Seleziona una pagina

Public history

L’istituto nazionale Ferruccio Parri è socio dell’Associazione italiana di Public History ed è attivo con pratiche e riflessioni sulla materia da ancora prima che venisse condificata la PH in Italia.
Di seguito si riportano i progetti più rilevanti sul tema dell’ultimo biennio.

Riconoscere il passato degli altri: un altro viaggio in Italia

Viaggio in Italia è il titolo del celebre Grand Tour compiuto da Goethe alla fine del Settecento.
Una suggestione che abbiamo raccolto per proporre al pubblico europeo un altro (e diverso) viaggio nella penisola, i cui protagonisti sono un giovane visitatore tedesco ed una sua coetanea italiana. Il primo, incuriosito dai luoghi legati alla Seconda guerra mondiale e alla Resistenza in Italia, si lascia guidare dalle spiegazioni e dalle osservazioni della seconda, instaurando con lei un dialogo volto a superare i reciproci pregiudizi.

Milano Libera

La mostra virtuale realizzata nel 2020 con il Comune di Milano e le altre associazioni di Casa della memoria (dove l’Istituto ha sede), quest’anno si arricchisce di una nuova sezione espositiva, che raccoglie le prime pagine di alcuni quotidiani nei giorni immediatamente successivi alla liberazione.
Accanto a schede storiche di periodici quali Avanti!, L’Italia libera, La Libertà, Il Nuovo corriere, Il Popolo e l’Unità, i visitatori avranno la possibilità di leggere gli articoli pubblicati dal 26 aprile al 9 maggio 1945 e di ascoltare alcuni di questi testi letti dall’attrice Antonella Morassutti.
Le copie originali dei giornali sono conservate presso l’emeroteca dell’Istituto nazionale Ferruccio Parri.

I luoghi del fascismo

Le nostre città e il nostro paese conservano molte tracce del passato fascista di questa nazione, sotto forma di edifici, monumenti, ma anche nomi di strade e di vie. In alcuni casi, quando simboli, monumenti e nomi di strade sono presenti nella nostra vita quotidiana senza essere oggetto di commemorazione o ricostruzione memoriale specifica; in altri sono invece oggetto di commemorazioni e cerimonie che portano segni politici diversi.
Per riflettere su questi fenomeni, l’Istituto nazionale Ferruccio Parri ha avviato un progetto per mappare e ricostruire la storia dei ‘luoghi della memoria’ locale e nazionale del fascismo storico (1919-1945). Obiettivo del progetto è individuare e analizzare i monumenti e le intitolazioni di strade e/o luoghi pubblici che rimandano a luoghi della memoria del fascismo, rimasti al loro posto dopo il 1945 o creati nel corso degli anni successivi, e anche di recente.

Milano45

Milano45 è un urban game storico creato nel 2019 insieme all’associazione PopHistory (https://www.reteparri.it/in_evidenza/milano45-urban-game-storico-3093/). Si tratta di un gioco a squadre, che ha consentito a studenti e cittadini di immedesimarsi coi partigiani milanesi di Giustizia e Libertà impegnati a trovare e liberare Parri, arrestato e recluso dai tedeschi.
L’aspetto ludico è supportato da una ricerca storica che ha permesso indubbiamente di contestualizzare meglio la vicenda, sfruttando le numerose zone grigie della storia pur attenendosi strettamente al dogma della verosimiglianza.
Dalla versione “live”, in periodo di pandemia sono state poi rielaborate due distinte versioni digitali: una revisione delle dinamiche di gioco ha permesso di realizzarlo da remoto tramite la piattaforma Zoom (il primo evento si è tenuto il 10 dicembre 2020: https://www.reteparri.it/eventi/milano45-on-line-6101/), mentre una parziale riscrittura della trama ha permesso di costruire un’avventura a scenario, tuttora disponibile on line (https://www.reteparri.it/milano45/).

Liberation Route Italy

L‘Istituto nazionale Ferruccio Parri aderisce all’associazione “Liberation Route Italia-LRI”, che rappresenta la sezione italiana dell’Associazione “Liberation Route Europe-LRE”.
Il principale obiettivo dell’associazione è creare ed espandere una rotta di commemorazione che colleghi le Regioni in cui si è svolta la Liberazione dell’Italia dall’occupazione nazista e dal regime fascista, nel periodo 1943-1945, con attenzione particolare sull’ultima fase della Seconda Guerra Mondiale.
L’Associazione si propone di promuovere il rispetto e la diffusione dei valori universali di pace, libertà e democrazia. L’associazione italiana è parte di un progetto internazionale dinamico, collettivo e ben avviato.

Il portale dell'Istituto Nazionale è realizzato grazie al contributo di
Il contenuto di questo portale è protetto da copyright dal protocollo Creative Commons Attribution 3.0 Italy License