiva supportata da strumenti audiovisivi quali monitors e schermi, con proiezioni di filmati, ascolto di musiche d’archivio e visioni di materiali originali. Lo scenario proposto utilizza episodi tratti dal libro "From the Ashes of Sobibor", scritto da Thomas Blatt, ebreo polacco nato a Izbica e sopravvissuto alla tragedia del campo. Per realizzare la distruzione degli ebrei, i nazisti costruirono specifici luoghi della morte, tra i quali il campo di sterminio di Sobibor dove vennero uccisi oltre 250.000 esseri umani. Dopo la rivolta e la fuga dei prigionieri, i tedeschi decisero di nascondere le tracce dello sterminio radendo al suolo il campo e piantando una foresta sull’intera area. La Mostra foto-documentarria sarà esposta tutti giorni alla Cartiera Papale di Ascoli Piceno dal 21 gennaio al 9 febbraio 2006, dalle ore 9.30 alle ore 12.30 (per le scuole) e dalle ore 16.00 alle ore 19.30. La mostra prevede anche tre importanti incontri: sabato 21 gennaio per l’inaugurazione interverranno Mark Bem (Direttore Museo di Sobibor) e Joanna Szwajcowska (Istituto di Cultura Polacco di Roma); giovedì 26 gennaio "Letteratura e memoria della Shoah" con Antonio D’Isidoro (Università di Macerata), "Sorie di famiglie sotto il fascismo" con Mariella Cingoli e la proiezione del video di Sara Andreucci "E allora vincemmo la paura..."; giovedì 2 febbraio "Internamento e deportazione degli ebrei dalle marche" di Costantino Di Sante con l’intervento del dott. Colla, rappresentate delle Unione delle Comunità Ebraiche Italiane. Domenica 5 febbraio verrà proiettato il documentario di Mimmo Calopresti "Volevo solo vivere".

    Notizia di: Istituto provinciale per la storia del movimento di liberazione nelle Marche - Ascoli Piceno


  • 18/1/2006, Castiglione del Lago (Pg)

    Ebrei a Perugia.Una storia nascosta.

    La mostra documentaria, a cura degli studenti dell'ITAS "Giordano Bruno" di Perugia, su "Ebrei a Perugia.Una storia nascosta" sarà visitabile dal 18 al 29 gennaio 2006, presso la sala Conferenze -biblioteca comunale- Palazzo della Corgna, Piazza Gramsci, 1. L'appuntamento preparato in collaborazione con la Soprintendenza per i B.A.P.P.S.A.E.dell'Umbria e con l'ISUC,fa parte del calendario delle iniziative coordinato dall'Istituto per la storia dell'Umbria contemporanea su "il Giorno della memoria in Umbria".Orario 10.00/13.00 domenica inclusa. Informazioni tel. 075/5763026 075/5763028, e.mail marino@crumbria.it

    Notizia di: Istituto per la storia dell'Umbria contemporanea - Perugia


  • Perugia

    Chiaroscuri della liberazione. Volti di donne e bambini 1943-1948

    Perugia, dal 9 dicembre 2005 al 31 gennaio 2006, Uguccione Ranieri di Sorbello Foundation, Piazza Piccinino, 9 (Piazza Sorbello)

    Notizia di: Istituto Nazionale Ferruccio Parri. Rete degli istituti per la storia della Resistenza e dell’età contemporanea - Milano


  • 7/12/2005, Varallo (Vc)

    Anni50anni: il 1955

    Varallo, 7-18 dicembre 2005. Mostra realizzata dall’Archivio fotografico Luciano Giachetti - Fotocronisti Baita (associazione costituita dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli, la Città di Vercelli e gli eredi Giachetti). Con la partecipazione dell’Amministrazione comunale.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 5/11/2005, Vercelli

    Vercelli, V Circoscrizione: la memoria dei luoghi

    Vercelli, 5-19 novembre 2005. Mostra realizzata dall’Archivio fotografico Luciano Giachetti - Fotocronisti Baita (associazione costituita dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli, la Città di Vercelli e gli eredi Giachetti). In collaborazione con la V Circoscrizione e con la partecipazione dell’Amministrazione comunale.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 29/10/2005, Castelletto Cervo (Bi)

    La Resistenza in Baraggia nelle immagini di Luciano Giachetti

    Castelletto Cervo, 29 ottobre - 5 novembre 2005. Mostra realizzata dall’Archivio fotografico Luciano Giachetti - Fotocronisti Baita (associazione costituita dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli, la Città di Vercelli e gli eredi Giachetti). In collaborazione con l’Anpi Cossato - Vallestrona, il Comune e la Pro Loco di Castelletto Cervo.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 22/10/2005, Vercelli

    Tutto nell’obbiettivo dei baitini. Immagini dei Fotocronisti Baita. Aprile-dicembre 1945

    Vercelli, 22-30 ottobre 2005. Mostra realizzata dall’Archivio fotografico Luciano Giachetti - Fotocronisti Baita (associazione costituita dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli, la Città di Vercelli e gli eredi Giachetti). Con la partecipazione dell’Amministrazione comunale.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 2005, Vicenza

    Memoria resistente

    Rassegna in occasione del 60° anniversario della liberazione d’Europa. Vicenza e altre località, da giovedì 13.10.2005 a venerdì 16.12.2005.

    Notizia di: Istituto Nazionale Ferruccio Parri. Rete degli istituti per la storia della Resistenza e dell’età contemporanea - Milano


  • 28/9/2005, ore 17:00 - Società Napoletana di Storia Patria, Maschio Angioino, Napoli

    62° anniversario delle Quattro Giornate di Napoli

    Inaugurazione della mostra "Siamo liberati" di Carlo Levi. Interventi di R. Jervolino, P. Ballini, A. Giannola, G. D’Agostino. M. A. Picone.

    Notizia di: Istituto Campano per la Storia della Resistenza "Vera Lombardi" - Napoli


  • 8/9/2005, Vercelli

    Donne al Cervetto

    Vercelli, 8-13 settembre 2005. Mostra realizzata dall’Archivio fotografico Luciano Giachetti - Fotocronisti Baita (associazione costituita dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli, la Città di Vercelli e gli eredi Giachetti). In collaborazione con il Comitato rione Cervetto.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 2005, Aosta

    Hospice du Grand-Saint-Bernard

    Mostra "L'Hospice du Grand-Saint-Bernard, un refuge dans la tormente, 1939-1945", Aosta - mercoledì 15 giugno 2005, alle ore 15.30 sarà inaugurata nei locali del Museo dell'Ospizio del Gran San Bernardo, al Colle

    Notizia di: Istituto Nazionale Ferruccio Parri. Rete degli istituti per la storia della Resistenza e dell’età contemporanea - Milano


  • 11/6/2005, Loreto, Sede Palazzo Apostolico

    Il Secondo Corpo d’Armata polacco nelle Marche: 1944-46

    Il Secondo Corpo d’Armata polacco nelle Marche: 1944-46 Sedi espositive in Polonia: Varsavia, Museo storico della città (dal 24 febbraio al 8 marzo 2005) A Czestochowa, presso il Museo Civico (dal 2 aprile al 25 aprile 2005) A Cracovia, presso Palazzo Belle Arti (dal 28 aprile al 29 maggio 2005) Sedi espositive nelle Marche: A Loreto, presso Sede Palazzo Apostolico (dall’11 giugno al 3 luglio 2005) In altre sedi: Ascoli Piceno, Porto San Giorgio, Servigliano, Civitanova Marche, Tolentino, Osimo, Ancona, Senigallia, Montemaggiore sul Metauro, Urbino, Pesaro.

    Notizia di: Istituto regionale per la storia del movimento di liberazione nelle Marche - Ancona


  • 29/5/2005, Varallo (Vc)

    Memorie di guerra… per un futuro di pace

    Varallo, 29 maggio - 4 giugno 2005. Mostra realizzata con gli elaborati prodotti dagli alunni degli istituti partecipanti al laboratorio didattico "La seconda guerra mondiale" organizzato dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli".

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 7/5/2005, Mezzana Mortigliengo (Bi)

    Partigiani a colori

    Mezzana Mortigliengo, 7-22 maggio 2005. Immagini della Resistenza biellese ricavate da diapositive di Carlo Buratti. Iniziativa dell’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli", in collaborazione con l’Amministrazione comunale.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • Milano

    LA RESISTENZA IN EUROPA. LE RADICI DI UNA COSCIENZA COMUNE

    mostra esposta a Milano, al Museo di Storia Contemporanea in via Sant’Andrea 6. In occasione del 60° anniversario della Liberazione l’Istituto lombardo è tra gli enti che hanno collaborato con le Civiche Raccolte storiche e il settore Cultura e Musei del Comune di Milano alla realizzazione di questa iniziativa

    Notizia di: Istituto lombardo di storia contemporanea - Milano


  • 23/4/2005, Vercelli

    Negli occhi la libertà. Partigiani e popolazione nelle immagini di "Lucien"

    Vercelli, 23 aprile - 8 maggio 2005. Realizzata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" con l’Archivio fotografico Luciano Giachetti - Fotocronisti Baita (associazione costituita dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli, la Città di Vercelli e gli eredi Giachetti). Con la collaborazione del Comitato della Regione Piemonte per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione repubblicana e dell’Associazione nazionale partigiani d’Italia e con la compartecipazione dell’Amministrazione comunale.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 23/4/2005, Costanzana (Vc)

    Immagini della Resistenza di Luciano Giachetti

    Costanzana, 23-25 aprile 2005. Mostra di immagini della Resistenza di Luciano Giachetti, realizzata dall’Archivio fotografico Luciano Giachetti - Fotocronisti Baita (associazione costituita dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli, la Città di Vercelli e gli eredi Giachetti). In collaborazione con il Gruppo amici della fotografia e con il patrocinio dell’Amministrazione comunale.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 23/4/2005, Borgosesia (Vc)

    "E da lì è incominciata la nostra odissea...". Luoghi e storie di deportazione vercellese, biellese e valsesiana

    Borgosesia, 23 aprile - 1 maggio 2005. Mostra realizzata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" in collaborazione con il Comitato della Regione Piemonte per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione repubblicana e con l’Associazione nazionale partigiani d’Italia.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 23/4/2005, Pralungo (Bi)

    "E da lì è incominciata la nostra odissea...". Luoghi e storie di deportazione vercellese, biellese e valsesiana

    Pralungo, 23 aprile - 1 maggio 2005. Mostra realizzata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli" in collaborazione con il Comitato della Regione Piemonte per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione repubblicana e con l’Amministrazione comunale.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 23/4/2005, Gattinara (Vc)

    Disegni di libertà

    Gattinara, 23 aprile - 1 maggio 2005. Mostra di disegni di Alfredo Domenicone, realizzati durante la Resistenza in Valsesia. Iniziativa dell’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli", in collaborazione con l’Amministrazione comunale.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 23/4/2005, Gattinara (Vc)

    "...il filo spinato ti lacera anche la mente..."

    Gattinara, 23 aprile - 1 maggio 2005. Mostra di alcuni disegni realizzati dal pittore vercellese Renzo Roncarolo, ex internato nei lager tedeschi durante la seconda guerra mondiale. Iniziativa dell’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli", in collaborazione con l’Amministrazione comunale.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 23/4/2005, Saluggia (Vc)

    Partigiani a colori

    Saluggia, 23 aprile - 1 maggio 2005. Immagini della Resistenza biellese ricavate da diapositive di Carlo Buratti. Iniziativa dell’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli", in collaborazione con l’Amministrazione comunale.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 23/4/2005, Napoli, Istituto Italiano per gli Studi Filosofici, Palazzo Serra di Cassano

    25 aprile 2005

    Inaugurazione della mostra fotografica 2Immagini della Resistenza dimenticata. Belarus 1941-1944", in collaborazione con l’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici, l’Università degli Studi di Napoli "L’Orientale", il Consolato della Repubblica di Belarus a Napoli. Interventi di L. Mascilli Migliorini, G. D’Agostino, A. Fasulo.

    Notizia di: Istituto Campano per la Storia della Resistenza "Vera Lombardi" - Napoli


  • 22/4/2005, Aversa, L. S. "Enrico Fermi"

    25 aprile 2005

    Allestimento della mostra fotografica e documentaria sulle stragi naziste in Campania "Erba rossa"

    Notizia di: Istituto Campano per la Storia della Resistenza "Vera Lombardi" - Napoli


  • 22/4/2005, ore 18,30 - Ca’ Pesaro- Galleria internazionale di arte moderna, Venezia

    La partigiana veneta- Arte per la Resistenza

    Inaugurazione venerdì 22 aprile alle ore 18,30. La mostra è aperta al pubblico dal 23 aprile al 30 maggio 2005. Lunedì 25 aprile, sessantesimo anniversario della Liberazione, la mostra è eccezionalmente aperta con ingresso libero, grazie alla collaborazione di Venezia Musei.

    Notizia di: Istituto veneziano per la storia della Resistenza e della società contemporanea - Venezia


  • 17/4/2005, Mongrando (Bi)

    La Resistenza biellese nelle immagini di Luciano Giachetti

    Mongrando, 17-25 aprile 2005. Riproposizione della mostra fotografica sulla vita partigiana nella XII divisione Garibaldi e sulla liberazione di Vercelli realizzata da Luciano Giachetti nel 1974. Iniziativa organizzata dall’Archivio fotografico Luciano Giachetti - Fotocronisti Baita (associazione costituita dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli, la Città di Vercelli e gli eredi Giachetti). In collaborazione con l’Associazione culturale Federico Pistono.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 16/4/2005, Trino (Vc)

    Con le armi, senza le armi. Partigiani e Resistenza civile in Piemonte (1943-1945)

    Trino, 16-25 aprile 2005. Mostra realizzata in occasione del Cinquantesimo della Resistenza dagli Istituti piemontesi per la storia della Resistenza e della società contemporanea e dalla Regione Piemonte, con la collaborazione dell’Unione regionale delle province piemontesi. Esposizione a cura dell’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli", in collaborazione con l’Amministrazione comunale.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 8/4/2005, Burolo (To)

    Immagini della Resistenza di Luciano Giachetti

    Burolo, 8-13 aprile 2005: mostra di immagini della Resistenza di Luciano Giachetti, realizzata dall’Archivio fotografico Luciano Giachetti - Fotocronisti Baita (associazione costituita dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli, la Città di Vercelli e gli eredi Giachetti). In collaborazione con l’Amministrazione comunale.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 19/2/2005, Vercelli

    Anni50anni: il 1955

    Vercelli, 19-27 febbraio 2005. Mostra realizzata dall’Archivio fotografico Luciano Giachetti - Fotocronisti Baita (associazione costituita dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli, la Città di Vercelli e gli eredi Giachetti). Con la partecipazione dell’Amministrazione comunale.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 1/2/2005, Ivrea (To)

    Immagini della Resistenza di Luciano Giachetti

    Ivrea (To) e altre località del Canavese, febbraio - marzo 2005: esposizione in istituti scolastici di immagini della Resistenza realizzate da Luciano Giachetti. Mostra realizzata dall’Archivio fotografico Luciano Giachetti - Fotocronisti Baita (associazione costituita dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli, la Città di Vercelli e gli eredi Giachetti). In collaborazione con l’Anpi di Ivrea.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 27/1/2005, Biella

    "E da lì è incominciata la nostra odissea..." Luoghi e storie di deportazione vercellese, biellese e valsesiana

    Biella, 27 gennaio - 13 febbraio 2005. Mostra realizzata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli", in collaborazione con il Comitato della Regione Piemonte per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione repubblicana e la Città di Biella.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 27/1/2005, Coggiola (Bi)

    Immagini del Lager di Mauthausen

    Mostra di fotografie del campo di sterminio nazista che fu definito "uno dei peggiori e più insanguinati", realizzate dal fotografo Fulvio Borro, di Santhià. Esposizione organizzata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli".

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo


  • 22/1/2005, Vercelli

    "E da lì è incominciata la nostra odissea...". Luoghi e storie di deportazione vercellese, biellese e valsesiana

    Vercelli, 22-29 gennaio 2005. Mostra realizzata dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli", in collaborazione con il Comitato della Regione Piemonte per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione repubblicana e la Città di Vercelli.

    Notizia di: Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia - Varallo