Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.reteparri.it/home/wp-content/themes/Divi/functions.php on line 5837
Seleziona una pagina

La ricerca di un’altra sinistra. L’eredità di Rossana Rossanda nel primo anniversario della scomparsa

Foto tratta da http://www.istoresistenzatoscana.it/2021/06/30/la-ricerca-di-unaltra-sinistra-leredita-di-rossana-rossanda-nel-primo-anniversario-della-scomparsa/

20 settembre, 17,30
Fondazione Stensen
viale don Minzoni 25/C, 50129 Firenze

La ricerca di un’altra sinistra
L’eredità di Rossana Rossanda nel primo anniversario della scomparsa

Evento organizzato da Istituto Storico Toscano della Resistenza e dell’Età contemporanea e Fondazione Stensen.

Partecipazione gratuita ma è obbligatoria la prenotazione.

Per prenotare, registrati qui: La ricerca di un’altra sinistra. L’eredità di Rossana Rossanda. Biglietti, Lun, 20 set 2021 alle 17:30 | Eventbrite

Intervengono
Sandra Teroni, Rossana Rossanda. Il coraggio della libertà
Bruna Bocchini Camaiani, L’incontro con parte della realtà cattolica: Benedetto Calati e gli “Incontri e dialoghi” di Monte Giove
Riccardo Saccenti, Da un secolo all’altro e ritorno. Uno sguardo contemporaneo su Rossana Rossanda
Modera: Giuseppe Matulli

Abstract
Sandra Teroni rievocherà il percorso di Rossanda dal “Manifesto” all’incontro con il nuovo femminismo, dalla riflessione sulle derive della lotta armata all’impegno con le nuove formazioni della sinistra.
Riccardo Saccenti analizzerà, con uno sguardo rivolto a questo inizio di XXI secolo, la parabola intellettuale e politica di Rossanda Rossanda, segnata dallo sforzo di misurarsi con il peso della realtà e di cogliere di essa tutta la profondità in cerca di una nuova moralità.
Bruna Bocchini Camaiani si concentrerà sugli “Incontri e dialoghi” di Monte Giove, promossi, alla fine degli anni ’80, da padre Benedetto Calati, priore generale dei benedettini camaldolesi. Ne erano protagonisti Rossana Rossanda, Mario Tronti e Pietro Ingrao, oltre Adriana Zarri, da sempre molto legata a Calati. Questi incontri si distinguono da altri numerosi momenti di collaborazione politica tra comunisti e “cattolici del dissenso” per il carattere teorico-filosofico e biblico-spirituale che caratterizzava il modo di analizzare molti temi del dibattito contemporaneo.